Aumentano le segnalazioni di persone a cui è stato diagnosticato l’herpes zoster. Tali segnalazioni riguardano persone anche giovani, cosa alquanto insolita. Ecco un articolo scritto da Meiling Lee, pubblicato su The Epoch Times, che vi propongo nella mia traduzione.

 

vaccino vaccinazione puntura siringa braccio covid
Foto: Stephane de Sakutin/AFP

 

Medici e scienziati hanno riscontrato un aumento della riattivazione del virus della varicella, noto come virus varicella-zoster (VZV), in seguito alle iniezioni di COVID-19.

Il virus della varicella è uno degli otto virus erpetici noti per infettare l’uomo. Dopo aver contratto e guarito dalla varicella, il virus non lascia mai il corpo, ma rimane dormiente nel sistema nervoso per tutta la vita.

Quando si riattiva, il virus della varicella si manifesta come herpes zoster (HZ).

Le autorità sanitarie federali sostengono che non vi è alcuna correlazione tra le iniezioni di COVID-19 e l’herpes zoster, ma gli studi dimostrano che vi è una maggiore incidenza di herpes zoster nelle persone che hanno ricevuto il vaccino.

Israele è stato uno dei primi Paesi a pubblicare una serie di casi di sei donne (su 491 partecipanti) con un disturbo autoimmune che hanno sviluppato l’herpes zoster da 3 a 14 giorni dopo aver ricevuto la prima o la seconda dose di vaccino COVID-19 di Pfizer. Nessuna delle 99 partecipanti al gruppo di controllo ha sviluppato l’herpes zoster. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Rheumatology nell’aprile 2021.

“A nostra conoscenza, non sono stati segnalati rash cutanei simili alla varicella o HZ negli studi clinici del vaccino COVID-19 a base di mRNA e la nostra serie di casi è la prima a riportare questa osservazione in pazienti in una fascia di età relativamente giovane: 36-61 anni, età media 49 ± 11 anni”, scrivono gli autori.

Essi sperano che la pubblicazione di questa serie di casi possa “aumentare la consapevolezza di un potenziale legame causale tra la vaccinazione COVID-19 come fattore scatenante della riattivazione dell’HZ in pazienti relativamente giovani con AIIRD [malattie reumatiche infiammatorie autoimmuni] stabili”.

 

Uomo con cicatrici da herpes zoster il 21 giugno 2022. (Meiling Lee/The Epoch Times)
Uomo con cicatrici da herpes zoster il 21 giugno 2022. (Meiling Lee/The Epoch Times)

 

In un altro caso di studio proveniente da Taiwan, i ricercatori hanno riportato tre uomini sani di 71, 46 e 42 anni che hanno sviluppato l’herpes zoster da due a sette giorni dopo la prima dose di Moderna o di COVID-19 di AstraZeneca.

“L’herpes zoster non compare spesso dopo la somministrazione di altri tipi di vaccinazioni”, scrivono i ricercatori. “Ma abbiamo ritenuto che potesse esserci un legame tra il vaccino COVID-19 e la comparsa di HZ”.

“Una delle ragioni è il breve ritardo dell’insorgenza dopo la vaccinazione. L’altra ragione è che questi tre pazienti erano immunocompetenti”, hanno aggiunto.

Lo studio più ampio finora condotto, basato su dati reali (pdf) di oltre due milioni di pazienti, ha riscontrato una maggiore incidenza di herpes zoster tra i vaccinati (che avevano ricevuto un’iniezione di COVID-19 entro 60 giorni) rispetto alla coorte dei non vaccinati, ai quali era stato diagnosticato l’herpes zoster entro 60 giorni dalla visita a un ufficio sanitario per qualsiasi altro motivo.

Secondo i ricercatori, il rischio di sviluppare l’herpes zoster è stato calcolato come 0,20% per il gruppo vaccinato e 0,11% per quello non vaccinato, e la “differenza era statisticamente molto significativa”.

“La riattivazione del virus varicella-zoster sembra essere una potenziale ADR [reazione avversa al farmaco] dei vaccini COVID-19, almeno per le formulazioni a base di mRNA LNP (Nano Particelle Lipidiche, ndr)” , hanno scritto gli autori, aggiungendo che “la vaccinazione contro COVID-19 sembra potenzialmente aumentare il rischio di accelerare l’HZ [herpes zoster]”.

Il dottor Richard Urso, oftalmologo e specialista in progettazione e trattamento di farmaci, ha dichiarato al programma “American Thought Leaders” di EpochTV nell’aprile del 2022 che dei tre-cinque pazienti che vede a settimana con long COVID o con problemi dopo aver ricevuto l’iniezione di COVID-19, “un numero enorme di loro ha riattivato Epstein-Barr, herpes simplex, herpes zoster, CMV”.

A prescindere dall’aumento delle segnalazioni di herpes zoster dopo l’introduzione dell’iniezione COVID-19, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense sostiene di non aver rilevato alcun segnale di sicurezza tra i due.

“La FDA non ha riscontrato alcun segnale di sicurezza per l’herpes zoster in seguito alla somministrazione dei vaccini COVID-19 approvati o autorizzati”, ha dichiarato il mese scorso Abby Capobianco, addetto stampa della FDA, via e-mail a The Epoch Times, aggiungendo che l’agenzia “continuerà a monitorare attentamente la sicurezza di questi vaccini”.

Anche i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) sostengono che “non esiste alcuna connessione attuale” tra i vaccini COVID-19 e la riattivazione del virus della varicella.

Il portavoce del CDC, Scott Pauley, ha dichiarato che qualsiasi reazione avversa riscontrata dopo aver ricevuto un’iniezione di COVID-19 è temporanea ed è un segno positivo che il vaccino sta funzionando.

“Alcune persone hanno effetti collaterali dal vaccino, che sono normali segni che il loro corpo sta costruendo una protezione”, ha scritto Pauley in un’e-mail a The Epoch Times. “Questi effetti collaterali possono influenzare la capacità di svolgere le attività quotidiane, ma dovrebbero scomparire in pochi giorni. Alcune persone non hanno effetti collaterali e le reazioni allergiche sono rare”.

 

Schermata del documento di sicurezza di Pfizer pubblicato nel marzo 2022. L'herpes zoster è uno degli eventi avversi di particolare interesse a cui prestare attenzione in seguito a un'iniezione di COVID-19. (Screenshot da The Epoch Times)
Schermata del documento di sicurezza di Pfizer pubblicato nel marzo 2022. L’herpes zoster è uno degli eventi avversi di particolare interesse a cui prestare attenzione in seguito a un’iniezione di COVID-19. (Screenshot da The Epoch Times)

 

L’herpes zoster è elencato come uno dei 1.291 eventi avversi di particolare interesse nel documento sulla sicurezza di Pfizer (pdf) rilasciato dalla FDA nel marzo 2022.

Gli eventi avversi di particolare interesse (AESI) sono effetti collaterali – che possono essere gravi o meno, ma che possono portare a una patologia grave – che gli operatori sanitari dovrebbero tenere sotto controllo dopo la vaccinazione, secondo il dottor Jesse Santiano, medico di pronto soccorso e internista.

“Le patologie elencate non significano che il vaccino COVID-19 di Pfizer le causi tutte”, ha dichiarato Santiano l’11 maggio. “Questo perché non abbiamo abbastanza dati per trarre questa conclusione, almeno non ancora”.

L’elenco delle patologie non è specifico solo per Pfizer, ma per tutti i vaccini COVID-19 somministrati a livello globale. Chiunque abbia ricevuto un’iniezione di COVID-19 e poi abbia ricevuto una diagnosi di un disturbo incluso nell’elenco – sia mesi che anni dopo l’iniezione – dovrebbe fare una segnalazione al produttore del vaccino o al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS).

Le prime segnalazioni al VAERS di persone che hanno sviluppato l’eruzione cutanea dolorosa dopo l’iniezione di COVID-19 risalgono al dicembre 2020. Secondo gli ultimi dati VAERS al 10 giugno 2022, nel database erano presenti 1,301 milioni di segnalazioni totali di COVID-19, di cui 13.887 casi di herpes zoster.

In confronto, una ricerca sui vaccini contro l’herpes zoster e l’influenza o sul vaccino contro l’herpes zoster ha dato come risultato 1.127 eventi totali negli ultimi tre decenni e più di 18.000 eventi in oltre 15 anni, rispettivamente.

Il CDC afferma che le segnalazioni VAERS non significano necessariamente che il vaccino abbia causato l’effetto avverso.

The Epoch Times ha contattato Pfizer per una richiesta di commento.

 

Trattamento

L’herpes zoster è caratterizzato da un’eruzione cutanea dolorosa, simile a una striscia, o da piccole vesciche che di solito compaiono su un lato del corpo o del viso.

Molti soggetti affetti da herpes zoster manifestano uno o più dei seguenti sintomi: dolore bruciante e lancinante; vesciche piene di liquido; prurito, formicolio o intorpidimento della pelle; febbre, brividi, mal di testa o mal di stomaco.

La malattia di solito si risolve in due o quattro settimane dopo la comparsa delle vesciche, ma alcune persone possono sviluppare complicazioni come dolore nervoso persistente, noto come nevralgia post-erpetica, perdita della vista o dell’udito e sindrome di Ramsay Hunt, che causa paralisi facciale.

 

Schermata di un'eruzione cutanea da herpes zoster con grappoli di vescicole. (CDC MMWR/screenshot by The Epoch Times)
Schermata di un’eruzione cutanea da herpes zoster con grappoli di vescicole. (CDC MMWR/screenshot by The Epoch Times)

 

Quando l’eruzione cutanea è allo stadio di vescica, le persone affette da herpes zoster possono diffondere il virus a coloro che non hanno ancora avuto la varicella o il vaccino contro la varicella.

La National Foundation for Infectious Diseases afferma che circa 1 milione di americani sviluppa l’herpes zoster ogni anno e “metà della popolazione che vive fino a 85 anni sperimenterà l’herpes zoster nel corso della propria vita”.

Non è chiaro cosa scateni la riattivazione del virus della varicella, ma il fattore di rischio più significativo per l’herpes zoster è un sistema immunitario indebolito o compromesso. Se il sistema immunitario non funziona correttamente, il virus della varicella può riattivarsi.

Lo stress estremo, l’età avanzata, l’assunzione di farmaci immunosoppressori o alcune malattie e vaccini sono fattori che possono aumentare il rischio di herpes zoster.

Sebbene il rischio di contrarre l’herpes zoster aumenti per le persone di 50 anni e più, alcuni studi hanno dimostrato che l’herpes zoster può manifestarsi anche in persone giovani e sane dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19.

Il dottor Keith Berkowitz, internista, afferma che l’herpes zoster si presenta di solito come una malattia secondaria.

“In genere, l’herpes zoster non è mai un processo primario, ma un processo secondario”, ha dichiarato Berkowitz a The Epoch Times. “È qualcosa che compromette il sistema immunitario che porta a sviluppare l’herpes zoster”.

Il trattamento per l’herpes zoster deve iniziare immediatamente dopo la comparsa dell’eruzione cutanea e consiste in uno dei tre antivirali approvati dalla FDA per “ridurre la durata e la gravità della malattia” e in farmaci per il dolore nervoso, secondo il CDC. Anche impacchi freddi e umidi, lozioni alla calamina e bagni di farina d’avena colloidale possono aiutare ad alleviare il prurito.

 

Vitamina D

 

Secondo Berkowitz, che li prescrive ai suoi pazienti, l’herpes zoster può essere trattato anche con integratori come la lisina, la quercetina e la vitamina D (se assunti precocemente).

Egli afferma che il rapporto tra lisina e arginina nell’organismo di una persona è particolarmente importante quando si tratta di herpes zoster.

“La diffusione dell’herpes zoster richiede la moltiplicazione del virus e l’aminoacido arginina che aiuta il virus dell’herpes a replicarsi. La lisina interferisce con l’arginina e aiuta a prevenire la diffusione dell’herpes”, ha detto Berkowitz.

La lisina e l’arginina sono aminoacidi essenziali, necessari per aiutare l’organismo a costruire le proteine. A differenza dell’arginina, l’organismo non è in grado di produrre autonomamente la lisina, che può essere ottenuta solo da alcuni alimenti o con un’integrazione. Durante un’epidemia di herpes zoster, è consigliabile evitare gli alimenti ad alto contenuto di arginina, come noci e semi, tofu e cioccolato, tra gli altri.

La quercetina, un pigmento naturale (flavonoide) presente in molte verdure, frutta e cereali, ha effetti antinfiammatori e antiossidanti “che potrebbero aiutare a ridurre il gonfiore, a uccidere le cellule tumorali, a controllare la glicemia e a prevenire le malattie cardiache”, secondo webmd.com. Berkowitz afferma che la quercetina “sopprime la replicazione virale” nell’herpes zoster.

Per quanto riguarda la vitamina D, Berkowitz spiega che “agisce come un modificatore di effetti per l’intero spettro dell’herpes zoster per quanto riguarda la suscettibilità alla malattia, la manifestazione, l’efficacia della gestione farmacologica e le complicazioni emergenti durante il trattamento”.

Gli studi hanno dimostrato che la vitamina D ha funzioni importanti che vanno oltre la semplice salute delle ossa, tra cui la regolazione della funzione immunitaria e dell’infiammazione.

Oltre alla lisina, alla quercetina e alla vitamina D, Berkowitz suggerisce anche l’assunzione di probiotici come il lactobacillus per contribuire a migliorare il sistema immunitario.

“I probiotici come il lattobacillo possono aiutare a trattare l’herpes rafforzando il sistema immunitario del corpo”, ha detto Berkowitz. “Nel lattobacillo si trovano speciali peptidi che sono essenziali per indurre una rapida risposta immunitaria nel corpo. Una volta attivato, il sistema immunitario può svolgere il suo lavoro di protezione dell’organismo”.

Le persone che presentano i sintomi dell’herpes zoster dovrebbero consultare il proprio medico per capire quale sia il trattamento più adatto a loro. Chi manifesta l’herpes zoster sul viso deve rivolgersi immediatamente a un medico.

Il CDC raccomanda il vaccino contro l’herpes zoster agli anziani a partire dai 50 anni e agli adulti a partire dai 19 anni “che hanno un sistema immunitario indebolito a causa di malattie o terapie” per prevenire la malattia.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email