Le proteine spike causano infiammazione, disattivano la risposta dell’interferone di tipo 1 e riducono l’autofagia, tra le altre cose, il che porta a una squilibrio del sistema immunitario. Di seguito rilancio un interessante articolo scritto da Marina Zhang e pubblicato su The Epoch Times, una rivista che merita l’abbonamento. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

dottor Paul Marik, cofondatore e responsabile scientifico della FLCCC
dottor Paul Marik, cofondatore e responsabile scientifico della FLCCC

 


Numerosi studi hanno dimostrato che la proteina spike del SARS-CoV-2 è una proteina altamente tossica e infiammatoria, in grado di causare patologie nei suoi ospiti.

La presenza della proteina spike è stata fortemente correlata al long COVID e a sintomi post-vaccinali. Gli studi hanno dimostrato che le proteine spike sono spesso presenti in pazienti sintomatici, a volte anche mesi dopo le infezioni o le vaccinazioni.

Il numero di casi di long COVID e di sintomi post-vaccinali è in aumento negli Stati Uniti, rappresentando sempre più un problema sanitario.

I dati dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) stimano che circa il 7% degli americani stia attualmente sperimentando i sintomi del long COVID, ovvero oltre 15 milioni di persone. Alcune persone affette da long COVID sono state così debilitate da non poter andare al lavoro, e lo stesso è stato riportato nelle persone che hanno manifestato sintomi post-vaccinali.

Oltre 880.000 eventi avversi sono stati segnalati al database del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) per possibili sintomi post-COVID.

Tuttavia, gli statistici sostengono che il numero di persone che soffrono di sindromi post-vaccino è molto più alto.

La biologa molecolare canadese Jessica Rose ha stimato un fattore di sotto-segnalazione pari a 31, che porta a stimare che più di 27 milioni di americani potrebbero aver sofferto di eventi avversi in seguito alla vaccinazione.

“I danneggiati da vaccino sono tantissimi”, ha dichiarato il dottor Pierre Kory il 15 ottobre alla conferenza della Front Line COVID-19 Critical Care Alliance (FLCCC).

“I numeri sono enormi… sono sottoserviti e le loro esigenze non vengono soddisfatte”.

Tuttavia, molti medici stanno cercando di cambiare questa situazione. La FLCCC è stata all’avanguardia nel trattamento della COVID-19, della long COVID e dei sintomi post-vaccinali.

Non sono stati condotti studi su larga scala sul trattamento dei sintomi post-vaccinali. Sulla base di osservazioni cliniche, feedback dei pazienti e ricerche approfondite, la FLCCC ha pubblicato le sue raccomandazioni aggiornate sul trattamento.

Il cofondatore e responsabile scientifico della FLCCC, il dottor Paul Marik, ha dichiarato a The Epoch Times che le raccomandazioni sono sempre soggette a modifiche in base al feedback dei pazienti e alla ricerca su una nuova opzione terapeutica.

Tuttavia, per comprendere le opzioni terapeutiche, è necessario innanzitutto capire come la proteina spike stia causando il danno.

 

Patologia delle proteine spike

La long COVID e la sindrome post-vaccinale condividono un elevato grado di sovrapposizione, poiché le due patologie sono state entrambe collegate alla presenza a lungo termine di proteine spike, e anche i sintomi sono spesso simili.

“Il problema principale della sindrome post-vaccino è la ‘disregolazione immunitaria’ cronica”, ha detto Marik alla conferenza FLCCC.

Le proteine spike possono causare un’infiammazione cronica. Gli studi hanno dimostrato che l’infiammazione può portare a stress, danni e persino alla morte delle cellule. Le cellule costituiscono i tessuti, i diversi tessuti formano gli organi e gli organi fanno parte dei nostri sistemi fisiologici. Pertanto, le lesioni da proteine spike sono una sindrome sistemica.

Le proteine spike innescano l’infiammazione cronica causando una disregolazione immunitaria. Le proteine spike entrano nelle cellule immunitarie, disattivano le normali risposte immunitarie e innescano invece percorsi pro-infiammatori.

La normale risposta immunitaria delle cellule immunitarie infette consiste nel rilascio di interferoni di tipo 1, che forniscono segnali alle altre cellule immunitarie per migliorare la difesa contro le particelle virali. Ma la proteina spike riduce questa segnalazione nelle cellule infette, e anche le cellule non infette assorbono e vengono danneggiate dalla proteina spike quando l’infezione va fuori controllo.

Marik ha detto che un aspetto critico del danno a lungo termine della proteina spike è che inibisce l’autofagia, il modo in cui l’organismo ricicla le cellule danneggiate. Di solito, quando le cellule sono state infettate da particelle virali, cercano di scomporre queste particelle e di eliminarle come rifiuti.

Tuttavia, gli studi sui virus della SARS-CoV-2 hanno dimostrato che i processi di autofagia sono ridotti nei pazienti infetti e le proteine spike sono presenti molti mesi dopo l’esposizione iniziale.

“La proteina spike è una proteina davvero malvagia”, ha detto Marik. “Disattiva l’autofagia, ecco perché la spike può rimanere nelle cellule per un tempo così lungo”.

 

Disfunzione delle cellule immunitarie

La disfunzione immunitaria causata dalle proteine spike non solo provoca infiammazione, ma può anche contribuire alla proliferazione del cancro e all’autoimmunità.

Gli studi hanno dimostrato che le proteine spike possono ridurre ed esaurire l’azione delle cellule T e natural killer. Questi due tipi di cellule sono responsabili dell’uccisione di cellule infette e cancerose. Pertanto, una riduzione dell’immunità cellulare da parte delle cellule T e natural killer può contribuire a un’eliminazione intempestiva delle cellule infette da spike.

I danni causati dalle proteine spike possono portare al danneggiamento del DNA e gli studi hanno dimostrato che le proteine spike possono anche ridurre la riparazione del DNA. Lo stress psicologico e ambientale, come la luce ultravioletta, gli inquinanti, gli ossidanti e molti altri fattori, possono danneggiare abitualmente il DNA, richiedendo una riparazione costante.

Il DNA danneggiato espone le cellule al rischio di diventare cancerose, e queste cellule dovrebbero essere uccise per prevenire la formazione del cancro. Tuttavia, con una riduzione dell’attività delle cellule T e natural killer, ciò può portare a una proliferazione incontrollata di cellule potenzialmente cancerose.

Altre disfunzioni segnalate in seguito alle vaccinazioni sono le malattie autoimmuni.

Queste malattie possono essere legate al fatto che le proteine spike hanno un alto livello di mimetismo molecolare, cioè le proteine spike hanno molte regioni simili ad altre proteine del corpo umano.

Quando il sistema immunitario attacca la proteina spike, a causa delle somiglianze strutturali, gli anticorpi prodotti contro le regioni della proteina spike possono reagire anche contro le proteine e i tessuti dell’organismo. Alcuni studi hanno dimostrato che gli anticorpi prodotti contro la proteina spike possono anche legarsi ai tessuti dell’organismo e attaccarli.

 

La proteina spike causa stanchezza

La proteina spike è anche collegata alla disfunzione dei mitocondri. Conosciuti come la centrale elettrica della cellula, i mitocondri hanno il compito di ricavare energia dagli zuccheri che ingeriamo.

È stato dimostrato che le cellule neurali umane trattate con la proteina spike producono più specie reattive dell’ossigeno, il che è indice di disfunzione mitocondriale e suggerisce una possibile riduzione della produzione di energia.

Le persone affette da sindromi di long COVID e post-vaccino spesso accusano stanchezza cronica, nebbia cerebrale, intolleranza all’esercizio fisico e debolezza muscolare. Questi sintomi si riscontrano spesso anche nelle persone con disfunzione mitocondriale, il che indica un possibile collegamento.

 

 

Danno delle proteine spike ai vasi sanguigni e agli organi

Le proteine spike hanno dimostrato di essere particolarmente dannose per le cellule che rivestono i vasi sanguigni. Le proteine spike possono legarsi ai recettori ACE2 e CD147 e innescare percorsi infiammatori.

Questi recettori sono particolarmente abbondanti nelle cellule dei vasi sanguigni, del cuore, del sistema immunitario, delle ovaie e di molte altre aree. Le proteine spike possono quindi innescare l’infiammazione e il danno nei vasi sanguigni e negli organi correlati, portando a un danno sistemico.

Marik ha affermato che la lesione da proteina spike è più vicina a una sindrome sistemica che a una malattia.

“Non è una malattia. Non rientra nel modello tradizionale di malattia. Si tratta di una sindrome che colpisce ogni singolo organo… la spike va dappertutto… quindi si tratta di una malattia multisistemica e non segue il paradigma tradizionale di una malattia che è un sintomo, una diagnosi”.

 

 

Trattamenti di prima linea della FLCCC

Poiché la long COVID e i sintomi post-vaccinali sono entrambi associati alla presenza della proteina spike, i trattamenti di prima linea raccomandati dalla FLCCC si concentrano su due fasi principali.

La prima fase consiste nel rimuovere la proteina spike, la seconda nel ridurne la tossicità.

L’organismo guarirà poi da solo, e questo è “l’obiettivo primario del trattamento”, ha detto Marik.

La maggior parte dei trattamenti di prima linea si è concentrata sull’eliminazione della proteina spike riattivando l’autofagia, un processo che viene downregolato dalla proteina spike.

Lo stile di vita può stimolare l’autofagia attraverso il digiuno intermittente e la fotobiomodulazione. La fotobiomodulazione può essere effettuata esponendosi al sole, poiché la luce solare contiene raggi infrarossi che stimolano l’autofagia nelle cellule.

Il digiuno intermittente può portare a molteplici benefici per la salute, tra cui il miglioramento della sensibilità all’insulina, la perdita di peso, la riduzione dell’infiammazione e dell’autoimmunità e molto altro.

Tuttavia, va notato che il digiuno intermittente non è raccomandato per le persone di età inferiore ai 18 anni, in quanto può impedire la crescita. Anche alle donne in gravidanza e in allattamento è sconsigliato il digiuno intermittente. Si raccomanda inoltre alle persone affette da diabete e malattie renali di consultare il proprio medico di base prima di prendere in considerazione il digiuno intermittente.

Sebbene il digiuno intermittente non sia adatto a tutti, esistono altre opzioni terapeutiche in grado di stimolare l’autofagia e ridurre la tossicità delle proteine spike.

 

Ivermectina

L’ivermectina è stata altamente raccomandata dalla FLCCC e da molti medici che trattano la COVID, la long COVID e la sindrome post-vaccinale, sulla base del fatto che è poco costosa, altamente accessibile, ha un elevato profilo di sicurezza e un alto tasso di risposta.

Il farmaco è altamente dinamico ed è stato anche documentato con una varietà di funzioni: antivirale, antiparassitaria, antinfiammatoria, e aumenta anche l’autofagia.

L’ivermectina può contribuire alla rimozione delle proteine spike. Gli studi hanno dimostrato che l’ivermectina ha una maggiore affinità per la proteina spike e si lega alle sue regioni, neutralizzandola e immobilizzandola in modo efficace per la distruzione.

Inoltre, l’ivermectina si oppone direttamente alle vie pro-infiammatorie innescate dalla proteina spike, tra cui la via NF-KB che attiva le citochine infiammatorie e il recettore 4 toll-like.

I medici della FLCCC ritengono che l’ivermectina e il digiuno intermittente possano agire “sinergicamente” per eliminare la proteina spike dall’organismo e raccomandano di assumere l’ivermectina con o subito dopo un pasto.

L’ivermectina è anche in grado di legarsi all’ACE2 e al CD147, bloccando così l’ingresso della proteina spike e scatenando l’infiammazione nelle cellule che presentano questi recettori. Gli studi hanno anche dimostrato che l’ivermectina può mantenere l’energia prodotta dai mitocondri anche in condizioni di scarso ossigeno.

Kory ha dichiarato che circa il 70-90% dei suoi pazienti affetti da sindrome post-vaccino risponde al farmaco, generalmente entro 10 giorni.

“I pazienti possono essere classificati come rispondenti o non rispondenti all’ivermectina… i non rispondenti sono in realtà un gruppo di pazienti più difficili da trattare”, ha detto Marik.

Ai pazienti che non rispondono, tipicamente dopo quattro-sei settimane di trattamento, viene raccomandato un trattamento più aggressivo.

In caso di sovradosaggio, l’ivermectina può causare confusione, disorientamento e forse anche la morte. Tuttavia, il farmaco ha un elevato profilo di sicurezza se usato in dosi ragionevoli. La letteratura sull’uso del farmaco nelle donne in gravidanza è scarsa, pertanto la FLCCC ne sconsiglia l’uso durante la gravidanza.

“L’ivermectina si è sempre dimostrata sorprendentemente sicura per l’uso umano”, ha scritto il dottor Satoshi Ohmura, lo scopritore dell’ivermectina, nello studio di cui è coautore.

“In effetti, è un farmaco talmente sicuro, con effetti collaterali minimi, che può essere somministrato da personale non medico e persino da individui analfabeti in comunità rurali remote, a condizione che abbiano ricevuto una formazione di base adeguata”.

 

Naltrexone a basso dosaggio

Il naltrexone a basso dosaggio (LDN) ha fatto recentemente notizia come opzione per il trattamento COVID a lungo termine.

“Lo stiamo usando da molti, molti mesi”, ha detto Marik. “Il naltrexone a basso dosaggio è un farmaco antinfiammatorio molto potente. È stato utilizzato in molte malattie infiammatorie croniche”.

Dal punto di vista clinico, i medici della FLCCC hanno riscontrato un miglioramento dei sintomi di molti pazienti in seguito al trattamento con LDN, anche se possono essere necessari mesi prima che i benefici siano chiaramente visibili.

Il naltrexone normale è comunemente usato per prevenire l’overdose nei consumatori di stupefacenti. Tuttavia, quando viene ridotto a circa un decimo della sua concentrazione normale, da 1 mg a 4,5 mg nell’LDN, il meccanismo del farmaco cambia radicalmente.

L’LDN ha un effetto antinfiammatorio; gli studi dimostrano che è in grado di bloccare i recettori infiammatori toll-like, ridurre la produzione di citochine pro-infiammatorie e bloccare le cascate infiammatorie.

La LDN agisce bilanciando l’attività delle citochine di tipo Th1 e Th2.

Le citochine di tipo Th1 tendono a produrre una risposta pro-infiammatoria per uccidere i parassiti intracellulari e favorire le attività autoimmuni. Le citochine di tipo Th2 hanno in genere un’attività antinfiammatoria e possono contrastare l’attività delle citochine Th1.

La LDN modula selettivamente questo equilibrio, riducendo l’attività dei Th1 e aumentando quella delle citochine Th2.

Clinicamente, la LDN ha dimostrato di essere efficace contro i sintomi neurologici post-COVID e post-vaccino. La FLCCC ha stabilito che è efficace contro il dolore neuropatico, la nebbia cerebrale, l’affaticamento, la paralisi di Bell e la parestesia facciale.

Questo perché la LDN riduce anche la neuroinfiammazione. È neuroprotettiva ed è in grado di attraversare la barriera emato-encefalica e di ridurre le azioni infiammatorie della microglia, che funge da cellula immunitaria nel cervello.

 

Il resveratrolo

Il resveratrolo è un nutraceutico comunemente presente nella frutta. Si trova nelle arachidi, nei pistacchi, nell’uva, nel vino rosso e bianco, nei mirtilli, nei mirtilli rossi e persino nel cacao e nel cioccolato fondente.

Può essere ottenuto anche attraverso le vitamine, anche se la biodisponibilità del resveratrolo è generalmente bassa, per cui la FLCCC ne raccomanda l’assunzione insieme alla quercetina.

Il resveratrolo è antinfiammatorio e antiossidante. Gli studi hanno dimostrato che è selettivo nell’uccidere le cellule tumorali. Attiva le vie di riparazione del DNA e quindi può ridurre lo stress cellulare e prevenire la formazione di cellule cancerose.

Nelle cellule stressate, il resveratrolo può ridurre le specie reattive dell’ossigeno prodotte dai mitocondri e promuovere l’autofagia. Negli studi condotti sugli animali, sui moscerini della frutta e sui nematodi, l’uso del resveratrolo ha aumentato la loro durata di vita, indicando le proprietà anti-invecchiamento e di prolungamento della vita di questa molecola.

 

Aspirina a basso dosaggio

Come l’ivermectina, anche l’aspirina è un altro farmaco che ha dimostrato di avere molteplici effetti sulla salute.

L’aspirina è un antinfiammatorio e un anticoagulante. Il farmaco riduce quindi la possibilità di formazione di microcoaguli nei vasi sanguigni. Gli studi hanno dimostrato che può anche ridurre le vie pro-infiammatorie, lo stress ossidativo ed è anche neuroprotettiva.

La compromissione neurocognitiva è stata una delle principali lamentele di molte persone affette da sindromi post vaccino COVID. Ciò include nebbia cerebrale e dolore neuropatico periferico.

Studi su pazienti affetti da malattia di Alzheimer hanno dimostrato che l’assunzione di aspirina è associata a un rallentamento del declino cognitivo, anche se i risultati sono stati contrastanti tra i diversi studi.

Gli studi sugli animali hanno dimostrato che i ratti a cui è stata somministrata l’aspirina hanno avuto un declino cognitivo inferiore. Studi condotti su ratti con nervi danneggiati hanno suggerito che l’aspirina potrebbe anche essere neuroprotettiva grazie alla sua natura antinfiammatoria.

L’uso dell’aspirina può causare effetti collaterali in gravidanza, come emorragie.

 

La melatonina

La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale per favorire un sonno ristoratore. Ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.

Nelle cellule, la melatonina promuove la salute dei mitocondri riducendo le specie attive dell’ossigeno. Poiché i mitocondri utilizzano molto ossigeno, quando sono stressati da tossine ambientali come le radiazioni o l’esposizione alle proteine spike, possono produrre specie reattive dell’ossigeno.

La melatonina, un antiossidante, può quindi prevenire i danni ossidativi. Gli studi dimostrano che impedisce anche la perdita di elettroni dai mitocondri e quindi massimizza la produzione di energia.

Promuove inoltre l’autofagia sbloccando la via dell’autofagia, aiutando la cellula a scomporre le proteine di punta e ad aumentare la rimozione di queste proteine tossiche.

Grazie alla sua proprietà antiossidante, la melatonina ripara il DNA danneggiato dai radicali liberi. La melatonina e i suoi metaboliti attivano anche i geni che promuovono la riparazione del DNA e sopprimono l’attività dei geni che possono causare danni al DNA.

La melatonina ha anche proprietà anticancerogene. Gli studi sulla melatonina condotti sugli animali hanno dimostrato che gli animali a cui è stata somministrata avevano un tasso inferiore di generazione di tumori.

La melatonina è stata anche raccomandata dalla FLCCC per il trattamento dell’acufene, un sintomo del post-vaccino e della COVID lunga. Il sintomo è un ronzio nelle orecchie che, se grave, può disturbare il sonno. La melatonina può contribuire a ridurre il ronzio e ad aiutare le persone a dormire bene.

 

Differenze tra long COVID e sindrome post-vaccinale

Sia la long COVID che la sindrome post-vaccino sono causate dal carico di proteine spike e dai danni derivanti dall’esposizione alle spike, e pertanto condividono un elevato grado di sovrapposizione nel trattamento.

Tuttavia, i medici notano lievi differenze in alcune presentazioni cliniche tra le due condizioni, e pertanto la FLCCC ha dato priorità a trattamenti diversi.

Sembra che con le lesioni da vaccino il sintomo predominante e l’organo predominante sia quello neurologico“, ha detto Marik. Secondo le sue osservazioni, “più dell’80% dei pazienti con lesioni da vaccino presenta un certo grado di compromissione neurologica”.

Marik ha affermato che i sintomi post-vaccinali possono essere più difficili da trattare rispetto al long COVID e sono più persistenti, con alcuni pazienti che presentano sintomi debilitanti per quasi due anni.

Pertanto, i trattamenti per le persone con sintomi post-vaccinali sono “più aggressivi e più mirati al cervello”, ha detto Marik.

“Sembra che il long COVID migliori con il tempo. Anche se alcuni pazienti persistono, sembra che in un certo senso si risolva da sola”, ha detto Marik. “Il problema dei pazienti danneggiati da vaccino è che può persistere. Abbiamo pazienti che sono stati vaccinati nel dicembre del 2020… [che] sono ancora gravemente, gravemente danneggiati”.

“Le due cose sono simili, ma abbiamo posto molta più enfasi sulla lesione da vaccino perché è una malattia molto più difficile da trattare”.

 

Marina Zhang vive a New York e si occupa di salute e scienza. Contattatela all’indirizzo marina.zhang@epochtimes.com.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments