Mentre i booster non testati sugli esseri umani vengono diffusi in tutto il Paese, un nuovo studio condotto da scienziati di Harvard e Johns Hopkins University, attualmente in pre-stampa, rivela che i vaccini COVID-19 sono stati fino a 98 volte peggiori del virus stesso. Lo studio critica l’obbligo di richiamo per gli studenti universitari americani.

Riporto la traduzione di un articolo scritto da Jonas Vestenberg e pubblicato su The Florida Standard. Preciso che l’articolista nella versione originale fa riferimento ad alcune frasi dell’Abstract dello studio. Io, nella traduzione che trovate, ho voluto citare integralmente l’Abstract. In fondo trovate la ricercha in pre-print. 

 

no vaccinazione vaccini

 

Mentre i funzionari governativi e i media mainstream esortano i vaccinati a iniettarsi un secondo richiamo cosiddetto “bivalente”, che si dice abbia come obiettivo la variante Omicron, si scopre che questa sostanza non è stata testata sugli esseri umani. E l’unico esperimento condotto sugli animali ha riguardato otto topi.

“Non è stato provato in uno studio clinico, perché non abbiamo il tempo di fare uno studio clinico, perché abbiamo bisogno di far uscire il vaccino ora, visto che in tutto il mondo, e certamente negli Stati Uniti, ci sono 400 morti al giorno e fino a 5.000 ricoveri al giorno”, ha spiegato il dottor Anthony Fauci del NIAID in un’intervista.

La direttrice del CDC, Rochelle Walensky, ha anche dichiarato che i richiami devono essere accelerati per funzionare correttamente. Un ritardo renderebbe potenzialmente le iniezioni “obsolete” perché si formerebbero nuove varianti, sostiene Walensky.

 

STUDIO: PEGGIO DEL VIRUS

Un nuovo studio condotto da scienziati di Harvard e Johns Hopkins, attualmente in pre-stampa, rivela che i vaccini COVID-19 sono stati fino a 98 volte peggiori del virus stesso. Lo studio critica l’obbligo di richiamo per gli studenti universitari americani, affermando nell’abstract:

Gli studenti delle università nordamericane rischiano di essere disiscritti a causa dell’obbligo del vaccino COVID-19 di terza dose. Presentiamo una valutazione dei rischi e dei benefici dei richiami in questa fascia d’età e forniamo cinque argomenti etici contro l’obbligo. Stimiamo che 22.000-30.000 adulti di età compresa tra i 18 e i 29 anni, precedentemente non infetti, debbano essere sottoposti a un richiamo con un vaccino a base di mRNA per prevenire un’ospedalizzazione per COVID-19. Utilizzando i dati sugli eventi avversi riportati dai CDC e dagli sponsor, abbiamo scoperto che l’obbligo del richiamo può causare un danno netto atteso: per ogni ospedalizzazione COVID-19 evitata in giovani adulti precedentemente non infetti, prevediamo da 18 a 98 eventi avversi gravi, tra cui da 1,7 a 3,0 casi di miocardite associata al richiamo nei maschi e da 1.373 a 3.234 casi di reattogenicità di grado ≥3 che interferisce con le attività quotidiane. Data l’alta prevalenza di immunità post-infezione, questo profilo rischio-beneficio è ancora meno favorevole. I richiami universitari non sono etici perché: 1) non esiste una valutazione formale del rapporto rischio/beneficio per questa fascia d’età; 2) gli obblighi di vaccino possono comportare un danno netto atteso per i singoli giovani; 3) gli obblighi non sono proporzionati: i danni attesi non sono superati dai benefici per la salute pubblica, data l’efficacia modesta e transitoria dei vaccini contro la trasmissione; 4) gli obblighi statunitensi violano il principio di reciprocità, perché i danni gravi e rari correlati ai vaccini non saranno indennizzati in modo affidabile a causa delle lacune negli attuali sistemi di risarcimento dei danni da vaccino; 5) gli obblighi creano danni sociali più ampi. Consideriamo le controargomentazioni, come il desiderio di socializzazione e di sicurezza, e dimostriamo che tali argomentazioni mancano di supporto scientifico e/o etico. Infine, discutiamo la rilevanza della nostra analisi per gli attuali mandati per il vaccino CCOVIDovid-19 a 2 dosi in Nord America”.

 

FALSE INFORMAZIONI

Come riportato per la prima volta da The Epoch Times, il CDC ha fornito informazioni false riguardo al monitoraggio degli eventi avversi causati dai vaccini. Allo stesso tempo, Walensky ammette che esiste una relazione causale tra i vaccini mRNA e la miocardite:

In una lettera del 2 settembre del direttore del CDC Rochelle Walensky al senatore Ron Johnson, il direttore afferma che “il CDC esegue costantemente un’ampia raccolta e analisi di dati per individuare potenziali eventi avversi e segnali di sicurezza e poi comunica queste informazioni al pubblico”. Ad esempio, il personale VAERS ha condotto valutazioni che dimostrano l’esistenza di associazioni causali tra la trombosi con sindrome di trombocitopenia e il vaccino COVID-19 di Janssen e tra la miocardite e la vaccinazione mRNA COVID-19″.

Nella stessa lettera, Walensky ha anche affermato che il CDC non ha analizzato alcuni tipi di segnalazioni di eventi avversi nel 2021, nonostante avesse precedentemente dichiarato di aver iniziato questo monitoraggio nel febbraio dello stesso anno.

 

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

 

 

Facebook Comments