Lo riporta Jen Christensen nel suo articolo pubblicato su CNN Health. Ecco alcuni stralci nella mia traduzione. 

 

coronavirus virus corpo salute immunità naturale WP image

 

Quando le persone si sono reinfettate con il Covid-19, le loro probabilità di finire in ospedale o di morire erano inferiori del 90% rispetto a un’infezione iniziale da Covid-19, secondo un nuovo studio.

Lo studio pubblicato mercoledì sul New England Journal of Medicine ha scoperto che ci sono state poche reinfezioni confermate tra 353.326 persone che hanno avuto il Covid-19 in Qatar, e le reinfezioni erano rare e generalmente lievi.

La prima ondata di infezioni in Qatar ha colpito tra marzo e giugno del 2020. Alla fine circa il 40% della popolazione aveva anticorpi rilevabili contro il Covid-19. Il paese ha poi avuto altre due ondate da gennaio a maggio del 2021. Questo è stato prima della variante delta, più contagiosa.

Per determinare quante persone si sono reinfettate, gli scienziati di Weill Cornell Medicine-Qatar hanno confrontato i fascicoli delle persone con infezioni confermate da PCR tra febbraio 2020 e aprile 2021. Hanno escluso 87.547 persone che hanno ricevuto il vaccino.
I ricercatori hanno scoperto che tra i casi rimanenti c’erano 1.304 reinfezioni. Il tempo mediano tra la prima malattia e la reinfezione era di circa 9 mesi.

Tra quelli con reinfezioni, ci sono stati solo quattro casi abbastanza gravi da dover andare in ospedale. Non ci sono stati casi in cui le persone sono state abbastanza gravi da dover essere trattate in unità di terapia intensiva. Tra i casi iniziali, 28 sono stati considerati critici. Non ci sono stati decessi tra il gruppo reinfettato, mentre ci sono stati sette morti nelle infezioni iniziali.
“Quando si hanno solo 1.300 reinfezioni tra così tante persone, e quattro casi di malattia grave, questo è piuttosto notevole”, ha detto John Alcorn, un esperto di immunologia e professore di pediatria presso l’Università di Pittsburgh che non era affiliato con questo studio.
Lo studio ha dei limiti. È stato fatto in Qatar, quindi non è chiaro se il virus si comporterebbe allo stesso modo altrove. Il lavoro è stato fatto quando la variante alfa e beta erano la causa di molte reinfezioni. C’erano 621 casi in cui era indeterminato e 213 da un virus “wild type”. Non si è parlato della variante delta, che ora è il ceppo predominante. Questo potrebbe avere un impatto sul numero di reinfezioni.

Studi precedenti hanno dimostrato che l’immunità naturale abbassa il rischio di infezione. Uno studio fatto in Danimarca pubblicato a marzo ha trovato che la maggior parte delle persone che avevano Covid-19 sembrava avere una protezione dalla reinfezione che è rimasta stabile per più di sei mesi, ma un controllo dei dati demografici di chi si stava infettando di nuovo ha mostrato che erano soprattutto persone di 65 anni e più. Quello studio non chiarisce quanto dura la protezione, e nemmeno il nuovo studio del Qatar.
La ricerca di Alcorn sull’immunità naturale mostra che i livelli di anticorpi variano anche significativamente da persona a persona. Gli scienziati non sanno ancora quale livello di anticorpi sia protettivo, ma in alcuni casi, i livelli dopo l’infezione potrebbero non essere sufficienti per evitare che qualcuno si ammali di nuovo.
“Bisogna determinare se tale protezione contro la malattia grave alla reinfezione duri per un periodo più lungo, analogamente all’immunità che si sviluppa contro altri coronavirus stagionali ‘common-cold’, che suscitano un’immunità a breve termine contro la reinfezione lieve ma un’immunità a lungo termine contro la malattia più grave con la reinfezione”, dice lo studio. “Se questo fosse il caso della SARS-CoV-2, il virus (o almeno le varianti studiate finora) potrebbe adottare un modello di infezione più benigno quando diventa endemico”.

 

 

Facebook Comments