La miocardite da vaccino non è banale, lieve o “rara”. Nei giovani uomini, è un rischio molto più grande dell’ospedalizzazione e della morte per Covid.

Di seguito vi propongo un articolo scritto da Rav Arora, pubblicato sul suo substack. Eccolo nella mia traduzione. 

 

 

Il 12 maggio dello scorso anno, l’insegnante Emily Jo ha portato il figlio quattordicenne Aiden a fare la prima dose di vaccino Pfizer. Le autorità sanitarie pubbliche e il pediatra di suo figlio avevano raccomandato all’unanimità la vaccinazione, spingendola a prendere la decisione. Sapeva che le iniezioni di mRNA causano un certo numero di eventi avversi, come tutti i vaccini, ma è stata rassicurata dalla raccomandazione pubblica del CDC (organismo di controllo sulla sanità pubblica degli Stati Uniti d’America, ndr) e della Casa Bianca.

“La comunità medica tradizionale sosteneva che la miocardite da vaccino fosse lieve e che fosse molto rara”, mi ha detto.

All’epoca, nonostante i rapporti allarmanti sulle infiammazioni cardiache provenienti da Israele, il CDC affermò pubblicamente di non aver trovato alcun segnale di miocardite dopo aver esaminato “intenzionalmente” oltre 200 milioni di dosi somministrate.

 

 

Inoltre, Emily Jo non è mai stata avvertita del rischio di miocardite o informata del profilo rischio-beneficio.

“Quando ho portato Aiden a fare i vaccini al centro di vaccinazione, non c’era alcuna avvertenza sulla miocardite. Non siamo stati informati di alcun effetto collaterale di cui essere consapevoli”, ha detto la signora.

In nome della sicurezza pubblica, dell’innovazione scientifica e della salute personale, Emily Jo ha inviato un tweet celebrativo in cui dichiara che lei e la sua famiglia erano “così grati” che il loro figlio adolescente fosse riuscito a vaccinarsi.

 

 

Tuttavia, il suo orgoglio e il suo sollievo si rivelarono tragicamente di breve durata. Due giorni dopo la seconda dose di vaccino (somministrata un mese dopo la prima), il figlio è finito in ospedale dopo aver accusato un forte dolore al petto. È stato trasferito in una stanza del reparto di cardiologia acuta, dove gli sono stati riscontrati livelli elevati di troponina (un segno chiave di danno cardiaco) e un elettrocardiogramma anormale. Tutti i medici con cui Emily Jo ha parlato all’ospedale pediatrico Children’s Healthcare di Atlanta hanno confermato che suo figlio aveva una miocardite indotta dal vaccino.

 

Aidan è stato ricoverato all'ospedale pediatrico di Atlanta il 12 giugno 2021, due giorni dopo il vaccino Pfizer.
Aidan è stato ricoverato all’ospedale pediatrico di Atlanta il 12 giugno 2021, due giorni dopo il vaccino Pfizer.

 

Viste le condizioni disastrose del figlio, Emily temeva che Aidan potesse morire o subire una lesione catastrofica. Fortunatamente, dopo quattro giorni di angoscia in ospedale, i livelli di troponina di Aidan sono tornati ai valori di base ed è stato dimesso. Tuttavia, questo non significava che potesse tornare alla sua vita normale. Aidan non poté fare attività fisica per sei mesi. Sport, escursioni e altre forme di esercizio fisico sono state considerate troppo pericolose per il suo cuore, una conseguenza tipica delle lesioni miocardiche.

“Non avevo idea di quanto la miocardite ‘lieve’ possa cambiare la vita. Faccio molta fatica ad attribuire l’etichetta ‘lieve’ a qualcosa che richiede un ricovero in ospedale e mesi di inattività”, ha detto Emily Jo.

La preoccupazione più grave per la lesione da vaccino di Aidan non è la straziante esperienza in sé, ma la frequenza con cui si verifica. Praticamente qualsiasi sostanza o farmaco produce una gamma di reazioni diverse nella popolazione umana. Come molti commentatori hanno giustamente notato, se si somministrano arachidi a tutti, ci sarà un certo numero di morti e di casi di anafilassi.

La rara incidenza di anomalie pericolose per la vita non significa che le arachidi producano un danno netto o che debbano essere vietate del tutto. Le interazioni tragiche con qualsiasi tipo di esternalità sono spesso esagerate e sfruttate per giustificare programmi ideologici irrazionali. Ad esempio, il trattamento riservato dall’agente di Minneapolis Derek Chauvin a George Floyd ha aperto la strada a iniziative radicali di “Abolire la polizia”.

Nel caso dei vaccini COVID-19 che causano miocardite, non abbiamo a che fare con rapporti banali di uno su un milione o addirittura uno su diecimila. Tra i dati più solidi di cui disponiamo – secondo la dottoressa Tracy Beth Hoeg (Dipartimento della Salute della Florida) e il dottor Marty Makary (Johns Hopkins University) – c’è quello della dottoressa Katie Sharff (che ha fatto vaccinare suo figlio piccolo) e dei suoi colleghi, che hanno analizzato un ampio database di Kaiser Permanente.

Andando oltre gli altri metodi di studio, Sharff ha trovato una serie di casi di miocardite da vaccino che non erano esplicitamente etichettati come tali o che non rientravano nei parametri della ricerca sulla sicurezza dei vaccini del CDC. Dopo aver effettuato una ricerca esaustiva delle cartelle cliniche del Kaiser, Sharff e colleghi hanno riscontrato un tasso di miocardite su 1.862 dopo la seconda dose nei giovani uomini di età compresa tra i 18 e i 24 anni. Per i ragazzi tra i 12 e i 17 anni, il tasso era di 1 su 2.650. I Paesi con un monitoraggio attivo dei dati medici (che soffrono di una sotto-segnalazione molto minore rispetto al sistema passivo degli Stati Uniti), come Hong Kong, mostrano cifre praticamente identiche. Il rischio di miocardite indotta dal vaccino rimane elevato per gli uomini fino ai 40 anni.

 

 

Non è necessario essere un teorico della cospirazione anti-vaccini per riconoscere che queste cifre sono allarmanti.

Storicamente, sono stati ritirati vaccini con profili di eventi avversi molto più bassi – ma comunque ritenuti troppo elevati – rispetto al segnale di miocardite da mRNA. Il vaccino contro l’influenza suina del 1976 fu ritirato a causa di un rischio di sindrome di Guillain-Barre pari a 1 su 100.000.

Un rischio di miocardite da vaccino di circa 1 su 3.000 nei giovani maschi sarebbe favorevole solo in un’analisi costi-benefici in cui il rischio di malattia sarebbe notevolmente grave.

Il tasso di mortalità per infezione da Covid prima del vaccino per le persone sotto i 30 anni era dello 0,003%.

Il rischio di miocardite da vaccino dopo la seconda dose (0,03%) è dieci volte superiore al tasso di mortalità.

Oggi, poiché la stragrande maggioranza dei giovani americani è stata precedentemente infettata da Covid una o due volte, il calcolo è cambiato. Mettendo da parte la questione se abbia senso che le persone non vaccinate si sottopongano alla serie primaria mirata alle varianti obsolete, il rischio di miocardite (nei giovani maschi) derivante anche da una sola dose eclissa quello di ricoveri ospedalieri per reinfezione. Josh Stevenson – un analista di dati che è stato coautore di diversi studi sulla miocardite da vaccino – ha disegnato il seguente grafico a barre che confronta i rischi:

 

 

 

fonte: Relevant data

 

L’uso delle statistiche sui ricoveri Covid invece che sui decessi è un confronto più accurato, poiché i decessi dovuti a Covid sono praticamente inesistenti in popolazioni giovani e sane. Tuttavia, le differenze sono enormi. Per esempio, il rischio di miocardite da dose uno nei maschi di età compresa tra 18 e 24 anni è 15 volte superiore al ricovero ospedaliero da reinfezione da Covid. Per la seconda dose, il rischio differenziale è di ben 61 volte superiore.

A meno che un giovane uomo non sia immunocompromesso, obeso o affetto da altre gravi condizioni di salute, l’assunzione di qualsiasi vaccino mRNA Covid comporta molti più rischi che benefici. I dati migliori indicano che questo è un dato di fatto, anche se i media tradizionali non ne tengono conto.

***

Casi come quello di Aidan hanno spinto molte voci oneste nella comunità della salute pubblica a riflettere sulle raccomandazioni vaccinali top-down del CDC. Il dottor Anish Koka, rinomato cardiologo con una propria clinica a Philadelphia, ritiene che gli esperti medici avrebbero dovuto essere “più cauti nel raccomandare questo vaccino a pazienti a basso rischio fin dall’inizio”.

Come mi ha spiegato via e-mail, “la miocardite clinica non è mai lieve: in un recente lavoro su ragazzi di 12-29 anni si è scoperto che il 25% dei pazienti affetti da miocardite finisce in terapia intensiva e che un paziente ha avuto bisogno dell’ECMO (una macchina cuore-polmone modificata) per rimanere in vita”.

 

 

“Anche l’impatto a lungo termine delle cicatrici persistenti, evidenti nel follow-up della risonanza magnetica cardiaca, non è noto”, ha aggiunto.

Koka ritiene che “ad aprile (del 2021) era evidente che c’era un vero e proprio segnale sulla sicurezza” e si chiede perché le autorità sanitarie pubbliche “non abbiano preso decisioni fin da allora per informare almeno il pubblico su questo potenziale effetto collaterale”. “

Invece di mitigare i rischi distanziando ulteriormente le dosi di vaccino, di raccomandare Pfizer rispetto a Moderna e di essere onesti sui rischi quasi nulli di esiti gravi nei gruppi più giovani e sani, Big Pharma, in collusione con il governo, ha optato incautamente per decreti universali.

Ripensando alla possibile negligenza e imprudenza del CDC e della Food and Drug Administration (FDA), Khoka ha dichiarato che il danno perpetrato è “inconcepibile”.

Un numero sempre maggiore di medici professionisti si sta esprimendo sulla forte probabilità che la miocardite indotta dal vaccino si verifichi a un tasso di gran lunga superiore ai decessi e ai ricoveri in uomini sani e naturalmente immunizzati di età inferiore ai 40 anni. Il professore di salute pubblica della Johns Hopkins Marty Makary ha recentemente scritto in un tweet:

“Lo scorso anno il NEJM (The New England Journal of Medicine, ndr) ha descritto un ventiduenne morto per miocardite indotta da vaccini e ho sentito parlare di molti altri casi. Non ho mai sentito di una persona giovane e sana con immunità naturale che sia morta a causa della Covid. I nostri medici governativi non sono stati onesti riguardo ai rischi e ai benefici nelle persone giovani e sane”.

 

 

Avevo francamente esitato a fare una simile affermazione, poiché non è scientificamente rigorosa, ma poiché questo argomento sta diventando meno tabù, lo dirò ora: Ho sentito parlare (senza cercarli deliberatamente) di diversi casi di miocardite da vaccino in persone giovani e sane, ma ho sentito parlare di zero ricoveri e decessi.

Nel mio ultimo articolo investigativo, ho intervistato un uomo di 38 anni, precedentemente sano e incredibilmente in forma, che si è fatto vaccinare due volte di malavoglia per mantenere il suo lavoro nelle forze dell’ordine.

Non ha sentito parlare di “miocardite indotta da vaccino” fino a quando il medico non gli ha comunicato la diagnosi, quando è finito in ospedale dopo aver rischiato di morire per insufficienza cardiaca (210 battiti al minuto) dopo la seconda dose di Pfizer:

“Lavorare fuori dalla palestra mi ha aiutato a liberare la mente e a stabilire una disciplina nella mia vita… Non posso fare jogging, fare escursioni, giocare a tennis o fare qualsiasi altra cosa per la mia mente e il mio corpo”.

“Vivo con le conseguenze di ciò che il governo mi ha fatto fare, non di ciò che ho scelto di fare”, ha detto.

“Se non fai il vaccino, sei un fuorilegge”, ha aggiunto. “E devi sparire in qualche altro posto della società”.

Forse l’intuizione più dannosa della storia di questo giovane è la frequenza allarmante con cui altri come lui hanno sofferto. Il medico dell’ospedale ha detto che si trattava del terzo paziente con miocardite indotta da vaccino in un mese e mezzo; mentre il suo cardiologo ha detto che si trattava del quarto paziente nella sua clinica nelle ultime settimane.

Tre pazienti affetti da miocardite indotta da vaccino in (circa) 60 giorni in un solo ospedale, su un totale di 139 ospedali principali della Columbia Britannica, indicano che il problema è abbastanza diffuso da giustificare non solo la fine degli obblighi draconiani del governo, ma anche l’interruzione della somministrazione del vaccino in giovani uomini sani (fino a quando non saranno condotti ulteriori studi).

La storia di Desh mostra come la miocardite da vaccino non sia un problema “solo” per i “ragazzi di 14 anni”. È un rischio serio per i giovani uomini in generale.

Non ha molto senso il motivo per cui ai giovani maschi non solo è stato permesso e raccomandato di sottoporsi alla serie di vaccini mRNA, ma è stato imposto dallo Stato (come ho scritto a lungo qui). Questa ingiustizia è ancora più grave ora che sappiamo che i vaccini conferiscono poca o nessuna protezione a lungo termine contro le infezioni.

La madre di Aidan si è recentemente imbattuta in un nuovo documento scientifico che mostra la scarsa efficacia dei vaccini negli adolescenti e ha twittato quanto segue:

Pensare al fatto che Aidan si sia ammalato di miocardite per un’efficacia transitoria del 30,6% è piuttosto esasperante… Questo vaccino della Pfizer era stato inizialmente venduto come efficace al 95%. Un grande cambiamento.

Oggi Aidan è molto lontano dalle condizioni fisiche in cui si trovava prima della doppia vaccinazione. Dopo avergli sconsigliato di fare anche solo una passeggiata per i primi quattro mesi dopo la vaccinazione – e avergli consentito di tornare a fare esercizio fisico dopo sei mesi – il cardiologo di Aidan lo ha autorizzato a fare qualsiasi attività fisica. Tuttavia, “si stanca più facilmente e ha una minore resistenza”, dice Emily.

“Prima era in grado di correre e giocare per ore…. ora si tratta di 20-30 minuti e si esaurisce”, ha aggiunto.

A distanza di più di un anno, Aidan si sta ancora riprendendo da un vaccino che aveva poco a che fare con lui. Sebbene alcuni abbiano biasimato Emily per aver fatto vaccinare suo figlio, non è certo da biasimare per essersi fidata di agenzie sanitarie finanziate dai contribuenti la cui unica funzione è quella di mantenere il pubblico sano e sicuro.

Alla luce dell’oltraggiosa pressione della FDA e dei CDC per vaccinare tutti con il nuovo richiamo “bivalente” – nonostante i rischi di miocardite esplicitamente “sconosciuti” – si spera che più persone si sveglino e rivalutino la loro cieca fiducia in istituzioni che hanno abbandonato di gran lunga la loro missione di mantenerci sicuri e in salute.

 

Leggete la parte 1 e la parte 2 della serie investigativa sulla miocardite da vaccino scritta da Rav Arora.

 

 

Facebook Comments