Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da David Gordon e pubblicato su Mises Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Apple 1984
foto: scena dal film “1984”

 

The New Abnormal: The Rise of the Biomedical Security State
by Aaron Kheriaty
Regnery Publishing, 2022; xxv + 278 pp.

 

di David Gordon

 

Aaron Kheriaty è un medico che ha insegnato per molti anni alla University of California Irvine School of Medicine e ha diretto il programma di etica medica della scuola. Pur essendo molto apprezzato come professore, è diventato una “non-persona” quando ha contestato la politica di vaccinazione Covid obbligatoria dell’università ed è stato licenziato dal suo incarico: “Nel 2021 mi trovai tra i denti del regime di sicurezza biomedica che si stava dispiegando. . . . Ho sacrificato la mia carriera di medico accademico per sfidare la costituzionalità dei vaccini obbligatori”.

Esperto di etica medica, Kheriaty si è presto trovato a mettere in discussione la vaccinazione obbligatoria. Il vaccino non era stato adeguatamente testato e sono emerse rapidamente le prove che spesso aveva effetti collaterali gravi e talvolta fatali. L’obbligo non violava forse il Codice di Norimberga, istituito dopo la Seconda Guerra Mondiale, che vietava di somministrare procedure mediche potenzialmente pericolose a persone senza il loro libero consenso? In questo caso il consenso non era affatto libero, poiché chi rifiutava il vaccino avrebbe perso il lavoro o lo status di studente.

Kheriaty era particolarmente interessato all'”immunità naturale”, cioè al fenomeno per cui le persone che avevano contratto il Covid, come lui, acquisivano una minore suscettibilità agli effetti pericolosi di una nuova infezione. Anche se prove sostanziali indicavano che l’immunità naturale superava di gran lunga il vaccino in termini di effetti benefici, l’università di Kheriaty si è dimostrata sorda quando ha insistito su questo punto e lo ha presto sospeso. La vaccinazione doveva essere obbligatoria, senza alcuna esenzione per coloro che erano naturalmente immuni; quando Kheriaty si rifiutò, fu licenziato.

La sfortuna di Kheriaty lo ha portato a indagare sulle ipotesi di fondo di coloro che istigano alla vaccinazione obbligatoria, e i risultati della sua indagine hanno portato a una serie di punti di interesse filosofico, uno dei quali vorrei scrivere nella rubrica di questa settimana. Poiché alcune persone, nonostante le rassicurazioni dell’establishment medico, si sono rifiutate di sottoporsi al vaccino, si è rapidamente sviluppata l’idea di sottoporre gli studenti e i docenti a una sorveglianza continua, in modo da poter determinare il loro stato di vaccinazione e la loro conformità a tutti i regolamenti covidici e, se necessario, imporre sanzioni appropriate. Ben presto sono state avanzate proposte per estendere questa sorveglianza ad altre istituzioni sociali. Poiché ci trovavamo di fronte a una “emergenza medica”, dovevamo diventare soggetti a una burocrazia medica onnipotente. È su questa nozione di osservazione continua che, se mi permettete il gioco di parole, vorrei soffermarmi.

Come nota Kheriaty, il “panopticon” di Jeremy Bentham, una macchina composta da celle che potevano essere sempre monitorate, è all’origine di questo metodo di sorveglianza e controllo sociale:

Bentham sosteneva che il panopticon fosse “un nuovo principio di costruzione applicabile a qualsiasi tipo di stabilimento, in cui persone di qualsiasi tipo devono essere tenute sotto controllo”. Oltre che nelle carceri, ne suggerì l’uso nelle stazioni di quarantena, negli ospizi, nelle industrie, nelle fabbriche, negli ospedali, nelle case di lavoro e, ahimè, nelle scuole. Il principio di trasparenza radicale del panopticon prometteva di razionalizzare la disciplina di popolazioni altrimenti indisciplinate. . . . Attraverso la costante paura della punizione, i prigionieri avrebbero imparato a sorvegliare se stessi. George Orwell ha colto questo aspetto nel suo romanzo distopico, 1984, con la descrizione degli onnipresenti schermi televisivi del Grande Fratello con telecamere incorporate, sempre accese e sempre osservate.

Kheriaty aggiunge a Bentham l’intuizione che la sorveglianza universale non diventa prerogativa solo dell’osservatore che siede al centro del panopticon:

Con l’avvento delle tecnologie di sorveglianza di massa, oggi viviamo in una sorta di panopticon digitale mondiale, dove ogni cittadino è contemporaneamente guardia e prigioniero. Nelle società totalitarie non si teme solo la censura del governante, ma si teme chiunque altro, perché ogni vicino è un potenziale informatore. Oggi ogni potenziale informatore è armato di una fotocamera per smartphone in tasca. . . . Ricordiamo come gli amministratori universitari incoraggiassero gli studenti a fungere da informatori durante il Covid per imporre la stretta osservanza delle minuzie dei loro protocolli di Covid.

A questo punto potreste obiettare: “Questo è uno sviluppo spaventoso e Kheriaty merita un grande plauso per averlo portato alla nostra attenzione e per i suoi sforzi per combatterlo; ma perché è di interesse filosofico?”. La risposta sta in un’altra estensione dell’argomentazione di Bentham che Kheriaty fa. Fortemente influenzato da C.S. Lewis e dal filosofo italiano Augusto del Noce, egli suggerisce che i nostri nuovi padroni biomedici desiderano sostituire gli esseri umani biologici con sostituti meccanici, nella misura in cui possono farlo. Le persone reali disturbano l’ideale di perfetta regolarità che i devoti al controllo tecnologico desiderano raggiungere.

Ritiene che L’abolizione dell’uomo di Lewis “sia una delle opere più importanti e preveggenti del XX secolo”. Cita Lewis: “La natura umana sarà l’ultima parte della natura ad arrendersi all’uomo. La battaglia sarà allora vinta. Saremo… d’ora in poi liberi di fare della nostra specie ciò che desideriamo”.

Del Noce, che probabilmente non sarà familiare alla maggior parte dei miei lettori come Lewis, era un filosofo cattolico del XX secolo di grande cultura e saggezza. Secondo lui, la società tecnologica moderna è dominata dall’idea che la ragione sia puramente strumentale. La conoscenza si limita alle scienze fisiche e i valori trascendenti non trovano posto. “La ragione umana, secondo questa visione, non è in grado di cogliere idee che vadano al di là dei fatti empirici bruti; siamo incapaci di scoprire verità trascendenti. La ragione è solo uno strumento pragmatico, uno strumento utile per raggiungere i nostri scopi, ma niente di più”. Quindi, se, come Kheriaty, obiettate che le vaccinazioni forzate e la sorveglianza universale violano la dignità umana, le vostre obiezioni non riceveranno risposta. Vi verrà piuttosto detto che siete incoerenti con la “scienza”.

Questa analisi è corretta? Per poterla valutare correttamente, avremmo bisogno di saperne di più sui valori trascendenti a cui Kheriaty si appella; ma mi sembra suggestiva e perspicace. (Mi aspetto che un commentatore frequente dei miei articoli mi dica che non ha fondato il suo appello ai valori sulla filosofia di “Colei che deve essere obbedita”). Il ponderoso libro di Kheriaty merita la nostra attenzione e il suo messaggio riporta alla mente alcune parole familiari della Regina Mab di Percy Shelley: “L’obbedienza / rovina ogni genio, virtù, libertà, verità / rende schiavi gli uomini e la struttura umana / un automa meccanizzato”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments