Un interessante articolo che cerca di riflettere sullo scombussolamento e sulla follia degna di un regime che stiamo vivendo in questo tempo del coronavirus.

L’articolo è di Eugyppius (uno pseudonimo), pubblicato sul suo blog. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

follia-stupidita-mostri

 

Una delle cose che cerco di fare qui, è spiegare quanto la follia degli ultimi due anni possa essere attribuita alle carenze ordinarie, di routine, delle nostre istituzioni, della nostra cultura e della nostra psicologia. Questa analisi scontenta abitualmente alcuni dei miei lettori, ma è indiscutibilmente vera. Naturalmente capisco l’impulso a caratterizzare il Coronavirus come patologico, malevolo e organizzato in modo cospirativo, e non negherei mai che ci siano stati cattivi attori all’opera durante tutto quello che abbiamo sopportato. Nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile, però, senza legioni di veri credenti all’interno delle nostre istituzioni native impegnati a promuovere questa follia in autonoma buona fede, in accordo con una serie di incentivi molto banali.

Altrettanto ovvio è che un sacco di persone altamente posizionate e potenti credono in un sacco di cose folli, e sostengono vigorosamente tutta una serie di politiche e programmi controproducenti e ridicoli. Questo non è iniziato improvvisamente con il Coronavirus. Mentre l’Occidente è entrato in un periodo di prolungato declino, il loro numero e la profondità della loro follia sono solo cresciuti. Ci sono molte ragioni specifiche per questo, ma a guidare il declino più di ogni altra cosa è una malattia intellettuale e culturale della ricchezza, espressa nella eccessiva produzione di élite, la crescente enfasi sulla coscienziosità a spese della capacità e dell’intelligenza, e la diffusione del potere politico verso il basso, come mezzo per cementare il consenso tra le disparate fazioni aziendali, accademiche e di governo.

Prima del 2020, queste persone facevano e dicevano ogni genere di cose ridicole, ma le conseguenze della loro assurdità si sono manifestate troppo gradualmente per attirare tutta quell’attenzione, oppure erano confinate a sottopopolazioni specifiche e non si sentivano così ampiamente. Il Coronavirus è stato semplicemente quel momento, quando il salario dell’orrendo giudizio delle persone che ci governano ha colpito tutti in una volta.

Anche in condizioni ottimali gli esseri umani non sono creature razionali. Con uno sforzo enorme, possiamo sviluppare visioni e teorie del mondo che sono semi-affidabili. Possiamo lavorare all’interno di paradigmi di media risoluzione che hanno qualche probabilità di essere approssimativamente giusti. Man mano che l’abilità generale della nostra intellighenzia dell’establishment diminuisce, le teorie dominanti in ogni campo diventano sempre più lontane dal mondo, hanno meno probabilità di essere utili e sono soggette a folli oscillazioni arbitrarie.

Le persone dalla parte dell’establishment del dibattito sostengono principalmente che il Coronavirus è un virus insolito e senza precedenti, e che la risposta scientifica è stata totalmente ragionevole e giustificata. Le persone dalla nostra parte della discussione tendono a vedere il Coronavirus come nulla di speciale, ma la risposta scientifica e politica come qualcosa di nuovo e insolito. Io suggerisco che aiuta a vedere il virus, nonostante le sue origini di laboratorio, come una minaccia biologica del tipo con cui abbiamo vissuto per millenni; e che allo stesso modo aiuta a vedere la nostra reazione squilibrata a questo virus come un’espressione della nostra società e istituzioni in declino. Questa è una grande ragione per cui risolvere questo problema si è rivelato così difficile.

I problemi che abbiamo sono molto più profondi del World Economic Forum e di Bill Gates. In molti modi, quei ragazzi sono solo le manifestazioni di superficie di questo marciume molto più profondo. So che molti di voi concepiscono ciò che è successo nel 2020 come una sorta di isteria o ipnosi di massa, o paragonano le nostre attuali politiche al nazionalsocialismo degli anni ’30. Penso che ci possa essere un valore polemico in entrambi i punti, ma penso anche che la cosa più importante, sia riconoscere che il controllo è una politica caratteristica non della Germania nazista, ma delle democrazie liberali occidentali. Questi regimi hanno abbracciato con entusiasmo i lockdown, le vaccinazioni obbligatorie e le restrizioni diffuse. Per due anni, i nostri governi hanno perseguito il controllo come il loro obiettivo politico più alto e centrale; è diventato una specie di sistema ideologico a sé stante, e persiste come tale. Queste sono politiche occidentali, liberali e democratiche per definizione, e mostrano che qualcosa è terribilmente sbagliato nel nostro ordine politico.

Penso che sia importante venire a patti con questi semplici fatti, perché questi pericolosi pazzi lunatici stanno ancora dirigendo tutto. I pandemici sono usciti dagli ultimi due anni più trincerati e potenti che mai. Le nostre burocrazie della salute pubblica hanno imparato cosa possono fare ora, e con quale poca pretesa. La ricerca sulla SARS-2 riceverà ondate di finanziamenti per i decenni a venire; anche le persone che studiano gli elefanti o i funghi del suolo troveranno ora incentivi per rendere il loro lavoro almeno un po’ sul Coronavirus. Anche la ricerca sui virus legati alla SARS continuerà, ci saranno più fughe di laboratorio, e i vaccinatori si presenteranno ogni autunno con il loro olio di serpente di mRNA. Sarebbe meglio, se tutte queste sciocchezze fossero dirette, o il risultato di qualche insolita follia passeggera. Non lo è; è il modo in cui stanno le cose. È la natura delle istituzioni politiche e sociali che ci governano.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email