“Presi insieme, gli studi insolitamente completi potrebbero fornire un po’ di conforto ai genitori che hanno protetto i bambini che pensavano potessero essere vulnerabili a gravi complicazioni da COVID-19. “C’è una sensazione generale tra i pediatri che probabilmente troppi bambini sono stati protetti durante la prima ondata della pandemia”, ha detto ai giornalisti Russell Viner, che studia la salute degli adolescenti allo University College di Londra”.

Non concordiamo con il pediatra Danilo Buonsenso, che dice che occorre immunizzare i bambini visto che è in contraddizione con i risultati dello studio. 

L’articolo è stato pubblicato sulla autorevole rivista Nature a nome di Heidi Ledford. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Tampone e bambino - Credit: Dan Kitwood/Getty
Tampone e bambino – Credit: Dan Kitwood/Getty

 

Un’analisi completa dei ricoveri ospedalieri e dei decessi segnalati in tutta l’Inghilterra suggerisce che la COVID-19 comporta un rischio di morire o di richiedere cure intensive tra i bambini e i giovani minore di quanto si pensasse in precedenza.

In una serie di preprint pubblicati su medRxiv1-3, un team di ricercatori ha esaminato tutti i ricoveri ospedalieri e i decessi segnalati per persone più giovani di 18 anni in Inghilterra. Gli studi hanno scoperto che COVID-19 ha causato 25 morti in quel gruppo di età tra marzo 2020 e febbraio 2021.

Circa la metà di quelle morti erano in individui con una patologia complessa sottostante con elevate esigenze di assistenza sanitaria, come l’alimentazione con sondino o l’assistenza con la respirazione.

Gli studi non hanno valutato i tassi di malattia meno grave o dei sintomi del debilitante ‘long COVID’ che possono persistere mesi dopo che la fase acuta dell’infezione è passata. “Il basso tasso di malattia acuta grave è una notizia importante, ma questo non deve significare che la COVID non è importante per i bambini”, dice il pediatra Danilo Buonsenso del Policlinico Universitario Gemelli di Roma. “Per favore, manteniamo l’attenzione – per quanto possibile – sull’immunizzazione”.

In uno dei preprint, i ricercatori hanno cercato i resoconti pubblicati sulla COVID-19 tra i bambini e i giovani, e alla fine hanno analizzato i dati di 57 studi e 19 paesi3. Hanno poi individuato i fattori di rischio per la malattia grave e la morte dai dati.

 

Risultati dello studio

Alcune condizioni – tra cui l’obesità e le condizioni cardiache o neurologiche – sono state associate a un rischio maggiore di morte o di trattamento intensivo, i ricercatori hanno trovato. Ma l’aumento assoluto del rischio era molto piccolo, ha detto ai giornalisti in un briefing dei media l’autore dello studio Rachel Harwood, uno specializzando di chirurgia pediatrica presso l’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool, Regno Unito.

Per gli altri due preprint, i ricercatori si sono concentrati sull’Inghilterra, attingendo ai dati sanitari a livello nazionale sui ricoveri in terapia intensiva e le morti tra i minori di 18 anni. Il team ha scoperto che, su 6.338 ricoveri ospedalieri per COVID-19, 259 bambini e giovani hanno richiesto un trattamento in unità di terapia intensiva pediatrica.

I bambini di pelle nera avevano più probabilità delle loro controparti bianche di richiedere cure intensive, sia per COVID-19 che per la sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica, una rara sindrome associata all’infezione da coronavirus. Ma nel complesso, la necessità di cure intensive è stata “incredibilmente rara” tra questi pazienti, dice l’autore dello studio Joseph Ward dell’University College London Great Ormond Street Institute of Child Health.

Di 3.105 morti per tutte le cause tra i circa 12 milioni di persone sotto i 18 anni in Inghilterra tra marzo 2020 e febbraio 2021, 25 erano attribuibili a COVID-19 – un tasso di circa 2 per ogni milione di persone in questa fascia di età. Nessuno aveva l’asma o il diabete di tipo 1, notano gli autori, e circa la metà aveva condizioni che li mettono ad un rischio più elevato rispetto ai bambini sani di morire per qualsiasi causa.

Presi insieme, gli studi insolitamente completi potrebbero fornire un po’ di conforto ai genitori che hanno protetto i bambini che pensavano potessero essere vulnerabili a gravi complicazioni da COVID-19. “C’è una sensazione generale tra i pediatri che probabilmente troppi bambini sono stati protetti durante la prima ondata della pandemia”, ha detto ai giornalisti Russell Viner, che studia la salute degli adolescenti allo University College di Londra.

In alcuni casi, quegli sforzi potrebbero aver fatto più male che bene, ha aggiunto Elizabeth Whittaker, specialista in malattie infettive all’Imperial College di Londra. “Le protezioni sono molto deboli”, ha detto. “Le protezioni non sono state perfette, e probabilmente hanno causato più stress e ansia per le famiglie che benefici”.

Il lavoro non affronta lo spettro del Long COVID, ma altri studi suggeriscono che si verifica nei bambini – anche in quelli che avevano lievi sintomi iniziali o erano asintomatici – ma meno frequentemente che negli adulti.

Nonostante i tassi di mortalità e di terapia intensiva molto bassi, Buonsenso spera che le scuole abbraccino misure come le maschere e una migliore ventilazione, e che i genitori si concentrino sull’immunizzazione – sia per i loro figli, dove possibile, sia per loro stessi.

“Quando gli adulti sono immunizzati, meno bambini sono infettati”, dice. “Dobbiamo fare il più possibile per ridurre l’infezione da COVID-19 nei bambini”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print