Dalla Norvegia esempio pratico di psicoreato che potrebbe essere introdotto anche da noi con l’approvazione del ddl Zan Scalfarotto: un commento pubblico o privato, reputato discriminatorio nei confronti di persone omosessuali o transessuali verrà punito fino a 3 anni di carcere.

Ce ne parla Charles Robertson su LifeSiteNews.

 

Monica Maeland, Ministro della Giustizia della Norvegia
Monica Maeland, Ministro della Giustizia della Norvegia

 

La Norvegia ha ampliato le sue leggi sul “discorso dell’odio” in modo che le “osservazioni discriminatorie” fatte in privato contro omosessuali o transessuali possano far finire le persone in prigione per un anno. Se tali commenti vengono fatti pubblicamente, sono punibili fino a tre anni di prigione.

Il codice penale stabilisce che coloro che sono colpevoli di discorsi di odio devono affrontare una multa o fino a un anno di carcere per commenti privati, e un massimo di tre anni di carcere per commenti pubblici“, ha riferito il sito Out.com a favore degli omosessuali. 

In precedenza, il codice proibiva il “discorso dell’odio” basato su a) colore della pelle o origine nazionale o etnica, b) religione o credo, c) orientamento omosessuale e d) disabilità.

Gli emendamenti hanno cambiato “orientamento omosessuale” in “orientamento sessuale” e hanno aggiunto “genere, identità o espressione di genere” all’elenco degli attributi protetti. 

Spiegando il motivo degli emendamenti, Monica Maeland, ministro norvegese della giustizia e della pubblica sicurezza, ha detto alla Thomson Reuters Foundation: “È imperativo che la protezione contro la discriminazione offerta dalla legislazione penale sia adattata alle situazioni pratiche che si presentano“, osservando che gli individui transgender sono “un gruppo esposto quando si tratta di discriminazione, molestie e violenza“.

Nella loro analisi della “situazione dei diritti umani delle persone lesbiche, gay, bisessuali, trans e intersessuali in Norvegia“, il gruppo di attivisti LGBT Rainbow Europe sostiene che un quarto delle persone LGBT è stato vittima di discorsi di odio nell’ultimo anno e che “il 15% delle persone LGBT ha ricevuto personalmente minacce nello stesso periodo, rispetto al 4% della popolazione generale“.

La Norvegia ha alcune delle leggi più liberali a sostegno del genere confuso ed è classificata al quinto posto per le sue politiche da Rainbow Europe. I bambini di sette anni hanno il “diritto” di cambiare la loro identità sessuale nei documenti legali senza una diagnosi medica o psicologica di disordine di identità di genere, e non c’è l’obbligo per chi si identifica come membro del sesso opposto di sottoporsi ad alcun trattamento che alteri l’apparenza.

Tuttavia, gli attivisti LGBT vogliono di più.

Rainbow Europe afferma di ritenere che la Norvegia abbia attuato solo il 68% di quelli che identifica come diritti essenziali per le persone LGBT. Nella categoria del “riconoscimento legale del genere e dell’integrità fisica“, il gruppo di attivisti identifica tre aree che vorrebbero vedere cambiate. Sono insoddisfatti del fatto che i bambini sotto i 7 anni non siano in grado di cambiare legalmente il loro sesso e che l’intervento medico sia proibito per quelli troppo giovani per il consenso informato. Vorrebbero anche che fosse eliminato il “requisito di una valutazione della salute mentale per poter accedere alle cure trans-related“.

NOTA

Rainbow Europe appartiene a ILGA (International Lesbian and Gay Association), l’associazione internazionale che riunisce più di 400 gruppi omosessuali e lesbiche di tutto il mondo. Attiva sulla scena internazionale dei diritti umani e civili, presenta regolarmente petizioni alle Nazioni Unite e ai governi.

ILGA riceve più di due terzi dei suoi finanziamenti direttamente dai contribuenti tramite la Commissione europea. Il resto proviene da un manipolo di miliardari, tra cui l’immancabile George Soros.(leggi qui).

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1