Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Walter Sanchez Silva e pubblicato su Catholoic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

ostensorio Solennità del SS. Corpo e Sangue di Cristo Eucarestia

 

L’arcivescovo di Londrina, in Brasile, Geremias Steinmetz, ha dato la comunione a uno sceicco musulmano durante la messa funebre del cardinale Geraldo Majella Agnelo, morto pochi giorni fa all’età di 89 anni. L’incidente ha suscitato polemiche tra i cattolici e il prelato ha pubblicato sul sito web dell’arcidiocesi una spiegazione dell’accaduto.

Alcune persone sui social media si sono chieste come l’arcivescovo abbia potuto dare la comunione a uno sceicco musulmano e hanno criticato il prelato.

 

I fatti

La Messa funebre è stata celebrata il 28 agosto nella cattedrale di Londrina e l’arcivescovo ha dato l’Eucaristia allo sceicco Ahmad Saleh Mahairi della moschea Rei Faiçal. In seguito alla polemica, Steinmetz ha rivolto al leader islamico “le ripercussioni generate dalla Comunione da me amministrata”.

In una spiegazione pubblicata il 30 agosto, l’arcivescovo brasiliano ha detto che lo sceicco conosceva il cardinale Agnelo dagli anni ’80 “come un amico, rattristato dal funerale di un altro amico”. Lo sceicco è un uomo noto in vari ambiti della società e mantiene un rapporto di rispetto con la Chiesa cattolica”.

“Era anche amico di un altro arcivescovo di Londrina, il defunto Albano Cavallin, con il quale aveva uno stretto rapporto. Come amico, ha partecipato alla celebrazione eucaristica e, entrando nella fila della Comunione, ha ricevuto il corpo di Cristo”, ha spiegato Steinmetz.

Le immagini della trasmissione della Santa Messa mostrano lo sceicco Mahairi che riceve l’Eucaristia dalle mie mani, ma non lo mostrano mentre la consuma”. Date le ripercussioni di queste immagini, ho chiesto al vicario generale dell’arcidiocesi di Londrina, padre Rafael Solano, di parlare con lo sceicco per chiarire la situazione”, ha proseguito l’arcivescovo.

Steinmetz ha poi precisato che lo sceicco “si è profondamente rammaricato per l’accaduto, poiché il suo desiderio era di non mancare di rispetto alla Chiesa cattolica” e ha detto al vicario che dopo aver ricevuto Gesù “è andato al suo banco, si è seduto e ha consumato l’Eucaristia”. Secondo lui, l’arcivescovo Albano gli aveva spiegato molti anni fa che l’Eucaristia è il corpo di Gesù, considerato un profeta per l’Islam”, come si legge nel documento del Vaticano II “Nostra Aetate” (latino: “Nel nostro tempo”) sul rapporto della Chiesa con le religioni non cristiane.

 

L’arcivescovo cita un documento di Papa Francesco

Dopo questa spiegazione, il presule ha considerato questi punti ormai “chiariti” e ha citato alcuni passaggi del documento “Desiderio Desideravi”, che Papa Francesco ha pubblicato nel 2022 e che tratta della formazione liturgica del popolo di Dio.

L’arcivescovo di Londrina ha citato il n. 6 del testo, in cui il Santo Padre afferma: “Ma ogni volta che andiamo a Messa, la prima ragione è che siamo attirati lì dal suo desiderio per noi. Da parte nostra, la risposta possibile – che è anche l’ascesi più impegnativa – è, come sempre, l’abbandono a questo amore, il lasciarci trascinare da lui”.

Più avanti, Steinmetz ha fatto riferimento al n. 65, che conclude il documento del Papa e afferma: “Abbandoniamo le polemiche per ascoltare insieme ciò che lo Spirito dice alla Chiesa. Salvaguardiamo la nostra comunione. Continuiamo a stupirci della bellezza della liturgia. Il mistero pasquale ci è stato donato. Lasciamoci abbracciare dal desiderio che il Signore continua ad avere di mangiare la sua Pasqua con noi. Tutto questo sotto lo sguardo di Maria, Madre della Chiesa”.

 

Chi può ricevere la Comunione?

Il canone 844 del Codice di Diritto Canonico, la norma che regola la Chiesa universale, stabilisce che “i ministri cattolici amministrano lecitamente i sacramenti ai soli fedeli cattolici”.

Il n. 1355 del Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che: “Nella comunione, preceduta dalla preghiera del Signore e dalla frazione del pane, i fedeli ricevono “il pane del cielo” e “il calice della salvezza”, il corpo e il sangue di Cristo che si è offerto “per la vita del mondo””. (Gv 6,51).

Il testo cita poi San Giustino Martire: “Noi chiamiamo questo cibo Eucaristia, e nessuno può prendervi parte se non crede che ciò che insegniamo è vero, se non ha ricevuto il battesimo per il perdono dei peccati e la nuova nascita, e se non vive in accordo con ciò che Cristo ha insegnato”.

di Walter Sanchez Silva per CNA

Staff di ACI Prensa, 5 settembre 2023 / 17:19 (CNA).

 

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta da ACI Prensa, partner della CNA per le notizie in lingua spagnola. È stato tradotto e adattato dalla CNA.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments