Un’intervista sulla morte e le preghiere per i morti con suor Teresa Aletheia Noble, F.S.P., editrice della collana di libri di preghiera Memento Mori per Pauline Books and Media.

Pubblicata su Catholic World Report. Ve la presentiamo di seguito nella traduzione di Wanda Massa. 

 

Suor Theresa Aletheia Noble F.S.P.
Suor Theresa Aletheia Noble F.S.P.

 

Suor Teresa Aletheia Noble, F.S.P. è una ex atea che ora è una suora religiosa appartenente alle Figlie di San Paolo. Vive a Boston, dove lavora come redattrice per Pauline Books and Media, ed è lei stessa redattrice della serie di libri di preghiere Memento Mori, incentrata sui quattro novissimi: Morte, Giudizio, Paradiso e Inferno.

Recentemente ho intervistato suor Noble via e-mail sul tema della morte, un tema tradizionale della preghiera cattolica durante il mese di novembre, e sul suo ruolo nel nostro attuale mondo post-COVID. La trascrizione della nostra intervista è riportata qui sotto.

 

CWR: Durante il mese di novembre, i cattolici pregano tradizionalmente per i morti, visitando i cimiteri oltre a celebrare la Giornata di Ognissanti e di tutte le anime. Perché i cattolici si concentrano così tanto sulla morte?

Suor Teresa Aletheia Noble: Per i cattolici, la morte è illuminata dalla vita, dalla morte e dalla resurrezione di Gesù Cristo. Cristo ha vinto la morte. Quindi, i cristiani non si ricordano solo dei morti, noi crediamo che le nostre preghiere facciano la differenza nell’aldilà. Il Papa emerito Benedetto XVI ha scritto: “Che l’amore possa arrivare nell’aldilà… è stata una convinzione fondamentale del cristianesimo“.

Quindi, non direi che la nostra attenzione è rivolta alla morte in sé, ma è così che può apparire. Per noi la morte è gravida della vita e dell’amore a causa di ciò che Cristo ha fatto per noi. Le nostre preghiere per i morti risiedono in questo luogo paradossale della speranza cristiana nella morte e la fonte della loro efficacia è nella potenza della Croce.

 

CWR: La pandemia di COVID in corso ha aumentato l’ansia della gente per la morte. In che modo pregare con la morte potrebbe aiutarci a superare le nostre paure al riguardo?

Suor Teresa: Mentre normalmente potremmo essere in grado di ignorare la morte e spingerla via dalla nostra mente, i ricordi della morte sono ora sempre presenti. È una qualità dell’esistenza umana sperimentare l’ansia della morte e la pandemia ha fatto emergere questa ansia nella vita di tutti i giorni. Non è necessariamente una conseguenza negativa della pandemia. Esplorare la nostra paura della morte nel contesto della nostra fede può essere una grande opportunità di grazia. La paura della morte è comprensibile; la nostra esistenza è buona e, come scriveva Sant’Ambrogio, “La morte non faceva parte della natura; è diventata parte della natura“. La morte viene dal peccato. Saremmo sciocchi a non temere la morte, almeno in un certo senso. Tuttavia, allo stesso tempo, in Sull’Incarnazione, Sant’Atanasio descrive i discepoli di Cristo come coloro che “disprezzano la morte“. Così la domanda diventa: come si può passare da questa paura naturale della morte a questa impavidità che è il marchio di un cristiano? Possiamo solo disprezzare la morte e perdere la nostra paura di essa meditando regolarmente sulla nostra morte inevitabile nel contesto di ciò che Cristo ha fatto per noi.

 

CWR: Quest’anno potremmo essere addolorati non solo per la morte delle nostre abitudini e delle nostre relazioni pre-COVID, ma anche per la morte delle nostre illusioni di unità politica. In che modo pregare con la morte potrebbe aiutarci ad accettare la realtà imperfetta che il nostro Paese è diviso equamente sulle elezioni di Biden-Trump?

Suor Teresa: A mio parere, la divisione politica che stiamo vivendo è il risultato del naturale declino di una società relativistica che sta lottando per trovare il modo di scoprire insieme la verità. Tuttavia, non importa dove porta questa divisione, la nostra garanzia non è nella stabilità del governo del nostro Paese; non è nello status privilegiato della nostra nazione nel mondo, e non è in nessun candidato politico. L’unica roccia e rifugio nella nostra vita è Dio stesso. La meditazione sulla morte può radicarci nella stabilità e nella fermezza dell’amore di Dio e questo ci aiuta a superare i problemi di questa vita. La pratica del memento mori o della meditazione sulla morte è una pratica che mette la vita in prospettiva. S. Elisabetta della Trinità ha scritto: “Vediamo il vero valore delle cose alla luce dell’eternità. Oh, com’è vuoto tutto ciò che non è stato fatto per Dio e con Dio! Vi prego di segnare tutte le vostre azioni con il sigillo dell’amore; è l’unica cosa che dura! . . . Che cosa seria è la vita!

 

CWR: Come si prega con la morte nella propria vita in questo difficile anno di quarantena?

Suor Teresa: Sono al terzo anno di preghiera con la morte ogni giorno e quest’anno ho decisamente sentito la mia inadeguatezza. Da quando il mio viaggio con la meditazione sulla morte è stato abbastanza pubblico, la gente si è rivolta a me per la saggezza e la guida quest’anno, ma mi sento ancora una principiante in questa pratica. Quello che ho imparato negli ultimi tre anni è semplicemente che, sebbene sia molto potente, la meditazione sulla morte non è magica. Ha cambiato la mia vita in molti modi ma, come il resto della vita spirituale, ci sono valli e colline nella meditazione sulla morte e attraversare le valli è importante tanto quanto salire sulle colline. Ma credo che abbracciare quei momenti di umiliazione e di paura faccia parte di questa pratica. Moriamo a noi stessi e al nostro orgoglio nel processo di preghiera con la nostra morte per donarci realmente alla grazia.

 

CWR: Come sono cambiate le sue convinzioni sulla morte da quando è tornata dall’ateismo al cattolicesimo?

Suor Teresa: Sono stata atea materialista per oltre un decennio. Per esempio, non credevo nell’anima immortale. Ma sono stata anche un’attivista per i diritti degli animali e spesso sono rimasta sconvolta dalle implicazioni di questa visione del mondo portata all’estremo. Ero una severa vegana, ma non avrei mai potuto accettare ciò che molti attivisti per i diritti degli animali sostengono, che lo specismo – un pregiudizio cieco per la propria specie – è l’unica ragione per cui la vita umana è intrinsecamente più preziosa della vita animale. Ho lottato con questo problema e con altri per anni fino a quando non ho avuto un’esperienza di conversione mentre ero in viaggio in Costa Rica. La mia esperienza di Dio in quel momento alla fine mi ha riportato alla Chiesa e poi in convento.

Intellettualmente, ho accettato gli insegnamenti della Chiesa nell’aldilà dopo essere entrata in convento, ma è stato proprio attraverso la pratica del memento mori che ho cominciato a capirlo e ad abbracciarlo più interamente. Non tutti hanno la mia formazione, ma credo che molti cattolici siano atei pratici, soprattutto nell’aldilà. Quindi penso che questa pratica possa essere utile a molte persone per riflettere e digerire i misteri della nostra fede.

 

CWR: Se potessi scegliere un santo patrono della morte, chi sarebbe e perché?

Suor Teresa: Potrei sceglierne tanti. Tutti i santi erano concentrati sulla loro morte in qualche modo perché erano concentrati a vivere per l’unione con Dio. Le nostre sorelle, le Figlie di San Paolo, stanno iniziando un podcast e il nostro primo episodio completo sarà “Memento Mori Saints“. Quindi spero che la gente ci dia un’occhiata! Possono scoprire di più su quello che le nostre sorelle stanno facendo online su http://thedaughtersproject.com/ e possono trovare il podcast su qualsiasi piattaforma di streaming sotto il nome di “The Daughters Project” ( https://youtu.be/jzg1m8LV2rM ).

 

CWR: Oltre a mettere Gesù morto su una croce al centro dei nostri spazi di culto, cosa c’è di caratteristico nella prospettiva cattolica sulla morte?

Suor Teresa: La fede cattolica è molto incarnata. Direi che questo ci permette di vedere più facilmente le realtà spirituali nella realtà materiale rispetto alle altre fedi. La nostra fede rende più facile capire che la fine materiale del nostro corpo – che porta alla morte, al decadimento e alla decomposizione – ha un’ulteriore fine nella resurrezione: “Così dice il Signore Dio: Guarda, io aprirò le tue tombe; ti farò uscire dalle tue tombe, mio popolo” (Ez 37,12).

 

CWR: Cosa speri che la gente tragga dal tuo lavoro sulla morte?

Suor Teresa: La frase “memento mori” è diventata sempre più familiare ai cattolici negli ultimi anni, in parte forse anche grazie ai miei sforzi di parlarne pubblicamente online e nei miei libri. La mia preoccupazione, però, è che per alcuni cattolici memento mori sia una frase di moda piuttosto che una vera e propria pratica spirituale. La meditazione quotidiana sulla morte non è glamour o cool; è penitenziale. In realtà abbracciare la croce della meditazione quotidiana sulla morte è molto più difficile che parlarne, ma offre anche molti più frutti spirituali.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1