“So che molti di voi… hanno trovato il modo di celebrare la Messa per la loro gente, anche clandestinamente”, ha detto l’arcivescovo Cordileone. “Vi sono grato per questo e sono orgoglioso di voi per averlo fatto”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ashley Sadler e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Arciv. Salvatore Cordileone - (gettyimages-171854963)
Arciv. Salvatore Cordileone – (gettyimages-171854963)

 

L’arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone ha espresso venerdì la sua gratitudine e il suo apprezzamento per i sacerdoti che hanno trovato modi creativi per aggirare gli ordini di lockdown del COVID-19 al fine di celebrare la Messa e distribuire la Santa Eucaristia ai cattolici durante l’apice della risposta alla pandemia.

Cordileone, che ha pubblicamente e vigorosamente contrastato la chiusura dall’alto delle chiese COVID nel 2020 come una violazione del diritto di culto, ha fatto queste osservazioni durante la cerimonia di ordinazione sacerdotale del 26 maggio presso la North American Martyrs Church di Lincoln, Nebraska. Durante la cerimonia, tre diaconi del Seminario di Nostra Signora di Guadalupe, un seminario della Fraternità Sacerdotale di San Pietro (FSSP) di Denton, Nebraska, sono stati ordinati al sacerdozio.

La FSSP è una comunità sacerdotale dedita alla Messa latina tradizionale e ai sacramenti.

Nei suoi commenti, l’arcivescovo Cordileone ha osservato che “è l’Eucaristia che ci unisce nella comunione dell’amore e della grazia di Dio, che ci permette di portare avanti la missione di Nostro Signore, che Egli ha affidato alla Sua Chiesa”.

“Senza l’Eucaristia non siamo nulla”, ha detto. “Di conseguenza, senza il sacerdozio, non siamo nulla”.

“Ora abbiamo felicemente alle spalle la pandemia del COVID”, ha proseguito. “Ma è ancora fresca nella mente della nostra gente la tristezza che tanti di loro hanno provato per essere stati privati dell’Eucaristia”.

Osservando ironicamente che la lotta per “liberare la Messa” a San Francisco in mezzo alle draconiane norme di lockdown per la COVID della California “richiederebbe una lezione di due ore a parte”, Cordileone ha salutato i sacerdoti della FSSP che si sono opposti ai mandati.

“So che molti di voi, che siete sacerdoti della Fraternità Sacerdotale, hanno trovato il modo di celebrare la Messa per la vostra gente, anche clandestinamente”, ha detto. “Vi sono grato per questo e sono orgoglioso di voi per averlo fatto”.

“Ma comune a tutti noi è la potente lezione che la pandemia ha insegnato su cosa sia la vita senza l’Eucaristia”, ha aggiunto Cordileone.

Ha detto che la separazione del popolo dalla Messa e dall’Eucaristia durante la COVID potrebbe essere vista come un parallelo più blando con le sofferenze del sacerdote missionario cattolico polacco-americano Walter Ciszek, che fu imprigionato sotto il regime comunista in Unione Sovietica. Cordileone ha detto che Ciszek ha gioito quando è stato trasferito in un campo di lavoro in Siberia, perché lì poteva di nuovo celebrare la Messa.

Cordileone si è ripetutamente guadagnato la stima e il sostegno dei fedeli cattolici per le sue dichiarazioni e azioni ortodosse in materia di fede e morale.

L’anno scorso, l’arcivescovo di San Francisco ha emanato una direttiva pastorale che impediva pubblicamente all’allora presidente democratico della Camera Nancy Pelosi, cattolica autoproclamata e tuttavia strenua sostenitrice dell’aborto legale, di ricevere la Santa Comunione.

Si è anche unito al vescovo Joseph Strickland di Tyler, in Texas, nell’esortare il Congresso a non approvare la legge radicale che codifica il “matrimonio” omosessuale nella legge federale.

Durante una conferenza sulla “guerra spirituale” tenutasi all’inizio dell’anno, Cordileone ha definito l’aborto una parte del “culto satanico” e ha sostenuto che la spinta a cancellare le differenze tra uomo e donna attraverso l’ideologia transgender è “demoniaca”.

“Quindi, vedete, questo è cancellare l’immagine di Dio dalla faccia della Terra. Quindi, non è una sorta di retorica o di esagerazione poetica chiamarlo demoniaco; lo è letteralmente”, ha detto. “Quindi dobbiamo impegnarci. Dobbiamo impegnarci anche in altri modi: nell’attivismo politico e nell’educazione… Tutto questo, ma soprattutto attraverso le nostre braccia spirituali”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments