Perché “Non si distingue più il linguaggio della Santa Sede da quello dell’ONU”, si chiede il vescovo Schneider? Perché “Non c’è più una vera identità cattolica del Vangelo con il volto degli apostoli”? Siamo in presenza di un “appiattimento delle idee”, dice Stefano Fontana, il quale avverte che “Il cambiamento è notevole”, e che credere che le religioni possano convergere verso “certi obiettivi umanistici lasciando da parte le rispettive teologie” è “impossibile e pericoloso”. Questi ed altri aspetti vengono affrontati in questo articolo scritto da Edward Pentin e pubblicato sul National Catholic Register , che propongo alla  riflessione dei lettori di questo blog nella mia traduzione.

 

Onu e Papa Francesco

 

Quando papa Francesco ha ricevuto in udienza privata il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in dicembre, il capo dell’ONU ha sottolineato che le preoccupazioni della Santa Sede “coincidono con i valori fondamentali” della Carta delle Nazioni Unite.

Questi valori consistono nel riaffermare la “dignità e il valore della persona umana”, ha detto Guterres in una dichiarazione, soprattutto per quanto riguarda la protezione del pianeta.

Il comunicato della Santa Sede era simile, incentrato sulla pace, sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) dell’ONU, sul cambiamento climatico e sulle migrazioni.

Nessuna delle due dichiarazioni menzionava i nascituri, nonostante gli OSS (17 punti per un futuro sostenibile che specificano 169 obiettivi da raggiungere entro il 2030) e le istituzioni delle Nazioni Unite nel loro insieme promuovano con fervore l’aborto e la contraccezione.

L’omissione è stato solo un esempio dell’alleanza sempre più stretta tra l’Onu e la Santa Sede che, secondo i critici, sta crescendo a scapito di qualsiasi menzione dell’insegnamento non negoziabile della Chiesa.

Più recentemente, il Vaticano ha offerto un sostegno ampiamente acritico agli OSS e ha ospitato i suoi sostenitori, ha intrapreso una collaborazione regolare con i sostenitori del controllo della popolazione e con le organizzazioni affiliate all’ONU, famose per la promozione dell’aborto e dell’ideologia di genere, e ha promosso la “fratellanza umana”, un concetto sostenuto dall’ONU che alcuni vedono come una spinta verso una Religione Unica Mondiale.

Il 5 febbraio la Pontificia Accademia delle Scienze Sociali ospiterà (ha ospitato, ndr) una conferenza sull'”inclusione fraterna”, il cui relatore principale sarà Jeffrey Sachs, l’architetto capo degli OSS e sostenitore del controllo della popolazione, che ha consigliato Papa Francesco sulla sua enciclica sull’ambiente del 2015, la Laudato Si’ (La cura per la nostra Casa Comune). Un appuntamento fisso in Vaticano da sei anni, dove Sachs viene elogiato per la sua visione di un futuro sostenibile, mentre le sue opinioni sulla contraccezione e la sua precedente alleanza con il miliardario radicale promotore dell’aborto George Soros vengono messe da parte.

Il Vaticano sembra anche avvicinarsi a un’altra organizzazione non governativa alleata delle Nazioni Unite, la Bill and Melinda Gates Foundation (il miliardario fondatore della Microsoft, ndr), che sostiene in maniera radicale la contraccezione nei Paesi in via di sviluppo e che lavora a stretto contatto con Sachs. A novembre, Papa Francesco ha ricevuto Melinda Gates in un’udienza privata non pubblicizzata, ha dichiarato al National Catholic Register. I funzionari delle comunicazioni vaticane e la Fondazione Gates hanno rifiutato di confermare o negare se tale incontro abbia avuto luogo.

 

Le preoccupazioni del cardinale Müller

 

In breve, sebbene l’opinione generale di Papa Francesco sull’O.N.U. sia che si tratti di un “forum globale molto necessario per affrontare problemi globali”, queste collaborazioni hanno portato a critiche crescenti sul fatto che l’apparente prioritizzazione dell’agenda dell’O.N.U. da parte della Santa Sede rispetto a questioni morali non negoziabili rappresenta una violazione della dottrina della Chiesa.

È “sempre bene” che la Chiesa collabori con le istituzioni nazionali e internazionali per perseguire “la pace, la giustizia sociale e la comprensione internazionale” e per combattere “i mali dell’umanità”, ha detto il cardinale Gerhard Müller, ex prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede. “Ma, purtroppo, molti degli obiettivi delle organizzazioni sovranazionali sono formulati in opposizione alla dignità umana”.

Ha detto al National Catholic Register il 29 gennaio di essere particolarmente contrario a invitare “i promotori dell’aborto sotto forma di controllo della popolazione a commissioni papali o episcopali”, in quanto rappresenta una “grave offesa al Vangelo e una negazione di Cristo”.

Eppure i funzionari vaticani considerano l’attuale rapporto della Santa Sede con l’O.N.U. come un degno progresso e un’importante collaborazione e considerano l’accusa che la Santa Sede sia troppo coinvolta con l’O.N.U. ignorando le questioni morali preminenti come un fraintendimento della situazione.

Una fonte che lavora per la Santa Sede nei rapporti con il sistema delle Nazioni Unite e che parla in condizioni di anonimato ha detto al National Catholic Register che la Santa Sede si impegna con “feroce fedeltà” all’insegnamento della Chiesa.

“Lottiamo fino alla fine per ottenere il meglio possibile”, ha spiegato la fonte, aggiungendo che le obiezioni sono sempre “chiaramente articolate”.

 

Il vescovo Sanchez [Sorondo]

 

Le cause promosse dall’ONU, come l’ambiente, la povertà e la lotta al traffico di esseri umani, sono tutte questioni “ispirate dal magistero dei papi”, ha detto Mons. Marcelo Sanchez Sorondo, cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, nei commenti del 14 gennaio al National Catholic Register.

L’Onu “segue il magistero dei papi su questi temi”, compresa la questione del cambiamento climatico e “non viceversa”, ha detto.

Il vescovo Sanchez, la cui accademia è stata in prima linea nel collaborare strettamente su questi temi con l’O.N.U. e i suoi affiliati come Sachs, ha detto di non sapere se il Vaticano abbia una collaborazione più stretta con l’O.N.U. rispetto al passato.

Ma ha ricordato come abbia contribuito a inserire una condanna della schiavitù moderna negli OSS e ha detto che “i riferimenti al papa sono aumentati” sotto gli ultimi due segretari generali dell’ONU, Ban Ki-moon e Antonio Guterres. Entrambi hanno assunto ruoli di primo piano nella lotta contro “il cambiamento climatico e la schiavitù moderna”, come sottolineato nell’enciclica Laudato Si’ di Francesco, ha detto.

Dal 1964, la Santa Sede è osservatore permanente dell’O.N.U., che le permette di svolgere un ruolo partecipativo, anche se senza diritto di voto, nel funzionamento dell’organismo internazionale e di assegnare i nunzi all’O.N.U. sia a New York che a Ginevra. La sua motivazione principale è quella di collaborare per il bene comune, ove possibile, e i papi, andando indietro fino a San Paolo VI, hanno spesso parlato dell’istituzione con apprezzamento.

I funzionari della Santa Sede insistono sul fatto che la Chiesa non ha mai sposato l’ideologia dell’Onu, ma ha invece adottato un duplice approccio: proporre positivamente visioni e alternative diverse, radicate nella legge naturale e nella rivelazione, e combattere le distorsioni etiche e politiche attraverso i suoi osservatori permanenti e i suoi funzionari.

La Santa Sede rifiuta anche di lavorare con le agenzie delle Nazioni Unite quando i loro programmi contraddicono in modo significativo l’insegnamento della Chiesa, e quindi rifiuta di lavorare con agenzie come il Fondo per la popolazione dell’ONU (UNFPA) o le Donne delle Nazioni Unite a causa della loro promozione dell’aborto e della contraccezione. Ha anche generalmente rifiutato di partecipare con l’UNICEF a causa del suo recente sostegno per una “educazione sessuale completa”.

Ma nei recenti commenti al National Catholic Register, Austin Ruse, il presidente del Centro per la famiglia e i diritti umani, che controlla il dibattito di politica sociale all’ONU, ha avvertito che la Santa Sede dovrebbe essere consapevole che la maggior parte degli organi dell’ONU sono “molto contro la Chiesa”.

L’aborto, l’orientamento sessuale e l’ideologia di genere sono le “questioni n. 1 [che vengono] spinte dalla burocrazia dell’ONU”, ha aggiunto, e così il Vaticano deve capire che “qualsiasi collaborazione su altre questioni deve includere la comprensione degli insegnamenti della Chiesa su queste questioni fondamentali”.

La fonte della Santa Sede ha insistito sul fatto che l’attuale collaborazione “non è ingenua” e ha elogiato il fatto che il chiaro sostegno di Papa Francesco all’O.N.U. ha “sicuramente portato ad un aumento del dialogo e del coordinamento”.

 

Collaborazioni recenti

 

Tra gli esempi di recente ampia collaborazione che la fonte ha messo in evidenza vi sono il lavoro sul Global Compact per le Migrazioni – un accordo multilaterale dell’ONU del 2018 per promuovere una migrazione sicura e ordinata; l’Accordo di Parigi del 2015 sui cambiamenti climatici; e la collaborazione di base tra Caritas Internationalis e l’Ufficio ONU per il Coordinamento degli Affari Umanitari e il Programma di Sviluppo dell’ONU.

Da parte sua, l’ONU vede la Santa Sede e il Papa come uno strumento vitale e utile per raggiungere i suoi obiettivi multilaterali, in particolare gli OSS. “Abbiamo bisogno più che mai della voce morale del Papa”, ha detto Guterres dopo il suo recente incontro con Francesco.

L’Onu favorisce anche le “reti essenziali” della Chiesa cattolica, ha detto la fonte della Santa Sede che lavora con il sistema dell’Onu, che ha sottolineato la “maggiore collaborazione” della Pontificia Accademia del vescovo Sanchez, che ha una lunga storia di esperienza nel ricorrere alla conoscenza di esperti non cattolici.

“Gran parte della confusione viene da coloro che non sanno cosa succede realmente nelle sale di negoziazione e pensano erroneamente che, se la Santa Sede in generale sostiene qualcosa come l’agenda del 2030, deve quindi sostenere tutti i 169 obiettivi”, ha detto la fonte.

Ma mentre questo potrebbe essere il caso, il professor Stefano Fontana, direttore dell’Osservatorio internazionale del Cardinale Van Thuan sulla Dottrina sociale della Chiesa, vede invece una sottile e generale resa alla mentalità dell’Onu.

Nei commenti al National Catholic Register del 19 gennaio, Fontana ha detto che, rispetto a quando il cardinale Renato Martino era l’osservatore permanente della Santa Sede all’ONU (1986-2002), quando si cercava deliberatamente di non usare le parole “salute riproduttiva” (termine interpretato dalle agenzie dell’ONU per includere l’aborto e la contraccezione), oggi “la Santa Sede usa queste espressioni”.

Fontana vede in questo e nella collaborazione sempre più incondizionata della Santa Sede con l’O.N.U. l’adattamento della fede cattolica “alla logica del mondo” e all’odierna “religione laica” promossa dall’O.N.U., che egli descrive come “società multireligiosa, religione ecologica e migrazione pianificata”. Le questioni della legge morale naturale, come l’aborto, non sono più considerate “di primaria importanza”, ha detto.

Il cambiamento è una conseguenza, crede Fontana, del fatto che la Chiesa oggi insiste nel voler collaborare con tutti con la motivazione che “la verità nasce dal dialogo e dal confronto” – testimoniato dalle frequenti apparizioni di Sachs e di altri in Vaticano.

 

Iniziativa della “Fraternità umana”

 

Un ulteriore sviluppo conflittuale visto da alcuni come indicativo dell’influenza delle Nazioni Unite e laica sulla Santa Sede è stata la spinta verso una “Giornata mondiale della Fraternità umana” organizzata dalle Nazioni Unite, che è nata dal Documento sulla Fraternità umana firmato ad Abu Dhabi lo scorso febbraio da Papa Francesco e dallo sceicco Ahmed el-Tayeb, il grande imam dell’Università Al-Azhar.

I funzionari della Santa Sede sostengono che questo non rappresenta un pericolo di sincretismo, ma è piuttosto coerente con decenni di dialogo interreligioso che risale alla dichiarazione del Concilio Vaticano II sul rapporto della Chiesa con le religioni non cristiane, Nostra Aetate. Si dice anche che la frase controversa del documento di Abu Dhabi, secondo cui la “pluralità e la diversità delle religioni” è “voluta da Dio”, deve essere interpretata come se Dio “avesse voluto in modo permissivo” tutte le religioni piuttosto che volute direttamente.

Un approccio simile si riscontra anche in due prossimi eventi: un incontro internazionale a marzo, chiamato “Economia di Francesco” ad Assisi, che riunirà persone di diverse fedi, “ispirate da un ideale di fraternità” e la possibilità di “sognare un nuovo umanesimo”; e un evento ospitato dal Vaticano a sostegno di un’Alleanza Globale per l’Educazione, cui parteciperanno rappresentanti interreligiosi e laici, che mira a superare “la divisione e l’antagonismo” e a promuovere una “umanità più fraterna”.

Entrambi manifestano un’agenda sostenuta dalle Nazioni Unite che, secondo il vescovo Athanasius Schneider, forte critico delle posizioni anti-vita dell’istituzione, comporta una “relativizzazione della morale e della legge morale” e il perseguimento di una “agenda politica” sotto forma di “Educazione Unica Mondiale”, di ideologia di genere e di “nuova religione del clima”. E il coinvolgimento della Santa Sede ha raggiunto un tale livello, che il vescovo ausiliare di Astana, in Kazakistan, ritiene che la Santa Sede si sia effettivamente posta sotto l’autorità dell’ONU, diventando quella che egli ha definito nel suo recente libro Christus Vincit una “filiale” dell’istituzione multilaterale.

“Non si distingue più il linguaggio della Santa Sede da quello dell’ONU”, ha detto il vescovo Schneider al National Catholic Register. “Non c’è più una vera identità cattolica del Vangelo con il volto degli apostoli”.

Fontana considera l’adozione di tale linguaggio e la filosofia che lo sottende come un “appiattimento delle idee” che elimina la “struttura metafisica” e l'”assolutezza dottrinale”.

“Il cambiamento è notevole”, ha osservato, aggiungendo che credere che le religioni possano convergere verso “certi obiettivi umanistici lasciando da parte le rispettive teologie” è “impossibile e pericoloso”.

 

75° Anniversario

 

Quest’anno ricorre il 75° anniversario della fondazione delle Nazioni Unite, un momento in cui ci si aspetta che la Santa Sede esalti l’istituzione. “Lavoriamo volentieri con questa istituzione, cercando di portare un contributo per il bene del mondo”, ha detto il 28 gennaio l’arcivescovo Gabriele Caccia, nuovo osservatore permanente della Santa Sede alle Nazioni Unite.

Ma come ci si aspetta che tali parole di lode aumentino, così aumentano quelle dei critici che avvertono che un allineamento sempre più stretto con l’agenda dell’Onu sta “secolarizzando” la fede cattolica, secondo le parole di Fontana, e la sta conducendo verso fini globalisti che sono tutt’altro che cattolici.

 

Facebook Comments
1