Di seguito vi propongo un articolo di qualche mese fa ma ancora molto attuale, visti i vaccini in arrivo. L’articolo è apparso sulla rivista HART costituita da esperti di medicina. Eccolo nella mia traduzione.

 

Variante omicron_covid

 

I danni da covid derivano principalmente dalla patologia causata dalla proteina spike e dalla reazione del sistema immunitario ad essa. La proteina spike agisce direttamente sulle cellule di rivestimento dei vasi sanguigni, causando problemi di coagulazione che possono portare alla morte, e si lega direttamente alle cellule T, scatenando una tempesta di citochine che può anche uccidere. Quest’ultima parte della proteina spike contiene una sequenza genetica identica alla regione della tossina della sindrome da shock tossico che causa lo stesso problema.

La proteina spike Omicron presenta diverse mutazioni nell’area di questa parte della proteina spike simile alla tossina, comprese quelle che alterano la forma della proteina. Quando le proteine cambiano forma, inibiscono la loro capacità di legarsi. Pertanto, le persone che contraggono Omicron hanno meno probabilità di morire a causa delle tempeste di citochine. In effetti, il Sudafrica, che ha registrato un’elevata mortalità nelle ondate precedenti, con Omicron ha registrato un numero molto inferiore di decessi. I casi sono ora allo stesso livello del precedente picco di luglio, ma i decessi sono meno di un decimo di quelli registrati in quel periodo.

Solo 20 aminoacidi della tossina sono inclusi nella spike. Stranamente si trovano proprio accanto alla regione chiamata “sito di clivaggio della furina”, che può essere un marcatore lasciato dopo che l’uomo ha deliberatamente inserito materiale genetico in un virus. Altri coronavirus non contengono queste sequenze di tossine.

La stessa sequenza potrebbe avere proprietà diverse una volta inserita in un virus. Sebbene la proteina spike non sia stata descritta come potenziale arma biologica, la tossina (Staphylococcus Enterotoxin B o SEB) è stata descritta con i seguenti effetti potenziali:

“I sintomi dell’intossicazione da SEB comprendono l’insorgenza improvvisa di febbre, da 40 °C a 41 °C circa, brividi, cefalea, mialgia e tosse fastidiosa. Alcuni pazienti possono sviluppare respiro corto e dolore al petto. La febbre può durare 2-5 giorni e la tosse può continuare fino a un mese. I pazienti possono anche presentare nausea, vomito e diarrea quando la tossina viene ingerita”.

Nonostante la probabile diminuzione della minaccia del covid e nonostante la minaccia per gli individui sia già incredibilmente bassa per i giovani e i sani, le persone fanno la fila per farsi iniettare il materiale genetico che spinge l’organismo a creare l’intera sequenza della spike originale. Il rischio di infezione subito dopo la vaccinazione è più alto e questo sembra valere anche per i richiami. Se ciò è dovuto all’ostacolo della risposta immunitaria, le persone infettate in quel periodo possono essere maggiormente esposte al rischio di complicazioni da infezione. È ormai evidente che la vaccinazione fa sì che la risposta immunitaria sia guidata dagli anticorpi contro la proteina spike, la stessa proteina che è più variabile tra le varianti. L’UKHSA ha sottolineato che gli anticorpi contro le altre proteine virali (ad esempio il nucleocapside) sono bassi nei soggetti infettati dopo la vaccinazione. Al contrario, i non vaccinati sviluppano una risposta anticorpale ad ampio spettro quando sono esposti all’intero virus. Il fenomeno della risposta immunitaria limitata agli anticorpi stimolati dal primo incontro con un organismo estraneo è noto come “peccato antigenico originale”.

Forse la sequenza della spike è stata scelta per il vaccino perché è utilizzata dal virus per entrare nelle cellule. Forse è stata scelta perché è unica e la misurazione degli anticorpi contro di essa dimostrerà che il vaccino ha ottenuto qualcosa senza la necessità di misurare direttamente un risultato clinicamente rilevante.

Forse, però, non è stata una scelta così azzeccata. Il principio dell’immunizzazione consiste nell’utilizzare una parte inerte del virus per fornire protezione immunitaria, non una parte che causa la patologia.

È ora previsto un ulteriore ciclo di vaccinazione a tre dosi contro la variante Omicron. Il vaccino sarà disponibile da marzo 2022 (poi non più uscito in quel mese, neanche alla data odierna, ndr). Quando il ciclo di tre dosi sarà completato, Omicron sarà già scomparso da tempo. Il piano sarà allora quello di continuare questa farsa con un altro ciclo di tre dosi, scaduto, per la variante successiva?

Ogni inverno assistiamo a un’impennata di infezioni da virus respiratori nel mese di dicembre. Negli anni a.C. (prima di covid), queste erano solitamente causate dall’influenza, ma talvolta anche da altri coronavirus. Attualmente l’infezione respiratoria stagionale dominante è la SARs-CoV-2. Come l’influenza, il virus muta e quindi alcuni inverni avranno decessi peggiori di altri. Nel complesso, la famiglia dei coronavirus non può mutare con la stessa velocità dell’influenza, quindi c’è poco spazio per le variazioni. Tuttavia, ad ogni variante si è scatenata un’ondata di panico per la maggiore trasmissibilità e mortalità del virus.

Omicron sembra essere più trasmissibile di Delta… ma questo non è necessariamente un male. All’inizio di un’ondata, le nuove varianti sono sempre più trasmissibili delle precedenti e vogliamo che il nostro viroma circostante sia dominato da virus “per lo più innocui”, non da virus altamente letali. Tuttavia, alla fine solo una frazione della popolazione sarà suscettibile a Omicron, come per qualsiasi altra variante.

In termini di ricoveri e decessi, dipenderà (come sempre) da come questi vengono misurati. Lo scorso inverno i ricoveri e i decessi sono stati massicciamente esagerati a causa della sovradiagnosi di pazienti che avevano respirato aria ospedaliera contaminata ma non presentavano sintomi di Covid. La sovradiagnosi è stata evidente nell’alta percentuale di certificati di morte non da COVID mancanti che sono stati sostituiti con quelli dA covid come causa di morte, come illustrato nella figura 1. La sovradiagnosi è stata in parte dovuta al fatto di aver testato solo 2 geni e non 3 e, come per l’alfa, questa è l’intenzione anche per l’Omicron.

 

Figura 1: Grafici che mostrano i decessi covid in rosso e quelli non covid in arancione. Le barre sopra lo zero indicano i decessi in eccesso e quelle sotto lo zero indicano i decessi attesi mancanti. Il grafico superiore mostra i decessi in base alla data di registrazione, evidenziando un chiaro eccesso di decessi non dovuti a covid in autunno. Il grafico sottostante mostra i decessi per data di insorgenza, poiché i dati più recenti non includono tutti i decessi. Tuttavia, i decessi dello scorso inverno mostrano una chiara corrispondenza tra il maggior numero di decessi mancanti per i non-covid e l'aumento delle diagnosi di covid, per poi diminuire insieme dopo il picco.
Figura 1: Grafici che mostrano i decessi covid in rosso e quelli non covid in arancione. Le barre sopra lo zero indicano i decessi in eccesso e quelle sotto lo zero indicano i decessi attesi mancanti. Il grafico superiore mostra i decessi in base alla data di registrazione, evidenziando un chiaro eccesso di decessi non dovuti a covid in autunno. Il grafico sottostante mostra i decessi per data di insorgenza, poiché i dati più recenti non includono tutti i decessi. Tuttavia, i decessi dello scorso inverno mostrano una chiara corrispondenza tra il maggior numero di decessi mancanti per i non-covid e l’aumento delle diagnosi di covid, per poi diminuire insieme dopo il picco.

 

Come quasi ogni anno da sempre, a dicembre ci sarà un’impennata di casi di malattie respiratorie, ricoveri e decessi. Molte persone decedute per cause naturali saranno diagnosticate come morte “con Omicron”, ma la loro morte non sarà dovuta a Omicron. Gli ultimi due anni di vita di queste persone sono stati resi infelici da inutili limitazioni del covid e sarebbe una farsa se ulteriori restrizioni limitassero la capacità delle loro famiglie di vivere la loro vita in modo appropriato.

Alla luce di quanto già sappiamo, ci sono tutte le ragioni per aspettarsi un numero di morti “a causa” di Omicron inferiore a quello registrato lo scorso inverno a causa di Alpha, anche se il totale complessivo, una volta inclusi i decessi “con” Omicron, potrebbe essere simile.

Purtroppo c’è anche motivo di aspettarsi che continuino i tentativi di alimentare le fiamme dell’isteria piuttosto che aumentare la capacità degli ospedali. Per rispetto dei nostri anziani e di coloro che sono in lutto per la perdita di persone care, abbiamo il dovere di resistere al panico e all’isteria.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email