Lo studio da poco pubblicato sulle correlazioni tra genetica e attrazione per persone dello stesso sesso pubblicato la settimana scorsa, ha suscitato reazioni anche in ambito cattolico. Riportiamo un articolo di Ed Condon, pubblicato sul Catholic News Agency (CNA), che riassume le posizioni di padre James Martin SJ e del dr Kevin Miller, assistente professore di teologia all’Università Francescana di Steubenville su come i risultati della ricerca si inseriscano all’interno della morale cattolica sulla sessualità.

La traduzione è a cura di Annarosa Rossetto.

 

Gene gay (Shutterstock via CNA)

Gene gay (Shutterstock via CNA)

 

 

Dopo che un importante studio scientifico ha scoperto che non esiste un marcatore genetico singolo per l’omosessualità, un teologo cattolico spiega che i risultati sono pienamente in accordo con l’insegnamento cattolico.

Lo studio è stato pubblicato il 30 agosto su Science.Ha esaminato i dati di diverse grandi banche dati genetiche in più paesi e ha studiato quasi mezzo milione di persone riguardo ai loro partner e alle loro preferenze sessuali.Precedenti studi sull’argomento avevano esaminato solo gruppi campione dell’ordine di centinaia di persone.

«”Da un punto di vista genetico, non esiste una singola [differenza genetica] tra chi ha comportamenti sessuali con persone dello stesso sesso o di sesso diverso», ha affermato Andrea Ganna, genetista presso l’Istituto finlandese di medicina molecolare e principale autore dello studio.

Parlando con Scientific American, Eric Vilain, un genetista del Children’s National Health System di Washington, DC, ha definito il risultato dello studio “la fine della teoria del “gene gay “.

Negli ultimi decenni, molti di quelli coinvolti nel movimento LGBT avevano promosso la tesi secondo cui l’orientamento sessuale è geneticamente determinato e che le persone che sperimentano attrazione per lo stesso sesso sono nate con un orientamento definito.

In un’intervista di giugno, p.James Martin SJ, autore di “Un ponte da costruire. Una relazione nuova tra Chiesa e persone LGBT”, ha affermato che «la maggior parte dei più noti psicologi, psichiatri, biologi e scienziati sociali affermano che le persone sono semplicemente nate in questo modo»..

In un commento pubblicato insieme allo studio, la genetista Melinda Mills dell’Università di Oxford ha notato una “propensione a ridurre la sessualità ad un determinismo genetico” a sostegno di posizioni sociologiche o ideologiche.

«Attribuire l’orientamento omosessuale alla genetica potrebbe migliorare i diritti civili o ridurre lo stigma», ha scritto.«Per contro, c’è il timore che poterbbe fornire uno strumento di intervento o di “cura”.»

Tuttavia, Mills ha affermato che i risultati dello studio mostrano che l’uso della genetica per predire un’attrazione per lo stesso sesso o per cambiarla attraverso una sorta di modifica genetica è «totalmente e senza alcun dubbio impossibile».

Commentando il rapporto venerdì, Martin ha dichiarato alla CNA che «lo studio mostra che una varietà di fattori, inclusi fattori genetici, influenzano la sessualità umana».

«Per me, la citazione più utile è arrivata da un genetista che era uno dei principali ricercatori, che ha parlato di quanto sia “naturale” l’omosessualità» ha detto p.Martin citando il dott. Benjamin Neale del MIT.

Neale ha detto al New York Times che il comportamento omosessuale è «scritto nei nostri geni ed è parte del nostro ambiente … fa parte della nostra specie ed è parte di ciò che siamo».

«Questo sembra riassumere in modo preciso i risultati dello studio», ha detto Martin.

La ricerca ha mostrato cinque punti di dati genetici distinti che sembrano comuni tra gli individui che hanno detto di aver avuto almeno un rapporto con persone dello stesso sesso.Due di questi marcatori appaiono collegati agli ormoni e all’olfatto, fattori di attrazione sessuale.

Secondo i risultati trovati, però, i cinque marcatori nel loro insieme spiegano meno dell’1% delle differenze nell’attività sessuale tra la popolazione.

«Sebbene siano stati trovati particolari loci genetici associati al comportamento dello stesso sesso», ha detto Mills, «quando gli effetti di questi loci vengono combinati in un punteggio globale, gli effetti sono così piccoli, inferiori all’1%, che questo punteggio genetico non può in alcun modo essere utilizzato per predire il comportamento omosessuale di un individuo.»

Sottolineando che i risultati dello studio evidenziano notevoli differenze in base alle generazioni e all’influenza delle norme culturali sul comportamento sessuale, Mills ha concluso che le future ricerche si dovrebbero concentrare soprattutto su «come le predisposizioni genetiche sono influenzate da fattori ambientali».

«Ancora una volta è anche importante ascoltare l’esperienza vissuta delle persone LGBT, mentre le si assiste in chiesa», ha detto Martin.

Il dott. Kevin Miller, assistente professore di teologia all’Università Francescana di Steubenville, Ohio, ha detto alla CNA che i risultati sono in accordo con l’esistente insegnamento della Chiesa sull’omosessualità.

«Il catechismo affronta l’omosessualità nei nn.2357-2359.All’inizio di questa trattazione leggiamo che la sua “genesi psicologica rimane in gran parte inspiegabile”.Il nuovo studio non cambia questo.»

Lo studio fa una distinzione tra le persone che compiono atti omosessuali e quelle che si sono identificate come “gay” o “omosessuali”, una distinzione che Miller sottolinea essere già centrale negli insegnamenti della Chiesa.

Il Catechismo insegna che gli atti omosessuali sono “intrinsecamente disordinati” e “in nessun caso possono essere approvati”. Questo perché, ricorda Miller, solo gli atti sessuali orientati dalla loro natura alla possibilità di procreazione e collocati all’interno del matrimonio sono «compatibili con  l’essenziale virtù morale della castità e – come sottolineato da San Giovanni Paolo II nei suoi scritti sia prima di diventare Papa che in quelli successivi – l’amore».

«Qualsiasi altro atto è – indipendentemente dalle disposizioni soggettive di coloro che vi prendono parte – oggettivamente edonistico ed egoista, piuttosto che autenticamente amorevole.Ovviamente ci sono molti tipi di atti sessuali che possono rientrare in questa categoria – gli atti omosessuali non sono affatto l’unico tipo».

La tendenza o l’inclinazione omosessuale, spesso chiamata attrazione per lo stesso sesso, è definita dal Catechismo come “oggettivamente disordinata”, ha affermato Miller.Questo perché un desiderio che, se attuato, porterebbe ad atti immorali è per sua natura disordinato, ha proseguito.

Ma, ha osservato Miller, il desiderio o l’inclinazione in sé non sono “moralmente sbagliati”, dal momento che una persona non sceglie di avere un’inclinazione né esercita il proprio libero arbitrio per averla.

Fondamentale per comprendere la distinzione tra inclinazioni e atti sessuali, Miller ha affermato, è che tutti gli atti sessuali sono scelti liberamente;anche se una persona ha una disposizione interiore per impegnarsi in atti omosessuali, ha la stessa libertà di perseguirli o meno come una persona incline ad atti immorali con qualcuno del sesso opposto.

“Si può vedere che in questa spiegazione dell’insegnamento della Chiesa, non vi è alcun riferimento alla causa della tendenza o predisposizione omosessuale.Ciò è semplicemente irrilevante per l’analisi della bontà o del male morale degli atti omosessuali e del carattere ordinato o disordinato della tendenza o predisposizione omosessuale. ”

Miller ha spiegato che l’origine dell’orientamento sessuale di una persona, sia biologico, ambientale o esperienziale, non ha alcuna attinenza con ciò che la Chiesa insegna riguardo alla moralità di mettere in atto un particolare impulso sessuale.

“Questi insegnamenti non dipendono da alcuna ipotesi sulla causa della tendenza o dell’inclinazione”, ha detto.

“Anche se si potesse dimostrare che una tendenza o un orientamento omosessuale è del tutto biologicamente determinato, ciò non influenzerebbe affatto la logica alla base dell’insegnamento della Chiesa”.

 





 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email