Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog un articolo pubblicato su Report24. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo. Per la traduzione ho fatto un uso esclusivo di un traduttore automatico. Pertanto, potranno esservi degli errori. Me ne scuso anticipatamente.

 

 

La Svizzera ferma le vaccinazioni contro il Covid: tutte le raccomandazioni sulla vaccinazione sono state ritirate, i medici possono somministrare i controversi vaccini solo in singoli casi a determinate condizioni, ma poi si assumono il rischio di responsabilità per danni da vaccinazione. Quando paesi come Germania e Austria seguiranno questo esempio?

L’Ufficio federale della sanità pubblica (BAG) e la Commissione federale per le questioni di vaccinazione (EKIF) affermano, a partire dal 3.4.23, nella loro raccomandazione di vaccinazione (disponibile su questo sito web):

 

In linea di principio, l’UFSP e l’EKIF non formuleranno una raccomandazione per la vaccinazione contro il Covid-19 nella primavera/estate 2023 a causa della prevista bassa circolazione del virus e dell’elevato livello di immunità nella popolazione.

La vaccinazione è possibile solo in singoli casi, vale a dire:

La vaccinazione è possibile per le persone particolarmente a rischio (BGP) ≥ 16 anni di età se il medico curante la ritiene clinicamente indicata nella rispettiva situazione epidemiologica nel singolo caso, è prevedibile una protezione temporaneamente maggiore contro malattie gravi e l’ultima dose di vaccinazione almeno 6 mesi fa.

Tuttavia, qui non viene esplicitamente fornita alcuna raccomandazione di vaccinazione per i pazienti a rischio.

Di seguito si discuterà del fatto che l’efficacia delle vaccinazioni contro le attuali varianti è ridotta e di breve durata, soprattutto per le persone a rischio. L’adattamento del vaccino a mRNA non è riuscito a tenere il passo con lo sviluppo delle varianti. Le raccomandazioni del BAG potrebbero cambiare se ci fosse una nuova ondata di focolai, ma anche allora, secondo il documento, le vaccinazioni non sono più raccomandate per le persone di età inferiore ai 65 anni.

 

Nessun rapporto rischio-beneficio positivo

Piccanti anche le osservazioni sui “Sintomi avversi da vaccinazione” (UIE):

Allo stato attuale delle conoscenze, il rischio di UIE grave con una vaccinazione consigliata è molto inferiore al rischio di una complicanza da Covid-19, da cui la vaccinazione protegge. Il beneficio della vaccinazione somministrata secondo la raccomandazione supera quindi i possibili rischi.

Nel caso della non raccomandazione valida, ciò significa essenzialmente che non esiste più un rapporto rischio-beneficio positivo per nessuna vaccinazione Covid.

Responsabilità: il governo federale è fuori, i medici hanno un dovere

Le nuove raccomandazioni hanno anche conseguenze per la responsabilità. Ecco cosa dice il documento BAG sulla strategia di vaccinazione contro il Covid (stato: 29 novembre 2022):

Il risarcimento da parte della Confederazione alle persone ferite per danni da vaccinazione può essere preso in considerazione per le vaccinazioni solo se sono state ufficialmente raccomandate o ordinate (cfr. art. 64 EpG).

Tuttavia, il governo federale interverrà solo se il danno non è stato coperto dal produttore del vaccino, dalla persona che vaccina o da una compagnia di assicurazioni. La persona che vaccina – cioè generalmente il medico – può essere ritenuta responsabile se ha violato il dovere di diligenza. In questo contesto, si precisa che per la vaccinazione Covid valgono le stesse regole in materia di informazione del paziente valide per tutte le altre vaccinazioni.

 

Sta di fatto, però, che è probabile che pochissimi medici abbiano informato correttamente i propri pazienti su tutti i rischi e gli effetti collaterali e sulla limitata efficacia delle vaccinazioni anti-Covid. Va discusso l’uso off-label dei vaccini (non insolito per le vaccinazioni Covid, ad esempio i vaccini bivalenti a mRNA in Svizzera non sono approvati come prima vaccinazione, non come richiamo per le persone di età inferiore ai 18 anni e non come quinta vaccinazione). Per i medici, la giustificazione delle vaccinazioni sta diventando più difficile a causa delle raccomandazioni modificate, secondo un documento BAG sulle questioni di responsabilità:

Se il medico curante basa la sua scelta o prescrizione sulle raccomandazioni vaccinali del BAG, può dimostrare di aver osservato le regole riconosciute delle scienze mediche e farmaceutiche e di aver quindi adempiuto all’obbligo di cura previsto dalla legge sui medicinali.

Il ” Weltwoche ” riferisce che d’ora in poi i medici devono essere responsabili della vaccinazione, il che significa che è probabile che la loro disponibilità a vaccinare diminuisca in modo significativo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments