Dr. Anthony Fauci, Director of the National Institute of Allergy and Infectious Diseases at the National Institutes of Health, listens during a Senate Senate Health, Education, Labor, and Pensions Committee Hearing on the federal government response to COVID-19 on Capitol Hill Wednesday, Sept. 23, 2020, in Washington. (Graeme Jennings/Pool via AP)
Anthony Fauci

Pubblichiamo, da noi tradotto, un interessante articolo di William Sullivan apparso su American Thinker e Zerohedge.

Molti dei tiranni che hanno promosso la follia della COVID chiedono l’amnistia da tempo, e dovremmo solo aspettarci che il loro numero cresca man mano che emergono ulteriori prove.

Ma non dobbiamo sbagliare – ci deve essere una resa dei conti in Occidente quando si tratta di COVID.

Da bambino mi chiedevo come il fanatismo estremo, ad esempio il nazismo, potesse intrufolarsi in qualsiasi popolazione istruita. Ora sono convinto che la campagna di propaganda coordinata a livello internazionale intorno alla COVID, di cui tutti abbiamo recentemente assistito per quasi tre anni, faccia sembrare i nazisti dei dilettanti.

Vi prego di non prendere questo come un tipico “questa cosa che non mi piace è nazismo” genere di confronto, ma piuttosto riflettete onestamente su questo per un momento. Ci sono voluti decenni di propaganda per infiammare l’odio del popolo tedesco nei confronti degli ebrei europei in modo tale da trasformarli in cittadini di seconda classe indegni dei più basilari diritti, come ad esempio cenare in un ristorante pubblico, infine indegni anche di ricevere cure mediche.

Nel giro di soli due anni nell’Occidente apparentemente libero, abbiamo avuto bande massive di persone (o, almeno, la comparsa di bande massive di persone sui social media) che desiderano apertamente disgrazie e morte per i loro connazionali che hanno semplicemente scelto di non iniettare un nuovo, freneticamente sviluppato, farmaco non testato nei loro corpi per compensare un rischio che era ed è, per la stragrande maggioranza delle persone, poco più pericoloso del comune raffreddore o influenza. Non solo i ristoranti hanno rifiutato il servizio a queste persone come una questione politica in luoghi come New York, ma queste persone furono licenziate dal lavoro, e gli ospedali in alcuni luoghi iniziarono a rifiutare apertamente servizi salva-vita ai pazienti se un particolare individuo ha avuto l’audacia di non marciare a passo dell’oca sino alla farmacia locale non per eins, ma zwei dosi del nuovo farmaco.

Come con i nazisti, non importa se la maggioranza della popolazione era effettivamente d’accordo con tutto ciò, o se l’incredibile visibilità di un mare infinito di manifesti di propaganda e circolari di opuscoli (l’equivalente moderno è il pregiudizio algoritmico di Twitter e Facebook ) stava semplicemente presentando falsamente al pubblico che era questo il caso. Ciò che conta è che il governo, i media e i poteri aziendali, in entrambi i casi, hanno agito tutti come un unico organo simbiotico con uno scopo e un messaggio chiari, progettati per demonizzare chiunque sia colpevole di idee sbagliate e punirlo per mancanza di fedeltà all’imperativo ideologico.

La verità ha appena iniziato a venire alla luce, e ha già quasi seppellito la narrativa del COVID di un tempo, anche se alcuni lupi mannari rimasti chiedono ancora che ci mascheriamo nei supermercati, e ci sono alcune politiche residue che si aggrappano al follia del passato, come il rifiuto dell’America al miglior tennista del mondo di entrare nel paese in base al fatto che non gli era stata iniettato il doping preferito del cartello COVID.

Ma i responsabili, in particolare quelli che consapevolmente hanno ingannato il pubblico per generare paure infondate e orchestrato quella che è stata probabilmente la più grande e diffusa calamità politica nella storia umana, devono essere ritenuti responsabili nel modo più potente, più audace e più simbolico immaginabile per assicurare il mondo che questo non accadrà mai più in Occidente.

Ciò di cui abbiamo bisogno per garantire quel risultato è qualcosa che rivaleggi con i processi di Norimberga in termini di portata e sensazionalismo. Norimberga fu scelta come sede di quei processi perché era lì che si tenevano i raduni annuali di propaganda e che iniziò la malattia del nazismo. Era simbolico che la fine del nazismo avesse luogo nel luogo del suo inizio.

Spero che un giorno avremo i processi di Milano altrettanto simbolici per perseguire quei funzionari governativi che hanno orchestrato i blocchi, le chiusure delle scuole e le sofferenze umane in generale che l’Occidente ha subito dopo che la Lombardia, dove si trova la città di Milano , ha seguito il protocollo di blocco della Cina senza il minimo precedente storico che suggerisse alcuna efficacia della pratica, e il resto dell’Occidente ha semplicemente seguito l’esempio (per ragioni che si spera possano rivelare i processi di Milano).

Sebbene la Cina sia probabilmente il principale colpevole di aver scatenato il COVID nel mondo, e potrebbe essere forse più appropriato avere questi processi a Wuhan, è difficile immaginare modi in cui il Partito Comunista al governo cinese possa essere ritenuto responsabile del suo ovvio ruolo in tutto questo, al di fuori di un conflitto armato da cui usciamo vittoriosi. I cinesi chiaramente non rispettano l’autorità internazionale degli Stati Uniti o di altre potenze occidentali più di quanto rispettino i propri cittadini innocenti e sani, che sono disposti a incarcerare in massa saldando le porte delle loro case, e loro si stanno chiaramente ritirando dal dialogo internazionale mentre segnalano alleanze con gli avversari dell’Occidente. Questo ritiro potrebbe verificarsi in modo meno drammatico rispetto all’allontanamento del Giappone dalla Società delle Nazioni nel 1933, quando la Lega tentò di ritenerlo responsabile dell’invasione della Manciuria, ma gli sforzi per ritenere la Cina responsabile del virus di Wuhan sono stati ugualmente accolti con disprezzo cinese.

Ecco quella che ora è supportata da prove come la serie più probabile di eventi che hanno portato ai blocchi occidentali, anche se solo un anno fa questi sarebbero stati i deliri di un teorico della cospirazione.

Il governo cinese ha condotto una sperimentazione di guadagno di funzione con i coronavirus di pipistrello in un laboratorio finanziato dagli americani a Wuhan, e questo virus mutato è sfuggito o è stato rilasciato intenzionalmente. Il governo comunista cinese ha successivamente bloccato le aree colpite dall’epidemia nascondendo le effettive devastazioni del virus e presentando al mondo l’efficacia dei blocchi e la distruzione della propria economia nazionale nell’interesse della salute pubblica.

Il fatto che i cinesi comunisti avrebbero fatto tutto questo per disperazione per lottare per una migliore posizione economica sulla scena mondiale non avrebbe scioccato nessuno, nemmeno all’inizio del 2020. Ma, prima del 2020, noi in Occidente immaginavamo di essere cittadini di nazioni più libere di quanto fosse nella realtà.

Quella fantasia si è sgretolata nel marzo del 2020 e Milano, in Italia, è stata il luogo in cui è iniziata.

Milano, una città di 1,2 milioni di persone, è stata il ground zero europeo per i lockdown dovuti al COVID. L’8 marzo 2020 le strade di Milano erano silenziose. I residenti “si sono svegliati [quella] domenica alla notizia che era stato bloccato dal governo italiano nel tentativo di contenere l’epidemia di coronavirus”.

Inizialmente, erano solo 16 milioni i presunti cittadini liberi bloccati in Lombardia. Entro il 10 marzo, è stato esteso a tutti i 60 milioni di italiani, diventando la “prima nazione democratica dalla seconda guerra mondiale ad annunciare un blocco nazionale”.

Entro il 14 marzo, la Spagna è stata bloccata a livello nazionale. Entro il 17, lo era anche la Francia. Entro il 23 marzo, sia il Regno Unito che la Germania erano sotto blocco nazionale. Dal 1° aprile, la maggior parte dei paesi europei era in lockdown nazionale. E, come tutti sappiamo, gli Stati Uniti avevano già iniziato a istituire blocchi localizzati (basati su linee guida nazionali) così ampiamente che, a metà aprile, 300 milioni di americani (più del 90%) vivevano sotto una qualche forma di blocco.

Quello che troppo pochi sanno, tuttavia, è che l’Occidente ha gettato i suoi cittadini in blocchi che strangolano la libertà molto più facilmente dell’Asia, nonostante il fatto che non ci fosse mai stata alcuna prova moderna che interventi come i blocchi potessero contenere un’epidemia virale respiratoria.

Ad esempio, alcuni dati molto precoci e più affidabili sono emersi dalla Corea del Sud. Entro il 27 marzo, il Center for Strategic International Studies stava annunciando la sua risposta, che includeva molto coordinamento delle agenzie sanitarie e ampia disponibilità di test, ma il termine “blocco” che veniva sbandierato con crescente regolarità nei media occidentali non appariva. In effetti, mentre l’Occidente stava istituendo blocchi nazionalizzati a una velocità vertiginosa, la Corea del Sud non ha mai fatto altro che emettere raccomandazioni nazionali, proprio come fece la Svezia all’epoca, e così come il Giappone, Taiwan, Hong Kong e Singapore. In effetti, poco più di una manciata di nazioni asiatiche aveva istituito blocchi nazionali entro il 1 aprile 2020. Entro quella stessa data, più di tre nazioni europee su quattro avevano bloccato indiscriminatamente le loro intere nazioni.

Questi dati della Corea del Sud sono stati discussi dal Dr. David Katz sul New York Times il 20 marzo 2020 come appello a non impegnarsi in blocchi negli Stati Uniti. Ha riconosciuto che i rapporti dalla Corea del Sud hanno mostrato che i decessi erano “principalmente raggruppati tra gli anziani, quelli con malattie croniche significative come il diabete e le malattie cardiache e quelli in entrambi i gruppi”. Profeticamente, ha avvertito la nostra nazione dei pericoli che ci attendevano se fossimo rimasti fedeli alla strategia di blocco per “appiattire la curva” come era già stato, a quel tempo, prescritto dal dottor Anthony Fauci:

Un passaggio in questo momento dal tentativo di proteggere tutte le persone al concentrarsi sui più vulnerabili rimane del tutto plausibile. Ogni giorno che passa, però, diventa più difficile. Il percorso che stiamo percorrendo potrebbe portare a un contagio virale incontenibile e a enormi danni collaterali alla nostra società e alla nostra economia.

In effetti, in questi ultimi tre anni, alla società e all’economia sono stati inflitti enormi danni collaterali, insieme agli effetti di un contagio virale incontenibile. Per fortuna, abbiamo raggiunto un punto in cui i primi vengono discussi più del secondo.

I blocchi sono stati un disastro su scala globale, ma non c’è mai stata alcuna prova convincente a sostegno della loro efficacia come prima misura preventiva. Le persone sobrie e razionali che lo dicevano all’epoca sono state pesantemente censurate all’inizio di aprile 2020, se non completamente cancellate nell’interesse di promuovere la propaganda digitale preferita del governo, dei media e degli interessi aziendali.

Perché le nazioni occidentali si sono impegnate in questo intervento non farmaceutico non comprovato che ha rubato tempo ed esperienza insostituibili ai nostri figli, ha distrutto innumerevoli piccole imprese sostenendo imperi corporativi, ha conferito poteri senza precedenti al governo mentre suscitava disordini sociali e ha rimodellato l’equilibrio di potere tra il cittadino e la classe politica? Perché hanno messo a tacere le persone che dicevano la verità? Avevano buone intenzioni e hanno semplicemente sbagliato, o c’era qualcosa di più nefasto coinvolto?

Abbiamo bisogno di risposte. E chiediamo giustizia, che può venire solo dall’identificazione e dalla punizione adeguata delle persone coinvolte. Questo è l’unico modo per garantire che nulla di simile alla follia COVID a cui abbiamo assistito nel 2020-2022 venga mai più inflitto al mondo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments