Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dal prof. Jeffrey Sachs e pubblicato sul suo blog. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione.

 

truppe-russe-guerra-ucraina

 

Il popolo americano ha urgente bisogno di conoscere la vera storia della guerra in Ucraina e le sue attuali prospettive. Purtroppo, i media mainstream – New York Times, Wall Street Journal, Washington Post, MSNBC e CNN – sono diventati semplici portavoce del governo, ripetendo le bugie del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e nascondendo la storia al pubblico.

Biden è tornato a denigrare il Presidente russo Vladimir Putin, accusandolo questa volta di una “smania di terra e di potere”, dopo aver dichiarato l’anno scorso che “per l’amor di Dio, quell’uomo [Putin] non può restare al potere”.  Eppure, Biden è colui che sta intrappolando l’Ucraina in una guerra aperta continuando a spingere per l’allargamento della NATO all’Ucraina.  Ha paura di dire la verità al popolo americano e ucraino, rifiutando la diplomazia e optando invece per una guerra perpetua.

L’allargamento della NATO all’Ucraina, che Biden ha promosso a lungo, è una mossa degli Stati Uniti che ha fallito.  I neocons, compreso Biden, dalla fine degli anni ’90 pensavano che gli Stati Uniti potessero espandere la NATO all’Ucraina (e alla Georgia) nonostante la forte opposizione della Russia.  Non credevano che Putin sarebbe entrato in guerra per l’espansione della NATO.

Tuttavia, per la Russia, l’allargamento della NATO all’Ucraina (e alla Georgia) è visto come una minaccia esistenziale alla sicurezza nazionale russa, soprattutto in considerazione dei 2.000 km di confine della Russia con l’Ucraina e della posizione strategica della Georgia sul bordo orientale del Mar Nero.  I diplomatici statunitensi hanno spiegato questa realtà di base ai politici e ai generali statunitensi per decenni, ma i politici e i generali si sono arrogantemente e grossolanamente ostinati a spingere per l’allargamento della NATO. 

A questo punto, Biden sa benissimo che l’allargamento della NATO all’Ucraina scatenerebbe la Terza Guerra Mondiale.  Ecco perché, dietro le quinte, Biden ha messo la marcia indietro sull’allargamento della NATO al vertice NATO di Vilnius.  Tuttavia, piuttosto che ammettere la verità – che l’Ucraina non farà parte della NATO – Biden tergiversa, promettendo un’eventuale adesione dell’Ucraina.  In realtà, sta impegnando l’Ucraina in un continuo salasso per nessun altro motivo che non sia la politica interna degli Stati Uniti, in particolare la paura di Biden di apparire debole agli occhi dei suoi avversari politici.  (Mezzo secolo fa, i presidenti Johnson e Nixon sostennero la guerra del Vietnam essenzialmente per lo stesso patetico motivo e con le stesse menzogne, come spiegò brillantemente il compianto Daniel Ellsberg). 

L’Ucraina non può vincere. È più probabile che la Russia prevalga sul campo di battaglia, come sembra stia facendo. Tuttavia, anche se l’Ucraina dovesse sfondare con forze convenzionali e armamenti della NATO, la Russia passerebbe alla guerra nucleare, se necessario, per impedire la presenza della NATO in Ucraina.

Per tutta la sua carriera, Biden ha servito il complesso militare-industriale. Ha promosso senza sosta l’allargamento della NATO e ha sostenuto le guerre profondamente destabilizzanti scelte dall’America in Afghanistan, Serbia, Iraq, Siria, Libia e ora Ucraina. Si rimette ai generali che vogliono altre guerre e altre “tensioni”, e che prevedono una vittoria imminente per mantenere l’opinione pubblica credulona al proprio fianco.  

Inoltre, Biden e il suo team (Antony Blinken, Jake Sullivan, Victoria Nuland) sembrano aver creduto alla loro stessa propaganda secondo cui le sanzioni occidentali avrebbero strangolato l’economia russa, mentre armi miracolose come gli HIMARS avrebbero sconfitto la Russia.  E per tutto il tempo hanno detto agli americani di non prestare attenzione alle 6.000 armi nucleari della Russia.

I leader ucraini hanno seguito l’inganno degli Stati Uniti per ragioni difficili da comprendere. Forse credono agli Stati Uniti, o hanno paura degli Stati Uniti, o temono i loro stessi estremisti, o semplicemente sono estremisti, pronti a sacrificare centinaia di migliaia di ucraini alla morte e alle ferite nell’ingenua convinzione che l’Ucraina possa sconfiggere una superpotenza nucleare che considera la guerra come esistenziale. O forse alcuni dei leader ucraini stanno facendo fortuna lucrando sulle decine di miliardi di dollari di aiuti e armi occidentali.

L’unico modo per salvare l’Ucraina è una pace negoziata. In una soluzione negoziata, gli Stati Uniti accetterebbero che la NATO non si allarghi all’Ucraina, mentre la Russia accetterebbe di ritirare le proprie truppe.  Le questioni rimanenti – Crimea, Donbas, sanzioni statunitensi ed europee, il futuro degli accordi di sicurezza europei – sarebbero gestite politicamente, non con una guerra infinita.

La Russia ha ripetutamente tentato di negoziare: per cercare di impedire l’allargamento a est della NATO; per cercare di trovare accordi di sicurezza adeguati con gli Stati Uniti e l’Europa; per cercare di risolvere le questioni interetniche in Ucraina dopo il 2014 (gli accordi di Minsk I e Minsk II); per cercare di sostenere i limiti sui missili anti-balistici; e per cercare di porre fine alla guerra in Ucraina nel 2022 attraverso negoziati diretti con l’Ucraina. In tutti i casi, il governo statunitense ha disdegnato, ignorato o bloccato questi tentativi, spesso adducendo la grande bugia che la Russia, piuttosto che gli Stati Uniti, rifiuta i negoziati. JFK ha detto bene nel 1961: “Non negoziamo mai per paura, ma non temiamo mai di negoziare”.  Se solo Biden ascoltasse la saggezza duratura di JFK.

Per aiutare il pubblico a superare la narrazione semplicistica di Biden e dei media mainstream, offro una breve cronologia di alcuni eventi chiave che hanno portato alla guerra in corso.

 

31 gennaio 1990.  Il ministro degli Esteri tedesco Hans Dietrich-Genscher si impegna con il presidente sovietico Mikhail Gorbaciov a far sì che, nel contesto della riunificazione tedesca e dello scioglimento dell’alleanza militare sovietica del Patto di Varsavia, la NATO escluda “l’espansione del suo territorio a est, cioè l’avvicinamento ai confini sovietici”.

9 febbraio 1990.  Il Segretario di Stato americano James Baker III concorda con il Presidente sovietico Mikhail Gorbaciov che “l’espansione della NATO è inaccettabile”.

29 giugno – 2 luglio 1990.  Il Segretario Generale della NATO Manfred Woerner dice a una delegazione russa di alto livello che “il Consiglio della NATO e lui [Woerner] sono contrari all’espansione della NATO”.

1 luglio 1990.  La Rada (parlamento) ucraina adotta la Dichiarazione di sovranità dello Stato, in cui “la RSS ucraina dichiara solennemente la sua intenzione di diventare uno Stato permanentemente neutrale che non partecipa a blocchi militari e aderisce a tre principi di assenza di armi nucleari: accettare, produrre e acquistare nessuna arma nucleare”.

24 agosto 1991.  L’Ucraina dichiara l’indipendenza sulla base della Dichiarazione di sovranità dello Stato del 1990, che include la promessa di neutralità. 

Metà del 1992.  I responsabili politici dell’Amministrazione Bush raggiungono un consenso interno segreto per espandere la NATO, in contrasto con gli impegni recentemente assunti nei confronti dell’Unione Sovietica e della Federazione Russa.

8 luglio 1997.  Al Vertice NATO di Madrid, Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca vengono invitate ad avviare i colloqui di adesione alla NATO.

Settembre-ottobre 1997.  In Foreign Affairs (settembre/ottobre 1997) l’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Zbigniew Brzezinski illustra il calendario dell’allargamento della NATO: i negoziati con l’Ucraina dovrebbero iniziare provvisoriamente nel periodo 2005-2010.

24 marzo – 10 giugno 1999.  La NATO bombarda la Serbia.  La Russia definisce il bombardamento della NATO “una flagrante violazione della Carta delle Nazioni Unite”.

Marzo 2000.  Il Presidente ucraino Kuchma dichiara che “oggi non è in discussione l’adesione dell’Ucraina alla NATO, poiché la questione è estremamente complessa e presenta molti aspetti”.

13 giugno 2002.  Gli Stati Uniti si ritirano unilateralmente dal Trattato sulle armi anti-balistiche, un’azione che il vicepresidente del Comitato per la difesa della Duma russa definisce un “evento estremamente negativo di portata storica”.

Novembre-dicembre 2004.  In Ucraina si verifica la “Rivoluzione arancione”, un evento che l’Occidente definisce una rivoluzione democratica e il governo russo una presa di potere fabbricata dall’Occidente con il sostegno palese e occulto degli Stati Uniti.  

10 febbraio 2007.  In un discorso alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, Putin critica aspramente il tentativo degli Stati Uniti di creare un mondo unipolare, sostenuto dall’allargamento della NATO, dichiarando: “Credo sia ovvio che l’espansione della NATO… rappresenta una grave provocazione che riduce il livello di fiducia reciproca. E abbiamo il diritto di chiedere: contro chi è diretta questa espansione? E che fine hanno fatto le assicurazioni che i nostri partner occidentali hanno fatto dopo lo scioglimento del Patto di Varsavia?”.

1 febbraio 2008.  L’ambasciatore statunitense in Russia William Burns invia un cablogramma confidenziale al consigliere per la sicurezza nazionale Condoleezza Rice, intitolato “Nyet means Nyet: Russia’s NATO Enlargement Redlines”, sottolineando che “le aspirazioni NATO di Ucraina e Georgia non solo toccano un nervo scoperto in Russia, ma suscitano serie preoccupazioni sulle conseguenze per la stabilità della regione”.

18 febbraio 2008.  Gli Stati Uniti riconoscono l’indipendenza del Kosovo nonostante le accese obiezioni russe.  Il governo russo dichiara che l’indipendenza del Kosovo viola “la sovranità della Repubblica di Serbia, la Carta delle Nazioni Unite, la risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, i principi dell’Atto finale di Helsinki, il quadro costituzionale del Kosovo e gli accordi del Gruppo di contatto ad alto livello”.

3 aprile 2008.  La NATO dichiara che l’Ucraina e la Georgia “diventeranno membri della NATO”. La Russia dichiara che “l’adesione della Georgia e dell’Ucraina all’Alleanza è un enorme errore strategico che avrebbe conseguenze gravissime per la sicurezza paneuropea”.

20 agosto 2008.  Gli Stati Uniti annunciano che dispiegheranno sistemi di difesa contro i missili balistici (BMD) in Polonia, seguita poi dalla Romania.  La Russia si oppone strenuamente ai sistemi BMD.

28 gennaio 2014.  L’assistente del Segretario di Stato Victoria Nuland e l’ambasciatore statunitense Geoffrey Pyatt progettano un cambio di regime in Ucraina in una telefonata che viene intercettata e pubblicata su YouTube il 7 febbraio, in cui Nuland nota che “il [Vicepresidente] Biden è disposto” a contribuire alla conclusione dell’accordo.

21 febbraio 2014.  I governi di Ucraina, Polonia, Francia e Germania raggiungono un accordo sulla risoluzione della crisi politica in Ucraina, che prevede nuove elezioni nel corso dell’anno.  Il Right Sector di estrema destra e altri gruppi armati chiedono invece le dimissioni immediate di Yanukovych e prendono possesso degli edifici governativi.  Yanukovych fugge.  Il Parlamento priva immediatamente il Presidente dei suoi poteri senza un processo di impeachment.  

22 febbraio 2014.  Gli Stati Uniti appoggiano immediatamente il cambio di regime.

16 marzo 2014.  La Russia indice un referendum in Crimea che, secondo il governo russo, si risolve in un voto a larga maggioranza a favore del dominio russo.  Il 21 marzo, la Duma russa vota l’ammissione della Crimea alla Federazione Russa. Il governo russo richiama l’analogia con il referendum del Kosovo.  Gli Stati Uniti respingono il referendum in Crimea come illegittimo.

18 marzo 2014.  Il Presidente Putin definisce il cambio di regime come un colpo di Stato, affermando che: “coloro che sono dietro gli ultimi eventi in Ucraina avevano un’agenda diversa: stavano preparando l’ennesima presa di potere del governo; volevano prendere il potere e non si sarebbero fermati davanti a nulla. Hanno fatto ricorso al terrore, agli omicidi e alle rivolte”.

25 marzo 2014.  Il presidente Barack Obama deride la Russia “come potenza regionale che minaccia alcuni dei suoi immediati vicini – non per forza ma per debolezza”.

12 febbraio 2015.  Firma dell’accordo di Minsk II.  L’accordo è sostenuto all’unanimità dalla Risoluzione 2202 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il 17 febbraio 2015.  L’ex cancelliere Angela Merkel riconosce in seguito che l’accordo di Minsk II è stato concepito per dare tempo all’Ucraina di rafforzare le proprie forze armate.  L’accordo non è stato attuato dall’Ucraina e il Presidente Volodymyr Zelensky ha riconosciuto di non avere intenzione di attuarlo.

1 febbraio 2019.  Gli Stati Uniti si ritirano unilateralmente dal Trattato sulle forze nucleari intermedie (INF).  La Russia critica aspramente il ritiro dell’INF come un atto “distruttivo” che ha alimentato i rischi per la sicurezza.

14 giugno 2021.  Al Vertice NATO del 2021 a Bruxelles, la NATO riconferma l’intenzione di allargare e includere l’Ucraina: “Ribadiamo la decisione presa al Vertice di Bucarest del 2008 che l’Ucraina diventerà membro dell’Alleanza”.

1 settembre 2021.  Gli Stati Uniti ribadiscono il sostegno alle aspirazioni dell’Ucraina alla NATO nella “Dichiarazione congiunta sul partenariato strategico USA-Ucraina”.

17 dicembre 2021.  Putin presenta una bozza di “Trattato tra gli Stati Uniti d’America e la Federazione Russa sulle garanzie di sicurezza”, basato sul non allargamento della NATO e sulla limitazione del dispiegamento di missili a raggio intermedio e a corto raggio.

26 gennaio 2022.  Gli Stati Uniti rispondono formalmente alla Russia che gli Stati Uniti e la NATO non negozieranno con la Russia sulle questioni relative all’allargamento della NATO, sbattendo la porta a un percorso negoziale per evitare un’espansione della guerra in Ucraina.  Gli Stati Uniti invocano la politica della NATO secondo la quale “qualsiasi decisione di invitare un Paese ad aderire all’Alleanza è presa dal Consiglio Nord Atlantico sulla base del consenso di tutti gli alleati. Nessun Paese terzo ha voce in capitolo in queste deliberazioni”.  In breve, gli Stati Uniti affermano che l’allargamento della NATO all’Ucraina non è affare della Russia.

21 febbraio 2022.  Nel corso di una riunione del Consiglio di sicurezza russo, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha illustrato i dettagli del rifiuto degli Stati Uniti di negoziare:

“Abbiamo ricevuto la loro risposta a fine gennaio. La valutazione di questa risposta mostra che i nostri colleghi occidentali non sono disposti ad accettare le nostre principali proposte, in primo luogo quella di non espandere la NATO verso est. Questa richiesta è stata respinta con riferimento alla cosiddetta politica delle porte aperte del blocco e alla libertà di ogni Stato di scegliere il proprio modo di garantire la sicurezza. Né gli Stati Uniti, né l’Alleanza Nord Atlantica hanno proposto un’alternativa a questa disposizione chiave”.

Gli Stati Uniti stanno facendo tutto il possibile per evitare il principio dell’indivisibilità della sicurezza che consideriamo di fondamentale importanza e a cui abbiamo fatto molti riferimenti. Derivando da esso l’unico elemento che fa al caso loro – la libertà di scegliere le alleanze – ignorano completamente tutto il resto, compresa la condizione chiave che recita: “A nessuno – né nella scelta delle alleanze né a prescindere da esse – è permesso di rafforzare la propria sicurezza a scapito di quella degli altri”.

24 febbraio 2022.  In un discorso alla nazione, il Presidente Putin dichiara: “È un dato di fatto che negli ultimi 30 anni abbiamo pazientemente cercato di raggiungere un accordo con i principali Paesi della NATO sui principi di una sicurezza uguale e indivisibile in Europa. In risposta alle nostre proposte, ci siamo sempre trovati di fronte a cinici inganni e bugie o a tentativi di pressione e ricatto, mentre l’Alleanza Nord Atlantica continuava ad espandersi nonostante le nostre proteste e preoccupazioni. La sua macchina militare è in movimento e, come ho detto, si sta avvicinando al nostro confine”.

16 marzo 2022.  Russia e Ucraina annunciano progressi significativi verso un accordo di pace mediato dalla Turchia e dal primo ministro israeliano Naftali Bennett.  Come riportato dalla stampa, la base dell’accordo comprende: “un cessate il fuoco e il ritiro della Russia se Kyiv dichiarerà la neutralità e accetterà limiti alle sue forze armate”.

28 marzo 2022.  Il Presidente Zelensky dichiara pubblicamente che l’Ucraina è pronta alla neutralità combinata con garanzie di sicurezza come parte di un accordo di pace con la Russia.  “Garanzie di sicurezza e neutralità, lo status non nucleare del nostro Stato – siamo pronti a farlo. Questo è il punto più importante… hanno iniziato la guerra per questo motivo”.

7 aprile 2022.  Il Ministro degli Esteri russo Lavrov accusa l’Occidente di aver cercato di far deragliare i colloqui di pace, sostenendo che l’Ucraina è tornata indietro rispetto alle proposte precedentemente concordate.  Il Primo Ministro Naftali Bennett dichiara in seguito (il 5 febbraio 2023) che gli Stati Uniti hanno bloccato l’accordo di pace tra Russia e Ucraina.  Alla domanda se le potenze occidentali avessero bloccato l’accordo, Bennett ha risposto: “Fondamentalmente sì. L’hanno bloccato e io penso che abbiano sbagliato”.  A un certo punto, dice Bennett, l’Occidente ha deciso “di schiacciare Putin piuttosto che negoziare”.

4 giugno 2023.  L’Ucraina lancia una grande controffensiva, senza ottenere alcun successo di rilievo a metà luglio 2023.

7 luglio 2023.  Biden riconosce che l’Ucraina sta “esaurendo” i proiettili di artiglieria da 155 mm e che gli Stati Uniti sono “a corto”.

11 luglio 2023.  Al Vertice NATO di Vilnius, il comunicato finale riafferma il futuro dell’Ucraina nella NATO: “Sosteniamo pienamente il diritto dell’Ucraina di scegliere i propri accordi di sicurezza.  Il futuro dell’Ucraina è nella NATO… L’Ucraina è diventata sempre più interoperabile e politicamente integrata con l’Alleanza e ha compiuto progressi sostanziali nel suo percorso di riforme”.

13 luglio 2023.  Il Segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ribadisce che l’Ucraina si unirà “senza dubbio” alla NATO al termine della guerra.

13 luglio 2023.  Putin ribadisce che “per quanto riguarda l’adesione dell’Ucraina alla NATO, come abbiamo detto molte volte, questo crea ovviamente una minaccia alla sicurezza della Russia”. In effetti, la minaccia dell’adesione dell’Ucraina alla NATO è la ragione, o meglio una delle ragioni dell’operazione militare speciale. Sono certo che questo non rafforzerebbe in alcun modo la sicurezza dell’Ucraina. In generale, renderà il mondo molto più vulnerabile e porterà a maggiori tensioni sulla scena internazionale.  Quindi, non ci vedo nulla di buono. La nostra posizione è ben nota ed è stata formulata da tempo”.

Jeffrey Sachs

 

CHI È JEFFREY SACHS

 

Professore di economia di fama mondiale, autore di bestseller, docente innovativo e leader globale nel campo dello sviluppo sostenibile. Sachs è direttore del Centro per lo sviluppo sostenibile della Columbia University, dove ricopre il ruolo di professore universitario, il più alto grado accademico dell’università. Sachs è stato direttore dell’Earth Institute della Columbia University dal 2002 al 2016. È presidente del Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite, co-presidente del Consiglio degli ingegneri per la transizione energetica, accademico della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali del Vaticano, commissario della Commissione per lo sviluppo della banda larga delle Nazioni Unite, Tan Sri Jeffrey Cheah Honorary Distinguished Professor presso l’Università di Sunway e sostenitore degli SDG per il Segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. Dal 2001 al 18, Sachs è stato consigliere speciale dei segretari generali delle Nazioni Unite Kofi Annan (2001-7), Ban Ki-moon (2008-16) e António Guterres (2017-18).

Sachs è il destinatario del Tang Prize in Sustainable Development per il 2022 ed è stato il co-destinatario del Blue Planet Prize 2015, il principale premio globale per la leadership ambientale. È stato nominato due volte tra i 100 leader mondiali più influenti dalla rivista Time. Sachs ha ricevuto 42 dottorati honoris causa e tra i suoi recenti riconoscimenti figurano il Premio Tang per lo sviluppo sostenibile del 2022, la Legion d’onore con decreto del Presidente della Repubblica francese e l’Ordine della Croce del Presidente dell’Estonia. Prima di entrare alla Columbia, Sachs è stato per oltre vent’anni professore all’Università di Harvard, da ultimo come Galen L. Stone Professor of International Trade. Originario di Detroit, Michigan, Sachs ha conseguito la laurea, il master e il dottorato ad Harvard.

Sachs è autore e curatore di numerosi libri, tra cui tre bestseller del New York Times: La fine della povertà (2005), Ricchezza comune: Economics for a Crowded Planet (2008) e The Price of Civilization (2011). Tra gli altri libri ricordiamo To Move the World: JFK’s Quest for Peace (2013), The Age of Sustainable Development (2015), Building the New American Economy: Smart, Fair & Sustainable (2017), A New Foreign Policy: Oltre l’eccezionalismo americano (2018), Le età della globalizzazione: Geography, Technology, and Institutions (2020) e, più recentemente, Ethics in Action for Sustainable Development (2022).

 

Vi consigliamo infine anche questa intervista:



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments