Il primo ministro francese ha confermato che le regole sulle maschere e i pass per i vaccini saranno eliminati in quasi tutte le sedi a partire dal 14 marzo. Rilancio un articolo apparso su The Local, ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron

 

Il governo aveva precedentemente affermato che metà marzo era una data probabile per l’allentamento delle regole, con il ministro della salute che aggiungeva obiettivi sul numero di casi e pazienti in ospedale.

Ma il primo ministro Jean Castex, parlando allo show all’ora di pranzo del canale televisivo TF1, ha confermato che le regole sarebbero state abolite da lunedì 14 marzo.

Castex ha dichiarato: “Dopo una quinta ondata di Covid su una scala senza precedenti, la situazione sanitaria è migliorata in modo significativo da diverse settimane. In particolare, la pressione sugli ospedali a causa dell’epidemia è diminuita sensibilmente, consentendo la revoca dei protocolli di emergenza e una graduale ripresa degli appuntamenti e degli interventi chirurgici programmati.

“In queste condizioni, e sebbene i modelli scientifici non prevedano alcun cambiamento in questa traiettoria favorevole nelle prossime settimane, possiamo oggi annunciare nuove misure”.

Da lunedì 14 marzo, le mascherine non saranno più obbligatorie in tutti gli spazi interni, ad eccezione dei trasporti pubblici, delle strutture mediche e delle case di cura. Le imprese private potranno ancora rendere l’uso della mascherina una condizione per l’ingresso.

Castex non ha menzionato le scuole, ma il suo ufficio ha poi chiarito che le mascherine non saranno più necessarie in classe.

Il governo raccomanda ancora mascherine per casi positivi e di contatto a rischio, individui sintomatici e operatori sanitari.

Dal 14 marzo sarà sospeso anche il pass per il vaccino, attualmente necessario per accedere a un’ampia gamma di locali tra cui bar, ristoranti, siti turistici e impianti di risalita.

Sarà comunque necessario un pass sanitario – che richiede la prova della vaccinazione o un recente test Covid negativo – per accedere a luoghi con residenti estremamente vulnerabili come ospedali e case di cura.

Il numero di casi di Covid è diminuito di dieci volte da gennaio, quando i casi giornalieri hanno raggiunto il picco di oltre 100.000 al giorno. Sebbene anche il numero dei pazienti negli ospedali sia in calo, il 2 marzo c’erano ancora 2.329 pazienti Covid in terapia intensiva.

Gli obiettivi precedentemente fissati dal ministro della Salute Olivier Véran erano di avere un tasso R inferiore a 1, un tasso di incidenza (casi per 100.000 persone) inferiore a 500 e avere meno di 1.500 pazienti Covid in terapia intensiva.

Il 2 marzo il tasso R era 0,63 e il tasso di incidenza era 584.

Sembra che ci siano più dubbi sul raggiungimento dell’obiettivo ospedaliero: il 2 marzo c’erano 2.329 pazienti in terapia intensiva, questo numero è in costante calo dall’inizio di febbraio e il numero attuale è inferiore del 24% rispetto alla settimana precedente. Tuttavia, gli esperti stimano che l’occupazione sarà ancora di circa 1.700 – al di sopra dell’obiettivo – entro il 14 marzo. 

La Francia ha introdotto per la prima volta il pass sanitario nell’estate 2021 prima di convertirlo in un pass per il vaccino – dove un test Covid negativo non era più accettato – nel gennaio 2022.

A gennaio ha anche aggiunto l’obbligo di farsi un’iniezione di richiamo per mantenere un pass per la salute lavorativa e ha stabilito che questo deve essere somministrato entro quattro mesi dalla seconda dose, cosa che si è rivelata un problema particolare per i turisti provenienti da paesi che non offrono un booster dopo quattro mesi.

Anche l’obbligo per tutti i bambini di età pari o superiore a 12 anni di avere un pass sanitario o un vaccino si è rivelato problematico per i visitatori provenienti da paesi che non hanno programmi di vaccinazione diffusi per i bambini.

In Francia il pass per il vaccino viene accreditato di aver portato all’alto tasso di vaccinazione: oltre il 90% degli adulti è vaccinato in Francia e il 79,3% dell’intera popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino. La vaccinazione è aperta a tutti dai cinque anni in su. 

 

 

Facebook Comments