Articolo scritto dallo staff di The Difender.

 

Comirnaty Pfizer vaccino bambina
(Foto Fotogramma)

 

La “maggioranza” dei bambini negli Stati Uniti è già stata infettata da COVID-19ha riportato oggi il Washington Post, dopo aver esaminato i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Il rapporto del Washington Post pone la domanda: se così tanti bambini hanno un’immunità naturale al virus e, come riportato lunedì, i vaccini non sono molto efficaci nei bambini dai 5 agli 11 anni, perché lo sono i funzionari della sanità pubblica, le scuole, le imprese e altri nello spingere a vaccinare i bambini?

 

La maggioranza dei bambini ha avuto il virus Covid, Grafico della CDC
La maggioranza dei bambini ha avuto il virus Covid, Grafico della CDC

 

Durante una conferenza sulla sicurezza a Monaco di Baviera il 18 febbraio, Bill Gates ha dichiarato:

“Purtroppo, il virus stesso, in particolare la variante chiamata Omicron, è [un] tipo di vaccino, ovvero crea sia l’immunità dei linfociti B che dei linfociti T, e ha fatto un lavoro migliore nel raggiungere la popolazione mondiale rispetto a noi con i vaccini”.

Gates ha davvero ammesso che l’immunità naturale a Omicron sta riuscendo dove i vaccini hanno fallito – e che è “triste” per questo?

Gates non è l’unico a parlare di immunità naturale in questi giorni.

Eric Topol, vicepresidente esecutivo di Scripps Research il mese scorso ha sostenuto di includere un’opzione di immunità naturale nella definizione di “completamente vaccinato”.

Anche il difensore dei vaccini, idottor Paul Offit, direttore del Vaccine Education Center e membro del comitato consultivo sui vaccini della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, si batterà per il riconoscimento dell’immunità naturale al COVID.

Durante un’intervista del 25 gennaio, Offit ha descritto un incontro con il dottor Francis Collins, allora direttore del National Institutes of Health, il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, la dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) e il chirurgo generale degli Stati Uniti, il dottor Vivek Murthy, a cui è stato chiesto a Offit, insieme ad altri tre, se pensava che l’immunità naturale dovesse contare come un vaccino.

Offit e un’altra persona hanno detto di sì, l’immunità naturale dovrebbe contare. Ma sono stati messi in minoranza, portando i funzionari sanitari statunitensi a decidere che l’immunità naturale non dovrebbe essere riconosciuta negli Stati Uniti, come alternativa a un mandato di vaccino.

Fino ad oggi, il CDC mantiene questa posizione nella sua guida ufficiale per il pubblico, nonostante gli studi dell’agenzia che dimostrano che l’immunità naturale contro COVID è superiore all’immunità fornita dai vaccini COVID.

Alcuni legislatori statunitensi ritengono che il CDC abbia torto, come dimostra l’introduzione di due Natural Immunity Is Real Act al Senato ( S.2846 ) e alla Camera ( HR 5590 ).

I progetti di legge richiederebbero “tutte le agenzie federali di riconoscere e considerare l’immunità naturale al COVID-19 quando promulgano qualsiasi regolamento relativo all’emergenza sanitaria pubblica COVID-19”.

Ma per ora, almeno negli Stati Uniti, quegli stati, aziende e scuole che richiedono “prova della vaccinazione COVID” non fanno eccezioni per le persone, compresi i bambini, che si sono ripresi da COVID e quindi hanno un’immunità naturale.

 

I dati del Regno Unito mostrano che la maggior parte dei bambini non vaccinati ha già un’immunità naturale

Sfortunatamente, il CDC non fornisce dati aggiornati sulla sieroprevalenza per i bambini negli Stati Uniti, ma i dati del Regno Unito potrebbero far luce sui bambini e sull’immunità naturale.

L’Office of National Statistics (ONS) del Regno Unito all’inizio del mese scorso ha riportato questi dati sulla base del campionamento della popolazione:

“Nella settimana che inizia il 10 gennaio 2022, la percentuale che sarebbe risultata positiva agli anticorpi contro SARS-CoV-2 variava dal 90,2% al 93,3% per i bambini dai 12 ai 15 anni e dal 63,3% al 72,7% per quelli dagli 8 ai 11 anni in tutto il Regno Unito. Le stime mostrano la percentuale di bambini risultati positivi agli anticorpi contro SARS-CoV-2 pari o superiori a 42 ng/ml”.

Nel Regno Unito, i vaccini non sono ancora stati resi disponibili per la fascia di età inferiore ai 12 anni (tranne quelli che sono ad altissimo rischio). Il 63,3-72,7% è quindi in gran parte dovuto all’immunità naturale e non alla vaccinazione.

Inoltre, come notato dall’ONS, gli individui che testano al di sotto del livello di soglia possono anche avere un’immunità naturale, presumibilmente sotto forma di cellule T e cellule B, dove gli anticorpi sono diminuiti. Pertanto, questi dati potrebbero essere sottostimati della vera immunità a livello di popolazione.

Il governo del Regno Unito aveva precedentemente riferito:

“Si stima che oltre l’85% di tutti i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni avrà avuto una precedente infezione da SARS-CoV-2 entro la fine di gennaio 2022 con circa la metà di queste infezioni dovute alla variante Omicron. L’immunità naturale derivante da una precedente infezione contribuirà alla protezione contro future infezioni e malattie gravi”.

Il 22 dicembre 2021 il comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione (JCVI) del Regno Unito ha autorizzato il vaccino solo per i bambini ad alto rischio di età compresa tra i 5 e gli 11 anni.

Eppure, nonostante i dati incoraggianti sull’immunità naturale in questa fascia di età, il JCVI il 16 febbraio, in una guida aggiornata, ha ampliato le sue raccomandazioni includendo una “offerta non urgente” del vaccino ai bambini che non rientrano in un gruppo a rischio clinico.

Per essere chiari, il governo del Regno Unito ha autorizzato un vaccino mRNA per il ceppo SARS-CoV-2 originale, da rendere disponibile ad aprile, a un gruppo di 5 milioni di bambini piccoli e sani, l’85% o più dei quali dovrebbe avere un’immunità naturale .

Come ha detto John Campbell, Ph.D., se e quando arriverà una futura ondata di COVID, ogni possibile effetto benefico di questi vaccini sarà probabilmente svanito.

Gli studi possono spiegare perché i bambini sono protetti da SARS-COV2

Uno studio nel 2020 ha riportato che l’immunità cellulare incrociata e l’immunomodulazione dei precedenti vaccini infantili esistenti possono fornire protezione contro le infezioni da COVID.

Uno studio più recente su bambini di appena 3 anni ha misurato le risposte dei linfociti T specifici della spike e ha scoperto che erano due volte più alti di quelli degli adulti. Gli autori hanno suggerito che ciò è in parte dovuto a risposte cross-reattive preesistenti ai coronavirus stagionali.

Uno studio del gennaio 2022 ha dimostrato un effetto protettivo da alti livelli di cellule immunitarie preesistenti generate da altri coronavirus come il comune raffreddore, che attaccano le proteine ​​all’interno del virus (nucleocapside), piuttosto che la proteina spike del virus.

Secondo l’autore senior dello studio:

“La proteina spike è sottoposta a un’intensa pressione immunitaria da anticorpi indotti dal vaccino che guida l’evoluzione dei mutanti di fuga del vaccino. Al contrario, le proteine ​​interne prese di mira dai linfociti T protettivi che abbiamo identificato mutano molto meno.

“Di conseguenza, sono altamente conservati tra le varie varianti SARS-CoV-2, compreso l’omicron. Ciò suggerisce che le cellule T cross-reattive esistenti possono fornire una protezione migliore rispetto a un vaccino mRNA che si concentra solo sulla proteina spike variante originale.

Nonostante questi studi, gli ultimi dati su quanti bambini probabilmente hanno l’immunità perché si sono ripresi dal COVID e la teoria scientifica consolidata secondo cui l’immunità naturale a un agente patogeno è superiore all’immunità indotta dal vaccino, luoghi come New York City continuano a chiedere prova di vaccinazione per tutti i bambini dai 5 anni in su perché possano partecipare ad attività scolastiche extrascolastichevisitare musei, zoo, teatri, palestre e ristoranti.

Per l’elenco più completo di 150 articoli di ricerca sull’immunità naturale, visitare il Brownstone Institute.

 

 

Facebook Comments