Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Simon Caldwell e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Arciv. Salvatore Cordileone - (gettyimages-171854963)
Arciv. Salvatore Cordileone – (gettyimages-171854963)

 

L’inadeguatezza dell’educazione religiosa e della formazione alla fede dei cattolici statunitensi ha indebolito la Chiesa quando questa viene “esplicitamente attaccata”, ha dichiarato un importante arcivescovo americano.

L’arcivescovo Salvatore Cordileone di San Francisco ha affermato che molti dei 72 milioni di cattolici non praticano la loro fede perché non sono mai stati istruiti correttamente.

Il risultato è una Chiesa indebolita e divisa, con molti cattolici nominali e alcuni che frequentano la chiesa, come il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ora si schierano con un consenso secolare spesso sempre più ostile agli insegnamenti e alle tradizioni della Chiesa cattolica.

Parlando a Fox News Digital, l’arcivescovo Cordileone ha detto: “Dobbiamo renderci conto che veniamo esplicitamente attaccati. Quando ero giovane, questo non succedeva.

“Voglio dire, le nostre proprietà vengono attaccate, i nostri simboli sacri vengono profanati. Siamo esplicitamente insultati, e questo è stato sostenuto e celebrato nella cultura. Quindi questa è una nuova realtà a cui stiamo ancora cercando di adattarci”.

“Quando eravamo più giovani, c’era molta più buona volontà nella società”, ha detto.

C’era molta più disponibilità ad ascoltare l’altro e a cercare di lavorare insieme, a raggiungere una sorta di comprensione reciproca su cui poter essere d’accordo e vivere insieme – dove c’è molto più di quel tipo di dare e avere con un’apertura e una buona volontà”.

“Nella mia vita, ho visto scomparire tutto questo. Ne è rimasto ben poco”.

L’arcivescovo ha proseguito: “Abbiamo un’alta percentuale di cattolici sulla carta, ma non abbiamo fatto un buon lavoro nel formare bene la nostra gente nella fede e nell’aiutarla a capire la fede, ad amarla e a viverla”.

“Purtroppo, ci sono molti cattolici che non seguono davvero tutto ciò che la nostra Chiesa insegna, perché probabilmente non gli è mai stato insegnato ciò che insegna davvero e la saggezza che c’è dietro.

“Quindi la loro vita non è informata dalla fede. Anche se si identificano come cattolici, il modo in cui vivono la loro vita, le loro priorità, i loro istinti – anche in una certa misura, forse, i loro valori – sono influenzati più dalla società secolare che dalla loro fede cattolica.

“E penso che questo abbia causato un indebolimento in termini di influenza sociale che la Chiesa dovrebbe avere e di tentativo di contribuire al bene comune”.

I cattolici rappresentano quasi il 25% dei 331 milioni di abitanti degli Stati Uniti, il che li rende il secondo gruppo religioso del Paese dopo le confessioni protestanti.

L’arcivescovo Cordileone ha sostenuto che la Chiesa si trova in una posizione sempre più precaria a causa dell’avanzata incontrollata del secolarismo aggressivo e dell’ascesa di ideologie distruttive negli ultimi decenni.

Questo è stato accompagnato da una tendenza a volte feroce di anticlericalismo e anticattolicesimo che ha fatto sì che dal 2020 ci siano stati 348 attacchi contro le chiese cattoliche americane, secondo un tracker di CatholicVote, ma con arresti successivi solo nel 25% degli incidenti.

L’arcivescovo Cordileone ha dichiarato: “Stiamo lottando per vivere la nostra fede in un mondo che è diventato molto secolarizzato – ma secolarizzato non nel senso di separato dalla religione, ma con un sistema di valori che è ostile ad alcuni valori fondamentali che abbiamo”, ha detto.

“Come possiamo vivere la nostra fede con integrità?”, ha chiesto.

“Nella società polarizzata in cui viviamo, è difficile fare breccia.

“Ma penso che abbiamo una tradizione intellettuale molto profonda, e c’è molto a cui attingere in termini di comprensione della persona umana, di quale sia il nostro ruolo – essere creati a immagine di Dio, che ci dà questa categoria intrinseca. Quindi penso che abbiamo molto da portare al tavolo”.

L’arcivescovo ha tuttavia messo in guardia i cattolici dal rispondere agli attacchi in modo aggressivo, suggerendo che la prudenza e la moderazione sono necessarie per confrontarsi con la nuova cultura emergente.

“Penso che non possiamo essere eccessivamente roboanti”, ha detto.

“Voglio dire, abbiamo questa idea di discernimento. Dove si deve tracciare una linea e prendere una posizione forte? Perché anche questo non può essere esagerato, perché dopo un po’ si perde credibilità e si può avere un effetto contrario”.

Egli ha esortato i cattolici coscienziosi a ritornare alla pratica di sostenere la rappresentanza politica o i candidati che aderiscono correttamente alla loro etica e, se nessuno di loro si candida, a cercare essi stessi una carica pubblica.

“È compito dei laici partecipare al processo politico”, ha detto l’arcivescovo Cordileone. “Quindi, candidatevi alle cariche – al consiglio scolastico locale, al consiglio comunale – e lavorate nel sistema”.

È assolutamente essenziale, ha aggiunto l’arcivescovo, che i genitori crescano figli fedeli “in modo che possano essere ben formati, intellettualmente radicati e in grado di intraprendere una carriera di servizio alla comunità o anche in politica – per essere la forza che cambia la cultura con la loro stessa partecipazione”.

Simon Caldwell

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments