Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Simon Caldwell e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Isabel Vaughan-Spruce
Isabel Vaughan-Spruce

 

La polizia si è finalmente scusata con la donna cattolica arrestata per aver pregato in silenzio fuori da una clinica abortista chiusa a Birmingham.

Dopo un’indagine durata sei mesi, la polizia delle West Midlands ha confermato che non sporgerà denuncia contro Isabel Vaughan-Spruce.

La polizia le ha comunicato che “non ci saranno ulteriori indagini sul presunto caso e non saranno prese ulteriori misure”.

Le hanno anche chiesto scusa per il tempo necessario a prendere la decisione di non perseguirla per preghiera silenziosa.

La signora Vaughan-Spruce è stata arrestata per aver pregato in una “zona cuscinetto” che circondava una struttura per aborti a Station Road, Birmingham, a marzo.

È stata la seconda volta in quattro mesi che è stata arrestata e ciò è avvenuto settimane dopo che un giudice di Birmingham ha respinto la prima causa intentata contro di lei.

La zona di censura, introdotta dalle autorità locali attraverso un “Ordine di protezione degli spazi pubblici”, vieta la preghiera tra le altre attività considerate una protesta contro l’aborto.

L’arresto ha attirato l’attenzione del mondo intero quando la polizia ha accusato la volontaria di carità di aver commesso un reato pregando silenziosamente nella sua mente.

In un video diventato virale, si sente un agente dire alla sig.ra Vaughan-Spruce: “Ha detto di essere intenta a pregare, questo è il reato”.

 

 

All’inizio del mese, il Ministro degli Interni Suella Braverman ha scritto a tutte le forze di polizia del Paese per chiarire che la preghiera silenziosa non è un reato penale.

Dopo aver ricevuto le sue scuse, la signora Vaughan-Spruce ha dichiarato: “Non siamo nel 1984, ma nel 2023: non avrei mai dovuto essere arrestata o indagata semplicemente per i pensieri che avevo in mente. La preghiera silenziosa non è mai un crimine.

“Accolgo con favore la decisione della polizia del West Midland di porre fine alle indagini e le loro scuse per il tempo necessario a farlo, ma è importante sottolineare le implicazioni estremamente dannose di questa vicenda non solo per me, ma per tutti coloro che si occupano delle libertà fondamentali nel Regno Unito.

“Quello che mi è successo segnala ad altri che anche loro potrebbero andare incontro ad arresti, interrogatori, indagini e potenziali azioni penali se sorpresi ad esercitare la loro fondamentale libertà di pensiero”.

La donna ha aggiunto: “Ora che le autorità sono giunte per due volte alla conclusione che la preghiera silenziosa non è un crimine – conclusione a cui è giunto anche il Ministro degli Interni la scorsa settimana – sono grata di poter riprendere la mia pratica di pregare in silenzio per le donne in crisi gravidica”.

La decisione della polizia di non perseguire il reato arriva nel contesto di piani governativi in corso per l’attuazione di simili “zone cuscinetto” censorie intorno alle strutture per l’aborto in tutto il Paese.

La legge sull’ordine pubblico, approvata dal Parlamento nel maggio 2023, proibirebbe “l’influenza” in un’area di 150 metri intorno alle strutture per l’aborto.

I sostenitori della libertà di parola hanno espresso il timore che una terminologia così vaga possa criminalizzare non solo le molestie, ma anche le conversazioni pacifiche, il volantinaggio e la preghiera.

Un emendamento per proteggere esplicitamente la preghiera silenziosa e le conversazioni consensuali all’interno delle zone di censura è stato proposto dal deputato Andrew Lewer, ma non è passato dopo una votazione di 116 a 299.

Nella sua lettera alla polizia, la signora Braverman ha poi affermato che “la preghiera silenziosa, di per sé, non è illegale” e che “avere opinioni lecite, anche se tali opinioni possono offendere gli altri, non è un reato”.

Jeremiah Igunnubole, consulente legale di ADF UK, che ha sostenuto la difesa legale di Vaughan-Spruce, ha affermato che il comportamento della polizia ha segnalato al mondo che “le libertà fondamentali sono vulnerabili nel Regno Unito”.

Ha dichiarato: “C’è ora un urgente bisogno di cambiamenti legali per arginare la marea di polizia politica.

“Ci auguriamo che la decisione della polizia delle West Midlands di non perseguire il libero pensiero, insieme all’impegno pubblico del Ministro degli Interni di proteggere la preghiera silenziosa, si rifletta nella legislazione, nelle linee guida e nella prassi”.

Con il sostegno di ADF UK, la signora Vaughan-Spruce sta valutando le opzioni per ottenere un risarcimento per il trattamento subito dalla polizia.

Nel frattempo, nel Dorset, un padre e veterano dell’Afghanistan attende il processo per aver commesso lo stesso atto di preghiera silenziosa all’interno di una “zona cuscinetto” censurata a Bournemouth.

Adam Smith-Connor, accusato di aver pregato nella zona per la propria esperienza di aborto e per gli uomini e le donne che oggi si trovano ad affrontare decisioni difficili su questo tema, comparirà alla Poole Magistrates Court a novembre. ADF UK sostiene la sua difesa legale.

Simon Caldwell

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments