Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Dr. William Makis e pubblicato sul suo Substack. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Un nuovo documento tedesco pubblicato il 5 aprile 2023 dimostra che la proteina spike si accumula nel cervello e provoca la morte delle cellule cerebrali (il che spiegherebbe certamente molte delle cose che vediamo intorno a noi). (clicca qui)

 

Risultati principali:

“I nostri risultati hanno rivelato l’accumulo della proteina spike nel midollo cranico, nelle meningi e nel parenchima cerebrale”.

“L’iniezione della sola proteina spike ha causato la morte cellulare nel cervello, evidenziando un effetto diretto sul tessuto cerebrale”.

“Abbiamo osservato la presenza della proteina spike nel cranio di persone decedute molto tempo dopo l’infezione da COVID-19, suggerendo che la persistenza della spike può contribuire ai sintomi neurologici a lungo termine”.

 

Danno da proteina spike:

Di tutte le proteine virali COVID-19, solo la proteina spike è stata rilevata nel parenchima cerebrale.

“suggerendo che la proteina spike potrebbe avere una lunga vita nell’organismo. Questa idea è supportata dall’osservazione che la proteina spike può essere rilevata sulle cellule immunitarie dei pazienti più di un anno dopo l’infezione – un recente preprint suggerisce la persistenza della proteina spike in campioni di plasma fino a 12 mesi dopo la diagnosi”.

“L’iniezione della proteina spike ha indotto un ampio spettro di cambiamenti del proteoma nel midollo cranico, nelle meningi e nel cervello, comprese le proteine legate alla malattia da coronavirus, alle cascate del complemento e della coagulazione, alla degranulazione dei neutrofili, alla formazione di NETs e alla via di segnalazione PI3K-AKT, dimostrando l’immunogenicità della proteina spike della SARS-CoV-2 in assenza di altri componenti virali”.

 

Infiammazione cerebrale

“La nostra analisi molecolare suggerisce l’attivazione della risposta immunitaria nell’asse cranio-meningi-cervello, potenzialmente attraverso il reclutamento e l’aumento dell’attività dei neutrofili, in modo simile a quanto riportato nelle vie respiratorie”

“nel midollo cranico… le proteine virali agiscono come stimolo infiammatorio che porta allo sviluppo di una significativa risposta immunitaria nel cervello”.

“Nelle meningi, una conseguenza significativa dello stato infiammatorio è l’aumento delle proteine coinvolte nella degranulazione dei neutrofili”.

“Le proteine legate alla via della neurodegenerazione e al danno della barriera emato-encefalica sono state le molecole disregolate più importanti nel cervello”.

“La proteina spike virale porta all’attivazione di RHOA, che innesca l’interruzione della barriera emato-encefalica”.

 

Coaguli di sangue, mini-ictus, emorragie cerebrali

“La disregolazione delle vie del complemento e della coagulazione è stata rilevata sia nel midollo cranico che nel cervello. Questo potrebbe spiegare la propensione osservata nei pazienti COVID-19 a sviluppare mini-infarti nel parenchima cerebrale e la nostra osservazione di un maggiore livello di micro-emorragie nei pazienti COVID-19, contribuendo potenzialmente al danno cerebrale osservato nei pazienti COVID-19 in fase acuta o cronica”.

 

Proteine Spike e malattie neurologiche

“Abbiamo identificato diverse proteine candidate senza precedenti associazioni con la COVID-19, soprattutto quelle precedentemente associate a malattie neurologiche… in particolare, il loro ruolo è stato associato a disturbi come il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e la demenza”.

“Per individuare ulteriormente le conseguenze degli effetti specifici delle proteine spike nel tessuto cerebrale al di là della risposta infiammatoria acuta… abbiamo identificato diverse proteine disregolate associate alla neurodegenerazione”.

“compromette in modo significativo la funzione mitocondriale… una fonte di stress ossidativo segnalata in… sintomi a lungo termine come la stanchezza cronica”.

 

Come la proteina Spike entra nel cervello

“I nostri dati possono anche suggerire un meccanismo per l’ingresso del virus nel sistema nervoso centrale. Sia nel topo che nei tessuti umani COVID-19, abbiamo trovato la proteina Spike nelle SMC (connessione cranio-meningi), che il virus o i suoi componenti potrebbero utilizzare per spostarsi dal midollo cranico alle meningi e al parenchima cerebrale”.

“Il virus potrebbe seguire altre vie per raggiungere il cervello, in modo non esclusivo. Per esempio, il virus potrebbe attraversare la cerebrovascolarizzazione per raggiungere il parenchima cerebrale o essere trasportato dalle cellule immunitarie (attraverso i neutrofili o le cellule fagocitiche)”.

“L’invasione cerebrale della proteina spike diffusa dal virus, riscontrata in alcuni casi di COVID-19, è stata collegata a una barriera emato-encefalica compromessa e al traffico lungo il nervo olfattivo o il nervo vago. Qui suggeriamo uno scenario alternativo in cui la proteina spike della SARS-CoV-2 raggiunge prima il midollo cranico e poi le meningi prima di entrare nel cervello.”

“Le alterazioni indotte dalle spike nell’asse cranio-meningi-cervello presentano opportunità diagnostiche e terapeutiche, poiché sia il cranio che le meningi sono più facilmente accessibili rispetto al parenchima cerebrale”.

 

I miei Substack sulla psicosi dopo la vaccinazione COVID-19:

9 marzo 2023 – Bambini danneggiati dai vaccini COVID-19 mRNA di Pfizer o Moderna – Allucinazioni, autolesionismo, tentativi di suicidio, invalidità permanente (clicca qui)

8 marzo 2023 – Psicosi indotta dal vaccino COVID-19 – 13 casi di psicosi post vaccino, mania e tentativi di suicidio che vi sconvolgeranno…(clicca qui)

 

Il mio punto di vista…

Si tratta di un documento estremamente importante proveniente dalla Germania (non vedremo mai questo tipo di ricerca in Canada).

Questo documento dimostra che la proteina spike del vaccino SARS-CoV2 e COVID-19 entra nel midollo cranico, nelle meningi e nel parenchima cerebrale.

La proteina spike interrompe la barriera ematoencefalica.

La proteina spike da sola causa la morte cellulare nel cervello, attiva le vie del complemento e della coagulazione che portano a coaguli di sangue, mini infarti ed emorragie cerebrali, provoca infiammazioni e cambiamenti locali associati alla neurodegenerazione (demenza, Alzheimer, morbo di Parkinson).

Ritengo che le lesioni neurologiche siano una delle maggiori categorie di danno da vaccino COVID-19 mRNA. Queste lesioni sono estremamente comuni e abbiamo solo iniziato a vedere gli effetti a lungo termine dell’accumulo della proteina spike nel cervello.

Oltre agli ictus, agli aneurismi e alle emorragie cerebrali, ai problemi visivi e audiovestibolari, a tutti i tipi di paralisi e ai disturbi del movimento, credo che tra i vaccinati con l’mRNA COVID-19 assisteremo a un’impennata dei disturbi neurodegenerativi, dei disturbi mentali e a un aumento generale del rischio di suicidio.

Dr. William Makis

 

Dr. William Makis, MD, Medico canadese esperto in radiologia, oncologia e immunologia. Medaglia del Governatore Generale, borsista dell’Università di Toronto. Autore di oltre 100 pubblicazioni mediche sottoposte a revisione paritaria.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments