Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Neville Hodgkinson e pubblicato su Conservative woman. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

sportivo attacco di cuore

 

Centimetro dopo centimetro, ci avviciniamo all’epilogo della tragedia del vaccino Covid, “sicuro ed efficace”.

È un’agonia per i medici che credevano che il vaccino avrebbe aiutato a proteggere i pazienti da gravi malattie, per le persone danneggiate e in lutto a causa del vaccino e per i ricercatori che da più di due anni ci dicono (vedi qui, per esempio) che i vaccini basati sulla preparazione dell’organismo ad affrontare la proteina tossica “spike” della SARS-CoV-2 potrebbero causare lo stesso tipo di danno del virus stesso.

Ora, in un ampio studio condotto a livello nazionale in Corea del Sud, un comitato di esperti ha confermato 480 casi di infiammazione cardiaca correlata al vaccino (miocardite), tra cui 21 decessi, 12 dei quali in giovani adulti. Novantacinque dei 480 casi sono stati classificati come gravi, la maggior parte dei quali ha necessitato di cure intensive in ospedale e uno ha ricevuto un trapianto di cuore.

L’analisi potrebbe essere la più completa finora effettuata in tutto il mondo. Il comitato comprendeva sette cardiologi, coadiuvati da ricercatori di 16 centri regionali che hanno fornito i dati delle cartelle cliniche. I medici e il personale sanitario avevano l’obbligo legale di segnalare i sospetti eventi avversi derivanti dalla terapia farmacologica.

Sono stati adottati criteri rigorosi prima di concludere che la colpa fosse del vaccino, il che potrebbe causare l’esclusione di molti casi probabili. I 480 casi confermati erano tra i 1.533 casi segnalati in cui si sospettava una miocardite acuta.

Riportando i risultati sulla rivista European Heart Journal, i ricercatori affermano che rispetto ai 44 milioni di persone vaccinate durante il periodo di studio (dal 26 febbraio al 31 dicembre 2021) la miocardite attribuibile al vaccino è rara. È stata più alta nei giovani uomini, di età compresa tra i 12 e i 17 anni (5,29 casi per 100.000 persone vaccinate) e più bassa nelle donne di età superiore ai 70 anni (0,22 per 100.000).

I ricercatori esprimono tuttavia particolare preoccupazione per il fatto che otto dei 21 decessi sono stati inizialmente classificati come morte cardiaca improvvisa, non correlata al vaccino, e sono venuti alla luce solo a seguito di un esame post-mortem.

“La morte cardiaca improvvisa (SCD) è stata la reazione avversa più grave e preoccupante della vaccinazione Covid-19 nel nostro studio”, scrivono. In questi otto casi, nonostante il decesso sia avvenuto entro una settimana dalla vaccinazione, “la VRM (miocardite correlata al vaccino) non è stata sospettata come diagnosi clinica o causa di morte prima di eseguire l’autopsia”.

Tutti e otto avevano meno di 45 anni e avevano ricevuto i vaccini a base di mRNA, con la miocardite correlata al vaccino ritenuta dagli investigatori “l’unica possibile causa di morte”.

Questo risultato, affermano gli autori, “giustifica un attento monitoraggio o l’avvertimento della SCD come complicazione potenzialmente fatale della vaccinazione Covid-19”, soprattutto nei soggetti di età inferiore ai 45 anni.

Anche gli anziani possono essere a rischio, ma è meno probabile che vengano diagnosticati come vittime del vaccino a causa di malattie cardiache preesistenti.

In un post sul blog del mese scorso (22 maggio), il cardiologo americano e critico del vaccino Covid, il dottor Peter McCullough, ha commentato il caso di un uomo di 81 anni che è collassato dopo un giorno dalla quinta iniezione di mRNA ed è rimasto in ospedale per più di un mese, compreso un periodo di supporto vitale completo. Il caso dimostra che negli anziani “qualsiasi grado di danno cardiovascolare potrebbe essere disastroso”, ha scritto. I vaccini Covid-19 non bloccano l’infezione e la trasmissione della SARS-CoV-2, né riducono la gravità della malattia o prevengono l’ospedalizzazione o la morte. Per questo motivo, i rischi di danni al cuore, trombi e altri eventi cardiovascolari superano di gran lunga i benefici…”.

“Mi chiedo quanti pazienti anziani siano morti entro pochi giorni dal vaccino Covid-19, non riconosciuti e non segnalati dalle famiglie, dai medici o da altri. Solo i dati sulla mortalità per tutte le cause pubblicati nei prossimi mesi ci daranno un’idea. Nel frattempo, tutti gli anziani dovrebbero capire che anche se le iniezioni precedenti sono state tollerate, la prossima potrebbe essere fatale”.

Molti Paesi, tra cui il Regno Unito, stanno già sperimentando un forte aumento dei decessi in eccesso in tutte le fasce d’età – decessi che si verificano a un tasso superiore rispetto alla media quinquennale precedente, e che non sono causati da Covid.

Il dottor John Campbell, un insegnante di infermieristica in pensione che con i suoi video su YouTube ha istruito milioni di persone sulle questioni relative a Covid, ha recentemente paragonato la cifra di 4.190 decessi in eccesso registrata nelle ultime due settimane di aprile nel Regno Unito al numero di vittime di un attacco terroristico. Si registrano aumenti significativi dei decessi per insufficienza cardiaca e ictus.

Campbell si è rammaricato per la mancanza di interesse dei media tradizionali nei confronti di questo “fenomeno globale sottovalutato” e ha commentato: “La BBC, ad esempio, sembra non dire sostanzialmente nulla al riguardo. Questo è di per sé un motivo di preoccupazione”.

Nel frattempo, il Servizio sanitario nazionale continua a sottolineare la sicurezza del vaccino, informando i pazienti: “Ci sono stati rari casi di infiammazione del cuore (miocardite) segnalati dopo la vaccinazione Covid-19. La maggior parte delle persone che ne sono state affette si è ripresa dopo il riposo. La maggior parte delle persone che l’hanno avuta si è ripresa dopo il riposo e semplici trattamenti”.

L’NHS England afferma che 3,6 milioni di persone – più della metà degli aventi diritto – hanno fatto il “richiamo di primavera” e invita gli altri a sottoporsi al vaccino in uno dei 2.500 siti in Inghilterra prima della scadenza del 30 giugno.

In un altro post pubblicato ieri sul blog, McCullough scrive: “Non abbiamo mai avuto un vaccino per adulti che richiedesse due iniezioni come serie primaria e poi iniezioni continue ogni sei mesi senza una fine in vista. Anche i pazienti più accondiscendenti chiedono ai loro medici e familiari quando finirà tutto questo?”.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments