Le nuove sfide che l’Occidente deve affrontare quattro decenni dopo la decisiva alleanza tra Papa Giovanni Paolo II e il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan per sconfiggere il comunismo sono state al centro di una conferenza internazionale che si è tenuta a Roma il 4 febbraio scorso. Il convegno ha riunito diverse personalità di spicco del rinnovamento culturale e politico conservatore in Europa e negli Stati Uniti. Tra questi anche Rod Dreher,  senior editor e blogger di The American Conservative e autore di lOpzione benedetto: Una strategia per i cristiani in una nazione post-cristiana. Un commento a questo libro lo trovate qui. Il suo libro di prossima pubblicazione si concentrerà sulle nuove forme di totalitarismo e sul modo di affrontarlo e sconfiggerlo.

Rod Dreher è stato intervistato in proposito da Solène Tadié corrispondente da Roma del National Catholic Register. Riprendo da questa intervista alcuni brani. Potete leggere l’intera intervista sul qui.

Eccoli nella mia traduzione. 

 

Rod Dreher, scrittore

Rod Dreher, scrittore

 

Nel suo discorso incentrato sul totalitarismo e sulle sue nuove forme, lei ha sottolineato che il contesto storico e l’ambiente sociale sono totalmente diversi oggi rispetto al XX secolo. Quali sono le differenze e le evoluzioni contestuali più profonde?

Penso che uno dei più grandi cambiamenti sia la perdita del cristianesimo come forza guida della società, il processo di scristianizzazione. Viviamo in una società post-cristiana. Non intendo dire che non ci siano più cristiani, siamo ancora qui. Ma la storia cristiana non è più la narrazione che i Paesi occidentali usano per capire se stessi. È stata sostituita dal culto di sé, dalla dittatura del relativismo e dalla tirannia di sé. Questo rende così difficile riconoscere il totalitarismo che sta arrivando, perché sei stato addestrato a pensare che questa sia la libertà, che scegliere ciò che vuoi sia la libertà. Le persone che sono cristiane sono state formate in un modo più classico di pensare, teologia morale o ragionamento morale. Capiscono che la libertà non è la capacità di fare quello che si vuole. La maggior parte delle persone nella società è diventata molto fragile. Sono arrivati a pensare che tutta la vita pubblica sia un’espansione dei diritti. Quindi, sotto quei regimi di “giustizia sociale”, come li chiamano, e diritti civili, non essere d’accordo con qualcuno significa ferirlo, significa minacciarlo. E questo rende patologici tutti i disaccordi. Questo rende la persona che non è d’accordo un criminale.

 

Quali sono gli strumenti che si usano per far rispettare quello che spesso si chiama “totalitarismo soft”?

Uno degli strumenti principali per far rispettare la legge è la vergogna, la cosiddetta “cultura dell’annullamento” che abbiamo negli Stati Uniti. Se dici una piccola cosa che diverge dalla loro ideologia, cercheranno di distruggere te e il tuo nome, soprattutto professionalmente. Anche se non sei colpevole. Questo è esattamente ciò che hanno fatto i regimi comunisti. Questa è la principale forma di applicazione negli Stati Uniti, ma ci sono anche leggi sui diritti civili e l’idea di uno “spazio sicuro”. Tutti vogliono che ci sia uno spazio civile di discussione. Ma gli ideologi di sinistra fanno di te una persona insicura se non sei d’accordo con loro, e ti spingono fuori. Ancora una volta i comunisti hanno fatto la stessa identica cosa. Proprio la settimana scorsa ho visto che un produttore svizzero di cioccolato, che era a favore della vita e impegnato nell’attivismo cristiano nel suo Paese, è stato abbandonato dalla Swiss International Air Lines dopo che alcune persone “LGBT” hanno costretto l’azienda a smettere di usare il suo cioccolato. Le compagnie sono dei veri e propri codardi, e si sottomettono alle intimidazioni perché sanno che i cristiani non hanno potere, mentre gli LGBT hanno tanto potere culturale.

 

Il fatto che quasi il 60% dei giovani americani sia favorevole al socialismo è un sintomo della marcia verso il ritorno degli ideali totalitari?

Non credo che il socialismo in termini di socialdemocrazia sia necessariamente totalitario. L’esperienza dell’Europa occidentale ce lo dice. Ma il fatto che tanti giovani siano così rapidi nell’abbracciare il socialismo mi dice che non sanno nulla della storia della sinistra. Infatti, negli Stati Uniti non si parla di storia. Nessuno ha la memoria di qualcosa che sia accaduto più di cinque minuti fa. Questo è un grande problema. E questo ci dice anche che lo stato di polizia di cui parlavo nel mio discorso è qualcosa che i giovani apprezzerebbero perché promette di dare loro tutta la libertà sessuale che vogliono, tutta la libertà del consumatore che vogliono, per proteggerli dalle conseguenze delle loro decisioni. Lo Stato paternalistico si occuperebbe di tutto ciò che li riguarda, in modo che possano essere liberi di vivere come vogliono. Il fatto che vogliano il socialismo mi dice che esiste una mentalità pre-totalitaria. Ad essere onesti, vorrei dire che mio figlio ha 20 anni, è cristiano ma è a favore di Bernie Sanders (esponente indipendente affiliato al Partito Democratico, si qualifica come un socialista democratico, uno degli sfidanti di Donald Trump, ndr), e la ragione è che è molto preoccupato per il suo futuro economico. Penso che sia un problema della destra politica: Abbiamo adorato talmente tanto il mercato che non ci siamo resi conto di quanto siano fragili le condizioni per l’affermazione delle giovani generazioni. Se non saremo in grado di capire come affrontare questo problema in modo efficace, manderemo tanti giovani nelle mani dei socialisti.

(…)

Parliamo de Opzione Benedetto. Ha avuto un successo e un impatto significativo in Europa. Pensa che il suo successo nel Vecchio Continente possa essere spiegato dalle stesse ragioni del suo successo negli Stati Uniti?

Il libro ha venduto bene negli Stati Uniti, ma credo che abbia venduto proporzionalmente di più in Europa. Ora è in 11 lingue, e la Francia è stato il primo paese a pubblicare una traduzione. Quando ho visitato la Francia nell’autunno del 2017 per il tour del libro, sono rimasto stupito nel vedere che il pubblico del mio libro era composto da cattolici di età inferiore ai 40 anni. Ed è quasi lo stesso in tutti gli altri Paesi d’Europa. Come mai? Mi rendo conto che nel mio libro ho sostenuto che siamo in una società post-cristiana e che se vogliamo salvare la nostra fede, dobbiamo vivere in modo più radicale. Le generazioni più anziane, che hanno più di 53 anni, non vogliono credere che sia vero; vogliono credere che se facciamo quello che abbiamo fatto, ma lo facciamo con più abitudine, tutto cambierà. Al contrario, coloro che hanno 40 anni ed anche meno in Europa sanno che è un’illusione. Hanno già vissuto la scristianizzazione delle loro società. Penso che sia il motivo per cui il libro ha avuto tanto successo qui in Europa.

Mentre negli Stati Uniti devo ancora convincere i cristiani che per noi è finita – finita nel senso che non hanno più potere culturale. Ho la sensazione che quando Trump lascerà il suo incarico, che sia l’anno prossimo o tra quattro anni, le cose diventeranno molto più chiare per i cristiani che credevano ancora che tutto andasse bene. Perché c’è questa aggressiva laïcité [secolarismo] del Partito democratico, che arriverà con grande forza contro le istituzioni cristiane, soprattutto verso le scuole cattoliche e protestanti. Dovranno affrontare le persecuzioni dello Stato.

 

In che modo il patrimonio europeo e la situazione attuale l’hanno ispirata a scrivere questo libro?

L’Europa è la mia patria. Tutti coloro che vivono nella civiltà occidentale vengono da Atene, Roma e Gerusalemme. Sono diventato cristiano grazie a Chartres. Avevo 17 anni. Mia madre vinse un viaggio in Europa attraverso la sua chiesa, e mi mandò al suo posto. Ero l’unico giovane a salire sull’autobus. Il tour in autobus si fermava in diverse chiese in Francia, e mi dava fastidio vedere tante chiese, come il ragazzo diciassettenne che voleva solo vedere Parigi. E sulla strada per Parigi, si è fermato in una chiesa a un’ora di distanza dalla città: Era la cattedrale di Chartres. Lì ho incontrato Dio. Ero così sopraffatto dalla presenza di Dio e dal vetro e dalla pietra di questa cattedrale. Sapevo di essere alla presenza del Divino. Uscii da quella chiesa non come cristiano, ma come qualcuno che era alla ricerca. E la mia ricerca alla fine mi ha portato al cristianesimo. Queste vecchie chiese in Europa sono la mia casa spirituale e culturale. La amo e voglio difenderla.

 

Ha mai incontrato una figura religiosa che potrebbe essere il nuovo Benedetto di Norcia, e se no, come pensa che un tale personaggio dovrebbe affrontare le sfide attuali? 

Per ora non ho incontrato nessun potenziale San Benedetto. Ma incoraggio le persone a trovare il Benedetto in sé. Il mio eroe è Benedetto XVI perché gli voglio tanto bene, ma vorrei anche menzionare Marco Sermarini. È un avvocato di cinquant’anni, un uomo comune di una piccola città italiana che ha avuto l’ispirazione di costruire una comunità [la Compagnia dei tipi loschi del Beato Pier Giorgio Frassati]. È molto tradizionale nel suo cattolicesimo, ma la sua comunità non è opprimente, è piena di gioia. Per me è un ideale.

Cito anche un altro ragazzo dell’Opzione Benedetto che si chiama Giovanni Zennaro. È un ragazzo giovane con quattro figli. Lui e sua moglie hanno deciso di mettere insieme una piccola comunità di giovani famiglie benedettine, e hanno appena comprato una casa vicino a Norcia. E vogliono trasferirsi tutti lì e cercare di lavorare e vivere in una comunità di famiglia. È stata ispirata da l’Opzione Benedetto. Questi giovani hanno molto da perdere, ma vedono un obiettivo più grande e più alto per la loro vita. Vogliono dimostrare che un diverso stile di vita è possibile. Hanno ricevuto la benedizione del loro vescovo, e stanno lavorando con i monaci di Norcia. Credo che questo sia il genere di cose di cui abbiamo bisogno.

 

C’è qualche paese o gruppo europeo specifico che può essere una forza trainante per l’Occidente?

Come persona cresciuta ai tempi di Giovanni Paolo II, ho sempre pensato alla Polonia come a una fortezza della fede. Quando ci sono andato per la prima volta l’anno scorso, sono rimasto scioccato nel sentire i giovani cattolici che vanno ancora a messa. Sentono che alla Polonia mancano forse 10 o 20 anni per diventare come l’Irlanda. Temono che il cattolicesimo sia diventato per lo più culturale. Non so se sia vero, ma questa preoccupazione è molto reale.

Nei miei viaggi non ho trovato molte ragioni per sperare in modo molto ampio per la Chiesa, perché siamo tutti in crisi. Ma quando incontro queste piccole comunità di giovani cattolici che vedono davvero attraverso la nebbia la realtà della nostra situazione e vogliono trovare il modo di vivere secondo le verità che la Chiesa, le loro famiglie e le loro tradizioni hanno insegnato loro, è una cosa bellissima.

Non posso dire che un paese stia meglio dell’altro, ma ho visto nei paesi dell’Est europeo come la Polonia o la Slovacchia un senso molto forte di ciò che stiamo perdendo, soprattutto perché hanno un ricordo di come era sotto il comunismo e di ciò che i comunisti hanno cercato di portargli via.

Una cosa che trovo anch’io è la sensazione che dobbiamo formare reti al di là dei confini nazionali. È stato un grande piacere per me, da quando ho iniziato il progetto “Opzione Benedetto” di connettermi con i cristiani in Italia, Francia, Germania, Spagna ed Europa dell’Est, in modo che possano conoscersi. Dobbiamo conoscerci perché non sappiamo quanto sarà importante in futuro sapere dove sono i tuoi amici. Una cosa che ho imparato parlando con i cristiani che hanno sofferto a causa del comunismo è quanto la situazione possa peggiorare molto rapidamente. Continuo a parlare di “totalitarismo soft”, ma le persone con cui parlo, che sono cresciute sotto il comunismo, mi dicono: “Smettila di dire ‘soft’; quello che sta succedendo sta diventando molto duro”. Quindi, forse non sono abbastanza allarmista, ma vedremo.

Dobbiamo respingere con forza gli attacchi che stiamo ricevendo, ma una cosa importante è che non possiamo dire contro che cosa siamo senza dire per che cosa siamo. La prima volta che sono andato a Subiaco, sono stato così sopraffatto dalla bellezza di quello che il Signore ha fatto per San Benedetto; e una delle ragioni per cui sono cristiano oggi è per quello che è successo in quella grotta nel VI secolo. Fa parte dell’essenza della civiltà romana ed europea. Se non la amiamo e non la difendiamo, è come tradire il proprio padre.

(…)

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1