Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dal Professor Jonathan Turley, che ha insegnato legge in varie università e ha scritto su prestigiose testate e riviste, sulla recente comunicazione del Dipartimento dell’Energia a favore della fuga del SARS-COV-2 da un laboratorio. L’articolo è apparso sul suo famoso blog. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Il virologo cinese Shi Zhengli (L) è visto all'interno del laboratorio P4 di Wuhan, capitale della provincia cinese di Hubei, il 23 febbraio 2017 (Photo by Johannes Eisele/AFP via Getty Images)
Il virologo cinese Shi Zhengli (L) è visto all’interno del laboratorio P4 di Wuhan, capitale della provincia cinese di Hubei, il 23 febbraio 2017 (Photo by Johannes Eisele/AFP via Getty Images)

 

Il Dipartimento dell’Energia ha concluso che il Covid-19 proviene probabilmente da un laboratorio cinese. Secondo il rapporto, l’intelligence americana ha trovato prove a sostegno della “teoria del laboratorio”, a lungo respinta. Questo ha portato a un altro momento di “cattiveria” da parte dei media, che hanno fatto spallucce per dire che la teoria potrebbe non essere una teoria cospirativa o razzista, dopo tutto. Come al solito, c’è poca attenzione per gli esperti che sono stati fatti a pezzi per aver sollevato la teoria o per i giornalisti che hanno insistito sul fatto che si trattava di una teoria della cospirazione sfatata.

Ecco il pezzo:

Il Wall Street Journal riporta che il Dipartimento dell’Energia ha concluso che la pandemia COVID è molto probabilmente nata da una fuga dal laboratorio.

La conclusione si baserebbe su un rapporto segreto di intelligence recentemente fornito alla Casa Bianca e a importanti membri del Congresso. Molti si chiederanno perché le prove scientifiche di una fuga di notizie dal laboratorio siano emerse così lentamente dalle agenzie di intelligence.

Tuttavia, per quanto mi riguarda, l’aspetto più allarmante è stata la censura, non la scienza.

Si continuerà a discutere sulle origini del COVID-19, ma ora ci sarà un dibattito.

Per anni, i media e il governo si sono alleati per trattare chiunque sollevasse una teoria di laboratorio come una delle tre possibilità: teorici della cospirazione, razzisti o razzisti della cospirazione.

Gli accademici si sono uniti a questo coro per emarginare chiunque sollevasse la teoria. Uno studio ha citato la teoria come esempio di “razzismo anticinese” e “mascolinità bianca tossica”.

Nel maggio del 2021, la giornalista di Scienza e Salute del New York Times Apoorva Mandavilli definiva “razzista” qualsiasi menzione della teoria del laboratorio.

La giornalista incarna il modello del nuovo “giornalismo di difesa” del Times. I giornalisti che sono rimasti legati alla visione datata del giornalismo obiettivo sono stati eliminati dai ranghi del Times molto tempo fa.

Mandavilli e altri hanno chiarito che i giornalisti che coprono la teoria sono i piccoli Bull Connors del COVID. Ha twittato malinconicamente “un giorno smetteremo di parlare della teoria della fuga di notizie dal laboratorio e forse ammetteremo anche le sue radici razziste”. Ma ahimè, quel giorno non è ancora arrivato”.

Tuttavia, un ex redattore scientifico del New York Times, Nicholas Wade, ha rimproverato i suoi ex colleghi per aver ignorato le prove evidenti a sostegno della teoria del laboratorio, nonché gli sforzi cinesi per arrestare gli scienziati e distruggere le prove che potrebbero stabilirne l’origine.

Altri esponenti del mondo accademico si sono rapidamente uniti al gruppo per assicurare al pubblico che non esiste alcuna base scientifica per la loro teoria, lasciando solo il razzismo o la politica come motivazione alla base della teoria. All’inizio del 2020, con poche prove a disposizione, due editoriali pubblicati a febbraio su The Lancet e Nature Medicine si sono schierati a favore del negazionismo.

L’editoriale di Lancet affermava: “Ci uniamo per condannare fermamente le teorie cospirative che suggeriscono che il Covid-19 non ha un’origine naturale”.

Dovevamo anche dimenticare i massicci pagamenti del governo cinese alle università americane e le sovvenzioni di alcuni di questi scrittori a interessi cinesi o addirittura al laboratorio specifico di Wuhan.

Nessun riferimento alla teoria del laboratorio doveva essere tollerato. Quando il senatore Tom Cotton (R., Ark.) ha semplicemente accennato a questa possibilità nel 2020, è stato assalito dalla solita folla di media. Il Washington Post lo ha ridicolizzato per aver ripetuto una “teoria del complotto” sul coronavirus “sfatata”.

Nel settembre 2020, il dottor Li-Meng Yan, virologo ed ex borsista post-dottorato presso l’Università di Hong Kong, ha osato ripetere la teoria su Fox News, affermando: “Posso presentare prove scientifiche solide… [che] si tratta di un virus creato dall’uomo in laboratorio”. Il sito di sinistra PolitiFact l’ha criticata e le ha dato un punteggio di “pantaloni in fiamme”.

Il presidente Joe Biden ha accusato Trump di fomentare il razzismo nelle sue critiche al governo cinese per la pandemia e la sua amministrazione avrebbe chiuso l’indagine del Dipartimento di Stato sulle possibili origini di laboratorio del virus.

Quando Biden ha poi rilanciato un’indagine sulle origini, è stato denunciato come “addolcitore del razzismo di Trump“.

Il rifiuto categorico della teoria del laboratorio è solo l’ultima narrazione mediatica che si è dimostrata falsa. Lo scandalo della collusione russa, la “disinformazione russa” di Hunter Biden, la cospirazione del “Photo Op” di Lafayette Park, la controversia su Nick Sandmann, il caso Jussie Smollett, lo scandalo delle frustate ai migranti.

Per quanto riguarda la teoria del laboratorio, media come il Washington Post hanno attaccato senatori come Cruz e Cotton per averla menzionata, salvo poi ammettere che poteva essere legittima.

Tutti quegli esperti e scrittori che sono stati definiti razzisti o sospesi dai social media sono stati semplicemente dimenticati nella copertura mediatica.

Ecco perché si tratta davvero di censura.

I media hanno garantito che non ci fosse un dibattito completo sulle origini del virus e hanno attaccato coloro che hanno avuto la temerarietà di affermare l’ovvio che c’era una base plausibile per sospettare il laboratorio di Wuhan.

Tutto ciò non ha diminuito le richieste di maggiore censura. Anche dopo che Twitter ha ammesso di aver erroneamente bloccato la storia del New York Post prima delle elezioni del 2020, i senatori democratici hanno risposto avvertendo l’azienda di non ridurre la censura e hanno persino chiesto maggiore censura.

Recentemente, i Twitter Files hanno rivelato un ampio sforzo segreto dell’FBI per censurare i cittadini sui social media.

Questo includeva sforzi non rivelati da parte di membri come il rappresentante Adam Schiff (D., Cal.) per far sì che Twitter bandisse un editorialista e prendesse di mira i critici. In un’audizione alla Camera, leader democratici come il deputato Jamie Raskin (D., Md) hanno invocato una maggiore censura e si sono opposti alle indagini sugli sforzi di censura.

Queste stesse figure della politica e dei media stanno passando alla prossima narrazione approvata.

Il Presidente Biden ha già chiesto una maggiore censura e ha accusato Big Tech di “uccidere le persone” se non censura un maggior numero di opinioni considerate “disinformazione COVID”.

È vero il contrario. Sopprimendo i punti di vista scientifici e politici alternativi, al pubblico è stato negato un dibattito completo sull’efficacia della mascherina, sugli effetti collaterali del vaccino, sulle origini del COVID e su altre questioni importanti. Molte di queste domande sono state riconosciute come legittime e degne di essere discusse.

La censura non salva vite, come sostiene il Presidente Biden.

È più probabile che costi vite umane proteggendo i punti di vista approvati dalle contestazioni. Non favorisce la verità così come non favorisce la libertà di parola. Qualunque sia l’origine del COVID-19 in Cina, l’origine del nostro scandalo della censura è più vicina a noi.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments