Sia la verità che la carità richiedono a questo punto che si affronti il legame tra il movimento LGBTQ e le forze delle tenebre.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Andrew Petiprin e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Sisters perpetual indulgence
Sisters perpetual indulgence

 

Mentre si conclude un altro mese dell’orgoglio, la guerra per l’anima del mondo si è intensificata. Ho pensato brevemente che la marea potesse essere cambiata, ma mi sbagliavo. Mi spiego.

Verso la fine di maggio, stavo parlando con un amico della mia routine di scrittura. Gli ho detto che avevo iniziato a frequentare il mio negozio IKEA locale nel pomeriggio per sedermi al caffè. È a soli dieci minuti da casa mia e con la tessera familiare di mia moglie posso avere tutto il caffè gratuito che voglio. È uno spazio grande e luminoso dove nessuno mi disturba e dove sono stato molto produttivo. Se vivessi a Vienna, potrei sedermi al Café Bräunerhof. Se vivessi a Parigi, potrei andare a La Closerie des Lilas. Ma vivo nella periferia nord di Dallas e sono più o meno al verde, quindi mi arrangio.

Ma quando ho raccontato al mio amico del mio posto di lavoro improvvisato, lui mi ha ricordato: “Presto l’atmosfera sarà insopportabile lì dentro. Il mese dell’orgoglio!”. Riconoscevo che un’eruzione di arcobaleni avrebbe potuto distrarmi un po’, ma il 1° giugno mi sono presentato lo stesso. Di sicuro, davanti a me c’era l’ultima versione del vessillo imperiale, che aveva temporaneamente sostituito la bandiera della Svezia tra la Old Glory e la bandiera di Stato del Texas. “Ugh”, ho pensato, “ma almeno le altre due sono ancora lì”. Una volta dentro, però, sono rimasto sorpreso dal fatto che le cose sembravano normali: lo stesso caffè mediocre e gli stessi mobili economici. Non più gay del solito.

E poi, ovunque andassi, ho cominciato a notare, o a non notare, la stessa cosa. Quest’anno il Pride non sembrava poi così male.

Ora, il mio lieve senso di sollievo in mezzo a banali esperienze di vendita al dettaglio è in parte influenzato dalla geografia. Vivo in uno dei grandi centri abitati meno orientati al Pride della nazione. Per esempio, i Texas Rangers sono l’unica squadra della Major League Baseball senza alcun tipo di evento Pride. Ma altrove – ovunque – è diverso. La bandiera del Pride ha sventolato per tutto il mese alla Casa Bianca, con l’esplicita approvazione del nostro presidente cattolico. Un amico mi ha inviato una foto dello stesso vessillo che sventola fuori dal Consolato degli Stati Uniti a Cracovia, in Polonia, e mi hanno detto che è lo stesso in tutto il mondo.

Poi ci sono stati alcuni lati positivi in alcune delle nuvole più scure che abbiamo visto finora.

I negozi Target hanno deciso di vendere merce transgender ai bambini, oltre a capi di abbigliamento disegnati da un satanista – ovviamente una catastrofe per i tradizionalisti, ma a quanto pare un passo troppo lungo anche per i normodotati, visto che il negozio ha fatto marcia indietro. (Ma hanno dato la colpa a noi bigotti per averlo dovuto fare). E c’è stato un piccolo segno di speranza quando il progressivo disastro del marketing di Bud Light (birra light promossa da un transgender, ndr) ha fatto calare le vendite di quasi il 27%. Infine, ci sono stati i Los Angeles Dodgers, la cui decisione di onorare le blasfeme Sorelle dell’Indulgenza Perpetua ha provocato un crollo dell’affluenza alle partite e un’enorme protesta guidata dai cattolici laici della California meridionale, ma NON dall’Arcidiocesi.

Vittorie? Più o meno. Cinque anni fa, e anche un anno fa, le battaglie sarebbero state impensabili.

Ma poi ci sono state le parate.

Alcuni giorni fa, mi è capitato di notare che un amico gay di Nashville ha dichiarato che non sarebbe andato al Pride locale perché si sentiva “non sicuro”, nominando specificamente Matt Walsh del Daily Wire come qualcuno il cui lavoro ha in qualche modo messo in pericolo le persone. Non linkerò i post del mio amico per evitare che legga questo articolo e che ci sia ancora una relazione tra noi, ma sono rimasto completamente sconcertato. Insicuro?! Era a Nashville, dove una persona trans aveva appena ucciso dei bambini di terza elementare perché erano cristiani.

O abbiamo dimenticato così presto?

I filmati e le storie delle sfilate in tutti gli Stati Uniti hanno rafforzato chi è davvero insicuro.

A Seattle, uomini nudi guidavano biciclette e sguazzavano in una fontana dove erano presenti dei bambini, e addirittura “ostentavano i loro genitali”. A Hollywood, uomini sono stati visti compiere atti sessuali durante una festa “per famiglie”. E a New York, una grande folla di partecipanti alla parata ha marciato al canto di “Siamo qui, siamo froci, stiamo venendo per i vostri bambini“. Oh, e le Sorelle della Perpetua Indulgenza, l’autodefinito “ordine di suore queer e trans all’avanguardia” erano di nuovo presenti!

Infine, nelle foto di un evento non identificato che circolano su Twitter, presunti attivisti del Pride sono stati fotografati mentre camminavano dietro un grande cartello con la scritta “Satana ama gli omosessuali”. Un’altra persona ha mostrato una maglietta con la scritta “Non oggi Gesù”, con una testa di capra con un pentagramma rovesciato, corna arcobaleno e una fiamma. (Non lo linkerò, ma varianti di questa maglietta sono ampiamente disponibili online).

Ora, so che queste parate non sono mai state moralmente edificanti, per non dire altro. Ma ora abbiamo a che fare con un livello di malvagità completamente nuovo.

Prima di andare avanti, sarei un idiota e un pazzo se non ammettessi che mi preoccupo di ferire il mio amico di Nashville e altri amici, oltre ad alcuni miei ex parrocchiani e colleghi del mio passato nel ministero parrocchiale – persone che stanno già soffrendo molto. Mi dispiace soprattutto e cerco di evitare un’ulteriore alienazione dai membri della famiglia. Perciò, come piccola consolazione, voglio citare il mio amico ed ex collega Matthew Petrusek, che ha scritto e parlato in vari luoghi di questi argomenti con una critica tagliente unita a una vera carità. La sua dichiarazione di non responsabilità è migliore di qualsiasi altra che io possa proporre:

È probabile che conosciate qualcuno, siate parenti di qualcuno, o magari anche genitori di qualcuno che fa parte di questo gruppo. È probabile che vogliate loro molto bene e che siano davvero eccezionalmente amabili. Di certo non volete ferirli e, in effetti, questo potrebbe essere il motivo per cui avete esitato a dire qualcosa sulla loro identità dichiarata. Mettendo da parte le accuse di “odio” e “fobia” che inevitabilmente accompagnano ogni scetticismo o anche, ironicamente, curiosità sul significato del movimento Pride, la ricerca di chiarezza dovrebbe riconoscere che affrontare l’argomento in modo onesto può causare un dolore reale, anche se non intenzionale, a persone buone. Va da sé, quindi, per rifarsi all’enciclica di Papa Benedetto XVI, che la verità non deve mai essere separata dalla carità.

Detto questo, sia la verità che la carità richiedono a questo punto di affrontare il legame tra il movimento LGBTQ e le forze delle tenebre.

Ecco come la vedo ora. Ovviamente non tutti coloro che marciano nelle parate del Pride sono interessati ai miei figli o ai figli di chiunque altro. E ovviamente non sono tutti satanisti. Ma non credo che la crescita del loro movimento e la normalizzazione della loro identità e del loro stile di vita siano un semplice “coming out” o un semplice portare alla luce ciò che è sempre stato confinato nell’ombra.

Il numero di adulti LGBTQ è raddoppiato in soli dieci anni, con numeri impressionanti tra i giovani di 18-25 anni (21%). Il numero di giovani transgender è raddoppiato in cinque anni. È oggettivamente in atto una sorta di rapido contagio sociale che, da una prospettiva cattolica, soprattutto alla luce dell’esplicita messaggistica satanica di almeno una parte del movimento LGBTQ, appare più simile a una possessione improvvisa.

I cristiani hanno dimenticato come evangelizzare i pagani e lo scientismo mainstream ci ha reso ignoranti in materia di guerra spirituale. Non sorprende quindi che siamo bloccati nella stessa lunga ritirata in cui siamo stati almeno dalla fine degli anni Sessanta, cercando sempre di adattare il nostro messaggio allo Zeitgeist, o almeno congratulandoci con noi stessi per la nostra bontà e per aver evitato di fare scalpore. Nel frattempo, le cose stanno peggiorando molto, molto più velocemente. Non possiamo più stare a guardare quando ogni giugno la porta della nostra piazza viene spalancata al Nemico e ai suoi servi. Non sono ottimista sulla vittoria, ma non dobbiamo arrenderci. Cerchiamo di fare strategia.

Un messaggio semplice che ho visto emergere quest’anno per la prima volta a mia memoria è la promozione più ampia di giugno come mese del Sacro Cuore, con tanto di bandiere. Poiché il Pride è così sacrosanto e così onnipresente, suggerire la celebrazione di qualsiasi altra cosa durante questo mese apparirà controculturale. E noi dobbiamo apparire controculturali ora. L’invito dell’USCCB a pregare un atto di riparazione nella Solennità del Sacro Cuore – qualcosa che è emerso dallo scandalo del Dodger Stadium – deve diventare normale per i cattolici come un’attività che resiste al flusso del progresso.

Inoltre, è chiaro che i boicottaggi di Target e Bud Light stanno funzionando. Dopo tanti tentativi falliti nel corso degli anni, è finalmente giunto il momento per i cattolici di essere le persone il cui denaro non è disponibile per le aziende che promuovono valori anticristiani. Nell’arena politica, dovrebbe essere ovvio che dobbiamo continuare a lottare per rimuovere i libri inappropriati dalle biblioteche scolastiche, mantenere i diritti dei genitori sui capricci dei bambini confusi e, in generale, promuovere la famiglia tradizionale.

Infine, le proteste come quella contro le suore dell’Indulgenza Perpetua a Los Angeles potrebbero diventare una consuetudine. Gli uomini cattolici, in particolare, dovrebbero organizzare e far sentire la loro presenza pacifica alle marce del Pride in ogni città, ogni anno, d’ora in poi. Abbiamo visto cosa succede quando evacuiamo la piazza pubblica, e anche una presenza piccola ma prevedibile potrebbe cambiare il calcolo di Satana.

Non credo che tornerò a scrivere al caffè dell’IKEA. Sono grato di avere un posto più stabile in questi giorni, dove non sventolano bandiere arcobaleno. Ma mentre il mese del Pride volge al termine, resisto alla tentazione di liberarmene il 1° luglio e andare avanti. Invece, sto immaginando cosa potrebbe riservarmi il prossimo anno e incoraggio tutti i cattolici a fare lo stesso.

San Paolo ci dice: “La nostra lotta non è contro la carne e il sangue, ma contro i dominatori, contro le autorità, contro le potenze di questo mondo tenebroso e contro le forze spirituali del male nei regni celesti” (Efesini 6:12).

Il tempo del valore in questa lotta è appena iniziato.

Andrew Petiprin

 

Andrew Petiprin è un ex sacerdote episcopale ed è autore del libro Truth Matters: Knowing God and Yourself. È entrato in piena comunione con la Chiesa cattolica con la moglie e i figli il 1° gennaio 2019. Andrew è un cristiano da sempre, è stato Marshall Scholar al Magdalen College di Oxford dal 2001 al 2003 e per diversi anni è stato Fellow del Word on Fire Institute. Andrew e la sua famiglia vivono a Plano, in Texas.


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments