Di seguito la mia traduzione di un articolo scritto da Matthew C. Mai, pubblicato su Ron Paul Institute

 

Johnson e Zelensky

 

Fin dall’inizio della guerra russo-ucraina, gli alti funzionari statunitensi hanno sostenuto che il presidente russo Vladimir Putin non è interessato a ritirare le sue forze o a porre fine alla guerra in tempi brevi. Le dichiarazioni di Putin negli ultimi mesi hanno certamente indicato che questa valutazione è in gran parte corretta, soprattutto perché è diventato evidente a Mosca che gli Stati Uniti e la NATO sono profondamente impegnati a condurre un conflitto per procura contro la Russia. Due recenti rapporti, tuttavia, sollevano dubbi sul fatto che la guerra avrebbe potuto essere fermata fin dai primi giorni. Le proposte di cessate il fuoco e di risoluzione della controversia, che sono state respinte, sono ancora attuali? In caso affermativo, i politici statunitensi dovrebbero ricalibrare la loro strategia in Ucraina e lanciare un’iniziativa diplomatica per capitalizzare i vantaggi ottenuti da Kiev sul campo di battaglia?

Il primo rapporto che suggerisce che la guerra avrebbe potuto essere fermata durante la sua fase iniziale arriva per gentile concessione di un articolo scritto da Fiona Hill, ex esperta di Russia del National Security Council, e Angela Stent, senior fellow non residente presso la Brookings Institution, nell’ultimo numero di Foreign Affairs. Hill e Stent hanno scritto che,

Secondo diversi ex alti funzionari statunitensi con cui abbiamo parlato, nell’aprile 2022 i negoziatori russi e ucraini sembravano aver raggiunto un accordo provvisorio sui contorni di una soluzione provvisoria negoziata: La Russia si sarebbe ritirata dalla sua posizione del 23 febbraio, quando controllava parte della regione del Donbas e tutta la Crimea, e in cambio l’Ucraina avrebbe promesso di non chiedere l’adesione alla NATO e di ricevere invece garanzie di sicurezza da una serie di Paesi.

Perché questo accordo è saltato? Una risposta potrebbe essere che l’ex primo ministro britannico Boris Johnson, dopo aver saputo dell’accordo provvisorio, è volato a Kiev per dire al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy che l’Occidente non avrebbe appoggiato un simile accordo. Secondo quanto riportato il 5 maggio dal quotidiano ucraino online Ukrainska Pravda, “fonti vicine a Zelenskyy” hanno dichiarato che “la posizione di Johnson era che l’Occidente collettivo… ora sentiva che Putin non era così potente come avevano immaginato in precedenza, e che questa era un’occasione per “pressarlo””. Il rapporto prosegue osservando che “tre giorni dopo la partenza di Johnson per la Gran Bretagna, Putin ha dichiarato pubblicamente che i colloqui con l’Ucraina “sono finiti in un vicolo cieco”“.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments