Alla Russia è stato impedito (non totalmente) l’utilizzo della piattaforma SWIFT. Ma quel il significato di questa mossa? Per capire, rilancio una articolo di Daniel Lacalle che ha pubblicato sul suo blog. Daniel Lacalle è economista e gestore di fondi. Collaboratore frequente di CNBC, Bloomberg, CNN, Hedgeye, Epoch Times, Mises Institute, BBN Times, Wall Street Journal, El Español, A3 Media e 13TV.

 

 

SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication) è il sistema finanziario globale che permette trasferimenti immediati e sicuri di denaro attraverso le frontiere. È la rete che verifica tutte le transazioni finanziarie. Collega 11.000 banche e istituzioni in più di 200 paesi, con 40 milioni di messaggi al giorno. L’utilizzo di SWIFT assicura che le transazioni avvengano in pochi secondi in modo sicuro. Circa l’1% di questi messaggi riguardano pagamenti russi, secondo la BBC.

Come parte delle sanzioni occidentali contro la Russia, le sue banche sono state bandite dal sistema SWIFT. Inoltre, gli Stati Uniti e l’Unione europea hanno annunciato restrizioni sulla banca centrale russa che bloccano l’accesso a più di 600 miliardi di dollari di riserve. La Banca di Russia riferisce che solo il 22% delle sue riserve internazionali sono dollari USA, mentre l’oro rappresenta il 23%.

Cosa significa questo? Da un lato, la mossa mira a bloccare tutte le opzioni della banca centrale per difendere la sua valuta dal precipitare ancora di più contro il dollaro americano o l’euro. Negli ultimi anni, la banca centrale russa ha ridotto la sua esposizione in titoli di stato americani e si è spostata dalle riserve in dollari all’euro e allo yuan, così come all’oro. L’accesso a queste riserve è ora più difficile, e nel caso di euro e yen, probabilmente vicino all’impossibile.

Per le banche russe, il divieto del sistema SWIFT aumenta il rischio di una corsa alle banche, poiché i cittadini temono la perdita dei loro depositi e un crollo delle operazioni quotidiane, anche se iniziano a usare altre alternative.

Tuttavia, non possiamo dimenticare che c’è un impatto importante anche sulle banche europee. Secondo JP Morgan, le banche europee hanno fino a 80 miliardi di dollari di crediti con le banche russe. Essere banditi da SWIFT non fa sparire questi crediti, ma se le banche russe cadono in un processo di de-capitalizzazione, i rischi di default si moltiplicano.

Solo tre paesi sono stati banditi da SWIFT. L’Iran, dal 2012, la Corea del Nord e ora la Russia, anche se parzialmente. Le esportazioni di petrolio e gas e altre materie prime chiave rimangono nel sistema.

Senza SWIFT, le banche russe e la banca centrale sono effettivamente bloccate dall’operare su scala globale, il che significa un ulteriore rischio di un domino di inadempienze da parte degli emittenti e l’impossibilità di condurre le più elementari operazioni internazionali.

Tuttavia, le banche russe possono bypassare il sistema SWIFT e utilizzare altre alternative, principalmente attraverso un sistema parallelo in Cina, chiamato CIPS (Cross-Border Interbank Payments System), che facilita le transazioni in yuan. Secondo CIPS, almeno 25 banche russe conducono transazioni in yuan attraverso il loro sistema.

Usare CIPS e altri strumenti diretti o indiretti per bypassare SWIFT è stata un’alternativa per l’Iran e la Corea del Nord, ma non risolve il problema dell’accesso alle riserve della banca centrale né attenua veramente l’impossibilità di condurre transazioni globali. Lo yuan è usato solo nel 4% delle transazioni valutarie globali secondo la BIS (Banca dei Regolamenti Internazionali).

Le banche russe e la banca centrale possono moderare il colpo finanziario usando sistemi alternativi, ma l’impatto negativo non può essere sottovalutato.

Ci potrebbe essere un contraccolpo anche per gli Stati Uniti. Se altri paesi scoprono che c’è una valida alternativa a SWIFT, potrebbero sentirsi obbligati a rafforzare i legami con la Cina.

Bandire le banche russe da SWIFT può paralizzare molte economie dell’America Latina e del Medio Oriente che hanno profondi legami finanziari con la Russia, ma c’è il rischio per gli Stati Uniti che l’alternativa CIPS, che è marginale nel migliore dei casi oggi, cresca rapidamente.

Gli Stati Uniti e l’Europa non possono vietare completamente SWIFT a causa dell’importanza delle esportazioni russe di petrolio, gas, metalli e grano, e questo può creare numerose sfide che limitano notevolmente la cosiddetta “opzione nucleare”. Le grandi riserve d’oro della banca centrale russa sono anche un fattore di differenziazione rispetto ad altre economie.

Indipendentemente da come guardiamo queste sanzioni, non c’è dubbio che ci sono impatti transfrontalieri non voluti e ci possono essere conseguenze negative inaspettate per tutte le persone coinvolte.

Non c’è dubbio che il divieto SWIFT è probabilmente la più severa delle sanzioni finanziarie possibili e che non ci sono facili alternative, ma col passare del tempo è anche chiaro che le diffuse conseguenze negative della guerra in Ucraina probabilmente dureranno per molti anni.

Questa misura accelererà uno spostamento finanziario globale verso la Cina? Probabilmente non nel breve termine, dato l’uso relativamente modesto dello yuan rispetto all’importanza della Cina nell’economia globale, ma le ramificazioni di questa misura nel mondo finanziario globale devono ancora essere pienamente comprese. Un sistema di transazioni finanziarie globali rimane come leader indiscusso solo se è veramente globale e di vasta portata. L’impatto negativo per la Russia è indiscutibile, ma bisogna vedere le implicazioni a lungo termine di questa misura.

 

 

Facebook Comments