In contrasto con le solide certezze della fede, l’ambiguità dottrinale è come un caccia stealth, un aereo pieno di bombe invisibile ai radar. Spesso il pericolo passa inosservato fino a quando non è troppo tardi. Ed i danni sui fedeli e la Chiesa diventano catastrofici.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Padre Jerry J. Pokorsky e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

Padre James Martin (da Twitter)
Padre James Martin (da Twitter)

 

“Rimangono dunque la fede, la speranza, la carità, queste tre”, ci ricorda San Paolo, “ma la più grande di queste è la carità” (1 Cor 13, 13). Il sacramento della Penitenza è un sacramento di misericordia. Nel servizio dell’amore, i sacerdoti aiutano i penitenti a identificare le loro colpe principali e li aiutano a eliminarle nel tempo.

Un sacerdote siede nel confessionale con la consapevolezza delle parole di Gesù. Quante volte devo perdonare mio fratello, sette volte? “Non vi dico sette volte, ma settanta volte sette” (Mt 18,22). Dio usa il sacramento della Penitenza anche per ricordare al sacerdote i propri peccati. È bene che il sacerdote conosca e professi la differenza tra il bene e il male.

L’insegnamento scritturale è inequivocabile. I peccati non pentiti di Sodoma e Gomorra hanno scatenato l’ira di Dio, che ha distrutto le città con fuoco e zolfo. Gesù mette in guardia dall’adulterio e dalla lussuria con assoluta chiarezza: “Avete sentito che fu detto: “Non commetterai adulterio”. Ma io vi dico che chiunque guardi una donna con desiderio ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Mt 5, 27-28). San Paolo è comprensivo con le sue esclusioni celesti: “Non lasciatevi ingannare: né gli immorali, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli omosessuali, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né i dissoluti, né i rapinatori erediteranno il regno di Dio” (1 Cor 6, 9-10).

Nel 1975, Papa Paolo VI scriveva nell’Evangelii Nuntiandi:

Un altro segno di amore sarà lo sforzo di trasmettere ai cristiani non dubbi e incertezze nati da un’erudizione mal assimilata, ma certezze solide perché ancorate alla Parola di Dio. I fedeli hanno bisogno di queste certezze per la loro vita cristiana; ne hanno diritto, in quanto figli di Dio che si abbandonano interamente nelle sue braccia e alle esigenze dell’amore.

In contrasto con le solide certezze della fede, l’ambiguità è come un aereo da caccia stealth. Spesso il pericolo passa inosservato fino a quando non è troppo tardi. In effetti, l’ambiguità mette a tacere persino gli ecclesiastici più sobri, per evitare di essere accusati di essere “odiosi” e “giudicanti”. Nel 1986, l’allora cardinale Joseph Ratzinger smascherò questa tecnica. Egli identificò l’ambiguità come uno strumento dell’agenda gay:

Un attento esame delle loro dichiarazioni pubbliche e delle attività che promuovono rivela una studiata ambiguità con la quale essi [coloro che promuovono un cambiamento dell’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità] tentano di fuorviare i pastori e i fedeli… Alcuni di questi gruppi useranno la parola “cattolico” per descrivere l’organizzazione o i suoi membri, eppure non difendono e promuovono l’insegnamento del Magistero; anzi, lo attaccano apertamente. Mentre i loro membri possono affermare di voler conformare la loro vita all’insegnamento di Gesù, in realtà abbandonano l’insegnamento della sua Chiesa.

Il cardinale Ratzinger non ha certo spento le corrosive ambiguità dottrinali sotto la copertura della sensibilità pastorale. Nel 1996, poco prima di morire, il cardinale Bernardin di Chicago chiese al Windy City Gay Chorus di esibirsi al suo funerale. Il funerale si svolse nella Cattedrale del Santo Nome di Chicago. Marianne Duddy, presidente del gruppo nazionale gay cattolico Dignity U.S.A., ha osservato: “È un gesto magnifico per far sapere che ha riconosciuto la presenza di gay e lesbiche nella comunità ecclesiale”.

La studiata ambiguità è diventata una pietra miliare di gran parte della politica ecclesiastica contemporanea. Papa Francesco ha recentemente nominato l’arcivescovo (ora cardinale designato) Victor Manuel Fernández a capo della Gongregazioneo per la Dottrina della fede (CDF). L’arcivescovo è l’autore di Heal Me With Your Mouth: The Art of Kissing e sembra essere un esperto di matrimonio, ma vanifica una chiara comprensione del matrimonio con le ambiguità LGBTQ:

…il “matrimonio” in senso stretto è solo una cosa: l’unione stabile di due esseri diversi come il maschio e la femmina, che in questa differenza sono capaci di generare una nuova vita. Non c’è nulla che possa essere paragonato a questo e usare quel nome per esprimere qualcos’altro non è né buono né corretto. Allo stesso tempo, credo che vadano evitati gesti o azioni che possano esprimere qualcosa di diverso. Per questo penso che la massima attenzione da prestare sia quella di evitare riti o benedizioni che possano alimentare questa confusione. Ora, se una benedizione viene impartita in modo tale da non causare questa confusione, dovrà essere analizzata e confermata. [N.d.T.].

Per quanto riguarda le ipotesi ambigue, non ci sarà mai una benedizione per le “unioni” omosessuali che non crei confusione.

La studiata ambiguità dell’arcivescovo Fernández non è senza precedenti. Nel 2006 ha minato l’insegnamento della Chiesa sulla contraccezione usando la “gerarchia cristiana dei valori coronata dalla carità” per razionalizzare il male intrinseco della contraccezione. Descrive una situazione matrimoniale difficile e poi lamenta un “rifiuto inflessibile dell’uso del preservativo”.

Tuttavia, il cardinale designato Fernández – il nuovo guardiano dell’ortodossia cattolica in Vaticano – non è ambiguo sull’arte del bacio: “Il bacio penetrante è quando si succhia e si slinguazza con le labbra. Il bacio penetrante è quando si infila la lingua. Attenzione ai denti”. In sua difesa, il cardinale designato ha spiegato che il suo primo libro si rivolgeva, beh, agli adolescenti e citava molte delle loro descrizioni dei baci. Quale vescovo rilascerebbe una “lettera di buona condotta” per un sacerdote che parla ai ragazzi in questo modo? Un doppio standard mozzafiato.

Diverse organizzazioni presumibilmente affiliate alla Chiesa, come il gruppo attivista LGBTQ New Ways Ministry, utilizzano la tattica dell’ambiguità studiata per promuovere dottrine morali dissidenti. Nel 2010, il cardinale Francis George di Chicago, scrivendo a nome dei vescovi degli Stati Uniti e facendo eco alla notifica dell’allora cardinale Ratzinger del 1999, ha messo in guardia:

Il New Ways Ministry ha recentemente criticato gli sforzi della Chiesa per difendere la definizione tradizionale di matrimonio tra un uomo e una donna e ha esortato i cattolici a sostenere le iniziative elettorali per istituire il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso. Nessuno dovrebbe essere fuorviato dall’affermazione che New Ways Ministry fornisce un’interpretazione autentica dell’insegnamento cattolico e un’autentica pratica pastorale cattolica. La loro pretesa di essere cattolici non fa altro che confondere i fedeli riguardo all’autentico insegnamento e ministero della Chiesa nei confronti delle persone con tendenze omosessuali.

Questo era allora.

La recente nomina papale di padre James Martin, S.J., come membro del Sinodo sulla sinodalità fornisce un altro aspetto della rete di confusione dottrinale tra gli uomini di Chiesa. Secondo il periodico gesuita America: “Padre Martin è un sacerdote gesuita, redattore della rivista America e fondatore di Outreach, un ministero per i cattolici LGBT. Dal 2017 è consulente del Dicastero vaticano per la Comunicazione”.

Nel 2016, il New Ways Ministry – lo stesso gruppo sanzionato dai cardinali Ratzinger e George – ha assegnato a Martin il “New Ways Ministry’s Bridge Building Award”, che premia le persone “che con la loro ricerca, leadership o testimonianza hanno promosso la discussione, la comprensione e la riconciliazione tra le persone LGBT e la Chiesa cattolica”. Sacerdoti e vescovi fedeli non vengono premiati per aver promosso il sacramento della penitenza come mezzo primario di riconciliazione.

Nel 2017, padre Paul Mankowski, S.J., è andato al cuore delle ambiguità di Martin nella sua recensione del libro Building a Bridge: How the Catholic Church and the LGBT Community Can Enterto a Relationship of Respect, Compassion, and Sensitivity:

Se l’uomo accanto a me nel banco sta lottando contro la cleptomania, non ho motivo di credere che neghi l’insegnamento della Chiesa sui diritti di proprietà. Ma una persona che si dichiara “gay” proprio per questo motivo (così sembrerebbe) considera la sua attrazione per lo stesso sesso non solo come una libido vissuta ma come un’identità abbracciata, e questo abbraccio sembra tutt’altro che impossibile da conciliare con la dottrina cattolica.

In effetti, tra i doveri di un buon confessore c’è quello di dissuadere un penitente dall’etichetta “LGBTQ”. (Nessuno è “transgender”, per esempio, ma è maschio o femmina). Le denominazioni sono puramente politiche e sanciscono la legittimità dell’inclinazione al peccato. (È persino spiritualmente malsano autoidentificarsi orgogliosamente come alcolista, per quanto sia necessario riconoscere la predilezione schiavizzante).

Prima di morire nel 2020, Mankowski inviò a un vasto pubblico la foto di un gruppo di gesuiti sgargianti vestiti da coniglietti pasquali [sic]. Ha scritto che uno dei gesuiti ha studiato teologia insieme a lui a Weston ed è stato parroco di una parrocchia gay-friendly in California. Ha raccontato che il sacerdote

… ha marciato in tutte le parate del gay pride, ma senza dubbio “celibe” secondo le assicurazioni di Jim Martin. Poi (preparatevi alla rivelazione scioccante) ha lasciato la Chiesa cattolica, è diventato anglicano e ora è un prete episcopale sposato con il suo amico. [Il sacerdote] indossa la camicia grigia da clericale nella foto del bar. Il coniglietto alla sua sinistra è attualmente un sacerdote gesuita della mia provincia, che studia a Manhattan. Naturalmente, siamo tutti obbligati a credere che Paddy sia “celibe”, purché la finzione sia conveniente per Paddy.

(L’ampia e straordinaria arguzia e saggezza di p. Mankowski si trova in Diogenes Unveiled, a cura di Phil Lawler, e Jesuit at Large: Essays and Reviews by Paul V. Mankowski, a cura di George Weigel, entrambi pubblicati da Ignatius Press).

Papa Francesco ha avuto diversi incontri cordiali e telefonate con Martin prima della sua nomina al Sinodo. Nella sua lettera scritta a mano al gesuita nel 2021, il Papa ha scritto: “Riguardo alla sua… [Outreach LGBT Ministry Conference], voglio ringraziarla per il suo zelo pastorale e la sua capacità di essere vicino alle persone, con quella vicinanza che aveva Gesù e che riflette la vicinanza di Dio”.

Ancora Mankowski:

Pochissimi di questi uomini e donne [cattolici che lottano con l’attrazione per lo stesso sesso] si identificano come “gay” o desiderano essere così designati. Sono semplicemente cattolici, né più né meno, che lottano (come tutti noi) con le difficoltà spirituali e morali che incontrano. È sorprendente che Martin non abbia mai incontrato una persona del genere.

Ahimè, nessuno parla della “comunità dei taccheggiatori” e Gesù non mangiava e beveva con la “comunità dei pubblicani”. Persino i farisei lo definirono correttamente. Ha mangiato con i peccatori e Gesù ha spiegato che i peccatori hanno bisogno di lui come “medico” (cfr. Mc 2,17).

Nel 2022, il cardinale lussemburghese Jean-Claude Hollerich (anch’egli gesuita), relatore generale del Papa per il Sinodo sulla sinodalità, ha chiesto un cambiamento nell’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità. Ha detto: “Credo che il fondamento sociologico-scientifico di questo [insegnamento della Chiesa sull’omosessualità] non sia più corretto”. Condonando la sodomia (in attesa della ratifica papale), il Cardinale mette implicitamente in discussione l’opera caritatevole e le motivazioni dei fedeli sacerdoti cattolici nel confessionale e mina la fiducia dei penitenti.

Credo che il problema sia risolto. L’obiettivo di questi bombardieri dottrinali è chiaro. Il Sinodo sulla sinodalità cercherà quasi certamente di sancire le ambiguità studiate “pastoralmente, non dottrinalmente” che lacerano il tessuto dell’insegnamento della Chiesa sull’etica sessuale. Gli equivoci di molti alti prelati cattolici – e di sacerdoti come James Martin – sull’attrazione per lo stesso sesso non solo hanno rinunciato a perdonare i peccati, ma minano il lavoro dei sacerdoti in trincea. Per difetto, permettono agli attivisti LGBTQ di dipingere i sacerdoti fedeli come nemici crudeli e senza cuore della “comunità LGBTQ”. Scoraggiano in maniera poco caritatevole molte persone attratte dallo stesso sesso che lottano con la grazia di Dio, spesso in maniera eroica, contro le tentazioni.

È diventato comune riferirsi alla Chiesa sinodale. Ci sono voluti decenni, ma la battaglia è ormai sotto gli occhi di tutti. Abbiamo bisogno della Chiesa cattolica e di un ritorno all’appello di Papa VI alla chiarezza con carità.

Le ambiguità studiate non reggeranno. “Non c’è nulla di nascosto che non si manifesti, né nulla di segreto che non si conosca e non venga alla luce” (Lc 8,17).

Jerry J. Pokorsky

 

Padre Jerry J. Pokorsky è un sacerdote della diocesi di Arlington. È parroco della parrocchia di Santa Caterina da Siena a Great Falls, in Virginia. Ha conseguito un Master of Divinity e un master in teologia morale.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments