Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Zachary Stieber e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccini COVID (foto Dado Ruvic/Illustration/Reuters)
vaccini COVID (foto Dado Ruvic/Illustration/Reuters)

 

Secondo un nuovo studio, la vaccinazione ripetuta contro il COVID-19 indebolisce il sistema immunitario, rendendo le persone potenzialmente suscettibili a patologie potenzialmente letali come il cancro.

Dosi multiple dei vaccini COVID-19 di Pfizer o Moderna portano a livelli più elevati di anticorpi chiamati IgG4, che possono fornire un effetto protettivo. Ma un numero crescente di prove indica che i “livelli anormalmente elevati” di questa sottoclasse di immunoglobuline rendono in realtà il sistema immunitario più suscettibile alla proteina spike COVID-19 contenuta nei vaccini, affermano i ricercatori nel documento.

I ricercatori hanno fatto riferimento a esperimenti condotti sui topi che hanno rilevato che più richiami in aggiunta alla vaccinazione COVID-19 iniziale “riducono significativamente” la protezione contro entrambe le varianti del virus Delta e Omicron e a test che hanno rilevato un picco nei livelli di IgG4 dopo la vaccinazione Pfizer ripetuta, suggerendo un esaurimento immunitario.

Gli studi hanno rilevato livelli più elevati di IgG4 nelle persone decedute a causa della COVID-19 rispetto a quelle guarite e hanno messo in relazione i livelli con un altro determinante noto della mortalità legata alla COVID-19, hanno osservato i ricercatori.

Una revisione della letteratura ha mostrato che anche i vaccini contro l’HIV, la malaria e la pertosse inducono la produzione di IgG4.

“In sintesi, gli studi epidemiologici sulla COVID-19 citati nel nostro lavoro e il fallimento dei vaccini contro l’HIV, la malaria e la pertosse costituiscono una prova inconfutabile che dimostra che un aumento dei livelli di IgG4 compromette le risposte immunitarie”, ha dichiarato via e-mail a The Epoch Times Alberto Rubio Casillas, ricercatore del laboratorio di biologia dell’Università di Guadalajara in Messico e uno degli autori del nuovo lavoro.

Il documento è stato pubblicato a maggio dalla rivista Vaccines.

I funzionari di Pfizer e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento.

Entrambe le aziende utilizzano la tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA) nei loro vaccini.

Il dottor Robert Malone, che ha contribuito a inventare la tecnologia, ha dichiarato che il documento illustra il motivo per cui ha messo in guardia sugli effetti negativi delle vaccinazioni ripetute.

“Ho avvertito che un numero maggiore di vaccinazioni può portare a quella che viene chiamata tolleranza di zona elevata, di cui il passaggio alle IgG4 è uno dei meccanismi. E ora abbiamo dati che dimostrano chiaramente che ciò si verifica nel caso di questo e di altri vaccini”, ha dichiarato Malone, che non era coinvolto nello studio, a The Epoch Times.

“Quindi, in sostanza, sta convalidando il fatto che questa fretta di somministrare e risomministrare senza avere dati solidi a sostegno di queste decisioni è stata altamente controproducente e sembra aver portato a una coorte di persone che sono effettivamente più suscettibili alla malattia”.

 

Possibili problemi

Secondo i ricercatori, l’indebolimento del sistema immunitario provocato dalle vaccinazioni ripetute potrebbe portare a gravi problemi, tra cui il cancro.

“L’aumento della sintesi di IgG4 dovuto alla vaccinazione ripetuta con mRNA ad alta concentrazione di antigene può anche causare malattie autoimmuni e promuovere la crescita del cancro e la miocardite autoimmune in individui suscettibili”, hanno scritto nel documento.

La miocardite è una forma di infiammazione cardiaca causata dalla vaccinazione COVID-19 e il rischio maggiore è rappresentato dai giovani maschi.

Secondo i ricercatori, le potenziali conseguenze a lungo termine di una vaccinazione ripetuta includono che le persone vaccinate che si infettano soffrano di casi più gravi di COVID-19.

“Senza un adeguato livello di protezione, anche le nuove sottovarianti Omicron (considerate lievi) potrebbero causare gravi danni multiorgano e morte in individui immunocompromessi e con comorbilità”, hanno dichiarato.

Alcuni studi hanno classificato i vaccinati come soggetti a maggior rischio di infezione rispetto alle persone che godono dell’immunità naturale o della protezione post-ricovero. Uno studio recente, pubblicato in aprile da Open Forum Infectious Diseases, ha rilevato che ogni dose aggiuntiva aumenta il rischio di infezione.

La tolleranza derivante dall’aumento dei livelli di IgG4 significa che il sistema immunitario non è in grado di rispondere agli antigeni, o a sostanze estranee, ha detto Malone.

Ulteriori esperimenti potrebbero prevedere di seguire i pazienti vaccinati nel tempo e di confrontare il loro profilo anticorpale con quello di un gruppo di persone naturalmente immuni, ha detto Malone. Altri test potrebbero includere studi in vitro o esperimenti sugli animali, ha detto Casillas.

 

Approccio cauto giustificato

Il nuovo lavoro dimostra che la vaccinazione ripetuta “dovrebbe essere affrontata con cautela”, hanno detto i ricercatori.

Alcuni Paesi hanno recentemente interrotto o rallentato le raccomandazioni per la vaccinazione COVID-19 dopo anni di promozione di vaccinazioni ripetute, poiché i dati dimostrano che i vaccini forniscono una protezione inferiore alle aspettative contro le infezioni e una protezione di breve durata contro le malattie gravi. Gli Stati Uniti, per esempio, hanno smesso di raccomandare i richiami per tutti e hanno modificato la vaccinazione primaria dei vaccini Moderna e Pfizer da due dosi a una.

Tuttavia, alcune agenzie sanitarie si stanno muovendo verso un modello basato sull’approccio alla vaccinazione antinfluenzale. Ciò comporterebbe la selezione di composizioni vaccinali aggiornate ogni anno, mirate a colpire i ceppi COVID-19 circolanti, e la raccomandazione di vaccinare annualmente alcuni gruppi, o praticamente tutti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato a maggio che la composizione dovrebbe essere aggiornata per concentrarsi sulla sottovariante XBB.1 Omicron “al fine di migliorare la protezione”. I consulenti della Food and Drug Administration statunitense si riuniranno a giugno per valutare se i vaccini debbano essere aggiornati per la “campagna di vaccinazione” del 2023-2024. I funzionari di molti Paesi hanno già sospeso i vecchi vaccini Moderna e Pfizer e hanno autorizzato le iniezioni mirate alle sottovarianti BA.1 o BA.4/BA.5 Omicron.

Zachary Stieber

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments