Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dallo staff,  formato da ricercatori e medici, della rivista HART . Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

cuore miocardite pericardite

 

Ci sono due punti chiave per quanto riguarda i problemi cardiaci post vaccinazione che HART ha sollevato dall’inizio del 2021.

  1. La miocardite è attribuibile all’iniezione e non all’infezione.
  2. Ciò che è stato diagnosticato può rappresentare un danno più ampio che deve ancora essere misurato correttamente.

I dati provenienti da più fonti concordano su punti importanti. Tuttavia, ci sono dati provenienti dall’Inghilterra che appaiono contraddittori.

 

Sono le iniezioni e non le infezioni a causare la miocardite

Molti hanno sostenuto che è il virus la causa scatenante della miocardite, piuttosto che le vaccinazioni. Ci sono diversi modi per verificare questa ipotesi. Quello più ovvio è confrontare il tasso di miocardite dopo l’infezione in:

a) non iniettati e non infettati

b) non iniettati infetti

c) iniettati non infetti

d) infetti per via parenterale

Sebbene siano state condotte diverse analisi epidemiologiche sulla miocardite, questo semplice confronto non viene mai fatto. Quando si esaminano specificamente le persone non iniettate, non vi sono prove di un aumento dell’incidenza. HART ha precedentemente riassunto i dati relativi all’infezione nei soggetti iniettati rispetto a quelli non iniettati.

Un approccio alternativo consiste nell’esaminare la frequenza della miocardite nel tempo. L’incidenza è aumentata con l’arrivo di Covid nel 2020 o con l’arrivo delle iniezioni nel 2021?

Oggi esistono diverse fonti di dati per rispondere a questa domanda e tutte concordano.

  1. Uno studio su 40 ospedali statunitensi

 

 

2) Un accesso agli atti effettuato in Israele:

 

 

3) Dati di codificazione tedeschi provenienti dagli ospedali (dati da qui)

 

 

4) Risultati di accesso agli atti effettuati nel Regno Unito e provenienti da Swindon e Oxford

 

 

Quanti danni complessivi sono stati arrecati al cuore?

Misurare i pazienti ricoverati con miocardite e pericardite significa guardare solo alla punta di un iceberg in termini di danni al cuore? La miocardite e la pericardite sono causate dall’infiammazione del cuore e degli strati di tessuto che lo circondano. Non è noto quanto questo si verifichi dopo l’iniezione a causa di un errato orientamento del sistema immunitario (malattia autoimmune, ndr) ad attaccare il cuore o a causa delle cellule che vengono distrutte perché danneggiate o perché esprimono la proteina spike.

Un processo infiammatorio a livello cardiaco porterebbe a sintomi e alla possibilità di una diagnosi in ospedale. Tuttavia, un effetto meno grave su una sola parte del cuore può non essere evidente se non viene ricercato. In effetti, all’autopsia di un decesso per miocardite post vaccinazione di un ventiduenne, sono state osservate singole cellule morte sparse e gruppi di danni e infiammazioni più significativi.

Perché dovrebbe essere importante se una persona non manifesta nemmeno i sintomi? Il problema è che le cellule del cuore non possono essere sostituite. La cosa peggiore è che quando le cellule vengono distrutte lasciano dietro di sé una cicatrice, il che significa che i circuiti elettrici del cuore possono andare in cortocircuito causando in futuro un arresto cardiaco improvviso.

Si è cercato di misurare l’entità di questo danno nascosto negli adolescenti. I danni sono stati misurati chiedendo informazioni sui sintomi, effettuando un ECG per misurare l’andamento elettrico del cuore e un esame del sangue per verificare l’aumento di un enzima rilasciato dalle cellule cardiache morte, la troponina. La tabella 1 riporta i risultati di tre studi. Sia in Tailandia che a Taiwan è stato riscontrato un numero significativo di bambini che hanno manifestato sintomi cardiaci dopo l’iniezione. Lo studio di Taiwan non ha effettuato un esame sistematico della troponina nel sangue, ma ha analizzato solo 33 bambini, uno dei quali presentava un livello anormale.

 

Thailandia13-18 anni
Età media 15 anni
Svizzera Dipendenti adulti di università
Età media 37 anni
Taiwan 12-18 anni
Età media 16,7 anni
Sintomi cardiaci29%N/A17%
Modifiche dell’ECG18%N/A1% ha presentato alterazioni non riscontrabili nell’ECG iniziale, che era successivo alla prima dose
Troponina3% (dei maschi)2,8% (quando non è possibile attribuire altre cause)1 dei 33 testati = 3%

Table 1: summary of results from three prospective studies of post injection harm

 

Tutti e tre gli studi dimostrano un tasso di danni subclinici da iniezione molto più elevato rispetto a quello misurato considerando solo i ricoveri in ospedale con diagnosi di miocardite o pericardite.

Dato il notevole aumento dei decessi per cause cardiache registrato di recente, è necessario indagare sulla possibilità che i danni al cuore causati da queste iniezioni abbiano provocato cicatrici nei cuori, causando morti cardiache improvvise.

 

I dati inglesi contraddittori

Alla luce di quanto detto sopra, ci sono due fonti di dati inglesi che appaiono strane e sembrano contraddirsi a vicenda. La prima è uno studio epidemiologico di Oxford e la seconda i dati ONS (l’equivalente britannico dell’ISTAT italiano, ndt) sulle cause di morte.

Lo studio di Oxford ha preso in considerazione solo 43 milioni di persone che si sono iniettate sostanze stupefacenti nel 2021 e ha identificato quanti hanno avuto miocardite e pericardite dopo l’iniezione e dopo l’infezione. Non sono espliciti i dati sui decessi, ma sottraendo la tabella 7 (1) del materiale supplementare dalla tabella 3 del documento principale è possibile trovare il numero di decessi.

 

Entro 28 giorni dall’iniezione AstraZenecaEntro 28 giorni dall’iniezione PfizerEntro 28 giorni dall’iniezione di ModernaEntro 28 giorni dal test positivo prima dell’iniezioneEntro 28 giorni dal test positivo dopo l’iniezioneNon entro 28 giorni dall’infezione o dall’iniezione
Numero di soli ricoverati17927959111521961
Numero di decessi51 (22%)49 (15%)03 (*)vedi avvertenza29 (36%)220 (10%)
Totale ricoverati o deceduti23032859114812181

Tabella 2: riepilogo dei dati di ospedalizzazione e di morte del documento di Oxford

(*) Attenzione: la definizione di morte per miocardite è che si è verificata entro 28 giorni dal ricovero in ospedale per miocardite o è stata inserita nel certificato di morte. Tuttavia, poiché lo studio includeva solo persone a cui era stata praticata l’iniezione, coloro che sono morti senza iniezione e non hanno mai fatto l’iniezione non sarebbero stati inclusi nei dati. È inoltre degno di nota il fatto che tre persone che erano risultate positive al test sono state vaccinate, hanno ricevuto una diagnosi di miocardite e sono morte tutte entro 28 giorni.

 

I dati non sono rappresentativi perché chiunque abbia avuto un episodio di miocardite dopo la prima iniezione è stato escluso se ha avuto un episodio successivo. I soggetti con maggiore probabilità di rischio di miocardite dopo l’infezione, cioè chiunque abbia avuto una miocardite dopo l’iniezione e sia stato poi infettato, sono stati esclusi dai dati post-infezione. Se il tasso di infezione da covid è simile a quello dell’intera popolazione (6,9%) nel gruppo che ha avuto una miocardite dopo l’iniezione, allora delle 517 persone che sono state ricoverate in ospedale con miocardite dopo l’iniezione si prevede che un totale di 36 abbia contratto un’infezione dopo l’iniezione. Se queste 36 persone avessero avuto un secondo ricovero per miocardite dopo l’infezione, il totale non sarebbe stato di 81 ma di 117, cioè un livello simile a quello dei non iniettati.

Gli autori hanno utilizzato una modellizzazione per tenere conto della stagionalità delle infezioni da covid. Dopo la modellizzazione hanno concluso che il tasso di miocardite era doppio nei soggetti infettati prima dell’iniezione rispetto a quelli infettati successivamente. Tuttavia, i dati grezzi mostrano 114 casi di miocardite su 2.958.026 infezioni prima dell’iniezione (38,5 per milione) e 81 casi di miocardite (probabilmente sottovalutati) su 2.976.127 infezioni (27,2 per milione). Raddoppiare il tasso rilevato nei dati grezzi a causa di tale modellizzazione è fantascienza.

Considerando lo studio nel suo complesso, per tutto il 2021, ci sono stati 100 decessi avvenuti entro 28 giorni da una dose di iniezione. È difficile conoscere il numero totale di decessi avvenuti entro 28 giorni da un risultato positivo del test, ma sembra azzardato concludere da questo studio che sarebbe stato più alto. Di tutti i decessi dello studio, il 28% è avvenuto entro 28 giorni dall’iniezione di covid. Allo stesso modo, ci sono stati molti più ricoveri entro 28 giorni dall’iniezione che entro 28 giorni dall’infezione.

Un decesso entro 28 giorni da un ricovero per miocardite è una definizione piuttosto ampia di morte. L’équipe di Oxford non comunica quanti di questi decessi erano menzionati nel certificato di morte per miocardite. Al contrario, l’ONS ha pubblicato dati in cui ogni decesso dal 2001 è stato ridotto a un singolo codice diagnostico utilizzando un algoritmo informatico. Per i decessi codificati come I40, che rappresenta tutte le cause non batteriche di miocardite, non c’è stato alcun aumento. In effetti, secondo l’ONS, ci sono stati solo 41 decessi in tutta l’Inghilterra e il Galles codificati in questo modo. Ciò è in netto contrasto con i 352 decessi riportati dallo studio di Oxford su un campione di tre quarti della popolazione.

 

Figura 1: Decessi codificati dall’ONS come dovuti a miocardite ogni anno

 

Conclusione

Nonostante i tentativi di attribuire la miocardite all’infezione, l’incidenza è chiaramente aumentata solo con l’arrivo del programma di iniezione. Altre prove suggeriscono che l’incidenza dopo l’infezione sembra essere più alta nei soggetti iniettati rispetto a quelli non iniettati. Come sempre nel caso di Covid, la storia è nei dati che non sono stati condivisi. Il gruppo di Oxford ha accesso alle informazioni sui tassi di miocardite nella popolazione non vaccinata e anche sui tassi nel 2020 prima del lancio e, ancora una volta, non li ha condivisi. Nel frattempo, continuano ad accumularsi dati sui danni cardiaci subclinici che potrebbero portare a esiti negativi a lungo termine.

 


The views expressed in this article are those of the author and do not necessarily reflect the views of the person responsible for this blog. Qualified discussion and friendly debate are welcomed.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments