VIrus, Coronavirus outbreak ,contagious infection
VIrus, Coronavirus outbreak ,contagious infection

 

Il database VAERS ha segnalazioni di 722.534 reazioni avverse ai vaccini COVID fino al 24/09/2021. Cosa potrebbe esserci di più divertente da fare il sabato sera che estrarre un terminale R e vedere cosa possiamo testare rispetto a questi dati?

La prima cosa che volevo esaminare era la teoria secondo cui i casi di miocarditi potrebbero essere spiegati da una vaccinazione errata in cui l’ago colpisce un vaso sanguigno. Questo dovrebbe essere un evento indipendente che si verifica con la stessa probabilità nella dose 1 o nella dose 2 di una serie. Questo è facilmente smentito poiché accade molto più spesso nella dose 2 dei vaccini Moderna o Pfizer. Ciò porta alla preoccupazione che potrebbe esserci una relazione dose-dipendente tra qualcosa nei vaccini e le reazioni avverse.

Il candidato ovvio nei vaccini Pfizer e Moderna è la dose di mRNA. Da “Vaccini COVID-19 a nanoparticelle lipidiche mRNA: struttura e stabilità” https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8032477/ determiniamo che ogni iniezione Pfizer contiene 30 microgrammi di mRNA, ogni iniezione Moderna contiene 100 microgrammi. Quindi da VAERS 1 gennaio 2021 al 13 settembre 2021 determiniamo il numero di segnalazioni di decessi entro 30 giorni per Pfizer dose 1 (379), Pfizer dose 2 (774), Moderna dose 1 (627), Moderna dose 2 (774 ). Dobbiamo quindi normalizzare il numero di persone vaccinate per ciascun vaccino (113 milioni di Pfizer, 75,74 milioni di Moderna). Se dividiamo i decessi riportati in VAERS per il numero totale di dosi di ciascun vaccino otteniamo un tasso di mortalità relativo comparabile tra i vaccini.

Potremmo quindi ipotizzare che vi sia una relazione tra la dose cumulativa di proteine ​​spike dall’mRNA (x) e il tasso di mortalità per milione di dosi nei 30 giorni (y).

x = 30μg (Pfizer dose 1), 60μg (Pfizer dose 1+2), 100μg (Moderna dose 1), 200μg (Moderna dose 1+2)

y (decessi/1m dosi)= 394/113, 710/113, 545/75,74, 767/75,74

Una volta tracciato, ci ritroviamo con questo grafico:

 

Sembra logaritmico. Tracciamolo di nuovo come log della dose con la linea in rosso che meglio si adatta.

 

 

Mi sembra un modello decente. Otteniamo 0,98 R² con un valore p dello 0,8%. Molto improbabile che abbiamo avuto questa relazione per caso. Sarebbe interessante sapere se esista una base fisica per questa relazione empirica. Inoltre sarebbe interessante sapere come normalizzare le proteine ​​spike prodotte dai vaccini con vettori di adenovirus (J&J) con [quelle de]i vaccini a mRNA per aggiungere più punti dati.

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email