Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Andrew Bacevich e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Ucraina-Russia-NATO

 

Permettetemi di confessare: mi preoccupo ogni volta che Max Boot si sfoga con entusiasmo su una futura azione militare. Ogni volta che l’editorialista del Washington Post si professa ottimista su un imminente salasso, la sfortuna tende a seguirlo. E, guarda caso, è decisamente ottimista sulla prospettiva che l’Ucraina infligga alla Russia una sconfitta decisiva nella sua imminente, ampiamente prevista, sicura controffensiva di primavera.

In una recente rubrica riportata dalla capitale ucraina – titolo: “Sono appena stato a Kiev sotto il fuoco” – Boot scrive che i segni reali di guerra sono pochi. Prevale qualcosa di simile alla normalità e l’umore è notevolmente ottimista. Con il fronte “distante solo [parole sue!] circa 360 miglia”, Kiev è una “metropoli vivace e animata, con ingorghi e bar e ristoranti affollati”. Meglio ancora, la maggior parte dei residenti che sono fuggiti dalla città quando i russi l’hanno invasa nel febbraio 2022 sono poi tornati a casa.

E nonostante quello che si può leggere altrove, i missili russi in arrivo sono poco più che fastidiosi, come Boot testimonia per esperienza personale. “Dal mio punto di vista, in una stanza d’albergo nel centro di Kiev”, scrive Boot, “l’attacco non è stato niente di che: si trattava solo di perdere un po’ di sonno e di sentire dei forti boati”, mentre le difese aeree fornite da Washington facevano il loro lavoro.

Mentre Boot era lì, gli ucraini gli hanno ripetutamente assicurato che avrebbero ottenuto la vittoria finale. “Sono molto fiduciosi”. Egli condivide la loro fiducia. “In passato, questi discorsi potevano contenere un grosso elemento di spavalderia e di velleità, ma ora sono il prodotto di un’esperienza duramente conquistata”. Dal suo punto di osservazione in un hotel del centro, Boot riferisce che “i continui attacchi russi alle aree urbane non fanno che rendere gli ucraini più arrabbiati con gli invasori e più determinati a resistere al loro assalto”. Nel frattempo, “il Cremlino sembra essere in disordine e impantanato nel gioco delle colpe”.

Beh, tutto ciò che posso dire è: dalle labbra oranti di Boot all’orecchio di Dio.

Gli ucraini coraggiosi meritano certamente che la loro strenua difesa del Paese sia premiata con il successo. Tuttavia, la lunga storia delle guerre suona una nota decisamente cautelativa. Il fatto è che i buoni non vincono necessariamente. Le cose accadono. Il caso interviene. Come disse Winston Churchill in uno dei suoi assiomi “ricorda sempre” meno ricordati: “Lo statista che cede alla febbre della guerra deve rendersi conto che, una volta dato il segnale, non è più il padrone della politica ma lo schiavo di eventi imprevedibili e incontrollabili”.

Il Presidente George W. Bush può certamente testimoniare la verità di questo dettame. Così come, ammesso che sia ancora senziente, può farlo Vladimir Putin. Per il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy o per Joe Biden supporre di essere esenti dalle sue disposizioni sarebbe davvero audace.

Boot non è certo il solo ad aspettarsi che la tanto sbandierata operazione ucraina – con giugno alle porte, diventerà una controffensiva estiva? – per rompere una situazione di stallo che dura da mesi. L’ottimismo espresso in tutti gli ambienti occidentali deriva in gran parte dalla convinzione che i nuovi sistemi d’arma promessi ma non ancora messi in campo dall’Ucraina – carri armati Abrams e jet da combattimento F-16, per esempio – avranno un impatto decisivo sul campo di battaglia.

C’è un termine per questo: Si chiama incassare un assegno prima che sia pagato.

 

Cercare di bucare?

Anche così, per lo Stivale, l’imperativo operativo appare ovvio. Con l’esercito russo che attualmente difende un fronte di 600 miglia, scrive, “non può essere forte ovunque”. Di conseguenza, “gli ucraini devono solo trovare un punto debole e perforarlo”.

Anche se involontariamente, Boot ricorda la famigerata teoria della guerra ideata dal generale tedesco Erich Ludendorff per sbloccare la situazione sul fronte occidentale nel 1918: “Fai un buco e lascia che il resto segua”. Nell’offensiva di primavera di quell’anno, le armate tedesche sotto il comando di Ludendorff fecero effettivamente un buco nelle linee di trincea alleate. Tuttavia, quel successo tattico non portò a un risultato operativo favorevole, ma all’esaurimento e alla sconfitta finale della Germania.

Fare buchi è un pessimo sostituto della strategia. Non pretendo di essere in grado di divinare il pensiero che prevale nei circoli militari ucraini, ma la matematica di base non li favorisce. La popolazione russa è circa quattro volte superiore a quella ucraina, la sua economia è dieci volte più grande.

Il sostegno dell’Occidente, in particolare gli oltre 75 miliardi di dollari di assistenza che gli Stati Uniti hanno finora stanziato, ha certamente mantenuto l’Ucraina in lotta. Il piano di gioco implicito dell’Occidente è quello di un logoramento reciproco – dissanguare l’Ucraina per dissanguare la Russia – con l’apparente aspettativa che il Cremlino alla fine dirà “no”.

Le prospettive di successo dipendono da due fattori: un cambio di leadership al Cremlino o un cambiamento di cuore da parte del Presidente Putin. Nessuno dei due, tuttavia, sembra imminente.

Nel frattempo, il salasso continua, una realtà deprimente che almeno alcuni membri dell’apparato di sicurezza nazionale statunitense trovano accettabile. In parole povere, una guerra di logoramento in cui gli Stati Uniti non subiscono perdite mentre molti russi muoiono fa comodo ad alcuni attori chiave di Washington. In questi ambienti, il fatto che sia compatibile con il benessere del popolo ucraino non viene preso in considerazione se non a parole.

L’entusiasmo americano per la punizione della Russia avrebbe potuto avere un senso strategico se la logica a somma zero della Guerra Fredda fosse ancora valida. In tal caso, la guerra d’Ucraina potrebbe essere vista come una sorta di rifacimento della guerra afghana degli anni Ottanta. (Dimenticate quello che la versione successiva di quella guerra ha fatto a questo Paese nel XXI secolo). All’epoca, gli Stati Uniti usarono i mujahidin afghani come proxy in una campagna per indebolire il principale avversario globale di Washington nella Guerra Fredda. A suo tempo (e tenendo conto della successiva sequenza di eventi che ha portato all’11 settembre), si è rivelato un colpo brillante.

Nel momento attuale, tuttavia, la Russia è tutt’altro che il principale avversario globale dell’America; né è ovvio, visti i pressanti problemi che gli Stati Uniti si trovano ad affrontare all’interno e all’estero, perché stuzzicare Ivan dovrebbe essere una priorità strategica.

Semmai, in realtà, la preoccupazione di Washington per l’Ucraina testimonia solo lo stato di impoverimento del pensiero strategico americano. In alcuni ambienti, inquadrare l’attuale momento storico come una competizione tra democrazia e autocrazia passa per un pensiero nuovo, così come caratterizzare la politica americana come incentrata sulla difesa del cosiddetto ordine internazionale basato sulle regole. Nessuna di queste affermazioni, tuttavia, può reggere a un esame nominale, anche se sembra una cattiva forma citare gli stretti legami degli Stati Uniti con autocrazie come il Regno dell’Arabia Saudita e l’Egitto o sottolineare gli innumerevoli casi in cui questo Paese si è esentato dalle norme a cui insiste che gli altri debbano aderire.

Certo, l’ipocrisia è endemica nella politica di Stato. La mia lamentela non riguarda il presidente Biden che batte il pugno al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman o dimentica opportunamente il suo sostegno all’invasione illegale dell’Iraq nel 2003. La mia lamentela è più fondamentale: riguarda l’apparente incapacità del nostro establishment politico di liberarsi da un pensiero obsoleto.

Classificare la sopravvivenza e il benessere della monarchia saudita come un interesse vitale per la sicurezza degli Stati Uniti offre un esempio specifico di obsolescenza. L’idea che le regole che valgono per gli altri non debbano necessariamente valere per gli Stati Uniti è certamente un altro esempio più eclatante. In un simile contesto, la guerra d’Ucraina offre a Washington una comoda opportunità di cancellare la propria immagine, assumendo una posizione virtuosa mentre difende l’innocente Ucraina dalla brutale aggressione russa.

Pensate alla partecipazione degli Stati Uniti alla guerra in Ucraina come a un mezzo per lavare via i ricordi infelici della propria guerra in Afghanistan, un’operazione iniziata come “Enduring Freedom” ma diventata Instant Amnesia.

 

Un modello di intervento

I giornalisti americani che chiamano gli ucraini a bucare le linee nemiche potrebbero essere più utili ai loro lettori riflettendo sul più ampio modello di interventismo americano iniziato diversi decenni fa e culminato nella disastrosa caduta di Kabul nel 2021. Citare un particolare punto di origine è necessariamente arbitrario, ma l’intervento di “peacekeeping” degli Stati Uniti a Beirut, il cui 40° anniversario si sta avvicinando rapidamente, offre un comodo indicatore. Quel bizzarro episodio, oggi in gran parte dimenticato, si concluse con 241 marines, marinai e soldati statunitensi uccisi in un unico devastante attacco terroristico, il cui sacrificio non servì né a mantenere la pace né a renderla tale.

Frustrato dagli sviluppi a Beirut, il 7 settembre 1983 il presidente Ronald Reagan scrisse nel suo diario: “Non riesco a togliermi dalla testa l’idea che alcuni” caccia della Marina americana “arrivando a circa 200 piedi… sarebbero stati un tonico per i Marines e allo stesso tempo avrebbero trasmesso un messaggio a quei terroristi mediorientali felici per le armi”. Ahimè, facendo saltare in aria la caserma dei Marines, i terroristi consegnarono per primi il loro messaggio.

Tuttavia, la convinzione di Reagan che l’applicazione della forza potesse in qualche modo fornire una soluzione ordinata a problemi geopolitici di sconfortante complessità, esprimeva quello che sarebbe diventato un tema continuo tutto americano. In America centrale, nel Golfo Persico, nel Maghreb, nei Balcani e in Asia centrale, le amministrazioni successive si sono imbarcate in una serie di interventi che raramente hanno prodotto successi a lungo termine, mentre hanno comportato costi cumulativi impressionanti.

Solo dall’11 settembre, gli interventi militari degli Stati Uniti in terre lontane sono costati ai contribuenti americani circa 8.000 miliardi di dollari. Senza considerare le decine di migliaia di soldati semplici uccisi, mutilati o che comunque hanno portato le cicatrici della guerra o i milioni di persone nei Paesi in cui gli Stati Uniti hanno combattuto le loro guerre che si sono rivelate vittime dirette o indirette della politica americana.

Le commemorazioni del Memorial Day, come quelle appena trascorse, dovrebbero ricordarci i costi che derivano dal fare buchi, sia reali che metaforici. Gli americani dichiarano quasi all’unanimità di avere a cuore i sacrifici di coloro che servono la nazione in uniforme. Perché non ci preoccupiamo abbastanza di evitare che si facciano male?

Questa è la mia domanda. Ma non aspettatevi una risposta da personaggi come Max Boot.

Andrew Bacevich

 

Andrew J. Bacevich è professore di storia e relazioni internazionali alla Boston University.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments