Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Megan Redshaw  e pubblicato sul The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’intervista nella mia traduzione.

 

Pfizer vaccino covid
Pfizer vaccino covid

 

I ricercatori mettono in discussione i dati dei primi esperimenti di Pfizer sul suo vaccino COVID-19 originale, dopo che un’analisi forense ha rivelato problemi significativi.

 

Un gruppo di ricercatori sta mettendo in discussione i primi dati della sperimentazione di Pfizer e BioNTech sul vaccino COVID-19 originale, dopo che un’analisi forense ha rivelato significative incongruenze tra i dati contenuti nel rapporto intermedio di sei mesi delle aziende e le pubblicazioni redatte dagli amministratori del sito di sperimentazione di Pfizer/BioNTech.

Il preprint, pubblicato il 4 settembre, ha mostrato che i soggetti dello studio vaccinati con il vaccino COVID-19 di Pfizer hanno registrato un aumento di 3,7 volte dei decessi per cause cardiovascolari rispetto ai controlli con placebo, un “segnale significativo di eventi avversi” non divulgato da Pfizer quando il vaccino è stato autorizzato per l’uso in emergenza. Inoltre, l’analisi ha rilevato numerosi casi in cui Pfizer/BioNTech ha attribuito i potenziali decessi associati al vaccino ad altre cause, compromettendo i dati sulla sicurezza del vaccino.

 

La “causa di morte” della sperimentazione clinica non è supportata dalla documentazione

I ricercatori del DailyClout Pfizer/BioNTech Documents Investigations Team hanno valutato i dati dello studio clinico originale di fase due/tre di Pfizer che coinvolgeva 44.060 soggetti equamente divisi in due gruppi. Un gruppo ha ricevuto una dose del vaccino COVID-19 di Pfizer, mentre l’altro ha ricevuto un placebo. Nell’ambito della loro analisi, i ricercatori hanno esaminato le schede di causa di morte (CRF) di 38 soggetti dello studio che sono deceduti durante il periodo di studio dal 27 luglio 2020 al 13 marzo 2021, data di conclusione dello studio clinico.

Hanno scoperto che 14 dei 38 decessi – più di un terzo dei decessi – erano dovuti a eventi cardiovascolari, il che spiega la differenza tra i 21 decessi nel braccio di vaccinazione rispetto ai 17 decessi nel braccio placebo. In molti casi, i ricercatori hanno riscontrato che la documentazione non supportava la diagnosi della causa di morte o permetteva di escludere la possibilità di un evento cardiovascolare con un’autopsia.

“In generale, la nostra revisione delle CRF le ha trovate carenti di dettagli ed estremamente difficili da interpretare e sviluppare una buona cronologia degli eventi”, hanno scritto i ricercatori. “Spesso, la storia clinica pre-processuale di un soggetto era assente. Mancavano anche i risultati dell’ampia gamma di esami medici effettuati durante lo screening pre-processuale e in altre visite regolarmente programmate”.

I risultati degli esami assenti comprendevano l’emocromo completo, i test metabolici, i test di gravidanza, il test COVID-19, un elenco completo dei farmaci attivi e altri esami che avrebbero fornito chiarimenti sullo stato di salute generale del soggetto. Sebbene esistano dati clinici più dettagliati sui soggetti dello studio, i ricercatori hanno dichiarato che non sono stati resi noti. Dati i limiti di quanto fornito da Pfizer, i ricercatori hanno affermato che le informazioni contenute nelle CRF erano spesso insufficienti a supportare le conclusioni dello sperimentatore riguardo alla causa del decesso.

I ricercatori hanno anche rilevato frequenti comunicazioni tra i medici di Pfizer/BioNTech e il personale medico del sito di sperimentazione in merito alle CRF, alcune delle quali superavano le 400-900 pagine.

 

Pfizer ha utilizzato un termine di scadenza dei dati iniziali e un gruppo di controllo non cieco

Secondo l’analisi, Pfizer ha escluso i 38 decessi dalle informazioni fornite alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense durante la riunione del dicembre 2020 in cui il suo comitato consultivo sui vaccini stava valutando se autorizzare il vaccino Pfizer/BioNTech per l’uso in emergenza.

Quando il 20 novembre 2020 Pfizer/BioNTech ha presentato alla FDA la domanda di autorizzazione all’uso d’emergenza (EUA), la domanda descriveva i risultati della sperimentazione clinica utilizzando una data limite del 14 novembre 2020, anche se la data di conclusione della sperimentazione era il 13 marzo 2021. I ricercatori hanno affermato che la data di scadenza anticipata nascondeva i dati sulla mortalità dello studio clinico.

“Sia i presentatori di Pfizer che il comitato dell’FDA non hanno chiesto ed esaminato i decessi avvenuti nei partecipanti allo studio clinico dopo la data di chiusura dei dati. Di conseguenza, non hanno notato un rischio di morte cardiovascolare più che triplicato con il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech”, ha dichiarato il cardiologo Peter McCullough a The Epoch Times in una e-mail.

“Se la presentazione dell’FDA con le diapositive principali fosse stata presentata con dati accurati e aggiornati, il vaccino COVID-19 della Pfizer non avrebbe dovuto essere approvato a causa dei problemi di sicurezza”, ha aggiunto.

Dopo venti settimane di sperimentazione clinica, l’11 dicembre 2020, il vaccino COVID-19 di Pfizer ha ricevuto l’EUA dall’FDA, che ha permesso a Pfizer di sbloccare il gruppo di controllo. Lo sblocco avviene quando ai partecipanti allo studio viene detto se hanno ricevuto un vaccino o un placebo, e ai soggetti placebo viene permesso di vaccinarsi. Tutti i soggetti, tranne alcuni, hanno scelto di ricevere il vaccino.
Tutti i soggetti hanno continuato a essere seguiti per 24 mesi e i decessi sono stati segnalati a Pfizer/BioNTech. Pfizer ha definito il periodo dall’11 dicembre 2020 al 24 gennaio 2021 come “periodo di follow-up in aperto”, senza fornire spiegazioni, e il periodo dal 25 gennaio 2021 alla data di conclusione dello studio, il 13 marzo 2021, come data di scadenza per il rapporto intermedio di sei mesi. Secondo l’analisi, questo ha reso più facile nascondere i decessi potenzialmente legati al vaccino.

Un confronto del numero di decessi durante il periodo di studio di 33 settimane non ha riscontrato differenze significative tra i decessi nei gruppi vaccinati e quelli del placebo per le prime 20 settimane. Dopo la 20a settimana, quando i partecipanti al gruppo placebo sono stati sbloccati dal cieco e vaccinati, i decessi nella restante coorte non vaccinata di questo gruppo sono rallentati e poi si sono stabilizzati, mentre i decessi nei soggetti vaccinati sono continuati allo stesso ritmo. Secondo l’analisi, queste incongruenze non sono state spiegate da Pfizer/BioNTech né segnalate alla FDA.

 

Casi di morte del gruppo placebo vaccinato usati per oscurare i dati dello studio

I documenti ottenuti attraverso il Freedom of Information Act (FOIA) mostrano che 462 soggetti (pdf) del gruppo placebo hanno ricevuto una dose del vaccino COVID-19 di Moderna, mentre i decessi riportati sono stati attribuiti al gruppo di controllo non vaccinato; l’analisi ha identificato numerosi casi in cui Pfizer/BioNTech ha sminuito i potenziali decessi correlati al vaccino o ha utilizzato termini complessi per oscurare i dati dello studio.
Ad esempio, un uomo di 65 anni con una storia clinica di fibrosi polmonare e ipertensione era nel braccio placebo dello studio. Ha ricevuto le dosi 1 e 2 del placebo rispettivamente il 30 settembre 2020 e il 21 ottobre 2020. Dopo che Pfizer/BioNTech ha sbloccato dal cieco lo studio, ha ricevuto la prima dose del vaccino COVID-19 di Moderna il 23 dicembre 2020. Cinque giorni dopo, il 31 dicembre 2021, ha manifestato i sintomi della COVID-19 ed è stato ricoverato in ospedale.

Durante il ricovero è diventato ipossico ed è stato intubato. I tentativi di curare il paziente sono falliti ed è morto l’11 gennaio 2021. Il rapporto intermedio di sei mesi di Pfizer elenca il soggetto come “soggetto discontinuo” e classifica il decesso come un decesso da placebo con COVID-19 come causa secondaria di morte. Secondo i ricercatori, il soggetto avrebbe dovuto essere sospeso completamente dallo studio clinico perché aveva ricevuto un “vaccino COVID-19 non in studio”.

Un altro soggetto dello studio, un uomo di 53 anni con una storia di broncopneumopatia cronica ostruttiva e “infarto miocardico da stress”, è morto improvvisamente per “arresto cardiopolmonare” meno di due mesi dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino COVID-19 di Pfizer. Secondo l’analisi, il monitor medico del sito di sperimentazione ha indicato la causa del decesso come “arresto cardiopolmonare correlato a infarto miocardico”. Giorni dopo, Pfizer/BioNTech ha comunicato al sito di sperimentazione che non era possibile inserire più cause di morte nella CRF e ha chiesto di cancellare la dicitura “correlato a infarto del miocardio”.

Quando il medico di controllo non ha voluto modificare la formulazione della voce, Pfizer/BioNTech ha scavalcato il sito di sperimentazione e ha modificato la causa di morte in “arresto cardiopolmonare”, omettendo l'”infarto del miocardio” come causa secondaria di morte. Pfizer/BioNTech non ha spiegato perché una diagnosi specifica di un evento avverso grave sia stata successivamente modificata in qualcosa di non definito.

Un altro soggetto vaccinato è morto tre giorni dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer. Il medico legale ha attribuito il decesso alla progressione della malattia aterosclerotica e Pfizer ha indicato la causa del decesso nella sua relazione intermedia di sei mesi come “aterosclerosi”.

Tuttavia, l’aterosclerosi non era documentata nella CRF del soggetto come comorbidità del paziente, né la CRF del soggetto includeva la parte di pre-screening delle comorbidità che avrebbe mostrato se il soggetto aveva una storia di aterosclerosi. Inoltre, un’autopsia avrebbe confermato se il soggetto fosse morto per aterosclerosi, ma i risultati dell’autopsia non erano disponibili. Il decesso del soggetto è stato attribuito a una malattia di base, ma i ricercatori affermano che “non c’è alcuna base per attribuire il decesso del soggetto all’aterosclerosi avanzata o per concludere che il decesso non sia correlato al vaccino” quando il soggetto è morto “entro un giorno o due” dalla vaccinazione.

Un altro soggetto è morto 76 giorni dopo aver ricevuto la prima dose di placebo. La causa primaria del decesso è stata inizialmente indicata come diabete mellito, sulla base dell’anamnesi del soggetto. Tuttavia, la diagnosi è stata rivista più volte, nonostante la “presenza di livelli molto elevati di glucosio nel sangue”, finché la polmonite da COVID-19 è stata indicata come causa secondaria di morte. Inoltre, il soggetto era positivo all’HIV con un carico di RNA HIV superiore al limite accettabile per l’inclusione nello studio.

“L’FDA dovrebbe esaminare immediatamente questi dati, oltre a quelli sulla sicurezza e ai manoscritti di revisione paritaria sulle lesioni, le disabilità e i decessi causati dai vaccini, e procedere rapidamente al ritiro dal mercato di tutti i vaccini COVID-19”, ha dichiarato il dottor McCullough.

 

FDA e Pfizer hanno tentato di nascondere gli esiti sanitari dei partecipanti alla sperimentazione: Ricercatori del Preprint

Quando Pfizer/BioNTech ha depositato la sua EUA nel novembre 2020, l’FDA non ha reso disponibile sul suo sito web la domanda contenente i dati clinici per la valutazione da parte del pubblico o della comunità medica fino all’11 dicembre 2020. Sebbene il 10 dicembre 2020 sia stato pubblicato un articolo sul New England Journal of Medicine che divulgava i risultati intermedi dello studio, esso era stato firmato dagli amministratori del sito di sperimentazione che erano “intimamente consapevoli dei risultati dello studio”, hanno dichiarato i ricercatori.

L’anno successivo, nel settembre 2021, dopo che il vaccino Pfizer/BioNTech aveva ricevuto l’EUA, gli stessi amministratori del sito di sperimentazione hanno pubblicato un altro studio sul New England Journal of Medicine sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino COVID-19 di Pfizer dopo sei mesi.

Con la “conoscenza e l’approvazione” della FDA, i ricercatori del preprint hanno dichiarato che Pfizer e la FDA non avevano intenzione di divulgare i dati dello studio clinico che hanno costituito la base dell’EUA per il vaccino Pfizer/BioNTech per 75 anni, compresi gli esiti sanitari dei 44.060 soggetti che hanno partecipato allo studio originale. Solo quando il Public Health and Medical Professionals for Transparency ha intentato una causa FOIA per ottenere i dati dello studio clinico originale coinvolto nella concessione della licenza del vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech, i dati sono stati resi disponibili e i problemi dello studio clinico iniziale sono stati rivelati.

Il rilascio dei dati al sito Public Health and Medical Professionals for Transparency è iniziato all’inizio del giugno 2022 e si prevedeva che ci sarebbero voluti otto mesi per completarlo. I tempi sono stati molto più lunghi del previsto e i documenti continuano a essere scaricati.

“Se non fosse stato per il successo della causa intentata da Public Health and Medical Professionals for Transparency, nessuno al di fuori delle società Pfizer e BioNTech avrebbe avuto la possibilità di indagare sui dati originali generati da questo studio clinico e nessuna delle discrepanze qui riportate sarebbe stata rivelata”, hanno aggiunto.

I ricercatori hanno affermato che la loro analisi fornisce la prova che la decisione di autorizzare il vaccino COVID-19 della Pfizer come mezzo sicuro ed efficace per controllare la pandemia non è stata una “decisione informata basata su una valutazione imparziale, approfondita e trasparente delle prove”.

Nonostante i primi segnali di allarme e altri eventi avversi segnalati nella fase successiva alla commercializzazione dei vaccini a base di mRNA, il vaccino Pfizer non è stato ritirato dal mercato ed è stato approvato per i bambini più piccoli. I ricercatori hanno dichiarato di sperare che la loro analisi informi i medici e gli altri operatori sanitari sui pericoli dei vaccini a mRNA, in modo che possano consigliare meglio i loro pazienti sui rischi personali rispetto ai benefici della vaccinazione. “Questo restituirebbe le decisioni in materia di assistenza sanitaria ai singoli individui e ai loro fornitori di servizi medici, come è giusto che sia”.

The Epoch Times ha contattato sia Pfizer che la FDA per un commento, ma non ha ancora ricevuto risposta.

Megan Redshaw

 

Megan Redshaw è avvocato e giornalista investigativa con una formazione in scienze politiche. È anche naturopata tradizionale con ulteriori certificazioni in nutrizione e scienze dell’esercizio.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments