I progressisti, politici o religiosi, hanno occupato tutti i posti nevralgici e di potere. La rivoluzione è alle porte. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Darrick Taylor e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papà Francesco e il Card. Reinhard Marx
Papà Francesco e il Card. Reinhard Marx

 

Sicuramente i lettori di Crisis sono a conoscenza del fatto che il “cammino sinodale” tedesco ha recentemente votato per produrre un documento che benedice le coppie dello stesso sesso, tra le altre enormità. Nessuno dovrebbe dubitare che si tratti di un’eresia secondo qualsiasi standard reale di fede cattolica o cristiana. Ma, come ha notato un osservatore perspicace, l’idea che anima gli architetti del “Cammino sinodale” è molto più radicale di ogni singola proposta, per quanto assurda possa sembrare.

Questo può essere riassunto da una frase che il cardinale Reinhard Marx disse anni fa parlando del celibato clericale: “l’evoluzione della società e le esigenze storiche hanno reso evidenti i compiti e l’urgente necessità di rinnovamento… sono necessari ulteriori adattamenti degli insegnamenti della Chiesa”. Per non farvi pensare che si riferisse semplicemente alla “pratica pastorale” piuttosto che alla Fede stessa, ha chiarito che “la verità non è definitiva… Naturalmente, ci troviamo in una grande tradizione, ma questa non è una tradizione completa. È un cammino verso il futuro”. La verità è in continua evoluzione, e quindi ha bisogno di essere guidata da “esperti” in cose come la sociologia, la sessualità e così via, cioè dagli stessi burocrati che hanno condotto la Chiesa tedesca allo scisma e all’eresia.

Ormai dovrebbe essere chiaro che i responsabili del “Cammino sinodale” (e di molte, se non della maggior parte, delle istituzioni burocratiche della Chiesa) non sono cattolici “liberali”. I cattolici liberali sono persone che hanno un figlio gay e vogliono che la Chiesa “riconosca” in qualche modo la sua sessualità, o un divorziato risposato che vuole fare la comunione ma non ha altre ferme obiezioni all’insegnamento della Chiesa. Si tratta di dissidenti “monotematici”, senza un vero programma generale per rimodellare la Chiesa. Le persone che attualmente stanno portando la Chiesa occidentale verso la tomba sono i “progressisti”. In cosa differiscono dai cattolici liberali, vi chiederete?

Vent’anni fa, dopo l’elezione di Papa Benedetto XVI, George Weigel, con la sua caratteristica preveggenza, azzardò che l’elezione di Ratzinger dimostrava che il potere progressista nella Chiesa era in declino. Il defunto p. Paul Mankowski, scrivendo con lo pseudonimo di Diogenes, ha scritto:

Non sono così ottimista come Weigel riguardo alle intenzioni dei progressisti. Dopotutto, non sono stati dei topi di chiesa di basso profilo che imploravano tranquillamente un cattolicesimo vivo e vegeto. Sebbene l’ormai comica cultura degli anni Sessanta, fatta di fiori e musica folk, possa indurci a vederli come innocui sentimentalisti, essi erano e sono rivoluzionari, intenzionati a sostituire il vecchio ordine con uno nuovo di loro invenzione. (corsivo aggiunto)

P. Mankowski ha colto ciò che molti fedeli cattolici (soprattutto quelli “conservatori”) hanno capito solo troppo tardi: che la differenza tra un cattolico “liberale” che era solo un sentimentalista e un cattolico “progressista” era il loro livello di impegno e la loro capacità di sovvertire le istituzioni. In quella stessa rubrica, egli notava come i cattolici progressisti avessero “preso il controllo” dei dipartimenti di teologia, degli uffici di educazione religiosa e persino delle congregazioni religiose (avrebbe potuto citare anche i seminari).

L’intensità delle loro convinzioni e la capacità di conquistare il potere istituzionale nella Chiesa significava che, come ha detto p. Mankowski, “non mi aspetto che i progressisti facciano spallucce e spariscano con grazia dalla scena. La posta in gioco non è una recensione letteraria fallita, ma il senso della loro intera vita”. Gli architetti dell’attuale scisma tedesco, e probabilmente anche del “Sinodo sulla sinodalità”, rispondono tutti a questa descrizione.

Come è successo, ci si può chiedere? P. Mankowski lo accenna sopra. Quella che molti pensavano fosse un’innocua controcultura di pace, amore e droga nascondeva le ambizioni di rivoluzionari che volevano rifare la società a immagine dei loro sogni utopici. Per farsi un’idea delle loro ambizioni e della loro visione del mondo si può leggere l’eccellente libro di Bryan Burrough, Days of Rage, che racconta l'”underground” di sinistra negli Stati Uniti degli anni Settanta.

Gruppi come i Weather Underground, guidati da Bill Ayers (un amico di Barack Obama), volevano iniziare una rivoluzione negli Stati Uniti, ma scoprirono, con loro disappunto, che “il popolo” non la voleva. Tuttavia, molti dei leader di gruppi come i Weather Underground sono finiti in istituzioni d’élite come la legge (uno è diventato giudice) e il mondo accademico (un altro è diventato professore), dove sono confluiti nelle classi dirigenti che le controllano. Non essendo riusciti a sollevare le masse, sembra che abbiano deciso di imporre una rivoluzione dall’alto, come fece Lenin in Russia.

Questo include le istituzioni religiose. Sono scettico nei confronti delle teorie sull'”infiltrazione” nella Chiesa cattolica da parte di comunisti o massoni, soprattutto perché sono eccessivamente drammatiche. Immaginano la cattura delle istituzioni come una sorta di film di spionaggio hollywoodiano, ricco di intrighi vaticani. Ma è più banale di così. Comporta un sacco di lavoro noioso e l’ingresso in noiosi centri burocratici come i comitati finanziari e i dipartimenti delle risorse umane. Fornire aiuto ai manifestanti o alle persone in fuga dall’FBI è qualcosa per cui qualsiasi istituzione può essere usata, se il suo personale è pieno di simpatizzanti radicali ai livelli più bassi, anche se i suoi leader si oppongono violentemente a tale radicalismo.

Questo era già il caso di molte istituzioni religiose alla fine degli anni Sessanta. Burrough osserva che negli anni ’70 i Weather Underground furono aiutati da quella che egli definisce una “disciplinata clandestinità cattolica”, dedita ad aiutare i renitenti alla leva e altre figure del “Movimento”. Un particolare che racconta suggerisce quanto questi radicali fossero già radicati nella Chiesa cattolica statunitense. Durante una riunione dei Weatherman a Flint, nel Michigan, alla fine del 1969, Burrough racconta che i membri del gruppo usarono la navata di una chiesa cattolica locale per fare orge, come parte della loro campagna “Smash Monogamy” (distruggi la monogamia) per minare le ultime inibizioni contro gli atti rivoluzionari, sia violenti che sessuali.

Nel frattempo, negli Stati Uniti la Chiesa episcopale, all’insaputa dei suoi membri, finanziava segretamente un gruppo nazionalista e terrorista portoricano chiamato FALN negli anni Settanta. Diversi membri di quel gruppo riuscirono a farsi nominare nel consiglio di amministrazione di un’organizzazione caritatevole episcopale che si occupava di sensibilizzare gli ispanici. Da questa posizione, trafugavano il denaro con cui conducevano le operazioni del FALN che, secondo Burrough, consistevano principalmente nell’uccidere agenti di polizia.

I progressisti, politici o religiosi, hanno capito che non è necessario avere le masse dalla propria parte se si controlla chi gestisce le burocrazie. Le società moderne non possono funzionare senza di loro. Tutti, compresi i “tradizionalisti” di qualsiasi genere, dipendono da loro nella vita quotidiana.

I cattolici fedeli pensavano di essere al sicuro con un Papa “conservatore”, ma i progressisti sapevano quello che il Presidente Trump ha scoperto, con suo grande dispiacere, durante il suo mandato. Non importa se si possono nominare i capi di grandi e potenti istituzioni se praticamente tutto il personale odia le persone che le dirigono e le loro convinzioni dichiarate. I leader di queste istituzioni non possono fare nulla di fronte a questa opposizione concertata; in pratica, sono solo delle figure di riferimento. Questo è probabilmente il significato di ciò che Benedetto avrebbe detto a Bernard Fellay, quando lo ha pregato di porre fine al dissenso nella Chiesa. “La mia autorità finisce davanti a quella porta”, ha detto, indicando la porta del suo appartamento a Castel Gandolfo.

Così, mentre i cattolici fedeli crescevano le famiglie, cercavano di vivere e trasmettere loro la fede, contribuendo monetariamente e offrendo il loro tempo alla Chiesa, i rivoluzionari di Land O’Lakes, di Detroit, di Essen, tutti i soixante-huitard letterali e spirituali che si pensava avessero la decenza di lasciare un’istituzione di cui non condividevano più le convinzioni, lavoravano per trasformare ciò per cui i cattolici fedeli pagavano con il loro denaro e il loro tempo in un’altra religione. Con il “Cammino sinodale” e il “Sinodo sulla sinodalità”, è giunta la loro ora.

E il Papa? Non so come si possa credere a questo punto che Papa Francesco farà qualcosa per fermare tutto questo. Dovrebbe essere ormai chiaro che il “Cammino sinodale” non sarebbe mai andato avanti senza il suo permesso. Probabilmente emetterà una sorta di avvertimento ambiguo, ma non condannerà apertamente i tedeschi. Nonostante quanto ho scritto sopra, l’autorità del Papa è ancora necessaria per la “rivoluzione” che queste persone vogliono attuare. Hanno giocato con successo sulla lealtà dei fedeli verso il Papa per arrivare fino a questo punto, e devono mantenere la finzione che non si tratta di una radicale riorganizzazione della Fede.

Non hanno bisogno né vogliono la sua approvazione, ma non potrebbero procedere di fronte a una condanna papale diretta. E non ci sarà finché Francesco regnerà. I progressisti del collegio cardinalizio che hanno votato per lui sapevano chiaramente di avere un alleato che avrebbe dato loro la possibilità di tentare questa strada. Non posso immaginare che egli li tradisca a questo punto.

Quindi, non ci resta che pregare e sperare che un futuro pontefice faccia qualcosa al riguardo – se, a quel punto, sarà ancora in grado di farlo. Ironicamente, non credo che i cattolici debbano preoccuparsi che questi rivoluzionari minino l’insegnamento della Chiesa sull’infallibilità. Non credono comunque nella verità immutabile, quindi non c’è motivo per Francesco o per il “Sinodo sulla sinodalità” di emettere una sorta di dichiarazione vincolante sulle unioni gay o altro. Hanno solo bisogno di continuare a rilasciare dichiarazioni vagamente formulate, che costeggiano la dottrina della Chiesa ma permettono l’eresia nella pratica.

Mi aspetto che questo continui nel prossimo futuro, ma credo nella promessa del Signore a Pietro. Roma in qualche modo risorgerà da questa morte spirituale un giorno. Lo fa sempre. E queste persone non sono esseri onnipotenti e onni-competenti. Non possono distruggere da soli l’intera Chiesa cattolica mondiale (credo).

Ma per quanto riguarda la Chiesa occidentale, o almeno alcune sue parti, devo confessare che non sono fiducioso. Alcuni continuano a parlare di una “soluzione biologica” a questo problema. Non capiscono che ciò non accadrà finché queste persone avranno il controllo di queste istituzioni. A loro non importa se le vocazioni sacerdotali si esauriscono, perché vogliono comunque sbarazzarsi del sacerdozio.

E se è vero che non possono sostituire il loro personale perché quasi nessuno condivide i loro folli ideali, ciò non significa che lasceranno intatte istituzioni potenti per una futura generazione di fedeli cattolici. Si limiteranno a distruggerle e ad affossarle, piuttosto che lasciare che i loro nemici controrivoluzionari se ne servano. Se volete un’anticipazione delle attrazioni future, vi conviene ripassare la storia della Comunione anglicana e i suoi travagli, perché è proprio lì che la Chiesa cattolica è diretta.

No, a meno che non si riesca in qualche modo a rimuovere queste persone da queste tombe burocratiche – tutte – non sono sicuro, umanamente parlando, di cosa i fedeli cattolici laici possano fare nel breve termine per fermarle. Forse non possiamo fare nulla, finché il Signore non modificherà le circostanze in cui soffriamo. Niente, cioè, se non vivere la Fede che queste persone vogliono annientare con più fervore, più completamente, più gioiosamente, con più responsabilità personale e ascetismo personale, che mai: “Questa gente non può essere scacciata se non con la preghiera e il digiuno” (Marco 9,29).

Darrick Taylor

 

Darrick Taylor ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia presso l’Università del Kansas. Vive nella Florida centrale e insegna al Santa Fe College di Gainesville, FL. Produce anche un podcast, Controversies in Church History, che tratta di episodi controversi nella storia della Chiesa cattolica.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments