Il continente africano si sta opponendo ai controversi emendamenti al Regolamento Sanitario Internazionale (OMS) in materia di gestione delle pandemie. Meno male. Ce ne parla Shabnam Palesa Mohamed nel suo articolo. Intanto l’Italia non ha fatto ancora sentire la sua voce. 

 

OMS

 

Riprendersi il potere

Intanto l’India scopre irregolarità nella revisione finanziaria dell’OMS

In una rara dimostrazione di forza e solidarietà africana, diversi Stati membri africani si sono opposti alle proposte di modifica del Regolamento Sanitario Internazionale, discusse questa settimana all’Assemblea Mondiale della Sanità – una mossa che secondo molti potrebbe scuotere il dominio dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Una fonte ben posizionata ha condiviso: “La risoluzione sugli emendamenti al Regolamento Sanitario Internazionale (RSI) non è stata approvata dall’Assemblea mondiale della sanità, perché i Paesi africani erano preoccupati che la consultazione tra gli Stati membri fosse inadeguata e che il processo fosse affrettato”. Il Botswana ha letto la dichiarazione a nome dei 47 membri dell’AFRO e io ero personalmente presente”.

Secondo la Reuters, “se l’Africa continuerà a negare il proprio sostegno, potrebbe bloccare una delle uniche riforme concrete che ci si aspetta dalla riunione, riducendo le speranze che i membri si uniscano sulle riforme per rafforzare le regole dell’agenzia sanitaria dell’ONU mentre cerca di ottenere un ruolo centrale nella politica sanitaria globale”.

L’IHR cerca di definire e dettagliare gli obblighi dei membri dell’OMS in materia di emergenze sanitarie e altre questioni sanitarie. Il governo degli Stati Uniti ha proposto 13 emendamenti controversi al RSI, che conferiscono al direttore generale dell’OMS Tedros il potere unilaterale di dichiarare emergenze sanitarie reali o potenziali e di aspettarsi una risposta entro 48 ore.

La bozza di proposta, ancora da decidere formalmente, mira anche a modificare l’articolo 59 del RSI e accelererebbe l’attuazione dei futuri emendamenti.

Si tenga presente che alcuni Paesi, in occasione dell’AMS, hanno presentato bozze di risoluzione al RSI che, almeno secondo il processo dell’OMS, necessitano di quattro mesi per essere prese in considerazione. Si tratta di Australia, Bosnia-Erzegovina, Colombia, Unione Europea e i suoi Stati membri, Giappone, Monaco, Repubblica di Corea, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord e Stati Uniti d’America.

La delegazione africana della #WHA75 ha espresso riserve su questi emendamenti al RSI, affermando che tutte le riforme dovrebbero essere affrontate insieme come parte di un “pacchetto olistico” in una fase successiva.
“La regione africana condivide l’opinione che il processo non debba essere accelerato…”, ha dichiarato martedì Moses Keetile, vice segretario permanente del ministero della Sanità del Botswana, a nome della regione africana.

“Riteniamo che si stia procedendo troppo velocemente e che questo tipo di riforme non possa essere portato avanti in modo frettoloso”, ha dichiarato un preoccupato delegato africano a Ginevra. La missione statunitense a Ginevra non ha risposto a una richiesta di commento della Reuters.

 

EMERGE IL BRIMI: BRASILE, RUSSIA, IRAN, MALESIA E INDIA
Il Brasile e la Russia fanno parte dell’iniziativa BRICS con Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica. Anche l’Iran e la Malesia avrebbero espresso riserve sulle proposte di modifica del RSI, mentre la Russia e il Brasile sembrano destinati a fare grandi passi avanti nelle politiche sanitarie internazionali, o forse addirittura a uscire dall’OMS. Nel frattempo, l’India ha sollevato dubbi sulle irregolarità delle finanze dell’OMS.

Un osservatore dell’Assemblea Mondiale della Sanità della società civile ha condiviso: “Solo per il vostro interesse, l’audit esterno fatto dal team indiano, che ieri durante il comitato finanziario ha dichiarato di sentirsi molto deluso dal fatto che il suo audit sia stato ignorato dall’OMS”.

[…]

TEMPI, DUPLICAZIONI E SPRECO DI RISORSE FINANZIARIE


Le discussioni sugli emendamenti al RSI sono parallele a quelle su un potenziale nuovo trattato sulle pandemie (#PandemicAccord), sollevando preoccupazioni sulla duplicazione e sullo spreco di fondi destinati all’OMS.

Data la traiettoria, sembra che sia gli emendamenti al RSI che il nuovo accordo sulle pandemie, se avranno successo, convergeranno sul mondo nel 2024, a meno che i Paesi non decidano di ridurre il potere dell’OMS e di prendere in mano la propria salute.

Questa data del 2024 è stata sottolineata dal gruppo di lavoro sugli emendamenti al RSI: “I delegati hanno accolto con favore il rapporto finale del gruppo di lavoro sul rafforzamento della preparazione e della risposta dell’OMS alle emergenze sanitarie che, tra le altre cose, ha proposto un processo per portare avanti potenziali emendamenti al RSI (2005). Hanno deciso di continuare il gruppo, con un mandato e un nome rivisti (il “Gruppo di lavoro sugli emendamenti al RSI” (WGIHR)), per lavorare esclusivamente sull’esame delle proposte di emendamento al RSI. Gli Stati membri hanno inoltre chiesto al Direttore generale di convocare un Comitato di revisione del RSI per formulare raccomandazioni tecniche sulle proposte di emendamento che potrebbero essere presentate. Il gruppo di lavoro proporrà un pacchetto di emendamenti mirati da sottoporre all’esame della Settantasettesima Assemblea della Salute”.

“Diversi Paesi in via di sviluppo hanno affermato che l’OMS ha troppe piattaforme di negoziazione e che non è semplicemente gestibile”, ha dichiarato Nithin Ramakrishnan, consulente della Rete del Terzo Mondo.

 

I SENATORI STATUNITENSI INIZIANO A REAGIRE ALL’ECCESSIVA PORTATA DELL’OMS
Secondo il Daily Caller, il senatore repubblicano Ron Johnson “ha presentato giovedì una legge che si oppone alla prevaricazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e garantisce che il Senato abbia potere sul suo trattato sulle pandemie”.

Il Daily Caller ha ottenuto per la prima volta la legge, intitolata No WHO Pandemic Preparedness Treaty Without Senate Approval Act, che è stata promossa da Johnson e ha 15 cosponsor. La proposta di legge menziona la creazione da parte dell’OMS di un organismo intergovernativo di negoziazione (INB) e, se approvata, richiederebbe che qualsiasi accordo prodotto dall’INB sia presentato al Senato come trattato, nel tentativo di fornire maggiore trasparenza all’amministrazione.

I legislatori ritengono di dover iniziare a lottare per impedire all’OMS di creare un INB.

“L’Organizzazione Mondiale della Sanità, insieme alle nostre agenzie sanitarie federali, ha fallito miseramente nella sua risposta al COVID-19. Il suo fallimento non deve essere premiato con la creazione di un INB. Il suo fallimento non dovrebbe essere premiato con un nuovo trattato internazionale che aumenterebbe il suo potere a spese della sovranità americana. Ciò di cui l’OMS ha bisogno è una maggiore responsabilità e trasparenza”, ha dichiarato Johnson al Daily Caller prima di presentare ufficialmente la legge.

“Questo disegno di legge chiarisce all’amministrazione Biden che qualsiasi nuovo accordo dell’OMS sulle pandemie deve essere considerato un trattato e sottoposto al Senato per la ratifica. La sovranità degli Stati Uniti non è negoziabile”, ha continuato Johnson.”

[…]

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments