“La gente è stufa di essere presa in giro e di sentirsi dire che non può nemmeno fare domande”, ha detto un commentatore.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Patricia Tolson e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

simbolo transgender

 

Negli ultimi anni, il movimento transgender si è fatto strada in ogni angolo della cultura americana e le principali istituzioni e autorità hanno cercato di costringere tutte le persone a seguirlo.

Ma ora la marea sta cambiando.

È iniziata in sordina, con la scienza biologica e la realtà oggettiva che sono passate in secondo piano rispetto ai sentimenti interni e all’identità scelta. Per diventare un membro del sesso opposto, basta dichiararlo e gli altri saranno costretti a riconoscerlo.

Poi è arrivata la reingegnerizzazione del linguaggio. La parola “sesso”, che definisce un uomo o una donna, è stata sostituita dalla parola “genere”, che può essere qualsiasi cosa.

Poi sono arrivati i nuovi termini e pronomi.

Per aiutare le persone a tenere il passo con la lista crescente di termini e pronomi, il Trans Student Educational Resources fornisce un tutorial, avvisando che “questi non sono gli unici pronomi” e che “c’è un numero infinito di pronomi che emergono nella nostra lingua”.

Per coloro che hanno difficoltà a distinguere e comprendere i nuovi termini e pronomi, esiste un “Glossario LGBTQ+” che spiega tutti i termini, gli acronimi, le sigle e i pronomi di genere presenti nel loro elenco in continua evoluzione ed espansione.

Anche il National Institutes of Health del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani fornisce istruzioni e indicazioni sull’uso corretto dei “Pronomi di genere e il loro uso nelle comunicazioni sul posto di lavoro”, avvertendo che “il rifiuto intenzionale di usare i pronomi corretti di qualcuno equivale a molestie e a una violazione dei diritti civili”.

Il rifiuto di usare il pronome preferito da un collega sul lavoro può comportare una punizione o il licenziamento.

Cancellare le donne

Poi è arrivato lo sforzo di cancellare la femminilità stessa.

Le donne non sono più “donne”. I promotori dell’ideologia di genere non riescono a definire il termine “donna” e le donne vengono invece chiamate “partorienti” o “persone con l’utero”. Si afferma anche che “gli uomini possono avere il ciclo” e “le donne hanno il pene”.

L’anno scorso, un uomo biologico di nome Brían Nguyen ha vinto il titolo di Miss Greater Derry in un concorso locale del New Hampshire che fa parte dell’organizzazione di Miss America, e un altro uomo biologico, la dottoressa Rachel Levine, è stata nominata donna dell’anno da USA Today.

Sports Illustrated, una rivista nota per la presenza di modelle in copertina, ha recentemente incluso un cantante transgender, che è un maschio biologico, nelle sue foto di copertina.

Anche gli uomini si aggiudicano titoli, trofei, borse di studio e riconoscimenti negli sport femminili.

C’è poi Fallon Fox, un uomo che si identifica come donna e che è diventato un lottatore di arti marziali miste. Dopo aver messo al tappeto due donne sul ring e aver rotto loro il cranio, Fox si è vantato di quanto si sia “divertito”, definendolo “una beatitudine”. In seguito Fox è stato definito “l’atleta più coraggioso di sempre” e ha ricevuto il Pioneer Triumph Award da Out Sports.

Un recente sondaggio Gallup mostra che la stragrande maggioranza degli americani ritiene che gli atleti transgender “dovrebbero essere autorizzati a gareggiare solo in squadre sportive conformi al loro sesso di nascita”.

Obiettivo: i giovani

Poi hanno preso di mira i bambini.

Come riportato in precedenza da The Epoch Times, la progressione del movimento trans è iniziata nel 2015 con l’introduzione dell’ora della storia delle drag queen, che si è evoluta in spettacoli di drag “adatti alle famiglie” in cui uomini vestiti in modo sgargiante di femminilità si esibiscono in danze a sfondo sessuale davanti ai bambini. Dalle parate dell’orgoglio si passò a ristoranti, parchi di divertimento, parchi a tema, bar normali, bar gay, scuole e chiese.

Sono state approvate leggi per facilitare la transizione dei bambini contro la volontà dei genitori. Lo stato di Washington ha approvato una legge (pdf) che consente al personale dei centri di accoglienza in cui un bambino in fuga cerca “cure per l’affermazione del genere” di contattare il Dipartimento per l’infanzia, la gioventù e la famiglia dello stato anziché i genitori, in modo che il bambino possa ottenere tali “cure” senza che i genitori lo sappiano o lo consentano. La California sta promuovendo una legge per sottrarre i bambini ai genitori che si rifiutano di consentire ai figli minorenni di sottoporsi a operazioni di cambio di sesso.

Ai bambini vengono somministrati bloccanti della pubertà e ormoni. Alle ragazze vengono rimossi i seni. E poi c’è la “dolorosa” verità sulla chirurgia per il cambio di sesso.

La reazione

Il contraccolpo che ha seguito l’approvazione della Bud Light [birra sponsorizzata] dall’attivista transgender Dylan Mulvaney è stato rapido e costoso, e i successivi sforzi di Anheuser-Busch per recuperare le straordinarie perdite che continua a subire sono falliti miseramente.

La prima dichiarazione dell’azienda non ha funzionato. Nemmeno la seconda. Lo spot pubblicitario patriottico è stato definito “ruffiano” e le maschili lattine mimetiche sono state “derise”. Come riportato da The Epoch Times, l’ultimo spot di mea culpa che cerca di recuperare l’immagine tutta americana che aveva un tempo è stato accolto da reazioni secondo cui l’azienda sta ” provando troppo”.

L’Epoch Times ha riportato come due lanciatori dei Los Angeles Dodgers si siano espressi dopo che la squadra ha annunciato che avrebbe onorato le drag queen che si fanno chiamare Sisters of Perpetual Indulgence durante una “pride night” il 16 giugno.

Nella National Hockey League, il numero di giocatori che si sono rifiutati di giocare le partite della “Pride Night” è cresciuto a tal punto che il 22 giugno il consiglio direttivo della lega ha deciso che la prossima stagione nessuno dei giocatori indosserà maglie speciali per il riscaldamento pre-partita durante le serate a tema.

Un’analoga reazione si è avuta contro gli espositori e i prodotti del “Mese dell’Orgoglio” di Target e contro le pubblicità di Mulvaney per i reggiseni sportivi da donna di Tampax e Nike, che hanno dato vita alla “Burn Bra Challenge” online.

Ora c’è un movimento per reclamare “l’arcobaleno”. Il rapper conservatore Bryson Gray ha pubblicato una nuova canzone intitolata “Reclaim the Rainbow”, con migliaia di visualizzazioni su YouTube.

Riprendersi l’arcobaleno

Il rabbino Kirt Schneider, autodefinitosi “ebreo credente in Gesù” e conduttore di “Discovering the Jewish Jesus”, è il leader e fondatore di un nuovo movimento chiamato “Taking the Rainbow Back”.

 

Il rabbino Kirt Schneider in una foto non datata. (Per gentile concessione del rabbino Schneider)
Il rabbino Kirt Schneider in una foto non datata. (Per gentile concessione del rabbino Schneider)

 

Tra gli obiettivi del suo movimento vi è quello di “riportare il significato dell’arcobaleno al suo scopo e al suo messaggio originale dato da Dio” e di “rimuovere lo stigma associato al fatto che l’arcobaleno sia esclusivamente un simbolo LGBTQ”.

Come descritto in Genesi 9:14-16, il primo arcobaleno fu posto da Dio nel cielo dopo il grande diluvio per ricordare l'”alleanza eterna” tra Dio e l’uomo “e ogni creatura vivente”. L’arcobaleno è la promessa di Dio che “mai più le acque diventeranno un diluvio che distruggerà ogni forma di vita”.

“Sono stato ispirato a dare vita a questo movimento all’inizio di marzo”, ha dichiarato Schneider a The Epoch Times. “Mi è venuto in mente all’improvviso di alzarmi e parlare ad alta voce e di ottenere un esercito di persone che si unissero a me nel parlare contro l’agenda LGBTQ”.

A spingere Schneider all’azione è stata la constatazione che il movimento LGBT è cambiato. Dove una volta era “un gruppo di persone che sceglievano di fare le proprie cose e che volevano essere accettate e lasciate in pace a vivere la propria vita come volevano”, è diventato “un’ideologia che viene imposta alla gola dell’America e del mondo occidentale”.

“E noi ne siamo stufi”, ha detto Schneider. “È dannosa e non porta a nulla se non a confusione e distruzione. Quando è troppo è troppo”.

Schneider ha ammesso che quando ha iniziato “Taking the Rainbow Back” si è sentito un po’ solo.

“Non c’erano tutte le spinte di cui si sente parlare oggi”, ha detto. “Ero stanco del fatto che gli altri non si opponessero a gran voce. Ora abbiamo più di 5.000 persone al giorno che visitano il nostro sito web. Il movimento sta crescendo”.

Schneider ha raccontato di essersi recato di recente in Florida e di essere entrato in un negozio Target.

“La prima cosa che ho visto quando sono entrato è stata quella di manichini a grandezza naturale che indossavano abiti dell’orgoglio transgender”, ha ricordato. “Sono rimasto a bocca aperta. È una follia. È una follia”.

L’effetto Ratchet

Sebbene la comunità gay sia sempre esistita e abbia sempre lottato per essere accettata dalla società, Brian Clowes, direttore del settore educazione e sensibilizzazione di Human Life International, afferma che “questo è diverso”.

“Il movimento per i diritti degli omosessuali non chiedeva alle persone di dire bugie”, ha dichiarato Clowes a The Epoch Times. Questo movimento in particolare chiede alle persone di usare i pronomi e di chiamare “signora” gli uomini che sono vestiti da donna. Alla gente non piace essere costretta a mentire per uno scopo politico”.

 

Il dottor Brian Clowes, direttore dell'educazione e della sensibilizzazione di Human Life International. (Per gentile concessione di Brian Clowes)
Il dottor Brian Clowes, direttore dell’educazione e della sensibilizzazione di Human Life International. (Per gentile concessione di Brian Clowes)

 

“Ci sono così tanti paradossi qui”, ha spiegato Clowes, facendo notare come gli americani che si scandalizzano per le mutilazioni genitali delle donne in Africa siano d’accordo nel “fare molto, molto peggio a bambini che non sono nemmeno abbastanza grandi per dare il loro consenso”.

“Questa è una vera e propria mutilazione dei corpi che Dio ci ha dato”, ha detto.

Clowes ha anche affrontato il fenomeno degli uomini che “rubano gli sport alle donne”, dicendo che non si tratta solo di trofei. Si tratta della sicurezza delle donne.

Ha fatto notare come Fallon Fox abbia ammesso di divertirsi a picchiare le donne. Ma se qualcuno dice qualcosa di negativo, “lo chiamano minaccia alla libertà di parola”.

“I progressisti ti puniscono sempre se vai contro quello che dicono”, ha detto Clowes.

“Ho studiato le femministe per oltre 40 anni e le deridevo quando dicevano che gli uomini cercano sempre di cancellare le donne”, ha detto. “Beh, non rido più perché questo è ciò che sta accadendo proprio ora. Mentre gli uomini fingono di essere donne, stanno cancellando le donne. Nelle scuole di medicina le persone chiamano le donne “non-uomini”, quindi le donne vengono completamente ridefinite. Non hanno nemmeno un carattere proprio. Vengono definite come ciò che non sono e credo che tutte queste cose si stiano unendo per dare vita a una scintilla di opposizione a questo movimento transgender”.

Interrogato sull’intensità con cui il movimento transgender sta attraversando il Paese, Clowes l’ha definito “l’effetto cricchetto”.

“Quando i progressisti vincono in un settore, scelgono un altro settore in cui iniziare a spingere. Finché ci battiamo contro il movimento transgender, non ci batteremo contro il movimento per i diritti dei gay. Fino a quando combatteremo contro il movimento per i diritti dei gay, non combatteremo contro il movimento per l’aborto, e così via”.

Dice che il loro obiettivo è ridefinire la società in modo che ognuno “possa avere la propria verità, purché sia approvata da loro”.

“C’è persino un’antropologa che dice che non c’è differenza tra uno scheletro maschile e uno femminile”, ha osservato Clowes. “Vengono presentate come verità delle vere e proprie bugie che tutti sanno essere sbagliate”.

Clowes ha riconosciuto che le spinte contro la crociata transgender stanno avendo un effetto.

“Basta guardare la Bud Light”, ha detto, sottolineando quanto l’azienda abbia già perso in termini di fatturato. “Anche Target sta soffrendo”.

“La gente è stufa di essere messa alle strette e di sentirsi dire che non può nemmeno fare domande”, ha suggerito Clowes, affermando che “se lo fai, vieni chiamato hater e nazista”.

“Alla gente non piace essere trattata come spazzatura e questo è ciò che fanno i progressisti e questo è particolarmente vero per i transgender”, ha detto. “È meglio iniziare a eleggere persone migliori”.

Se Biden viene eletto per un altro mandato alla Casa Bianca e nomina qualche altro giudice della Corte Suprema, “siamo perduti”, ha detto.

Patricia Tolson

 

Patricia Tolson, pluripremiata reporter investigativa nazionale con 20 anni di esperienza, ha lavorato per testate come Yahoo!, U.S. News e The Tampa Free Press. Con The Epoch Times, Patricia si è occupata di inchieste approfondite su storie di interesse umano, politiche elettorali, istruzione, consigli scolastici e diritti dei genitori, ottenendo una visibilità internazionale. Inviatele le vostre idee per le storie: patricia.tolson@epochtimes.us

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments