Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Thomas R. Rourke e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

papa Francesco
Papa Francesco – screenshot dalla trasmissione A sua immagine del 15 marzo 2022

 

Esaminando le varie componenti della filosofia che guida i sostenitori della rivoluzione sessuale, così come molti progressisti cattolici, una buona sintesi delle loro varie proposte è semplicemente questa: l’intero ambito della sessualità umana non deve essere governato dalla legge. Il sesso è, per così dire, una “zona libera dalla legge”. Anche se raramente viene pubblicizzata come tale (è ancora troppo radicale per la maggior parte delle persone), un’indagine ponderata del pensiero progressista – sia laico che cattolico – rivela che questa espressione è, di fatto, una sintesi accurata.

In altre parole, l’intero ambito del pensiero morale tradizionale, e le regole che esso pone sull’esercizio della sessualità umana, devono essere completamente eliminati. Deve essere sostituito da un libero esercizio di scelta non vincolato da nulla di ciò che il pensiero occidentale ha finora riconosciuto come legge1.

L’idea che la sessualità umana non debba essere governata da principi fermi e immutabili è più evidente nel pensiero secolare. Per decenni abbiamo sentito il ritornello che le norme morali tradizionali sulla sessualità erano puritane, ipocrite, ispirate al dominio maschile e/o alla soppressione femminile, orientate al “controllo” (considerato un male), che trasformavano le donne in “fabbriche di bambini” e che costringevano le società umane nelle paludi del pensiero pre-illuminista. Il risultato è che dovremmo affidare tutto questo alla libertà umana. Gli uomini e le donne che diventano maggiorenni possono prendere le loro decisioni in merito a tali questioni2.

Possiamo indagare sulla rivoluzione sessuale quanto vogliamo, indagando su chi può partecipare agli atti sessuali, sulle varie categorie di relazione tra i partecipanti (amante, avventura di una notte, ecc.), e sulle circostanze che circondano l’atto (sposato, non sposato) – e scopriremo che non c’è nulla che possa essere definito una legge per governare qualsiasi situazione. L’intero ambito è determinato dalla “libera scelta”, che a sua volta è determinata da qualsiasi “norma” il partecipante abbia scelto per sé, nel perseguimento di un’altra concezione di “appagamento” o semplicemente di piacere, scelta da lui stesso e priva di significato.

Non esiste alcuna circostanza in cui un atto sessuale possa essere considerato immorale a causa della natura dei partecipanti, degli atti stessi o delle circostanze che li circondano. Nessun argomento che affermi che un particolare atto sessuale è regolato da una norma permanente avrà validità in questo caso, a meno che il partecipante non abbia scelto quella particolare norma.

Dobbiamo essere più chiari e più consapevoli del significato di questo cambiamento. È un luogo comune notare che i costumi sessuali sono “cambiati”. Sebbene non sia sbagliato dire che le norme sessuali sono “cambiate”, la prevalenza di questo linguaggio tende a oscurare la specificità di ciò che è realmente accaduto. Per usare un’analogia, potrei camminare lungo una strada e modificare la mia rotta di cinque gradi a sinistra o a destra. Anche questo sarebbe un “cambiamento”. Ma sarebbe una descrizione molto povera e carente di ciò che è accaduto alle norme sessuali.

Abbiamo preso le norme che hanno governato la sessualità umana per tutta la storia dell’Occidente e le abbiamo completamente invertite. E ora le nuove “norme” – in realtà la loro assenza – ci fanno andare nella direzione opposta rispetto a prima. Le nuove “norme” sono a 180 gradi nella direzione opposta rispetto a quelle originali.

Tutto ciò che era sbagliato e riconosciuto come tale due generazioni fa, ora è giusto: il divorzio seguito da un nuovo matrimonio in serie, l’adulterio, la convivenza tra non sposati, la fornicazione in generale, la contraccezione, la masturbazione e l’omosessualità. Pochi di noi pensano davvero a tutte le implicazioni di questo fenomeno; qui ne citerò solo due.

In primo luogo, mentre le proibizioni tradizionali erano chiaramente orientate a preservare la creazione e la stabilità delle famiglie e gli esercizi della sessualità a sostegno di questo fine, le norme attuali possono logicamente portare solo alla distruzione della famiglia tradizionale. Se la morale sessuale scompare, scompare anche la famiglia.

In secondo luogo, se i progressisti e le nuove “norme” sono corrette, la chiara implicazione è che le chiese e le denominazioni cristiane in generale, e la Chiesa cattolica soprattutto, per secoli hanno attivamente fuorviato l’intera razza umana su quelle che sono forse le norme più centrali dell’esistenza morale umana.3 Data la profondità e l’ampiezza di un errore così colossale, perché qualcuno dovrebbe ascoltare ciò che la Chiesa o i cristiani dicono oggi? Inoltre, la Chiesa dovrebbe effettivamente ammettere il presunto errore? È ancora più sconcertante quando ci si rende conto che i cristiani che sostengono un cambiamento radicale verso la visione moderna credono che tale cambiamento renderà la Chiesa più “credibile”!

Vale la pena notare che questo fenomeno di eliminazione delle leggi in campo sessuale è, nel complesso, in diretto contrasto con quanto avviene in quasi tutti gli altri aspetti della vita. Nelle ultime due generazioni, abbiamo assistito a una vasta gamma di leggi che regolano il nostro comportamento in modo quasi generalizzato. Confrontiamo, ad esempio, la situazione attuale con quella dei primi anni Sessanta per quanto riguarda le leggi che regolano l’assistenza sanitaria, la privacy (escluso il campo della sessualità), l’economia e l’istruzione. Lo schema chiaro, in generale, è quello di sottoporre il comportamento umano a un numero sempre maggiore di norme. Dal punto di vista politico, ciò si traduce più spesso in regolamenti federali. Quindi, la rivoluzione sessuale ha questa ulteriore caratteristica peculiare di essere un appello per la fine del diritto in una società che in generale sta ampliando le aree coperte dalla legge e moltiplicando i regolamenti.

È opportuno fare un’altra precisazione. Alcuni potrebbero rimanere perplessi di fronte all’affermazione che la sfera della sessualità sta diventando una “zona libera dalla legge”. Non ci sono in realtà sempre più leggi che ci limitano? C’è una proliferazione di leggi che ci dicono che non possiamo limitare gli aborti, che dobbiamo fornire contraccettivi gratuitamente a spese del governo, che dobbiamo permettere e proteggere i “matrimoni omosessuali”, il transgenderismo e nuovi “diritti sessuali” costruiti di sana pianta. Non sembra che la proposta di essere “liberi dalla legge” sia valida nel campo della sessualità.

Tutte queste cose sono indubbiamente vere, ma non contraddicono la proposizione. Ci sono effettivamente molte nuove leggi, ma sono tutte pensate per garantire che la sessualità non sia governata da norme sessuali corrette e oggettive. Servono a preservare la zona libera dalla legge da potenziali incursioni di legislatori, dirigenti e tribunali. Per esempio, le leggi che impongono l’accesso alla contraccezione a spese pubbliche sono chiaramente volte a promuoverne l’uso, per garantire che i partecipanti agli atti sessuali abbiano le loro libere scelte rispettate senza l’inconveniente di una gravidanza e di un figlio.

Consideriamo ora la versione cattolica del problema, che a prima vista sembra non avere nulla a che fare con il progressismo. Abbiamo un Catechismo pieno di divieti contro tutte le cose che la rivoluzione sessuale ha legalizzato: divorzio, convivenza, fornicazione, masturbazione, omosessualità, “matrimonio omosessuale” e transgenderismo. Mentre alcuni progressisti cattolici fanno causa comune con le loro controparti laiche, il contesto cattolico richiede (almeno in una certa misura) che queste persone avanzino con un approccio più indiretto verso lo stesso fine. Sarebbe troppo avanzare semplicemente l’agenda secolare senza alcuno scrupolo. Ancor peggio, un tale approccio rende il fine piuttosto trasparente a quasi tutti; sarebbe ovvio che l’obiettivo è semplicemente quello di rovesciare l’intero insieme di norme che esistono da secoli. Molti cattolici non sono pronti per questo, o almeno non sono pronti a farlo così apertamente. La nuova teologia che si è sviluppata qui non è poi così nuova, visto che ne abbiamo sentito parlare all’indomani del Concilio Vaticano II.4 Uno dei problemi di questa teologia è che è circondata da infinite discussioni su chi la abbraccia esattamente, molte delle quali sono francamente insincere.5

Ricordiamo che la Veritatis Splendor di Papa Giovanni Paolo II fu scritta come risposta allo sviluppo di quel tipo di teologia morale deviata che nega l’esistenza di una legge vincolante e permanente sulla sessualità umana. Le varie scuole di pensiero respinte dall’enciclica del 1993 si ponevano, in ultima analisi, in netto contrasto con l’effettiva dottrina della Chiesa. Il punto è che queste scuole, note come “teoria dell’opzione fondamentale”, “consequenzialismo”, “proporzionalismo” e “teleologismo”, vanno tutte nella stessa direzione di allentare la presa di norme rigide e concrete sul comportamento umano. Tutti tendono a sostenere quello che è stato definito un “gradualismo della legge”, secondo il quale nessuna legge universale specifica regola il comportamento morale in tutte le situazioni.

In altre parole, questo approccio non nega semplicemente nessuna norma della Chiesa. Dice che le persone possono trovarsi in situazioni in cui non sono in grado di soddisfare pienamente le richieste della legge. Comporta, in un certo senso, l’accettazione della violazione delle norme. Spesso si mettono delle riserve, chiedendo a un cattolico di consultarsi prima con un sacerdote e poi, naturalmente, con la propria coscienza. Ma, in fin dei conti, la persona sceglie quale norma regolerà il suo comportamento quel giorno, a patto che prometta di cercare di raggiungere la norma della Chiesa in un momento futuro (anche se non determinato). Ovviamente, in questa sede non si può discutere a fondo di questo aspetto. Ma il contrasto con l’insegnamento perenne della Chiesa è diventato evidente in coloro che, come Walter Kasper e la maggior parte dei vescovi tedeschi (e una miriade di altri in tutto il mondo), hanno sostenuto la possibilità di dare la Comunione ai divorziati e risposati in determinate circostanze. Coloro che perseguivano questa opzione dovevano esaminare la propria coscienza con l’aiuto di un sacerdote per determinare se le loro azioni attuali erano le migliori che potessero fare. Ma il punto fondamentale era che avrebbero scelto da soli. La legge morale non sarebbe stata gettata via, in senso stretto, ma sarebbe stata per così dire “portata al piano di sopra”; essa agiva come obiettivo a lungo termine e non come guida e giudice immediato dell’azione.

Quando le lunghe escursioni teologiche in questo senso vengono seguite nei singoli casi, e quando si arriva alla scelta pratica dell’azione da compiere, la legge morale non guida più questa persona cattolica di quanto non faccia la sua controparte laica che segue la norma relativista. Questo può sembrare duro, e non sto dicendo che i casi siano identici. Ma la realtà in entrambi i casi è che la persona che agisce non è governata da una legge universale, ma (almeno per un periodo di tempo indeterminato) da una legge di sua scelta. Come Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno chiarito più volte, questo approccio è incompatibile con ciò che la Chiesa ha sempre insegnato. La Chiesa insegna che alcune violazioni delle norme sessuali costituiscono un fatto grave e sono soggette a pentimento e conversione nel momento in cui vengono commesse. La Chiesa non può in alcun modo permettere o sanzionare azioni che violano intrinsecamente le sue norme morali e sacramentali.

In vista delle riunioni del Sinodo dei vescovi che si terranno in Vaticano nei prossimi due ottobre, eviterò di dire la mia sulle possibilità. (Altri lo hanno fatto e credo che sia meglio che lo facciano gli esperti di diritto canonico). In ultima analisi, se le cose dovessero andare male, le possibili soluzioni dipenderanno dai diritti dei vescovi e dei cardinali ortodossi in base al diritto canonico. Vorrei solo sottolineare una possibilità piuttosto inquietante. Papa Francesco, con Amoris Laetitia, ha prodotto un documento spesso ambiguo che non proibisce chiaramente la comunione ai divorziati e ai risposati, ma sembra aprirne la porta. Quattro cardinali gli hanno chiesto di chiarire la posizione della Chiesa, lui ha detto che non l’avrebbe fatto, poi è tornato indietro e ha appoggiato l’approccio dei vescovi argentini, ma ha chiaramente aperto la porta. Il Catechismo è rimasto invariato.

Ma cosa accadrebbe se l’attuale Sinodo terminasse l’anno prossimo con l’emissione di un documento, da parte del Papa e con autorità magisteriale, che essenzialmente adotta lo stesso approccio a una serie di questioni sessuali che il Papa ha precedentemente adottato nei confronti della Comunione ai divorziati e risposati? Senza cambiare il Catechismo, l’intera dottrina della Chiesa sulla sessualità, il matrimonio e la famiglia potrebbe essere efficacemente minata e ribaltata usando gli stessi metodi: pubblicare un documento poco chiaro, rifiutarsi di darne un’interpretazione definitiva, quindi permettere ai vescovi argentini o tedeschi e ad altri di interpretarlo a loro piacimento – un approccio che credo porterebbe chiaramente la Chiesa almeno a uno “scisma pratico”. I sostenitori potrebbero tutti negare che qualcuno abbia cambiato l’insegnamento cattolico. Penso che ciò renderebbe la Chiesa cattolica, in sostanza, molto simile alle attuali chiese protestanti tradizionali o alla Comunione anglicana, in cui nessuno può essere d’accordo sulla natura del matrimonio, della famiglia o della morale sessuale.

Bisognerebbe prestare maggiore attenzione a quanto tutto questo sembri già “normale” e a quanto questo senso di indifferenza sia destinato a peggiorare. Non ci siamo già abituati all’idea che alcuni vescovi e cardinali sono ortodossi, mentre altri non lo sono? E questo non si riflette già nella nostra accettazione del fatto che alcuni parrocchiani hanno posizioni cattoliche mentre altri hanno posizioni opposte? I giovani cattolici non stanno forse assorbendo tutto questo? Quindi, l’eterodossia – il sostenere l’opposto di ciò che la Chiesa insegna – non è un grosso problema. Papa Francesco ha già dichiarato di non temere gli scismi. Ed è difficile che in futuro possa davvero reprimere questi vescovi per aver fatto ciò che stanno già facendo oggi.

Non mi piace molto criticare pubblicamente il Papa, ma devo dire che questo è uno dei peggiori risultati del suo modo di governare la Chiesa. Il giovane cattolico è portato a capire che le Messe in latino nella sua parrocchia devono essere proibite da un intervento papale decisivo, ma i cardinali possono sbandierare regolarmente posizioni eterodosse senza che in genere il Papa risponda. I teologi lo fanno già da due generazioni. Sì, il Papa ha formalmente criticato i vescovi tedeschi e il “Cammino sinodale”, ma loro e altri possono interpretare la mancanza di azione come una sorta di indifferenza all’offesa. E appena una settimana fa, diversi vescovi tedeschi hanno annunciato che permetteranno la benedizione liturgica delle “unioni omosessuali” nelle loro chiese. Ancora una volta, quale lezione assorbono i giovani cattolici?

Tutti noi dobbiamo dire di più in opposizione a ciò che sta accadendo sotto i nostri occhi. Quando sono cresciuto, era impensabile per i cattolici professanti e praticanti opporsi all’insegnamento morale cattolico sulla sessualità e sulla famiglia. Un vescovo che lo avesse fatto sarebbe stato rimosso, e in fretta, se non si fosse pentito pubblicamente! Ora possiamo chiederci se verranno mai prese misure disciplinari contro vescovi e cardinali che mantengono posizioni non ortodosse. Preghiamo tutti molto intensamente per la Santa Madre Chiesa in questa Quaresima e oltre.

 

 

Note finali:

1 Questa discussione assume un approccio tomistico alla definizione di legge. Accetta la distinzione tra legge naturale e legge umana. Nella maggior parte dei casi, l’articolo intende la legge nel senso della legge naturale, ma include anche le leggi umane basate sulla legge naturale.

2 Si potrebbe essere tentati di pensare che le leggi contro lo stupro rappresentino una vera e propria eccezione, ma non è così. La proibizione dello stupro non è l’inserimento di un residuo della vecchia morale, sebbene sia sempre stata condannata da quella morale. Nel caso dello stupro, ciò che viene violato non è una norma strettamente sessuale, ma una norma contro la violenza in generale e il diritto della donna di fare scelte libere. Se consideriamo il tipico caso di stupro, in tutti i casi l’atto sarebbe stato giudicato corretto se ci fosse stato il consenso. In modo analogo, le leggi che vietano i rapporti sessuali degli adulti con i minori rientrano nel più ampio schema per cui la legge tratta i minori in modo diverso in molti casi a causa della loro percepita incapacità di prendere decisioni adulte a una certa età. Anche in questo caso, lo stesso atto commesso con una persona a due giorni dal suo diciottesimo compleanno sarebbe in ogni caso lecito tre giorni dopo, sempre che sia consenziente.

3 Ho definito le norme sessuali come le norme più centrali, partendo dal presupposto che nulla potrebbe essere più centrale per la prosperità umana dello stato della famiglia nella società, una proposizione ancora completamente supportata da qualsiasi onesto esame delle prove. Le società o le comunità in cui la famiglia è in gran parte inesistente sono luoghi in cui fioriscono tutte le patologie umane. Nessun programma governativo o spesa di denaro può salvare tali comunità.

4 Teologicamente, questa sembra essere una caratteristica del pontificato di Papa Francesco. È il riemergere dell’agenda degli ultimi anni Sessanta e Settanta, ma ora con un apparente sostenitore sulla cattedra di Pietro.

5 All’indomani della pubblicazione di Veritatis Splendor è diventato quasi umoristico ascoltare le continue lamentele dei teologi che insistevano sul fatto che le critiche di Papa Giovanni Paolo II alla teoria dell'”opzione fondamentale”, al proporzionalismo, al consequenzialismo, al relativismo e al teleologismo non costituivano una critica a nessun teologo vero e proprio. Nessuno di questi teologi poteva riconoscersi nella descrizione che il Papa faceva della loro scuola di pensiero. (Credo che dovremmo tutti dispiacerci per il Papa. Ha sprecato un’intera enciclica per criticare scuole di pensiero che non hanno aderenti effettivi). Abbiamo visto questa stessa farsa ancora e ancora. Quando la Sacra Congregazione per la Fede ha emanato la sua prima direttiva sulla Teologia della Liberazione, ci è stato detto ancora una volta che la Congregazione aveva sbagliato tutto, che nessuno in realtà sosteneva le posizioni che venivano criticate. Oggi succede più o meno la stessa cosa. I teologi si fanno beffe di qualsiasi critica alle loro teorie, sostenendo che i critici non sembrano “capire” veramente ciò che stanno dicendo. Non si tratta, tuttavia, di un problema che, a loro avviso, caratterizza i loro stessi giudizi, molto più severi, sui loro critici.

Thomas R. Rourke

 

Thomas R. Rourke è stato il vincitore del premio Aaron Wildavsky dell’American Political Science Association, Religion and Politics Section, per la migliore tesi di laurea su un argomento di religione e politica, dopo aver conseguito il dottorato alla Texas Tech nel 1994. Ha insegnato alla FIU di Miami prima di trasferirsi alla Clarion University of Pennsylvania. È autore di cinque libri e numerosi articoli, tra cui i più recenti: The Roots of Pope Francis’s Social and Political Thought (Lanham and London: Rowman and Littlefield, 2016).

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments