Mentre i critici dell’House Bill 454, la proposta di legge che blocca la transizione di genere per i ragazzi e adolescenti, affermano che la sua approvazione “minaccerà” la salute mentale dei giovani dell’Ohio, c’è motivo di dubitare che questi “esperti” stiano considerando tutti i fatti.

Vi propongo un articolo scritto da Samantha Stephenson, pubblicato su The Federalist. Eccolo nella mia traduzione. 

 

transgender
transgender

 

Il 1 giugno, la Camera dei rappresentanti dell’Ohio ha seguito l’esempio dell’Arkansas nell’approvare un disegno di legge che blocca la transizione medica di genere per i minori, protegge i diritti dei genitori e impedisce ai maschi biologici di competere negli sport femminili. Mentre i critici dell’House Bill 454 affermano che il suo passaggio “minaccerà” la salute mentale dei giovani dell’Ohio, c’è motivo di dubitare che questi “esperti” stiano considerando tutti i fatti.

Il voto dell’Ohio ha preceduto la pubblicazione del rapporto “Let Kids Be Kids” (Lasciate che i bambini siano bambini, ndr) pubblicato dal governatore Ron DeSantis e dall’Agenzia per l’amministrazione sanitaria della Florida il 2 giugno. Il rapporto riassume la ricerca scientifica sull’efficacia del trattamento per la disforia di genere nei bambini, o meglio, mancanza di tale efficacia, ed è stato accolto con pesanti critiche da parte di attivisti transgender che sostengono che il rapporto sia motivato dal bigottismo.

 

La crescita esplosiva della popolazione di giovani che si identificano come transgender negli ultimi anni non ha precedenti, così come l’uso della terapia di “affermazione di genere” e la chirurgia di transizione di genere. Questi continuano ad essere metodi sperimentali per il trattamento di un problema relativamente nuovo. I sostenitori di questi “trattamenti” parlano in modo categorico della loro necessità, ma il fatto è che semplicemente non sappiamo ancora abbastanza per fare quelle affermazioni. E come rivela un nuovo documentario del commentatore politico Matt Walsh, le voci dissenzienti vengono semplicemente messe a tacere.

Intervistare terapisti, accademici e persone transgender alla ricerca della risposta sfuggente alla domanda “Cos’è una donna?” Walsh scopre un certo numero di professionisti le cui obiezioni alla linea transpartitica sono risultate escluse del tutto dalla discussione. Come rivela il documentario, è fondamentale che le loro voci siano ascoltate e che i dati rilevanti sul trattamento della disforia di genere vengano alla luce. Se i fatti su questi “trattamenti” rimangono nascosti, le conseguenze per la prossima generazione di bambini potrebbero essere devastanti.

Medici e terapisti chiedono spesso ai genitori che si oppongono all’affermazione di genere: “Preferiresti avere un figlio morto o una figlia amorevole?” Come sottolinea un intervistato, questa retorica è un ricatto emotivo. È anche profondamente fuorviato.

In realtà, il rischio di suicidio è esponenzialmente più alto per le persone trans da sette a dieci anni dopo l’intervento chirurgico, il più alto, infatti, di qualsiasi gruppo noto nella storia riportata. Se i genitori stanno cercando di migliorare la salute mentale dei loro figli, sembra imperativo che evitino attivamente un intervento chirurgico di transizione di genere.

 

Anche quando le preoccupazioni per il suicidio sono fuori discussione, gli studi indicano che con ogni probabilità, i sintomi si risolveranno nel 93% di questi bambini quando raggiungono l’età adulta o anche prima, un risultato che viene tolto dal tavolo per i bambini sottoposti a ormoni sperimentali con effetti in gran parte sconosciuti, i cui corpi vengono mutilati e la fertilità rubata.

Neanche quello che sappiamo sugli effetti dei trattamenti ormonali sui bambini è promettente. Perdita di densità ossea, aumento del rischio di coaguli di sangue, invecchiamento cerebrale prematuro e maggiore aggressività, ridotta capacità di piacere sessuale, futura infertilità e aumento del rischio di malattie cardiache sono solo alcuni dei potenziali effetti collaterali dei bloccanti della pubertà e degli ormoni utilizzati per la transizione medica. Come Walsh chiede agli esperti, i bambini sono veramente in grado di dare il consenso informato a rischi di questa portata?

I critici espliciti dell’Ohio House Bill 454 possono denigrare il “controllo del governo” che interferisce nelle decisioni mediche di famiglia a loro piacimento; lo stato ha un interesse acquisito nel proteggere i suoi bambini vulnerabili da “trattamenti” pericolosi e sperimentali. Il National Board of Health and Welfare svedese ha riconosciuto questo dovere quando ha posto fine all’uso di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati per i minori all’inizio di quest’anno.

Con gli studi che mostrano scarsi o nessun beneficio dei trattamenti ormonali (e in effetti un aumento dei rischi per la salute mentale), un’alta probabilità che la condizione si risolva da sola e pervasivi effetti collaterali dannosi, da dove viene la spinta a curare questi bambini?

 

“Segui i soldi”, ipotizza Scott Nugent. In qualità di uomo trans e fondatore di TreVoices, un’organizzazione che cerca di educare per proteggere i bambini dalla transizione medica, Nugent rivela che i profitti annuali derivanti dalla prescrizione di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati per i bambini sono otto volte quelli dei pazienti adulti.

Quando i medici stanno rimuovendo il seno di ragazze di 13 anni e aziende come Target commercializzano leganti per il torace che causano sintomi alle giovani donne, ci si deve chiedere perché i bambini trans sono gli unici a cui viene detto che sì, c’è qualcosa che non va nei loro corpi, e no, non dovrebbero accettarsi per come sono?

“Affermazione di genere” è un eufemismo positivo per un’ideologia che insegna ai bambini a rifiutare le loro facoltà sane e normali a favore di riorganizzare la loro carne in una configurazione più appetibile. La ricerca ci dice che questo non servirà a risolvere, ma solo ad approfondire la loro angoscia e insoddisfazione, sentimenti che probabilmente si risolveranno da soli con il tempo a meno che non entriamo nell’equazione per rafforzare quei sentimenti. In sostanza, ciò che “affermiamo” nei nostri figli è l’idea che sono stati formati in modo errato, e che devono consumare farmaci rischiosi e sottoporsi a interventi chirurgici mutilanti irreversibili per rimodellare i loro corpi in forme più accettabili.

Alcuni sostengono che una posizione genuinamente conservatrice su queste questioni richieda moderazione da parte del governo (esattamente ciò che non vediamo nei casi in cui le scuole transizionano segretamente i bambini e gli ospedali somministrano ormoni sessuali incrociati senza la conoscenza o il consenso dei genitori) e che la coerenza richiede ai conservatori di sostenere politiche che prevengano l’interferenza del governo in questi tipi di processi decisionali medici. Se i genitori desiderano aiutare i loro figli nella transizione, chi è il governo per interferire?

Chi ha a cuore l’interesse superiore del bambino? Questo dilemma trova la migliore risposta dalla saggezza di Salomone, a cui una volta furono presentate due madri che litigavano per il possesso dello stesso bambino. La soluzione di Salomone fu, ovviamente, quella di tagliare a metà il bambino e dividere i pezzi tra le madri, rivelando la vera madre: la donna disposta a rinunciare al proprio figlio per preservarne la vita. Questa è la sfortunata realtà di molti genitori, di solito padri, disposti a perdere l’affidamento e persino a sopportare il carcere per evitare che il corpo e l’identità dei loro figli vengano letteralmente violati.

Servire veramente i nostri figli significa guidarli verso l’età adulta, non imporre loro un’autonomia assoluta in un momento in cui non sono evolutivamente pronti ad affrontare il peso delle conseguenze future delle loro decisioni. Su questioni di genere e sessualità, dovremmo preservare la loro infanzia e lasciare loro lo spazio per crescere, svilupparsi ed esplorare senza precipitarsi in cambiamenti irreversibili con un potenziale profondamente dannoso.

Come rivela la mappa inclusa nel rapporto della Florida, molte nazioni europee stanno proteggendo quello spazio. Possiamo solo sperare che più politici, medici e genitori raccolgano il coraggio di dire la verità a nome dei nostri figli, qualunque sia il costo personale o professionale che potrebbero dover affrontare. I nostri ragazzi ne valgono la pena.

 

Samantha Stephenson è l’ospite del podcast Brave New Us e autrice di Reclaiming Motherhood from a Culture Gone MadSegui la sua newsletter Faith + Bioethics per ricevere gli ultimi aggiornamenti su ricerca medica, tecnologia e cultura.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments