Di seguito un articolo scritto da Jack Phillips, pubblicato su The Epoch Times, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

bambina vaccino covid

 

L’Autorità Sanitaria Pubblica svedese smetterà di raccomandare il vaccino COVID-19 ai bambini sani di età compresa tra i 12 e i 17 anni.

La raccomandazione generale di somministrare il vaccino COVID-19 ai bambini sani di età compresa tra i 12 e i 17 anni terminerà dopo il 31 ottobre, secondo quanto comunicato dall’agenzia in una revisione pubblicata questo fine settimana.

L’agenzia ha citato il “rischio molto basso di malattie gravi e di morte a causa del COVID-19” nei bambini e negli adolescenti. Dopo il 31 ottobre, la vaccinazione sarà raccomandata solo per alcuni bambini appartenenti a gruppi vulnerabili.

Soren Andersson, funzionario dell’agenzia sanitaria svedese, ha spiegato all’emittente SVT il cambiamento delle regole e ha affermato che “vediamo che la necessità di cure a causa della COVID-19 è stata bassa tra i bambini e i giovani durante la pandemia”. Ha anche osservato che la necessità di vaccini è “diminuita da quando la variante del virus omicron ha iniziato a diffondersi”.

“In questa fase della pandemia, non riteniamo che vi sia una continua necessità di vaccinazione in questo gruppo”, ha detto Andersson.

Per le persone di età superiore ai 18 anni, l’autorità sanitaria svedese raccomanda ancora tre dosi di vaccino. Quattro dosi sono raccomandate per le persone di età superiore ai 65 anni.

A differenza della maggior parte degli altri Paesi, la Svezia si è rifiutata di implementare il lockdown draconiano del COVID-19. I dati e gli studi hanno dimostrato che la nazione scandinava, altamente sviluppata, potrebbe aver subito meno danni dal virus e dalle misure di lockdown rispetto alle nazioni che hanno implementato tali misure.

Dopo aver registrato un numero relativamente alto di morti all’inizio della pandemia di COVID-19, la Svezia sta ora registrando un numero di decessi pro capite inferiore alla media europea, secondo l’agenzia di stampa AFP.

 

La Danimarca cambia il vaccino

Nella vicina Danimarca, le autorità hanno apportato un cambiamento di regole simile e non offriranno più richiami del vaccino COVID-19 alle persone di età inferiore ai 50 anni.

“Lo scopo della vaccinazione non è quello di prevenire l’infezione da COVID-19, pertanto alle persone di età inferiore ai 50 anni non viene attualmente offerto il richiamo del vaccino”, ha scritto l’agenzia sanitaria del Paese in una dichiarazione del 13 settembre.

La Danimarca ha inoltre abbandonato esplicitamente ogni pretesa di fermare la diffusione della COVID-19 e ha dichiarato che si concentrerà sulla protezione delle persone vulnerabili dallo sviluppo di sintomi gravi.

Le persone di età inferiore ai 50 anni, ha dichiarato, “non sono generalmente a rischio particolarmente elevato di ammalarsi gravemente” a causa del virus. Allo stesso tempo, anche i più giovani sono “ben protetti dal rischio di ammalarsi gravemente” e un “numero molto elevato di loro è già stato vaccinato ed è stato precedentemente infettato”, secondo l’autorità.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha dichiarato, nello stesso periodo, che ai bambini che non avessero compiuto 5 anni entro la fine di agosto non sarebbero stati offerti i vaccini.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments