Di seguito un articolo molto interessante scritto da Craig Murray e pubblicato sul suo blog. Eccolo nella mia traduzione.

 

Gasdotto Nord Stream sabotaggio
Gasdotto Nord Stream sabotaggio

 

È un chiaro indicatore della scomparsa della libertà dalle nostre cosiddette democrazie occidentali il fatto che Sy Hersh, probabilmente il più grande giornalista vivente, non riesca a pubblicare questa monumentale rivelazione (leggete qui la traduzione italiana, ndr) sulla prima pagina del Washington Post o del New York Times, ma debba autopubblicarsi in rete.

Hersh racconta la storia della distruzione degli oleodotti Nordstream da parte degli Stati Uniti con dettagli forensi, fornendo date, orari, metodi e unità militari coinvolte. Inoltre, sottolinea l’importanza delle forze armate norvegesi che hanno lavorato a fianco della Marina statunitense nell’operazione.

Un punto che Sy non sottolinea molto, ma sul quale vale la pena di soffermarsi, è che la Norvegia e gli Stati Uniti sono ovviamente i due Paesi che hanno tratto un enorme vantaggio finanziario dalla distruzione del gasdotto.

 

 

Entrambi non solo hanno ottenuto enormi surplus di esportazioni grazie al balzo dei prezzi del gas, ma la Norvegia ha sostituito direttamente il gas russo per un valore di circa 40 miliardi di dollari all’anno. Dal 2023 gli Stati Uniti compariranno in questa lista al secondo posto dopo la Norvegia, dopo l’apertura negli ultimi due mesi di due nuovi terminali di gas naturale liquefatto in Germania, costruiti per sostituire il gas russo con le forniture statunitensi e del Qatar.

Quindi la Russia ha perso massicciamente dal punto di vista finanziario dalla distruzione del Nordstream e chi ne ha beneficiato? Gli Stati Uniti e la Norvegia, i due Paesi che hanno fatto saltare il gasdotto.

Ma naturalmente questa guerra non ha nulla a che fare con il denaro o gli idrocarburi e riguarda la libertà e la democrazia…

Per tornare al resoconto di Hersh, particolarmente interessante è la serie di decisioni prese per evitare di classificare l’operazione in vari modi che avrebbero richiesto una relazione al Congresso. In termini di storia degli Stati Uniti, questo dovrebbe essere un grosso problema.

Il fatto che l’Esecutivo commetta un atto di guerra senza l’approvazione della legislatura è fondamentalmente incostituzionale. Ma questo è uno di quei residui di democrazia che l’élite neoliberista può tranquillamente eludere al giorno d’oggi.

Hersh espone i noti retroscena in modo avvincente e dettagliato, compreso il fatto che, da Biden in giù, gli americani hanno effettivamente annunciato apertamente ciò che stavano per fare.

Ma ciò che più mi preoccupa dell’intera storia è la complicità unanime dei media mainstream nell’ignorare l’ovvio.

La linea mediatica, ripetuta incessantemente dalla BBC e dai media aziendali, era che i russi avevano probabilmente fatto saltare loro stessi l’oleodotto per il quale avevano speso così tante risorse e tre decenni di intensa attività diplomatica, e che sarebbe stato la chiave della singola fonte di reddito più preziosa della Russia per i prossimi 40 anni.

Tutto ciò è sempre stato letteralmente incredibile. Bisognava essere squilibrati per crederci.

In realtà mi ha insegnato non solo che siamo davvero nel regno del totalitarismo e della Grande Bugia, ma ho imparato qualcosa di molto importante su come funziona la Grande Bugia.

Il segreto non è che la gente creda davvero a un’affermazione oltraggiosa. Il segreto è che le persone credono davvero di essere in una battaglia del bene contro il male e che è necessario accettare la narrazione che viene promossa, nell’interesse di combattere il male.

Non mettete in discussione, seguite e basta. Se fate domande, state promuovendo il male.

Sono sicuro che funziona così.

I giornalisti stenografi statali e aziendali sono in realtà persone intelligenti. Se ci pensassero, si renderebbero conto che la narrazione secondo cui la Russia avrebbe fatto esplodere il proprio oleodotto è un’evidente assurdità.

Ma sono convinti che sia moralmente sbagliato pensarci.

Ecco perché nessuno di loro ha contestato le affermazioni altrettanto folli secondo cui la Russia avrebbe bombardato ripetutamente le proprie forze che occupavano la centrale nucleare di Zaporizhzhia, ed ecco perché nessuno di loro ha contestato la versione ufficiale, assolutamente risibile, della storia di Skripal.

Ho già raccontato l’aneddoto di quando lavoravo al Foreign and Commonwealth Office (FCO) e chiesi a un buon amico se credesse davvero alle informazioni errate sulle armi di distruzione di massa irachene con cui era coinvolto.

Mi rispose facendo riferimento al videogioco Championship Manager (ora ribattezzato Football Manager), a cui giocavamo insieme. Ha detto che quando era nel gioco era immersivo, era il manager del Liverpool e lo assorbiva completamente.

Allo stesso modo, quando varcava i cancelli dell’FCO, il mondo dei rapporti di intelligence era immersivo e l’Iraq aveva davvero le armi di distruzione di massa all’interno di quel mondo. Lavorava nella “realtà” dell’FCO. Una volta uscito la sera, viveva in una realtà diversa, il mondo di noi al pub.

Conosco uno o due giornalisti sufficientemente brillanti da distaccare la loro produzione professionale da ciò che pensano realmente, in modo simile. (Una volta ho avuto una conversazione di questo tipo con Jeremy Bowen a Tashkent).

La maggior parte però non la pensa così. Pensano semplicemente che tutte le persone di buon senso sostengono la storica lotta contro i malvagi russi, quindi è giusto leggere la propaganda senza pensarci troppo.

Quelli di noi che criticano l’aggressiva promozione della guerra in Europa, non solo sono banditi da tutti i media mainstream e confinati in angoli di Internet, e anche in questo caso pesantemente repressi sui social media (ecco perché l’articolo di Sy Hersh non ha i decine di milioni di lettori che meriterebbe).

Non possiamo nemmeno ottenere la libertà di riunione.

Due sedi affermate della sinistra hanno cancellato l’incontro No 2 Nato che terrò a Londra il 25 febbraio. La Conway Hall ha motivato la cancellazione con minacce ai finanziamenti e timori per la sicurezza del personale.

 

 

Siamo ora ridotti a un incontro di guerriglia, la cui sede nel centro di Londra sarà annunciata solo la sera prima.

È davvero questa una democrazia, in cui non è possibile per i dissidenti tenere un incontro pubblico senza segretezza, sotterfugi e nascondersi dai sostenitori dello Stato?

Vi invito a venire quel giorno, qualunque sia la vostra opinione sull’argomento, per sostenere il diritto alla libertà di parola.

Ho un’opinione diversa da quella di tutti gli altri oratori sulla legittimità dell’invasione russa dell’Ucraina, alla quale mi oppongo.

Ma mi oppongo anche all’espansione della NATO, che è una causa di fondo della guerra, e mi oppongo all’esistenza della NATO stessa.

La NATO è una macchina da guerra che sottrae risorse ai lavoratori per favorire il complesso militare-industriale e scatena una distruzione devastante sugli Stati in via di sviluppo che non mettono le loro risorse naturali a disposizione delle élite miliardarie occidentali.

È anche un nodo fondamentale dell’apparato di propaganda che manipola e controlla la nostra società, soprattutto perché la contro-narrazione e il pensiero dissidente sono ora rigorosamente e sistematicamente esclusi.

Non c’è più una finestra di Overton di dibattito consentito. Si è ristretta e dovrebbe essere ribattezzata la cassetta delle lettere di Overton.

Una di quelle piccole e difficili, proprio in fondo alla porta. Con una molla molto feroce e cani ringhiosi che la sorvegliano.

Craig Murray

 

Craig Murray è autore, divulgatore e attivista per i diritti umani. È stato ambasciatore britannico in Uzbekistan dall’agosto 2002 all’ottobre 2004 e rettore dell’Università di Dundee dal 2007 al 2010.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments