Un interessante articolo di Rod Dreher, l’autore de L’opzione Benedetto, che, partendo dai pensieri scritti sul New York Times dal transessuale Andrea Long Chu che sta per subire un intervento di vaginoplastica, illustra la pazzia della nostra cultura, la pazzia del nostro tempo.

Eccolo nella mia traduzione.

Andrea Long Chu in una foto di Kholood Eid per The New York Times

Andrea Long Chu in una foto di Kholood Eid per The New York Times

 

Sedetevi e leggete questo saggio sul New York Times di Andrea Long Chu. È, inavvertitamente, un’icona della nostra cultura radicalmente disordinata. Ecco come inizia:

Giovedì prossimo, mi faranno una vagina. L’operazione durerà circa sei ore, e sarò in convalescenza per almeno tre mesi. Fino al giorno della mia morte, il mio corpo considererà la vagina come una ferita; di conseguenza, richiederà un’attenzione regolare e dolorosa da mantenere. Questo è ciò che voglio, ma non c’è garanzia che mi renderà più felice. In realtà, non mi aspetto che lo faccia. Questo non dovrebbe impedirmi di ottenerla.

Potrebbe esserci una dichiarazione più succinta della nostra particolarissima follia culturale? Quello che voglio è contro la natura, e credo che mi renderà infelice, ma io lo voglio, e tutti voi fareste meglio a darmelo.

Chu continua dicendo che essere sotto cura di estrogeni lo ha reso ancora più infelice di quanto non lo fosse all’inizio:

Come molti dei miei amici trans, ho guardato il mio fumetto della disforia da quando ho iniziato la transizione. Ora mi sento molto forte circa la lunghezza dei miei indici (dita) – abbastanza da sfilare a volte timidamente la mano dalla mia ragazza mentre camminiamo per strada. Quando mi dice che sono bello, me ne risento. Sono stato fuori. So cos’è la bellezza. Non trattarmi con condiscendenza.

Non sono stato sul punto di suicidarmi prima degli ormoni. Ora spesso lo sono.

Non lo farò, probabilmente. Spezzare il cuore è rivoltante. Te lo dico non perché sto cercando di guadagnarmi la simpatia, ma per prepararti per quello che ti sto dicendo ora: voglio comunque tutto questo, tutto questo. Voglio le lacrime, voglio il dolore. La transizione non deve rendermi felice affinché io lo voglia. Lasciate a se stesse, le persone raramente perseguono ciò che le fa sentire bene a lungo termine. Il desiderio e la felicità sono agenti indipendenti.

E ancora:

Ma credo anche che l’unico prerequisito della chirurgia dovrebbe essere la semplice dimostrazione del desiderio. Al di là di questo, nessuna quantità di dolore, anticipato o continuato, giustifica il suo rifiuto.

Nulla, nemmeno l’intervento chirurgico, mi garantirà la muta semplicità di essere sempre stata una donna. Vivrò con questo, oppure no. Va bene. Le passioni negative – dolore, odio per se stessi, vergogna, rimpianto – sono un diritto umano tanto quanto l’assistenza sanitaria universale, o il cibo. Non ci sono buoni risultati nella transizione. Ci sono solo persone che chiedono di essere prese sul serio.

Leggete tutto l’articolo qui.

Capite cosa sta succedendo qui? Chu dice che le cure che gli hanno dato i medici lo stanno facendo ammalare di più, facendogli persino desiderare il suicidio. Ma se vuole soffrire e morire, allora dovrebbe avere questo diritto. Soddisfare il desiderio è l’unica cosa che conta.  

Questo povero uomo con i capelli color asparago si sottoporrà alle mutilazioni la prossima settimana, e dovrà passare il resto della sua vita inserendo un oggetto nella ferita che i chirurghi avranno fatto nella sua zona pubica, per evitare che il suo corpo si guarisca da solo. Quest’uomo – “come molti dei miei amici trans” – si aspetta che questa procedura medica non lo renda più felice, e di fatto può farlo sentire più triste, persino suicida.

Ma lo vuole. Persone come lui vogliono che tutta la società rovesci le sue leggi, i suoi costumi e le sue norme per facilitare questo desiderio, e che agisca come se non ci fosse nulla di sbagliato in esso. E la società sta dando loro ciò che vogliono, e punendo coloro che negano che questo sia il paradiso.

Liberare la volontà autonoma dal sesso e dalle norme di genere (cioè norme sulla definizione di sesso, ndr) è il summum bonum del progressismo americano contemporaneo. L’insaziabilmente triste Andrea Long Chu è la sua incarnazione.

Da L’opzione Benedetto:

“Il significato della differenza sessuale non è mai stato condizionato prima d’ora dalle preferenze di una creatura, o dal fatto che Dio abbia o meno dato episodicamente ad una particolare creatura di avere certe preferenze”, scrive il teologo cattolico Christopher Roberts. Egli continua dicendo che per i cristiani, il significato della sessualità è sempre dipeso dal suo rapporto con l’ordine creato e con l’escatologia, il fine ultimo dell’uomo. “Come era particolarmente chiaro, forse per la prima volta in Lutero, il fatto di una creazione sessualmente differenziata è considerato dall’uomo come un’informazione di Dio su chi e cosa significhi essere umano”, scrive Roberts.

Contrariamente alla moderna teoria di genere, la questione non è “Siamo uomini o donne?”, ma come dobbiamo essere uomini e donne insieme? La legittimità del nostro desiderio sessuale è limitata dalla natura che ci è stata data. I fatti della nostra biologia non sono incidentali alla nostra personalità. Il matrimonio deve essere sessualmente complementare perché solo la coppia maschio-femmina rispecchia la generatività dell’ordine divino. “Maschio e femmina li creò”, dice Genesi, rivelando che la complementarietà è scritta nella natura della realtà.

Il divorzio facile estende il legame sacro del matrimonio fino al punto di rottura, ma non nega la complementarità. Il matrimonio gay sì. Allo stesso modo, il transgenderismo non si limita a piegare ma rompe la realtà biologica e metafisica di uomini e donne. Tutto in questo dibattito (e molte altre cose tra cristianesimo tradizionale e modernità) gira su come rispondere alla domanda: il mondo naturale e i suoi limiti sono un dato di fatto, o siamo liberi di fare con esso ciò che desideriamo?

La ferita sessualizzata di Andrea Long Chu che non guarirà mai è la risposta del progressismo. Riporto un altro passo da L’opzione Benedetto:

Gli storici del futuro si chiederanno come i desideri sessuali di persone che sono solamente il tre-quattro per cento della popolazione siano diventati il fulcro su cui un’intera visione del mondo è stata rimossa e rovesciata. Una risposta parziale è che la colpa è dei media. Nel 1993, una storia di copertina del giornale Nation ha identificato la causa dei diritti degli omosessuali come il vertice e la chiave di volta della guerra culturale:

Tutte le attuali lotte controcorrenti di liberazione sono racchiuse nella lotta gay. Il momento gay è per certi versi simile al momento che altre comunità hanno vissuto nel passato della nazione, ma è anche qualcosa di più, perché l’identità sessuale è in crisi in tutta la popolazione, e le persone gay – in passato i soggetti e gli oggetti più vistosi della crisi – sono state costrette a inventare una cosmologia completa per afferrarla. Nessuno dice che i cambiamenti arriveranno facilmente. Ma è possibile che una piccola e disprezzata minoranza sessuale cambierà per sempre l’America.

Siamo andati oltre i gay per permettere alle persone transgender – meno dell’uno per cento della popolazione – di cambiare per sempre l’America.

Progressisti! Fanno un deserto e lo chiamano pace. Tagliano uno squarcio e lo chiamano vagina. Ci rendono tutti pazzi, e chiamano i pazzi sani di mente.

Se volete salvare voi stessi e i vostri figli da questo destino, voltate le spalle ora. Lasciate che i morti seppelliscano i loro morti. Lasciate che i nostri migliori chirurghi facciano buchi nei nostri giovani con disagio mentale, e li chiamiamo eroi.

E il Giuramento di Ippocrate? Qui c’è qualcuno che dichiara sulle pagine del New York Times che l’intervento chirurgico che sta per subire non lo renderà più felice, e di fatto potrebbe portarlo al suicidio. Ma non gli importa. Vuole quello che vuole. In un giusto ordine, quei chirurghi sarebbero accusati di un crimine se lo facessero. Il desiderio è l’unico criterio di salute, siamo a questo punto ora? E se qualcuno volesse farsi amputare le gambe? O suicidarsi? Dove sono i limiti?

Nichilisti. Noi non siamo altro che nichilisti. Siamo malvagi e meritiamo di essere giudicati.

 

Fonte: The American Conservative

 

.

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email