I cattolici sono stati condizionati a scendere a compromessi sulla loro morale e sulle loro aspettative nei confronti delle istituzioni cattoliche per molto tempo.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Kennedy Hall e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Foto: bimbo con bandiera LGBT (foto Shutterstock via LifeSiteNews)
Foto: bimbo con bandiera LGBT (foto Shutterstock via LifeSiteNews)

 

Di recente, nel consiglio scolastico della mia scuola “cattolica” locale si è votato su quali tipi di bandiere possono essere sventolate sulla proprietà della scuola. La votazione non riguardava tecnicamente la bandiera arcobaleno, ma era ovviamente incentrata su di essa. Sulla carta, la questione era se il consiglio avrebbe permesso di sventolare bandiere diverse da quella canadese… proprio prima dell’inizio della stagione del “pride”.

In Canada, la stagione del “pride” inizia quando il tempo comincia ad essere più bello e termina con il Giorno del Ringraziamento canadese, che cade all’inizio di ottobre. Curiosamente, la National Hockey League – nota anche come Chiesa del Canada – non gioca in quel periodo, quindi la NHL è riuscita a evitare qualsiasi dramma arcobaleno.

Di recente, però, il movimento per l’inclusione dell’arcobaleno si è accorto che i canadesi e i russi sdentati non indossavano l’arcobaleno sulle maglie da gioco mentre scagliavano gomma vulcanizzata contro gli svedesi e i finlandesi, per cui si è cercato di organizzare delle serate “pride” nelle arene della NHL. Fortunatamente, più di qualche giocatore si è opposto e sembra che la lega possa davvero abbandonare i festeggiamenti “pride”.

In ogni caso, un gran numero di genitori cattolici si è iscritto per parlare all’evento del consiglio, ed è stata davvero una bella dimostrazione di fervore cattolico a favore dell’insegnamento della Chiesa sulla sessualità.

Ho ricevuto aggiornamenti da coloro che erano presenti e molti genitori coraggiosi hanno detto cose molto forti e hanno fatto il possibile per chiedere conto agli amministratori. Alla fine, però, la bandiera arcobaleno ha vinto e il cattolicesimo ha perso.

Ora, per quanto sia stato emozionante vedere un certo fervore da parte dei genitori cattolici a favore dell’ortodossia cattolica in questo modo, è stato anche – per me – molto deludente. Non sono rimasto deluso per il risultato. Lavoravo per quel consiglio scolastico e ho dovuto lasciarlo perché era un focolaio di assurdità marxiste e il santo patrono del dipartimento di religione poteva essere James Martin. Personalmente, sono scioccato che ci sia stata una votazione sulla questione e sono sorpreso che non abbiano semplicemente ficcato la bandiera in gola agli studenti come fanno con le eresie e le sciocchezze postmoderne in classe.

Non voglio sembrare pessimista, ma sto solo cercando di essere realista: quel consiglio, e praticamente tutti i consigli scolastici cattolici del Canada, è marcio fino al midollo e lo è da molto tempo.

Parlando con alcuni genitori, mi hanno espresso la loro costernazione per il fatto che il voto non sia andato nella loro direzione, nonostante siano state dette tante cose valorose e tanti genitori abbiano fatto del loro meglio. Pur comprendendo, c’è una realtà più profonda che deve essere presa in considerazione e i genitori cattolici che hanno qualche speranza nelle istituzioni regolari – almeno in Canada – devono svegliarsi; e deve accadere in fretta.

C’era una persona assente alla manifestazione, una persona che avrebbe potuto fare tutta la differenza del mondo. Avete indovinato, il vescovo.

Certo, c’erano un sacerdote e un gruppo di buoni cattolici, ma il padre spirituale che è tecnicamente responsabile della formazione religiosa e della morale nelle scuole era assente. Ma non è stata la sua assenza in quel giorno a costituire un problema, bensì la sua assenza per anni e decenni. Non si arriva al punto in cui i genitori devono spiegare ai presunti amministratori delle scuole cattoliche che le scuole cattoliche non dovrebbero sventolare le bandiere arcobaleno, a meno che il vescovo non abbia fallito completamente.

Per qualche motivo, molti di questi genitori non sono in grado di vederlo o di ammetterlo. Dobbiamo chiederci: perché?

Francamente, i cattolici sono stati condizionati a scendere a compromessi sulla loro morale e sulle loro aspettative nei confronti delle istituzioni cattoliche per molto tempo. Dopo il Concilio Vaticano II, la maggior parte dei cattolici con un senso cattolico poteva percepire il cambiamento nell’atmosfera, e molti sapevano che non era promettente. Ma è stato detto loro di ignorare i loro occhi bugiardi e di fingere che l’inverno nucleare che ha seguito il Vaticano II fosse una nuova primavera.

Questi genitori sanno da decenni che l’educazione religiosa che i loro figli hanno ricevuto nel sistema cattolico qui è un abominio… ma hanno tenuto i loro figli nel sistema. Naturalmente, ognuno ha le sue ragioni e io non posso giudicare le scelte personali. Tuttavia, bisogna anche ammettere che se la formazione religiosa nella diocesi è così scadente che le scuole sono destinate a sventolare la bandiera di Sodoma, allora ci devono essere stati dei segnali di avvertimento.

Il fatto che la bandiera arcobaleno venga sventolata nelle scuole cattoliche abbandonate dal loro vescovo significa solo che la mentalità arcobaleno è penetrata pienamente nell’intera istituzione da qualche tempo. A rischio di sembrare un po’ duro – cosa che non ho mai fatto! – coloro che sono coinvolti nella protesta contro la bandiera devono riflettere su dove si trovano i fallimenti.

Certo, è facile dare la colpa al vescovo – che sarà giudicato duramente per i suoi fallimenti in questo caso – ma non c’è spazio per l’autocompiacimento solo perché i genitori hanno deciso di fare un po’ di confusione in questo caso.

In sostanza, le scuole hanno somministrato ai bambini arsenico spirituale per anni, e ora stanno per sventolare una bandiera che dimostra la loro fedeltà all’arsenico. Dov’erano le proteste e le dimostrazioni quando hanno iniziato a somministrare il veleno ai bambini?

Pare che molti genitori abbiano minacciato di ritirare i loro figli dal sistema. Perché ci è voluto così tanto? Era necessario che venisse sventolata la bandiera dell’eresia e non bastava che venisse insegnata l’eresia?

Si sarebbe dovuto protestare quando la prima eresia è stata insegnata in una classe. Non bastava avere un incontro con l’insegnante o scrivere una lettera forte all’amministrazione.

Ahimè, molti cattolici sono ormai così abituati al compromesso che non mi stupirei se tenessero i loro figli in quelle aule se il vescovo si limitasse a inviare una lettera pastorale in cui si dice deluso e raccomanda un incontro di preghiera con Cristo come modo per guarire le ferite di tutti coloro che sono stati feriti da questa vicenda.

Spero di sbagliarmi; e spero che i genitori si sveglino al più presto.

Kennedy Hall

 

Kennedy Hall è autore di due libri, Terrore dei demoni: Reclaiming Traditional Catholic Masculinity e Lockdown with the Devil. È giornalista a tempo pieno per LifeSiteNews e ha un canale YouTube in crescita dove conduce The Kennedy Report. È sposato, ha cinque figli e vive in Ontario, Canada.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments