Gli eventi avversi legati alla vaccinazione dei vaccini ha spinto alcuni a creare un database dove inserire l’evento avverso e il codice del flacone del vaccino. La sorpresa è stata che alcuni lotti di vaccino erano legati a maggiori eventi avversi rispetto ad altri. Nell’articolo trovate il link del database dove inserire il codice. 

Quei lotti che presentano maggiori eventi avversi vengono chiamati “lotti caldi”. L’individuazione di questi “lotti caldi” servono a migliorare la qualità del vaccino stesso.  Riporto vari stralci di un articolo scritto da Jennifer Margulis e Joe Wang, pubblicato su The Epoch Times. Eccoli nella mia traduzione. 

 

vaccino Pfizer

 

A detta di tutti, Lauren Morgan Tweedale aveva una personalità frizzante. Era estroversa, amava cantare al karaoke e andare in palestra con i suoi amici. A quarantasette anni, Tweedale era anche in forma e in salute. È stato quindi un grande shock per la sua famiglia e i suoi amici quando l’anno scorso, la mattina del 6 aprile 2021, è stata trovata senza reagire nel suo letto.

I medici dissero alla famiglia che Tweedale era morta per un improvviso evento cardiaco. Tuttavia, solo otto giorni prima del decesso, Tweedale aveva ricevuto la prima dose del vaccino a base di mRNA di Pfizer contro il COVID-19.

“Come una macchina ben oliata”, ha scritto in privato su Facebook, taggando l’Oregon Convention Center di Portland. “Ben fatto, squadra!”. Anche The Epoch Times ha verificato la sua scheda di vaccinazione.

Secondo Statista.com, negli Stati Uniti sono state somministrate oltre 300 milioni di dosi del vaccino Pfizer. Mentre milioni di persone si sono sottoposte a questi vaccini con effetti collaterali solo temporanei, lievi o addirittura assenti, 1.255.353 segnalazioni di eventi avversi sono state abbastanza preoccupanti da essere presentate al sistema di raccolta dati del governo americano, a partire dal 29 aprile, e almeno 300.000 di queste reazioni sembrano essere gravi.

Anche la morte improvvisa di Tweedale, insieme ad altri 27.757 decessi temporalmente associati ai vaccini COVID, è stata segnalata al Vaccine Adverse Events Reporting System.

“Il vaccino ha ucciso la migliore amica di mia moglie. Era la damigella d’onore del nostro matrimonio”, ha insistito Dan McDunn, imprenditore, allenatore di mountain bike e padre di tre figli, parlando con The Epoch Times. “Non si è trattato di un evento cardiaco casuale”.

 

Una raffica di morti improvvise

Nei mesi successivi alla morte di Tweedale, McDunn e sua moglie Sabra, infermiera diplomata, hanno iniziato a fare ricerche sulla sicurezza dei vaccini.

Ma non era solo la morte della loro migliore amica a preoccuparli. Si sono anche accorti di quella che McDunn ha definito una “raffica di morti improvvise” tra i loro amici.

Un altro papà che McDunn conosce, 39 anni, si è alzato nel cuore della notte per allattare il suo neonato ed è collassato. Poi sono morti anche il migliore amico del suo allenatore, il marito della sua cotta di terza media e quattro studenti della scuola di suo figlio.

Non è possibile sapere con certezza se queste morti improvvise siano collegate ai vaccini COVID. Ma, ha detto McDunn, queste morti lo hanno spinto a scavare più a fondo per scoprire cosa è successo a Tweedale.

 

Non una relazione causale

Il sistema di segnalazione degli eventi avversi ai vaccini (Vaccine Adverse Events Reporting System, VAERS) si basa su professionisti medici e sulla popolazione in generale per segnalare le loro esperienze personali con gli effetti collaterali dei vaccini.

Prima di accedervi, i consumatori devono leggere e accettare la dichiarazione di non responsabilità del CDC: i dati grezzi del VAERS non implicano né dimostrano un’associazione causale.

In altre parole, correlazione non significa causalità, un mantra che viene spesso ripetuto da scienziati e statistici. Solo perché due cose sono correlate l’una all’altra – ad esempio si conoscono cinque persone di nome Jason che guidano tutte la stessa marca di Honda – non significa che una cosa sia la causa dell’altra.

Allo stesso tempo, la correlazione dei dati, soprattutto di quelli sanitari, può aiutare i ricercatori a individuare i potenziali problemi di sicurezza di un determinato farmaco o vaccino.

Secondo il sito web del CDC:

“VAERS è un sistema di segnalazione passivo, cioè si basa sull’invio da parte di singoli individui di segnalazioni delle loro esperienze al CDC e alla FDA. VAERS non è progettato per determinare se un vaccino abbia causato un problema di salute, ma è particolarmente utile per rilevare modelli insoliti o inaspettati di segnalazione di eventi avversi che potrebbero indicare un possibile problema di sicurezza con un vaccino. In questo modo, VAERS può fornire a CDC e FDA informazioni preziose sulla necessità di ulteriori lavori e valutazioni per valutare ulteriormente un possibile problema di sicurezza”. [sottolineatura nostra].

 

EN6201

Se si effettua una ricerca nei database nazionali e internazionali, si nota subito che la maggior parte dei lotti di vaccini ha forse uno o due eventi avversi associati. Di solito questi eventi avversi sono lievi: possono essere segnalati, ad esempio, un mal di stomaco o un dolore alla spalla.

Non è così per l’EN6201 di Pfizer, il lotto a cui era stato somministrato Tweedale. Quando McDunn ha iniziato a indagare, all’inizio di gennaio, ha scoperto che il numero di lotto del vaccino di Tweedale era associato a 90 decessi negli Stati Uniti.

Da allora, il numero è cresciuto. Al 9 maggio 2022, quando The Epoch Times ha effettuato l’accesso, l’EN6201 di Pfizer era collegato a 167 decessi e 3.349 eventi avversi. Quando abbiamo condotto una ricerca in un altro modo, abbiamo trovato un numero ancora più elevato di decessi ed effetti collaterali.

McDunn ritiene che un singolo numero di lotto associato a quasi 170 decessi debba essere motivo di preoccupazione. Allo stesso tempo, dal punto di vista statistico, bisognerebbe sapere quante dosi di quel lotto sono state somministrate.

“Bisognerebbe conoscere le dimensioni di ciascun lotto di vaccino COVID per fare un confronto significativo della reattività tra i lotti, ma le dimensioni dei lotti non sono disponibili pubblicamente”, ha sottolineato Barbara Loe Fisher, cofondatrice e presidente del National Vaccine Information Center, un’organizzazione no-profit fondata nel 1982 per promuovere la sicurezza dei vaccini attraverso l’educazione pubblica.

La Fisher, che da 40 anni si batte per la sicurezza dei vaccini, ha dichiarato a The Epoch Times di essere molto preoccupata per il fatto che su circa 2.125.000 segnalazioni di eventi avversi depositate presso il VAERS per tutti i vaccini somministrati a bambini e adulti a partire dal 1990, i vaccini COVID-19 hanno generato oltre 1.255.000 di tali segnalazioni, di cui circa 730.000 relative al vaccino COVID con mRNA di Pfizer/BioNTech.

“Queste statistiche sono sorprendenti e confermano che i nuovi vaccini COVID sono altamente reattivi, indipendentemente dal numero di segnalazioni VAERS collegate ai diversi lotti”, ha scritto Loe in una e-mail.

Pfizer, tuttavia, non ritiene che ci siano problemi di sicurezza con il suo vaccino.

“Le autorità regolatorie di tutto il mondo hanno autorizzato il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech e le commissioni mediche di esperti hanno e continuano a esaminare i dati e a raccomandarlo”, ha scritto Pfizer Media Relations in una dichiarazione a The Epoch Times.

Ogni dose di vaccino è prodotta sotto le più severe misure di controllo per garantire identità, qualità, purezza e potenza costanti per una sicurezza ed efficacia ottimali per il paziente”. Con oltre un miliardo di dosi di vaccino somministrate in tutto il mondo, il profilo di sicurezza del vaccino per tutti i gruppi autorizzati continua a essere favorevole”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

 

Facebook Comments