Di seguito vi propongo un articolo di Ramesh Thakur, ex segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite e professore universitario, pubblicato su Brownstone Institute, che si chiede come sia stato possibile che intere popolazioni siano state capaci di rinunciare alle loro libertà fondamentali e cadere nella rete di una dittatura sanitaria. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

Dittatura sanitaria
Dittatura sanitaria

 

Ho avuto due grandi preoccupazioni durante la pandemia, fin dall’inizio e tuttora in corso. Entrambe riguardano la sensazione che la “coronavirusfobia” abbia preso il sopravvento come base della politica governativa in molti Paesi, con una totale perdita di prospettiva sul fatto che la vita è un equilibrio di rischi praticamente quotidiano.

In primo luogo, la misura in cui le maggioranze dominanti di persone in paesi con alfabetizzazione universale possono essere terrorizzate con successo e costrette a rinunciare alle loro libertà civili e individuali è uno shock spaventoso. C’è questo video davvero sconvolgente della polizia di Melbourne che aggredisce una giovane donna per non aver indossato una mascherina!

Da un lato, le prove della portata e della gravità della pandemia di Covid-19 sono sorprendentemente scarse rispetto alla miriade di altre minacce alla nostra salute che affrontiamo ogni anno. Non vietiamo l’uso delle automobili, perché ogni vita è importante e anche una sola morte per incidenti stradali è una vita persa di troppo. Invece, scambiamo un livello di comodità con un livello di rischio per la vita e l’incolumità fisica.

D’altra parte, le restrizioni imposte alla vita quotidiana come la conosciamo sono state molto più draconiane di qualsiasi altra cosa fatta in precedenza, anche durante la Seconda Guerra Mondiale o la grande influenza del 1918-19. Nelle circostanze attuali, l’argomento dell’importanza cruciale delle libertà è stato esposto in modo molto eloquente dall’ex giudice della Corte Suprema del Regno Unito, Lord Sumption, in un’intervista alla BBC del 31 marzo, e ripetuto più volte in seguito.

Ma è anche un’argomentazione che Benjamin Franklin, uno dei padri fondatori dell’America (e quindi sospetto nell’ambiente post Black Lives Matter e rimozione di statue), fece già nel XVIII secolo: “Coloro che rinuncerebbero alla libertà essenziale per acquistare un po’ di sicurezza temporanea, non meritano né la libertà né la sicurezza”.

Tuttavia, le prove dell’efficacia dei lockdowns draconiani sono poco convincenti. Come ha concluso uno studio di Lancet, “la chiusura rapida delle frontiere, il lockdown totale e i test su larga scala non sono stati associati alla mortalità da COVID-19 per milione di persone”.

In secondo luogo, il coronavirus minaccia di travolgere la salute e le economie di molti Paesi in via di sviluppo, dove un miliardo di persone vive in uno stato di natura hobbesiano e la vita è “brutta, brutale e breve”. Nei Paesi poveri, il maggior numero di morti è causato da malattie infettive trasmesse dall’acqua, carenze nutrizionali e complicazioni neonatali e materne.

Il lockdown ha prodotto la propria versione del dettame di Tucidide, secondo cui i forti fanno quello che possono, i deboli soffrono come devono. Nei Paesi in via di sviluppo, salvare i mezzi di sussistenza non è meno importante che salvare le vite. I privilegiati del jet-set che hanno importato il virus possono utilizzare gli ospedali privati, ma i poveri che hanno infettato hanno scarso accesso a un’assistenza sanitaria decente e saranno devastati in modo sproporzionato. I ricchi portano il virus, i poveri ne sopportano l’onere poiché rimanere a casa significa rinunciare al reddito giornaliero. Milioni di persone “temono che la fame ci uccida prima del coronavirus“.

Rimango molto perplesso su come tante persone che consideravo liberali siano state così totalmente indifferenti alla condizione dei poveri e dei lavoratori occasionali che non hanno il lusso di lavorare da casa, né risparmi su cui contare per tirare avanti la famiglia fino a quando non riusciranno a guadagnare di nuovo un reddito.

Le celebrità che postano video e selfie di lavoro da casa in ville opulente sono decisamente oscene e rivoltanti. Non sorprende che, date le mie origini indiane, sia stato fortemente influenzato dalle immagini dei milioni di lavoratori migranti che, letteralmente in marcia a piedi per migliaia di chilometri, cercavano disperatamente di tornare ai loro villaggi di origine quando il lavoro si esauriva.

Molti sono morti durante il tragitto e il caso straziante di Jamlo Madkam in particolare, una ragazzina di 12 anni che ha percorso 100 km ma è morta di stanchezza a soli 11 km da casa, non ha mai smesso di tormentarmi.

Questo non vuol dire che i Paesi occidentali ad alto reddito siano immuni dagli effetti mortali del lockdown. Ma l’acutezza del duro impatto sui poveri è semplicemente inconcepibile e difficile da comprendere sia intellettualmente che emotivamente.

E dopo questa pandemia? Cosa la preoccupa di più?

La maggior parte della mia risposta a questa domanda è anticipata dalla risposta alla prima domanda: l’impatto a lungo termine sulla salute, sui requisiti nutrizionali, sulla sicurezza alimentare, sul benessere mentale delle persone, eccetera. Fin dall’inizio mi ha preoccupato l’impatto a lungo termine dei lockdowns nel prossimo decennio sulle vite e sui mezzi di sussistenza delle persone povere nei Paesi poveri.

Mi chiedo anche se ci siamo preparati a ripetere la follia ogni anno con le epidemie annuali di influenza, soprattutto se si tratta di una brutta stagione influenzale. Se no, perché? Forse a qualcuno verrà in mente lo slogan “Flu Lives Matter”. Oppure i governi potrebbero semplicemente approvare leggi che rendano illegale per chiunque ammalarsi e morire.

Come e quando torneremo alla “nuova normalità” e come sarà? La globalizzazione ha favorito una prosperità senza precedenti e l’aumento dei risultati in termini di istruzione e salute per miliardi di persone in tutto il mondo, insieme a un ventre oscuro di società incivile. I suoi malumori getteranno via i benefici sostanziali, mentre il mondo si ritirerà ancora una volta dietro i fossati nazionali?

La pandemia dimostra in modo inequivocabile la necessità di smilitarizzare la politica estera e di promuovere una maggiore cooperazione multilaterale contro gravi minacce che sono di natura globale e richiedono soluzioni globali. Quelli che il mio ex capo, il compianto Kofi Annan, chiamava “problemi senza passaporto” richiedono soluzioni senza passaporto. Il rischio è invece di andare nella direzione opposta e di ricreare sistemi di equilibrio di potere regionalizzati in vari punti caldi del mondo.

Le pandemie sono state a lungo identificate come una delle tante sfide globali per le quali il mondo avrebbe dovuto prepararsi in anticipo. Recentemente il Wall Street Journal ha pubblicato un importante articolo investigativo sull’incapacità di farlo, nonostante gli ampi avvertimenti degli scienziati. Un coronavirus mortale era inevitabile. Perché nessuno era pronto?” si chiedevano gli autori, e a ragione.

Un’altra catastrofe in cui sembra che ci stiamo addormentando è una guerra nucleare. E ricordate, il senso dell’analogia con il sonnambulismo è che chi cammina nel sonno non se ne rende conto in quel momento. Altre sfide globali urgenti includono i crescenti squilibri e la fragilità degli ecosistemi, l’esaurimento degli stock ittici, l’insicurezza alimentare e idrica, la desertificazione e, naturalmente, una serie di altre malattie che rimangono i maggiori killer su base annua.

Conclusione

Come riflessione conclusiva, credo che un errore comune sia stato quello di privilegiare la medicina rispetto a tutte le altre considerazioni. In realtà, e certamente con il senno di poi, ma anche fin dall’inizio nel mio caso, ciò avrebbe dovuto comportare una valutazione ponderata di quello che io chiamo “un equilibrio di interessi” (il mio capitolo in The Oxford Handbook of Modern Diplomacy). I governi devono prendere in considerazione e conciliare le politiche mediche, sociali, economiche, liberaldemocratiche, dei diritti umani e internazionali nell’elaborare una risposta integrata di politica pubblica a una pandemia.

Epilogo

Quanto sopra è estratto da una lunga intervista di 3.000 parole a tutta pagina pubblicata nell’edizione domenicale del quotidiano argentino La Nación del 22 agosto 2020 (in spagnolo): Hugo Alconada Mon, “La tirannia della coronofobia”, INTERVISTA CON RAMESH THAKUR

Da allora il Covid è mutato in molteplici varianti, sono state effettuate vaccinazioni di massa in moltissimi Paesi e la nostra comprensione, i dati e le conoscenze si sono evoluti e sono cresciuti. Ciononostante, rileggendo queste due preoccupazioni sulle risposte politiche a Covid di due anni fa e sulle possibili ramificazioni di ciò che sarà la nuova normalità post-Covid, non credo che oggi cambierei una sola parola.

Confesso di non capire ancora l’esplosione globale di panico e isteria collettiva, l’accantonamento di tutti i piani di gestione della pandemia esistenti, l’incapacità delle professioni mediche di esprimersi e la sorprendente adesione del pubblico alle politiche autoritarie.

 

Ramesh Thakur, ex segretario generale aggiunto delle Nazioni Unite, è professore emerito presso la Crawford School of Public Policy dell’Australian National University.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments