Intervista di Charles Collins di Crux a Sam Brownback, massimo funzionario di Trump per la libertà religiosa, sulla persecuzione del regime Cinese nei confronti di ogni fede religiosa. Per questo, Brownback invita il Vaticano a non fidarsi dei cinesi nel rinnovare l’accordo segreto siglato nel 2018 in scadenza il prossimo settembre. 

Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Sam Brownback, rappresentante USA per la libertà religiosa nel mondo

Sam Brownback, rappresentante USA per la libertà religiosa nel mondo

 

I funzionari vaticani dovrebbero pensarci due volte prima di trattare con il governo cinese, secondo il massimo funzionario di Trump per la libertà religiosa.

Sam Brownback, l’ambasciatore statunitense per la libertà internazionale, ha fatto i suoi commenti dopo che è stato rivelato che gli hacker cinesi, appoggiati dallo Stato, avevano preso di mira le entità cattoliche vaticane e di Hong Kong prima dei colloqui sul rinnovo dell’accordo del 2018 sulla nomina dei vescovi nel Paese comunista (l’accordo scade a settembre, ndr).  

“Spero davvero che il Vaticano guardi questo e capisca con che cosa hanno a che fare”, ha detto mercoledì Brownback a Crux.

“Se fossi un funzionario del Vaticano e vedessi con chi ho a che fare, e come mi tratteranno, la cosa mi spingerebbe ad una grande pausa per pensare a come posso fidarmi e come posso lavorare con questi altri individui che mi stanno spiando”, ha detto.

L’ex governatore del Kansas, che è stato scelto nel 2017 dal presidente Donald Trump per assumere il ruolo di [responsabile] per la libertà religiosa, all’inizio di questo mese è stato sanzionato dal governo cinese per le sue critiche esplicite alle violazioni dei diritti umani nel Paese. Anche ai senatori Marco Rubio e Ted Cruz, insieme al deputato Chris Smith, è stato vietato di visitare la Cina.

“Ho ottenuto questa sanzione perché stavo dichiarando e sottolineando la guerra di fede che il Partito comunista cinese sta facendo, la considero un distintivo d’onore. La prenderò”, ha detto.

Brownback, che si è convertito al cattolicesimo nel 2002, ha detto che il fatto che ci siano “tante persecuzioni religiose di ogni tipo in corso in Cina” dovrebbe essere di particolare interesse per il Vaticano.

“Spero davvero che i funzionari del Vaticano guardino a questo e dicano che non è un gruppo di cui ci si possa fidare per negoziare e lavorare con noi, per il modo in cui stanno operando oggi”, ha detto.

Nel corso dell’intervista, Brownback ha spesso ribadito che le sue critiche erano rivolte ai governanti cinesi, e non al popolo cinese.

“Mia figlia viene dalla Cina. Io amo il popolo cinese, ma il Partito comunista è in guerra con la fede, e il comunismo lo è stato fin dall’inizio, quindi non è una novità per il comunismo”, ha spiegato.

La persecuzione religiosa in Cina è stata oggetto di crescente attenzione negli ultimi mesi, dopo che diverse relazioni hanno evidenziato il trattamento riservato alla popolazione uigura musulmana cinese, situata nella provincia occidentale dello Xinjiang.

Si stima che più di un milione di uiguri siano detenuti nei campi di internamento, dove gli ex detenuti dicono che si è costretti a rinunciare alla propria religione e alla propria cultura e a giurare fedeltà al Partito comunista. Inoltre, il governo cinese è stato accusato di aver attuato un regime draconiano di controllo delle nascite sulla popolazione uigura, incoraggiando al contempo la maggioranza dei cinesi Han ad emigrare nella regione.

La Commissione statunitense sulla libertà religiosa internazionale – un’agenzia indipendente separata dall’ufficio diretto da Brownback – ha chiesto un’indagine dell’ONU e del Dipartimento di Stato, affermando che la campagna di controllo delle nascite del governo cinese “potrebbe soddisfare i criteri legali per il genocidio”.

Brownback non avrebbe usato il la parola “genocidio”, facendo notare che è una definizione legale riservata al Segretario di Stato, ma ha insistito che il governo degli Stati Uniti prendesse una serie di “atti molto aggressivi, e noi continuiamo a spingere aggressivamente per i diritti umani e la libertà religiosa in Cina e continueremo a farlo”.

Ha osservato che l’amministrazione Trump ha emesso sanzioni nei confronti di Chen Quanguo, il presidente del partito dello Xinjiang che in precedenza si occupava del Tibet, nonché delle aziende che esportano prodotti realizzati con il lavoro forzato nella regione.

“Il governo degli Stati Uniti ha intrapreso l’azione più aggressiva rispetto a quella di qualsiasi altra nazione al mondo per respingere queste violazioni dei diritti umani che vengono fuori dallo Xinjiang e vorrei anche dire alla gente che non si fermerà allo Xinjiang. Il Partito comunista cinese spingerà queste politiche e questi sistemi in tutto il mondo”, ha detto l’ambasciatore.

Brownback ha osservato che non è solo la popolazione musulmana uigura ad essere presa di mira: anche i cristiani, i buddisti e il Falun Gong subiscono abusi sotto il regime comunista.

“E’ un attacco su larga scala a tutte le fedi”, ha detto.

Ha anche osservato che una nuova legge sulla sicurezza imposta a Hong Kong – che ha mantenuto le sue libertà civili dopo il trasferimento dal Regno Unito nel 1997 – costituisce una minaccia alla libertà religiosa.

“Avevano una società solida e libera, ma si può vedere che il restringimento e i tentacoli del Partito comunista stanno cominciando ad entrare (in Hong Kong, ndr)”, ha detto Brownback a Crux, aggiungendo che la Cina ha firmato un accordo internazionale giuridicamente vincolante con il Regno Unito che impone l’intesa “un paese, due sistemi”.

“Il governo cinese – il Partito Comunista – sta violando direttamente questo accordo”, ha detto.

Brownback ha aggiunto che la Cina sta seguendo il manuale che usò l’Unione Sovietica durante la guerra fredda.

“Questo è un governo che cerca il dominio, e che deve farlo sul proprio popolo, e anche oltreoceano e all’estero”, ha detto.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1