Interessante articolo del dott. Michal Haran, ematologo, sui rischi della proteina spike prodotta dal nostro corpo su istruzioni dell’mRNA contenuto nei vaccini COVID. L’articolo è stato pubblicato sul substack di Galileo. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Una stampa 3D di una proteina spike della SARS-CoV-2, il virus che causa la COVID-19, di fronte a una stampa 3D di una particella del virus SARS-CoV-2. (Per gentile concessione di NIAID/RML)
Una stampa 3D di una proteina spike della SARS-CoV-2, il virus che causa la COVID-19, di fronte a una stampa 3D di una particella del virus SARS-CoV-2. (Per gentile concessione di NIAID/RML)

 

Il sistema immunitario è una rete biologica molto complicata di cellule e proteine che ha capacità di apprendimento e di addestramento, oltre che una buona memoria. Un’operazione particolarmente interessante che questa rete è addestrata a compiere è l’adattamento della sua risposta al contesto.

Mi spiego meglio. Se vediamo un falò in un campeggio, molto probabilmente non chiameremo il 911, ma se vediamo un incendio nel bel mezzo del nostro salotto, molto probabilmente lo faremo. Ma cosa succede se poi ci rendiamo conto che il fuoco è limitato al camino?

La nostra risposta non si baserà solo sull’esistenza del fuoco in sé, ma anche sul contesto.
Lo stesso vale per il nostro sistema immunitario.

Quando ci capita qualcosa fuori contesto, possiamo sentirci confusi. Il nostro sistema immunitario può reagire in modo simile.

Per esempio, cosa succede quando una normale cellula del nostro corpo inizia a produrre una proteina virale “fuori contesto”? Quale sarebbe la risposta del sistema immunitario? Può confondersi e attaccare quella cellula?

In effetti, all’inizio della campagna di vaccinazione COVID, ho espresso il timore che la modalità d’azione del vaccino, che prevede la trasfezione delle cellule con un mRNA che codifica una proteina virale, potesse causare malattie autoimmuni, basandomi sulla letteratura medica e sulle attuali conoscenze del sistema immunitario. Ci sono prove sempre più evidenti che questa potrebbe essere una delle conseguenze del vaccino a mRNA, con numerosi case report e serie di casi, come questi (1-4).

Ammetto che all’epoca non avevo considerato l’altra faccia della stessa medaglia. Se la proteina spike virale viene presentata nello stesso contesto delle proteine self, potrebbe esserci il rischio che il sistema immunitario la riconosca come una proteina self e sviluppi una tolleranza verso di essa, in modo da sopprimere la futura risposta al virus SARS-CoV-2?

Due studi pubblicati di recente sollevano preoccupazioni in tal senso.

In uno studio (5), non ancora sottoposto a peer review, i ricercatori hanno scoperto con sorpresa che i soggetti vaccinati erano infettati a un tasso più alto rispetto a quelli non vaccinati, ma non sono stati in grado di fornire una spiegazione per questa osservazione inaspettata.

Un secondo studio pubblicato (6) ha esaminato la risposta immunitaria al vaccino in modo più approfondito di quanto si faccia di solito. Non si è limitato a verificare lo sviluppo di anticorpi in grado di legarsi bene alla proteina spike. Hanno controllato le sottoclassi di anticorpi. I risultati suggeriscono che la continua esposizione del sistema immunitario alla proteina spike prodotta dalle cellule dell’organismo fa sì che il sistema immunitario la consideri sempre più come un’autoproteina. Inoltre, hanno scoperto che il vaccino di richiamo aumenta questo processo.

Una buona parte degli anticorpi ad alta affinità (quelli che si legano bene alle spike) che si osservano dopo il richiamo, appartengono alla sottoclasse IgG4. Vorrei spiegare la possibile importanza di questa scoperta: gli anticorpi (immunoglobuline) sono divisi in classi e sottoclassi. Gli anticorpi IgG4 (a differenza degli IgG1 e IgG3) hanno un effetto smorzante sul sistema immunitario (in modo del tutto simile a quanto accade quando si verifica la desensibilizzazione a un allergene specifico). Ciò è preoccupante perché potrebbe significare che l’esposizione ripetuta alla proteina spike nel contesto di una proteina “self” può alla fine portare allo sviluppo di una tolleranza verso la proteina spike e a una risposta immunitaria molto meno robusta ed efficace. In teoria, il legame degli anticorpi IgG4 con una proteina espressa sulla superficie cellulare potrebbe causare ulteriori problemi, in quanto potrebbe influenzare anche i processi intracellulari. Ma si tratta di un’ipotesi più speculativa.

Pertanto, come ho sottolineato fin dall’inizio del lancio del vaccino, trasformare le cellule del corpo in ibridi che producono una proteina estranea virale e la esprimono come se fosse una proteina propria può portare a risultati indesiderati.

La storia dimostra che gli esseri umani sono molto bravi a produrre tecnologie avanzate per risolvere i problemi, ma la loro capacità di prevedere le conseguenze a lungo termine di queste tecnologie è molto limitata.

In passato, almeno c’era un attento tentativo di monitorare questi risultati e di fermarsi prima che si verificassero ulteriori danni. In particolare, esisteva un processo di regolamentazione molto rigoroso per le nuove tecnologie.

Tuttavia, con il passare del tempo, l’arroganza umana e forse altri fattori hanno fatto sì che queste precauzioni diventassero gradualmente molto meno rigorose.

Inoltre, è sempre più difficile isolare l’impatto di una particolare tecnologia dalle migliaia di altre tecnologie entrate in uso nello stesso periodo.

È chiaro che c’è stato un graduale aumento dell’incidenza di malattie che prima erano estremamente rare. Ma come si può delineare la causa di questo fenomeno?

È colpa dei detergenti che usiamo, del cibo industrializzato, delle radiazioni non ionizzanti, dei nostri vaccini?

Forse quello che è successo negli ultimi 3 anni durante la pandemia di COVID dovrebbe indurci a fermarci e a porci alcune domande, invece di affrettarci a trovare soluzioni “facili e veloci” per la prossima crisi.

 

Il Dr. Michal Haran è un ematologo senior con interessi speciali in: Trombosi ed emostasi; Anomalie maligne e non maligne del sistema immunitario, con particolare attenzione alla LLC; Disfunzione mitocondriale nelle neoplasie ematologiche; Esposizione ambientale e interventi nutrizionali nei disturbi ematologici e neurologici.

 

Reference:

1.    https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/imm.13443

2.    https://www.mdpi.com/2076-393X/10/7/1135

3.    https://dergipark.org.tr/en/download/article-file/2497835

4.    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9443923/

5.    https://www.medrxiv.org/content/10.1101/2022.12.17.22283625v1.full?fbclid=IwAR0wdFoqrfnN7Dd3qHfBy7rZBxuF3Wm6zhjtfvfxS5I9wlS9qfVhbiJBqlY

6.    https://www.science.org/doi/10.1126/sciimmunol.ade2798

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email