Foto: Momenti drammatici a Parkland. Donna appena uscita dalla chiesa nel mercoledì delle ceneri con il segno di croce in fronte.

LA STRAGE DI PARKLAND E IL DRAMMA DEL “PADRE ASSENTE”

 

Dopo la strage nella scuola di Parkland negli Stati Uniti si è acceso il dibattito se vietare o meno la vendita delle armi. È sicuramente qualcosa di giusto su cui discutere. Ma sarebbe fuorviante limitare a ciò la questione.
Suzanne Venker, di Fox News, il 19 febbraio scorso ha scritto un interessante articolo (qui) mettendo in evidenza una questione cruciale: l’assenza della figura paterna.

Lo riporto nella mia traduzione.

Il mio articolo precedente (“Il disperato grido dei ragazzi d’America, ndr”) sulla sparatoria della scuola Parkland e la sua connessione alla paternità ha provocato uno tsunami di e-mail. In una di queste e-mail, un uomo di nome Fritz mi ha chiesto cosa considero essere la radice della paternità. Ho deciso di scrivere questo articolo in risposta a questa domanda.

Il tema di “Il disperato grido dei ragazzi d’America” è difficile. Ricordare che i ragazzi hanno bisogno dei loro padri significa accendere un faro di luce sul divorzio e le madri single; e questo, è vero, è  scomodo. Ma non c’è modo di affrontare confortevolmente (la questione, ndr) della paternità.

Il fatto è che il divorzio e la disgregazione della famiglia, che, per rispondere alla domanda del lettore che mi ha inviato l’email, è all’origine della paternità – sono catastrofici per i bambini. C’è più di una ragione, ma è ovvio che nella maggior parte dei casi il divorzio separa i figli dai loro padri.

Questo è distruttivo per entrambi i ragazzi e le ragazze, ma ogni sesso soffre in modo diverso. Le ragazze che crescono private del padre sono più propense a diventare depresse, più inclini all’autolesionismo e più propense a essere promiscue. Ma hanno ancora le loro madri, con cui si identificano chiaramente. I ragazzi non hanno un’identificazione paragonabile e quindi soffrono maggiormente di assenza del padre. Essi tendono anche ad agire in un modo che è dannoso per gli altri, ciò che le ragazze in genere non fanno.

Questo non vuol dire che i genitori divorziati non possano mai far in modo che la situazione funzioni. Alcuni ci riescono, soprattutto quelli che cooperano pacificamente insieme per condividere la stessa custodia dei loro figli e che vivono l’uno vicino all’altro o che hanno i propri appartamenti e lasciano che i loro figli rimangano in casa mentre loro, non i bambini, vadano avanti e indietro.

Ma diciamocelo: se la maggior parte delle coppie divorziate potessero collaborare bene insieme, non sarebbero divorziate in primo luogo. Tali circostanze sono rare.

Il più delle volte i bambini perdono il contatto con i loro padri per due motivi. Uno, le madri rimangono il genitore di custodia predefinito nel divorzio americano medio e quindi mantiene la maggior parte del controllo. In secondo luogo, di solito sono le donne che si considerano la parte lesa, come dimostra il fatto che le mogli avviano il 70 per cento dei divorzi.

Il risultato spiacevole è che alcune madri divorziate sfruttano ogni opportunità per indebolire il rapporto dei loro figli con il padre o, in caso contrario, negano l’importanza del ruolo del padre. Nel 2016, quando Angelina Jolie e Brad Pitt stavano divorziando, Jolie a dire il vero ha detto che non le è mai attraversato per la mente che suo figlio “Mad” avrebbe avuto bisogno di un padre. Questo può essere un esempio estremo; ma non è qualcosa che qualcuno, star di Hollywood o una persona regolare, avrebbe pensato, diciamo solo, vent’anni fa.

Non è che le madri single non possono essere grandi madri. Lo possono. Ma non possono essere padri. I bambini hanno bisogno della madre e del padre per avere il miglior risultato nella vita. Come ha scritto un altro lettore di nome Tom che ha inviato una email, che sta allenando al basket giovani di età compresa tra i 12 e i 18 anni, “Anche se non è una garanzia, la famiglia formata da due genitori migliora le possibilità per un giovane di diventare un uomo ben cresciuto. Nell’attuale società progressista in cui viviamo, i messaggi che questi ragazzi senza un padre a casa devono filtrare o cui devono dare un senso mettono questi ragazzi in una posizione impossibile”.

Posso garantirlo come madre di un figlio di 15 anni che non sarebbe il giovane eccezionale che è, se non per suo padre. La verità è che mi rendo poco conto grazie a chi mio figlio è diventato quello che è. Aveva più bisogno di me quando era piccolo, ma una volta che si rese conto della sua identità maschile, era quella di suo padre, non la mia, che cercava quale guida e direzione. Suo padre era e rimane il suo modello di mascolinità.

Quando i ragazzi non hanno questo modello, soffrono. E quando soffrono, la società ne soffre. La maggior parte di coloro che fanno fuoco nelle scuole provengono da case senza un padre; e uno studio su coloro, maschi, di maggiore età che fanno fuoco (pensiamo a Steven Paddock del massacro di Las Vegas) produce risultati simili. In effetti, le conseguenze dell’assenza della paternità sono semplicemente sconcertanti.

E la parte più triste è che la maggior parte dei padri assenti non lo sono per scelta. Il “papà fannullone” esiste, ma non sono tanti. In molti casi, le donne stanno divorziando con dei mariti perfettamente buoni per la loro ricerca di quello che credono sarà un incontro migliore – che è una conseguenza naturale del divorzio senza colpa (cioè il divorzio concesso senza la necessità di dimostrare la colpa dell’altro, ndr). Certamente, le donne sposate con uomini offensivi o pericolosi devono presentare domanda di divorzio. Ma tali mariti e padri non possono rappresentare il 70 per cento del tasso di divorzio richiesto dalle donne.

La radice della paternità assente è profonda e ampia, ma in ultima analisi poggia su due cose: la destituzione da parte della nostra cultura di uomini come esseri umani preziosi che hanno qualcosa di unico da offrire: da un lato, noi diciamo loro di presidiare, e dall’altro diciamo loro che il problema è la mascolinità – e la destituzione del matrimonio come istituzione che è cruciale per la salute e il benessere dei bambini. Questa credenza di lunga data è stata soppiantata dal concetto che il matrimonio non è altro che la soddisfazione emotiva degli adulti.

Non lo è. Il matrimonio riguarda le esigenze dei bambini, puramente e semplicemente. E’ così che è iniziato, ed è così che rimane. Oggi i bisogni dei bambini sono gli stessi di cento anni fa. Siamo noi, non loro, che siamo cambiati.

Pertanto, siamo noi che abbiamo fallito.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
8