Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Megan Redshaw e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

miocardite

 

Joseph Keating aveva solo 26 anni quando è morto di miocardite il 12 novembre 2021, quattro giorni dopo aver ricevuto la terza dose di vaccino COVID-19 della Pfizer. Il sig. Keating non aveva idea di essere affetto da un “raro” problema cardiaco dovuto alla vaccinazione.

I familiari hanno dichiarato che gli unici segnali di allarme del sig. Keating sono stati affaticamento, indolenzimento muscolare, mal di gola e aumento della frequenza cardiaca. Non ha manifestato alcun segno caratteristico di un problema cardiaco, come dolore al petto, respiro affannoso o battito cardiaco che avrebbe giustificato un ricorso al pronto soccorso.

Secondo il referto dell’autopsia (pdf) e il certificato di morte, il sig. Keating è morto per gravi danni al cuore causati da “miocardite nel ventricolo sinistro” dovuta al “recente vaccino di richiamo COVID-19 della Pfizer”.

Quando l’analisi preliminare del cuore del signor Keating apparve normale, il patologo decise di prelevare 22 diversi vetrini di tessuto per ulteriori valutazioni e scoprì che l’infiammazione da vaccino aveva danneggiato e attaccato l’intero cuore.

Kaylee Koch, sorella del signor Keating, in una corrispondenza con The Epoch Times, ha dichiarato che la sua famiglia ha contattato i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), i legislatori, le emittenti locali, il loro governatore e il dipartimento sanitario locale, ma non ha ricevuto alcuna risposta.

Secondo il sito web del CDC, l’agenzia monitora attivamente le segnalazioni di miocardite e pericardite dopo la vaccinazione COVID-19, il che include “la revisione dei dati e delle cartelle cliniche e la valutazione della relazione con la vaccinazione COVID-19”. Il CDC afferma inoltre di indagare sulle segnalazioni al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) classificate come “gravi”, cercando di ottenere le cartelle cliniche per comprendere meglio l’evento. Tuttavia, secondo la famiglia, il CDC non ha mai indagato sulla morte del signor Keating né ha mai richiesto le sue cartelle cliniche.

La famiglia del signor Keating ha inviato la documentazione, compreso il referto dell’autopsia, al National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) nella speranza di trovare risposte e di evitare che la stessa sorte capitasse ad altri.

La sorella ha detto che il NIAID non ha tenuto conto della documentazione e ha concluso che la miocardite di Keating e la conseguente morte non sono state causate dal vaccino, ma non è stato nemmeno in grado di identificare o attribuire la sua morte ad altre cause.

 

La definizione di miocardite del CDC esclude i casi più gravi

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco che può portare ad aritmia cardiaca, arresto cardiaco, ictus e morte. L’Organizzazione nazionale per i disturbi rari afferma che la miocardite può derivare da un’infezione, ma è più comunemente il risultato della reazione immunitaria dell’organismo al danno cardiaco iniziale.

Secondo VAERS, tra il 14 dicembre 2020 e il 28 luglio 2023 sono stati segnalati 26.103 casi di miocardite e pericardite, di cui 19.855 attribuiti al vaccino COVID-19 di Pfizer e 5.729 a Moderna.

Secondo il sito web del CDC, l’agenzia ha iniziato a indagare sugli effetti a lungo termine della miocardite nel 2022, contattando tutti coloro che hanno segnalato un evento a VAERS che soddisfa la definizione di caso di miocardite dell’agenzia. La famiglia del signor Keating non è mai stata contattata.

Sebbene il CDC affermi che la miocardite conseguente alla vaccinazione COVID-19 sia un evento avverso raro e lieve, l’agenzia utilizza una definizione di caso ristretta che esclude i casi come quello del signor Keating.

Per soddisfare la definizione di miocardite del CDC, le persone devono avere “sintomi come dolore al petto, mancanza di respiro e sensazione di avere un cuore che batte velocemente, fluttuante o martellante, ed esami medici che supportino la diagnosi di miocardite ed escludano altre cause”.

Sulla base di questa definizione, il CDC può escludere i casi di arresto cardiaco, ictus ischemico e morte per problemi cardiaci che si verificano prima che si possa andare in ospedale o ottenere una diagnosi. Al signor Keating non era stata diagnosticata la miocardite prima del decesso e non aveva manifestato i sintomi che di solito rientrano nella definizione di caso del CDC. Eppure è morto di miocardite dopo la terza dose di vaccino COVID-19.

Il sito web del CDC non indica cosa succede a questi casi e non c’è alcuna indicazione che siano seguiti o inclusi nei numeri del CDC sulla miocardite.

 

La miocardite indotta dalla vaccinazione COVID-19 è diversa da altre cause

I risultati di un ampio studio di coorte pubblicato nell’aprile 2022 sul Journal of the American Medical Association Cardiology hanno mostrato che sia la prima che la seconda dose di vaccini a base di mRNA erano associate a un aumento del rischio di miocardite e pericardite. Per coloro che hanno ricevuto due dosi dello stesso vaccino, il rischio di miocardite era più alto tra i maschi di età compresa tra 16 e 24 anni dopo la seconda dose.

I ricercatori hanno rilevato che i risultati sono coerenti con i dati che mostrano tra quattro e sette eventi in eccesso in 28 giorni per 100.000 vaccinati dopo la vaccinazione Pfizer e tra nove e 28 eventi in eccesso per 100.000 vaccinati dopo Moderna.

“Ci sono prove emergenti che dimostrano che la miocardite in seguito a iniezioni di mRNA è diversa da altre cause e molto più comune di quanto si pensasse originariamente o di quanto ammesso dal CDC”, ha dichiarato il cardiologo interventista Jack Askins a The Epoch Times in una e-mail. “L’interessamento cardiaco in seguito alla ‘vaccinazione’ con mRNA è di circa il 3% secondo un recente studio svizzero (non lo 0,001% come sostenuto dal CDC)”.

Ha aggiunto che gli studi che valutano i rialzi di troponina rivelano che l’incidenza è molto più alta di quella basata sui sintomi. Le troponine sono proteine rilasciate nel sangue quando si verifica un danno cardiaco. Il test della troponina cardiaca misura i livelli delle proteine troponina T o troponina I nel sangue. In genere, la troponina rimane all’interno delle cellule del muscolo cardiaco, ma il danneggiamento di queste ultime provoca il rilascio di troponina nel sangue. Più alti sono i livelli di troponina nel sangue, più esteso è il danno cardiaco.

Prima dell’introduzione del vaccino COVID-19, la miocardite causata da infezioni virali come l’adenovirus e l’influenza era la causa più comune di infiammazione cardiaca nei bambini, ha dichiarato al The Epoch Times il cardiologo pediatrico Kirk Milhoan. Sebbene la miocardite possa essere causata dal COVID-19, la miocardite sviluppata da un giovane sano dopo l’infezione è “estremamente lieve”.

Secondo il dottor Milhoan, la miocardite causata dal vaccino COVID-19 si differenzia dalla miocardite virale perché non è un’infezione del cuore a causare il danno. Il cuore viene danneggiato dalla “proteina spike che è cardiotossica per il cuore”, che causa infiammazione nei tre vasi principali del cuore e ha un processo diverso.

“C’è una differenza tra l’organismo che incontra naturalmente un virus che causa la miocardite e il somministrare attivamente all’organismo qualcosa che sappiamo essere dannoso”, ha detto.

Uno studio del 2023 pubblicato su Circulation ha dimostrato che le risposte immunitarie indotte dal vaccino mRNA non differiscono tra coloro che hanno sviluppato la miocardite e coloro che non l’hanno sviluppata, ma “l’antigene spike libero è stato rilevato nel sangue degli adolescenti e dei giovani adulti che hanno sviluppato la miocardite post vaccino mRNA, consentendo di capire la sua potenziale causa sottostante”.

In altre parole, lo studio ha rilevato che la proteina spike è stata rilevata nel sangue di individui con miocardite post-vaccino, ma non nei soggetti di controllo vaccinati senza miocardite.

Il Dr. Askins ha affermato che le autopsie hanno evidenziato la presenza di proteine spike derivanti dalla vaccinazione nel miocardio di pazienti deceduti in seguito alla vaccinazione COVID-19 e dovrebbero essere richieste in tutti i casi in cui la causa del decesso è “sconosciuta”, nei casi di “sindrome della morte improvvisa dell’adulto” o nei casi in cui una morte improvvisa lascia “i medici perplessi”.

 

La miocardite causata dalla vaccinazione COVID-19 spesso sfugge ai normali test

Secondo il dottor Milhoan, ottenere una diagnosi accurata di miocardite associata a vaccino è una sfida.

“Per il modo in cui funziona la lesione da vaccino, il cuore spesso forma una cicatrice che non sempre viene rilevata dagli altri test abituali. Normalmente, se studiamo una persona con una sospetta miocardite, eseguiamo esami che rivelano un danno alle cellule del miocardio, come il livello di troponina, un elettrocardiogramma per vedere l’aspetto elettrico del cuore, un ecocardiogramma e un test da sforzo”, ha detto. “Ma questi esami sono spesso normali nei soggetti affetti da miocardite in seguito alla vaccinazione COVID-19”.

Per questo motivo, il gold standard per individuare la miocardite in seguito alla vaccinazione COVID-19 è la risonanza magnetica cardiaca, nota anche come MRI cardiaca, ha affermato il Dr. Milhoan. La risonanza magnetica cardiaca viene utilizzata per le patologie cardiache più complesse e mostra un quadro più dettagliato di ciò che accade nel cuore. Può rilevare danni al muscolo cardiaco che non vengono rilevati da altri esami.

Uno studio del settembre 2022 pubblicato su The Lancet ha valutato gli esiti clinici e la qualità di vita di 519 adolescenti e giovani adulti almeno 90 giorni dopo l’insorgenza della miocardite associata al vaccino.

Dei 519 pazienti, un sottogruppo di 151 pazienti è stato sottoposto a risonanza magnetica cardiaca e 81 pazienti hanno mostrato una o più anomalie, tra cui 71 con un aumento tardivo del gadolinio (LGE) e 22 con edema-fluido o infiammazione nel cuore innescata da un danno cardiaco.

La LGE è una tecnica applicata nella risonanza magnetica cardiovascolare per distinguere le cicatrici macroscopiche e gli attacchi cardiaci dal normale tessuto muscolare del cuore. È un forte predittore di esiti associati a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause, ricovero per insufficienza cardiaca e morte cardiaca improvvisa.

 

Trattamento della miocardite causata dalla vaccinazione COVID-19

Secondo il Dr. Milhoan, il trattamento principale per la miocardite, sia essa causata da un vaccino o da un virus, consiste nel far riposare il cuore ed evitare l’esercizio fisico per sei mesi. Ai pazienti molto malati vengono somministrati farmaci per abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, in modo che il cuore non debba lavorare così tanto.

Dopo aver lasciato riposare il cuore, viene ripetuta una risonanza magnetica cardiaca per valutare il rischio di morte cardiaca. Se la cicatrice è sufficiente, i medici possono prendere in considerazione l’inserimento di un defibrillatore impiantabile per rilevare e arrestare i battiti cardiaci irregolari, noti anche come aritmie.

“Il cuore deve battere almeno 60-70 volte al minuto, cioè più di centomila volte al giorno, quindi non possiamo mai lasciare che il cuore si riposi completamente come si farebbe con un altro muscolo”, ha detto il Dr. Milhoan. “Il corpo è davvero bravo a curarsi da solo e il cuore ha una straordinaria capacità di recupero se non lo maltrattiamo ulteriormente”.

Il Dr. Askins ritiene che i casi di collasso degli atleti non siano necessariamente dovuti all’esercizio fisico che provoca danni al cuore, ma allo sforzo che provoca le aritmie.

“Settimane e forse mesi dopo, queste aritmie possono essere provocate dall’esercizio fisico e da uno stato iperadrenergico – il rilascio di noradrenalina – che provoca collassi e morti improvvise negli atleti e in altre persone”, ha scritto in una e-mail a The Epoch Times.

Per quanto riguarda i danni unici agli individui vaccinati causati dalla proteina spike libera nel sangue, il Dr. Milhoan afferma che attualmente non esiste alcun farmaco o integratore per rimuovere la proteina spike dal sangue.

“Stiamo facendo dei tentativi, ma non abbiamo un protocollo, e a volte il problema è che il danno è già fatto”, ha detto. “È come quando si ha già una cicatrice sulla pelle: si possono fare molte cose, ma la cicatrice rimane. Una volta che si forma una cicatrice sul cuore, si è a rischio di ogni sorta di cose, e non si può fare nulla per eliminare quella cicatrice”.

Il dottor Milhoan ha detto che tutti riconoscono che i vaccini COVID-19 possono causare miocardite, ma il dibattito verte su quanto sia comune. Il CDC afferma che la patologia è rara, ma i medici esperti di miocardite associata a vaccino che trattano questi pazienti ed esaminano i dati affermano che non è così.

“Con la maggior parte dei vaccini, abbiamo un profilo di effetti collaterali di uno su un milione, ma ora siamo a cifre che non sono più accettabili per quanto riguarda il profilo rischio-beneficio”, ha detto. “Voglio solo che le persone abbiano dati accurati per prendere decisioni informate”.

Megan Redshaw

 

Megan Redshaw è avvocato e giornalista investigativa con una formazione in scienze politiche. È anche naturopata tradizionale con ulteriori certificazioni in nutrizione e scienze dell’esercizio.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments